Scene di intolleranza a Milano

Gli effetti della propaganda russofoba dei media italiani

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Video" su Telegram.

Una mamma russa si è avvicinata a una manifestazione di solidarietà per l’Ucraina col suo bambino ed è stata aggredita verbalmente davanti al Duomo da altre donne che indossavano la bandiera blu e gialla. Un altro episodio di intolleranza che ha come unici colpevoli e responsabili i “professionisti dell’informazione” e la martellante propaganda bellica a suon di russofobia che sta sempre più esacerbando gli animi in tutta Europa. La cancel culture sta affinando sulla Russia le sue lame, e i media dei grandi editori – GEDI, Cairo, Ciaopeople, Rai, Mediaset, Discovery, Sky, sono ormai un apparato di ingegneria sociale, che con la comunicazione ha ben poco a che vedere.

Iscriviti al nostro canale Telegram

MDM 13/04/2022

blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x