REPORT CENSURA CENSURA LEGALE. UN ALTRO COLPO ALLA LIBERA INFORMAZIONE

DI PAOLO BARNARD

Cari amici/amiche, la redazione di Report, con un espediente senza precedenti nei forum, ha censurato nel proprio forum la discussione su Censura Legale facendola sparire dalla prima pagina nonostante fosse la più attiva (http://www.forum.rai.it/index.php?showtopic=193515&f=141).

Essa non solo ospitava le libere opinioni di diversi spettatori della trasmissione, ma era stata letta da quasi 30.000 italiani in un crescendo giornaliero.
Le critiche che si andavano accumulando sull’operato di Milena Gabanelli, in collusione con la RAI nell’opera di Censura Legale (http://www.disinformazione.it/censura_legale.htm), non sono state tollerate dalla redazione, che in questo modo replica la stessa intolleranza al libero dibattito e alla ricerca della verità del Sistema che vorrebbero contrastare.Vi chiedo di agire oggi stesso partecipando alla protesta che si va accendendo sul forum di Report (leggere nel forum: Importante – Ordine di archiviazione delle discussioni e poi scrivere su Importante – Bernardo Iovene on line e/o Gabanelli nel panico mostra chi veramente è).

Ne va ancora una volta del vostro diritto di poter credere che chi vi informa sia realmente ciò che dichiara di essere. Ne va della libera informazione in Italia.

Grazie a tutti. Paolo Barnard

N.B. Non rispondete a me, per cortesia, ma agite se lo riterrete opportuno.

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
dexter
dexter
9 Marzo 2008 14:16

Salve a tutti. Vorrei far sapere a tutti che seguendo le indicazioni di Paolo Barnard qui sopra si finisce inevitabilmente per essere “censurati” come la discussione dal forum di Report. La censusa di cui scrive Barnad è stata attuata modificando l’ordine con cui appaiono le discussioni sulla prima pagina: ora compaiono per “data inizio discussione”, perciò la discussione su Barnard, quella con il maggior numero di risposte, è stata seppellita da tutte le nuove discussioni (anche le più insignificanti) attivate ora dopo ora, e del tutto legittimamente, dagli utenti del forum. Il trucco è che in questo modo, senza cancellare niente, la discussione su Barnard finisce in coda…nessuno che ne conosca già l’esistenza da altre fonti penserà di andarla a cercare in fondo alla lista delle nuove discussioni attivate. Ma non finisce qui…seguendo il consiglio di Barnard ho provato a postare la mia indignazione nella discussione “Bernardo Iovene on-line”: il post è stato eliminato e ricollocato nella discussione origianale su Barnard (cioè in quella finita sepolta nella lista, in pratica invisibile per chi già non la conosca). Ho pensato che la ragione fosse un evidente off-topic, perciò ho creato apposta una nuova discussione sul forum a proposito della modifica truffaldina… Leggi tutto »

dav
dav
10 Marzo 2008 3:30

Da sempre sui forum rai esiste una censura molto attenta, basta ribadire un concetto o insistere su una questione e scatta il ban.
Gli admin dei forum sono i soliti leccaculo attenti alla bisogna del padrone di turno.
La rai di tutto di più.
Ps. sto barnad la censura prima non la vedeva?
Vf

hobie
hobie
10 Marzo 2008 17:09

con riferimento al post di dexter, che ben conferma le analisi di barnard sulla censura dei mainstream: non credo che il comportamento della rai si possa definire “censura soft”. a mio avviso si tratta di un ulteriore passo verso tecniche censorie governative sempre piu’ subdole e raffinate. il piu’ stretto e capillare controllo sulla “liberta’ di espressione” della massa (noi) viene abilmente e sottilmente dissimulato, pur centrando perfettamente l’obbiettivo, ovvero far sparire le voci dissidenti. proprio il fatto che tale censura sia cosi’ viscidamente celata da sembrare casuale o inesistente, mentre invece dietro c’e’ stato qualche servo pagato per pensarla ed implementarla, la rende temibile e molto “hard”. resta il fatto che l’esperimento di dexter e’ importante. dovremmo farlo tutti e con tutti i mainstream: una bella letterina su un tema che ci sta cuore e dove, ovviamente, non la pensiamo assolutamente come la proprieta’ del media a cui ci rivolgiamo e dove parliamo fuori dai denti, senza troppe perifrasi…e vedere poi con quanta naturalezza veniamo, con rare eccezioni, cestinati, tagliati, ritardati, dimenticati e altre scuse del genere. naturalmente, a detta del mainstream in questione, qualunque esso sia, non si trattera’ mai e poi mai di censura, sottolineato a chiare… Leggi tutto »

marzian
marzian
12 Marzo 2008 6:09

Sono Paolo Barnard. Insisto nello scrivervi perché la gravità degli accadimenti è inaudita. Nel dibattito su Censura Legale (censurato, prove alla mano, da tutti i media di sinistra e di centrosinistra italiani, nonostante sia in gioco la libertà d’informazione) sta accadendo una cosa sempre più sconcertante. La redazione di Report e Milana Gabanelli, coinvolti ahimè nella mia denuncia, nonché quella di Anno Zero, hanno agito per censurare qualsiasi critica o dissenso proveniente da alcuni loro spettatori, facendo le seguenti cose in ordine: 1) Le 4 discussioni sul forum di Report che parlavano di Censura Legale e della collusione della Gabanelli-RAI in essa, sono state accorpate in una. Questa è stata artificiosamente fatta sparire dalla prima pagina (e relagata a pag. 14) con un improvviso e inedito cambio di criterio di visualizzazione delle discussioni. La stessa redazione di Report lo ha ammesso con un post vergognoso ( http://www.forum.rai.it/index.php?showtopic=198196&f=141 [www.forum.rai.it]). Ciò, nonostante le oltre 30.000 letture di quelle discussioni da parte di cittadini. 2) Hanno cancellato impietosamente e ripetutamente tanti post di critica e di protesta che venivano inviati dai cittadini alle discussioni su Censura Legale (prima che sparissero). 3) Hanno cancellato persino i post di critica e di protesta indirizzati ai… Leggi tutto »