Home / Attualità / Recessione forzata come strumento di guerra sociale contro il 99%

Recessione forzata come strumento di guerra sociale contro il 99%

DI RAMIN MAZAHERI

TheSaker.is

Se non capite subito questo titolo, non avete afferrato qual è l’obiettivo primario del capitalismo neoliberale degli ultimi 40 anni circa.

Smettetela di dare per scontato che l’1% voglia un’economia di crescita… per favore. Veramente, basta.

L’interesse dell’1% risiede nel sostenere il modello “mi tengo tutto quello che ho”. Accettate questa regola e sarete a metà della strada per l’illuminazione, e vedrete attraverso la menzogna tecnocratica secondo cui “l’economia è troppo difficile da capire”.

Eppure, il fondamento erroneo per il quale l’alta finanza effettivamente voglia un modello di “alta crescita” – solo che non riesca a capire come diavolo fare – è probabilmente destinato a persistere. Ciò è favorito dalla divinizzazione che i media mainstream da lungo tempo operano nei riguardi dei tassi di crescita economica; ma il colpo di scena recente è la loro ritrovata insistenza sul fatto che il tasso di crescita dell’1,7% previsto per l’Eurozona costituisca una svolta, ripresa, storia di successo, bla bla bla.

Parlatene con l’uomo della strada ed egli non saprà cosa sia questa ripresa tanto sbandierata. Che diamine, Cuba fa meglio dell’1,7%, anche con un embargo internazionale!

Questa divinizzazione del tasso di crescita non era mai stata preordinata – altre alternative erano state respinte: il tasso reale di disoccupazione (che include la sottoccupazione), il tasso di povertà, l’indicatore del potere d’acquisto, ecc.

Giochiamo al loro gioco: sicuramente saranno stati capaci di vincere seguendo le regole che hanno fissato?

Ovviamente…no. O come a loro piace dire: “Non ancora.”

Quindi, quando la Francia e l’Eurozona vedranno una vera crescita diffusa? Trattandosi della più grande macro-economia mondiale, la sua stagnazione dopotutto rallenta le economie di tutto il globo (che non fa uso della pianificazione socialista).
In poche parole, posso garantirvi che l’attuale quasi-depressione/recessione dell’Eurozona non rallenterà finché non saranno stati drasticamente ridotti i salari e peggiorate le condizioni dei lavoratori, questa è la capacità collettiva di pretendere una minore ridistribuzione della ricchezza consentita dal capitalismo.

Le mie due garanzie sono, dopotutto, essenzialmente quello che Juncker, Merkel, Schauble, Macron, Draghi, Dijsselbloem (Chi? Esatto.) e altri leader dell’Eurozona hanno ripetutamente ammesso… la gente semplicemente non vuole crederci (o diffonderle). L’economia, voi lo capite, non è costretta da imperativi economici ma da scelte politiche e culturali.

Vorrei tornare a citare l’ex Ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis – ho usato il suo libro del 2016, “I poveri soffrono quanto devono?” come punto di partenza per questa serie di 7 articoli, che si conclude qui. Il primo articolo si è burlato di lui per il fatto che preferisce essere una rock star anziché un vero uomo di sinistra. Il secondo articolo ha sostituito la sua analisi falsamente di sinistra riguardo alla formazione dell’Eurozona con un’analisi che invece di sinistra lo è per davvero. Ma per la maggior parte, il resto degli articoli ha elogiato, rilanciato ed ulteriormente elaborato il suo ammirevole grido d’allarme riguardo alla natura spaventosamente corrotta e pericolosamente precaria dell’Eurozona di oggi.

Varoufakis ha riferito di una discussione avuta con un interlocutore della BCE e del FMI sulla natura economicamente controproducente dell’innalzamento dell’imposta sul valore aggiunto (tassa sulle vendite) in un paese come la Grecia. La metto qui per mostrare che l’introduzione di misure economiche chiaramente controproducenti e inefficaci – le politiche di austerità – è parte del progetto. Ma qual è il progetto?

“’Qualcuno le cui opinioni qui contano vuole dimostrare a Parigi cosa è in serbo per la Francia se si rifiuterà di mettere in atto riforme strutturali.”

Per prendere tempestivamente una citazione dall’essenziale economista moderno Michael Hudson – dal suo nuovo, superbo, completo articolo su The Saker “Socialism, Land and Banking: 2017 compared to 1917[Socialismo, Terra e Sistema Bancario: il 2017 paragonato al 1917 in inglese]:
La parola ‘riforme’ come viene utilizzata dai media neoliberali di oggi significa annullare le riforme dell’Era Progressista, smantellando i regolamenti pubblici e il potere del governo – eccetto che per il controllo della finanza e gli altri interessi coincidenti (grassetto aggiunto).

Lo scopo di questa serie era di chiamare alle armi in Francia, ma la guerra è già finita

Questa serie era stata scritta per la maggior parte alla fine di agosto, quando le notizie si diffondono lentamente.

Ci si aspettava che la Francia sarebbe tornata dalle vacanze estive e avrebbe organizzato manifestazioni infernali contro le “riforme” del codice del lavoro di quell’automa neoliberale di nome Emmanuel Macron. Ma siamo a inizio novembre e la lotta è già finita da tanto tempo. “Per ora, sta vincendo la partita, non ha senso nasconderlo,” ha detto Jean-Luc Mélenchon, il più famoso politico di sinistra della Francia, lo scorso weekend.

Macron ha firmato la conversione del suo decreto sul codice del lavoro in legge a fine settembre. Non solo non era stato approvato dal ramo legislativo, non era stato neanche discusso. Ma alcuni dei media nel governo francese non hanno tenuto a freno del tutto la lingua riguardo alla falsa affermazione che i sindacati e i gruppi di base avrebbero aiutato a scrivere la legge: “… i ‘partner sociali’ hanno avuto appena due ore per leggere la versione finale di 159 pagine dei 36 cambi alla legislazione francese sul lavoro.”

Macron si era mosso molto rapidamente. È stato piuttosto intelligente… ma non intelligente al punto che io già ad agosto non chiedessi a tutti: “Perché i sindacati, i gruppi di sinistra e Mélenchon aspettano fino a fine settembre per programmare le loro proteste? È ovvio che è troppo tardi!”

Quindi, o io sono un genio, o loro sono degli incompetenti, oppure sono collusi, o i francesi hanno deciso di accontentarsi semplicemente di finirla con il regno multi-decennale dei partiti socialista e conservatore, e avevano solo voglia di affidarsi alla clemenza di Macron.

Cattiva idea… nonostante i sondaggi costantemente mostrassero un’opposizione significativamente maggioritaria ai cambiamenti, Macron ci ha riso in faccia e ha firmato la loro conversione in legge ancora prima di quando aveva anticipato, e in diretta TV.

Ma… comunque… torniamo alla settima parte – il vero obiettivo delle “riforme”.

“Le riforme strutturali” di Varoufakis non sono state inventate in Francia, naturalmente. Penso che tutti noi abbiamo un’idea molto precisa riguardo alla natura pro capitalista neoliberale/anti-socialista delle misure che sono state realizzate in tutta l’Eurozona negli ultimi anni nonostante una massiccia opposizione democratica.

Quindi non ha senso spiegarle – dopo sei anni di risultati in Francia abbiamo un insieme di dati abbastanza grande per tratteggiare delle conclusioni solide: queste riforme e misure di austerità sono controproducenti ai fini della creazione della crescita, e perfino la crescita ottenuta in futuro sarà necessariamente limitata: non puoi rendere più facile il licenziamento delle persone e non aspettarti che questo contrasti con i tuoi previsti aumenti occupazionali, no?

Le due condizioni proposte da me per terminare l’austerità – lo sbudellamento di salari/condizioni dei lavoratori e la assicurata impossibilità di rinegoziare – combinati con l’impossibilità di mettere fine democraticamente a queste politiche, rende inevitabile che l’Eurozona presto raggiungerà un “Decennio Perso”. E poi anche un “Ventennio Perso”, proprio come già successo al Giappone.

In entrambe queste importanti regioni economiche, la recessione è stata fabbricata al fine di muovere una guerra sociale contro il 99%. Torneremo alla citazione del Dott. Hudson di sopra per una spiegazione più approfondita.

Perché l’Occidente crede che il Giappone sia su un altro pianeta?

Un altro economista moderno tra i pochissimi veramente indispensabili è Richard Werner [in inglese].  Lui è noto per aver inventato il termine Quantitative Easing, ma il suo più grande contributo è aver stabilito il collegamento tra Europa e Giappone, due giganti economici. Il suo libro “Princes of the Yen” è un resoconto di prima mano dell’improvviso cambiamento subito dal Giappone, che in economia è passato dal ruolo di generatore di energia economica energetica a quello di malato – i giapponesi da che erano destinati a comprarsi tutto il mondo, si sono ritrovati in stagnazione perpetua. Il libro di Werner del 2001 è così interessante da aver ottenuto un risultato impossibile: è stato un libro di economia arrivato al numero uno nelle classifiche di vendita (in Giappone).

Sarà forse perché sono iraniano e sono abituato a sentir parlare delle glorie del 500 A.C., ma sento che perfino un’era di 16 anni fa possa avere ancora qualcosa da insegnarci oggi….

Ma Varoufakis non menziona Werner, non sembra avere una visione internazionale del capitalismo, del socialismo o dell’economia: si evince anche un pregiudizio eurocentrico. Nel suo libro menziona la Banca del Giappone solo due volte:

“Dalla fine degli anni ’90 in poi, le banche in Europa hanno copiato le pratiche del settore finanziario dell’anglo-sfera tutto balli e canti senza che avessero la rete di sicurezza di una Federal Reserve, di una Banca di Inghilterra o anche solo di una Banca del Giappone che li afferrasse quando avrebbe avuto luogo l’inevitabile caduta dalla grazia.”

Questa è una bella citazione, ma come si fa a dire “anche solo una Banca del Giappone “? Da quando, quella che per lungo tempo è stata la seconda economia più grande del mondo, vale quanto le patatine? Non c’è vergogna a essere sorpassati dalla Cina, e la Banca del Giappone è di gran lunga più potente della Banca di Inghilterra. L’unica ragione per questo atteggiamento di sufficienza a cui riesco a pensare è l’eurocentrismo. E questa sufficienza arriva da un ipotetico marxista… ed economista!

Ma se tutti noi studiassimo le scelte economiche degli ultimi anni in Giappone, non avremmo dubbi riguardo a due questioni chiave: l’Eurozona sta stupidamente seguendo le orme del Giappone, e i banchieri sono gli stessi ovunque. Sì, quelle caricature del 1917 sono ancora corrette….

L’ascesa, sostituzione & declino del modello giapponese

Devo ripetere che queste “riforme” non erano state inventate in Europa. Piuttosto, l’Europa sta mettendo in atto/ha già messo in atto le stesse riforme con la stessa ideologia, obiettivi e strumenti del “Ventennio Perso” giapponese – le uniche differenze sono colore della pelle, forma degli occhi e consumo di riso pro capite.

In modo molto simile alla Germania del dopoguerra, il Giappone era stato scelto dagli Stati Uniti per essere una centrale produttiva… nonostante entrambe le nazioni con il loro imperialismo immorale avessero provocato sconvolgimenti e decenni di sofferenza e repressione. Ma erano state entrambe sconfitte e pertanto facili da manipolare; entrambi i paesi tutt’ora ospitano il maggior numero di forze americane nel mondo, ancor più che una nazione “occupata” come l’Afghanistan.

Fino al 1985 il sistema industriale/bancario giapponese funzionava in modo superbo, con risultati ben noti. Era una versione più forte dell’”economia mista” della Francia, con una direzione governativa ancora più rigida riguardo a dove, a chi e quanto denaro prestare al fine di creare crescita diffusa.

Ciò che cambiò fu il declino della dominazione del dollaro, la fine di Bretton Woods e la creazione statunitense dell’economia neoliberale al fine di mantenere il dominio americano.

Con gli Accordi del Plaza del 1985, il Giappone adottò i cambiamenti neoliberali orchestrati dagli Stati Uniti, che erano stati progettati allo scopo di risucchiare i surplus del Giappone nuovamente verso gli Stati Uniti. (Anche la Germania (Ovest), la Francia, gli Stati Uniti & il Regno Unito aderirono, ma il Giappone era quello che aveva di più da perdere.) Dal punto di vista di un capitalista dell’1% aveva perfettamente senso e funzionava ottimamente, per questo l’1% del Giappone vi aderì. Ma da un punto di vista nazionalista o del 99% fu un suicidio economico.

Come riferì Michael Hudson nel 2008, il Giappone “agiva come il Tredicesimo Distretto della Federal Reserve e il Comitato per la Rielezione Repubblicano” attenendosi ad un piano che era chiaramente contro i propri interessi nazionali e la propria sovranità. Una tale affermazione dovrebbe fare infiammare i nostri lettori giapponesi, come anche le vittime dell’imperialismo americano in tutto il mondo. Ma è comunismo da manuale che l’1% si preoccupa più dei propri soldi che dei loro vicini e concittadini, che sia in Giappone o altrove.

Quale fu il più grosso cambiamento (e sbaglio) specifico che fece il Giappone? Rendere la Banca del Giappone “indipendente” dal Ministero delle Finanze, cioè dal governo… cioè da responsabilità, supervisione, dal popolo, dalla legge, dalla giustizia, dalla moralità, dall’influenza dei voti democratici, ecc.

Deridete il comunismo come ‘dominazione governativa’, ma esaminate il suo opposto

Il fondamento a cuore del capitalismo neoliberale significa una cosa su cui tutti noi saremo d’accordo: il governo si oppone al denaro (alla sua forza, e alla capacità degli individui di guadagnarne).

Pertanto, il sistema più sicuro di aiutare il grande capitale è di avere un governo fatto da politici e non da burocrati/servitori dello Stato.

Potrete aver sentito molte cose brutte riguardo agli impiegati pubblici, ma essi spesso conoscono il loro territorio limitato meglio dei tecnocrati nelle loro torri d’avorio o dei lobbisti/ricercatori al soldo di specifici interessi. E – fatto cruciale – per lo meno loro non stanno lì solo per i soldi. Qualcuno può dire lo stesso riguardo alle porte girevoli tra “politici/lobby/affari” occidentali?

Nessuno potrà affermare onestamente e giustificatamente che TUTTI i servitori dello Stato sono “corrotti”, naturalmente. La narrazione del mainstream è che il socialismo produce corruzione endemica, ma in special modo ai livelli più alti.

Ma (e io presumo che tutti noi questo lo sappiamo ma semplicemente non ne discuteremo) nel capitalismo occidentale non solo non è chiamata “corruzione” perché i vizi del capitalismo – unilateralismo (iniziativa personale), avidità, distruzione “creativa”, una rivalità di ispirazione mafiosa “famiglia contro società” che è l’eccezione più piccola all’individualismo sfrenato, che ignora i deboli e i vecchi, e troppi altri peccati da nominare – sono lodati come virtù. Tutto quello che dobbiamo fare è scatenare quelle “energie animali” dell’economia, giusto…?

Il fondamento centrale del capitalismo finanziario che non può essere negato è: gli azionisti e i banchieri regnano (anche i banchieri centrali).

È per questo che disfarsi dei ministri delle finanze indipendenti è un obiettivo reale – quelli buoni non lavorano per il profitto ma per il popolo. I banchieri possono essere certi di quello che motiva altri banchieri: non sono sicuri da dove arrivino persone come Varoufakis (a suo grande credito).

Quindi sappiamo tutti che il disaccoppiamento di finanza/banche commerciali negli Stati Uniti ha compiuto un grande passo avanti con l’abolizione del Glass-Steagal Act, e che la riduzione della supervisione governativa ha causato la crisi dei mutui subprime negli USA.

Ma quanti si ricordano questa “storia antica” di pochi anni addietro dall’altra parte del Pacifico? Cosa è successo quando il Giappone nel giro di una notte ha eliminato la supervisione governativa sulle banche seguendo gli accordi del Plaza? I banchieri giapponesi crearono il boom e il fallimento delle Tigri Asiatiche.

Come? Inondarono l’area di crediti facili, e dopo li revocarono. Non essere in grado di pagare i tuoi conti in effetti è una crisi….

E chi ha organizzato la Crisi del Debito Sovrano Europeo nei PIIGS? I banchieri nordeuropei: inondando l’area di crediti e poi revocandoli.

Molti dicono che la Crisi del Debito Sovrano dell’Eurozona sia finita, a dispetto di tutte le evidenze contrarie. (Le precedenti sei parti di questa serie hanno tentato di portare più prove possibili per questa tesi.)

Dunque i paralleli multinazionali, regionali tra il sudest asiatico e la crisi europea sono del tutto corretti.

Ma adesso dobbiamo aggiungerci gli USA: anche qui hanno inondato il proprio mercato con prestiti immobiliari, poi di finanziamenti per automobili e di crediti per elettrodomestici, e infine di carte di credito al fine di cannibalizzare il proprio ricco mercato interno.

Quindi si dovrebbe pensare che la lezione da adesso dovrebbe essere chiara, perché vediamo chiaramente gli stessi risultati in tutte e tre le regioni che sono i frutti delle stesse motivazioni – capitalismo neoliberale.

In tutte e tre il governo avrebbe potuto utilizzare i propri poteri per mettere fine alla crisi, ma non lo ha fatto/non lo fa. Il motivo si ritrova nel mio titolo: recessione forzata come strumento di guerra sociale contro il 99%, o, attuare “le riforme”.

Chiamate l’obiettivo finale come preferite – peonaggio da debito moderno, nuova servitù della gleba, Il Sistema del Latifondo Moderno – è innegabile che gli Occidentali vivono (soffrono) all’apice della dominazione globale del capitalismo.

Ma l’Eurozona è messa molto, molto peggio del Giappone, e continua a peggiorare

Questo perché la Banca Centrale Europea, creata nel bel mezzo del periodo d’oro del neoliberalismo americano e la morte dell’URSS, purtroppo custodisce l’indipendenza nel proprio statuto. Visto quanto vi ho riferito, questa cosa fa ridere – dovete ridere per non piangere!

La BCE non può essere limitata da nessun Parlamento nazionale, né i suoi uffici possono essere sottoposti a perquisizioni – è totalmente al di sopra della legge… proprio come l’ONU, al netto della solidarietà internazionalista. Il futuro dell’Eurozona è quindi senza speranza perché la BCE è esclusivamente controllata dai banchieri – e da banchieri esteri – più di quanto il Giappone o gli Stati Uniti siano mai stati.

Grazie all’allarme lanciato da Varoufakis, che abbiamo lodato nel terzo articolo di questa serie, è stata esposta alla luce quella cricca orribilmente antidemocratica di banchieri chiamata l’Eurogruppo.

Dunque adesso dovremmo capire che quelli al timone a Bruxelles/Eurogruppo hanno sempre avuto le risorse, il potenziale e la volontà di essere ancora più intenzionalmente distruttivi in modo capitalista che i loro colleghi di New York e Tokyo.

E questo è quanto hanno fatto con questo potere.

(Come verrà ulteriormente illustrato nella prossima sezione) Esattamente come il Giappone, il fallimento quasi decennale delle politiche di austerità dell’Eurozona sta producendo abbastanza apatia, paura, disperazione, e acquiescenza da riuscire a forzare importanti “riforme” alla rete di sicurezza e sociale e alla struttura sociale/lavorativa guadagnate a caro prezzo nell’Europa del dopoguerra:

I diritti dei lavoratori e dei sindacati non miglioreranno in un momento in cui i licenziamenti di massa vengono resi più facili; i lavoratori non avranno la forza per pretendere la loro quota di profitti se non riescono ad ottenere neanche una settimana lavorativa intera; quando la “disoccupazione piena” (i media mainstream non fanno mai menzione della “sottoccupazione”) fa ritorno, ciò avviene senza la stabilità dei contratti a tempo indeterminato, la norma in posti come la Francia; la consapevolezza che i rifugiati saranno felici di abbandonare le loro tende e prendere il vostro lavoro – combinata con il razzismo anti-sociale – sarà un’altra carta divisiva che i caporioni si giocheranno; e come possono “cadere” gli standard di vita quando quelli del 99% cadono tutti assieme? Questa sarà la nuova “normalità” e, naturalmente, un successo per l’1%.

Ma va ancora peggio: un’altra crisi è in arrivo per l’Europa – una crisi politica. In un grosso tradimento delle promesse dell’era del 1991, un’Europa a molte velocità è già stata annunciata dalle quatto maggiori economie. I paesi leader semplicemente si prenderanno i loro soldi, se ne torneranno a casa, e inizieranno a mandare le loro fatture mensili, e vi ho riferito di questa indiscutibile traiettoria nel quinto articolo di questa serie, “L’Eurozona è probabilmente entrata nel suo anno finale, contrazione in arrivo”.

A un certo punto l’Asia si disaccoppierà dall’Occidente

Ma non subito. Forse perché la Cina socialista non è abbastanza forte da costituire un partner migliore? Il Giappone dovrebbe rendersi conto che, con amici come questi, che bisogno ha di nemici?

Il giapponese Shinzo Abe può essere visto come un chiaro precursore di Macron: dopo 15 anni di quasi-recessione, una popolazione percossa, disperata e male indirizzata ha votato la Abenomics, che è basata sull’alleggerimento quantitativo e sullo stesso tipo di “riforme” strutturali contro cui i Francesi hanno resistito tanto a lungo.

Abe è stato appena rieletto Primo Ministro questa settimana. Il QE, proprio come in Europa oggi, è stato celebrato come un campione semplicemente per avere raggiunto il patetico obiettivo di “aver evitato la recessione”.  Ha anche tratto beneficio dalla crisi appena fabbricata con la Corea del Nord che gli ha dato la tipica spinta elettorale di un paese fortemente nazionalista come il Giappone. Abe è arrivato al potere solo nel 2012 quando il partito “di finta sinistra” da lungo tempo al potere,  è stato finalmente punito per aver continuato con le scelte economiche conservatrici, regressive e disprezzate successive all’Accordo del Plaza.

I risultati dell’Abenomics sono chiari: tristi per gli standard capitalisti, criminali per quelli socialisti.

Il QE di Abe – a parte i cambiamenti sociali alla struttura del lavoro che lo accompagnano – è astronomico se confrontato con quello della BCE e quello della FED: in percentuale al PIL del paese è tre volte più grande di quello delle sue controparti occidentali, approssimandosi al 100%.

Ma se pensate che il Giappone sia peggio dell’Europa, state sbagliando – la ragione è il nazionalismo economico, forse l’unica difesa rimasta contro la globalizzazione (assumendo che voi stupidamente respingiate il socialismo, la soluzione):

Il fatto è che il popolo giapponese possiede il debito giapponese. Il 95% del debito pubblico è detenuto da cittadini giapponesi; non si rischia quindi la fuga dei capitali; i cittadini non faranno crollare i propri Buoni del Tesoro; non puoi ipotecarti entrambi i nonni perché non avresti dove passare le vacanze; il governo del Giappone pertanto ha una flessibilità enorme nel tirarsi fuori dai problemi con la stampa di denaro (il problema è che loro non stampano per fare investimenti produttivi); la Germania, gli Stati Uniti  o la Cina non possono imporre i propri voleri su Tokyo come hanno fatto con Atene.

Pertanto, il problema del Giappone non sono i capitalisti internazionali, ma i capitalisti nazionali; se riuscissero a sottomettere il loro 1%, il mondo seguirebbe il loro esempio come in tanti stanno seguendo quello di Pechino.

Il Giappone, è stato scritto tante volte da quando è stato ”aperto” all’Occidente alla fine del XIX secolo, apparentemente ha ancora una specie di complesso di inferiorità riguardo ad esso: hanno scelto di scimmiottarlo pateticamente a esclusivo beneficio del loro 1%. Dovrebbero leggere Franz Fanon per capire la psicologia dei colonizzati, che è ciò che sono culturalmente, anche se non economicamente.

Per tornare all’argomento di questa serie – le previsioni per il prossimo futuro dell’Eurozona: il Giappone ne è un chiaro modello anticipatore:

Il tasso di crescita del Giappone dal 1990 è circa uguale a quello della Francia dal 2010 – sempre attorno all’1%. Questo è sufficiente ad evitare che sui giornali titolino “recessione” che fa cattiva stampa, ma non è sufficiente a produrre una vera crescita. È abbastanza perché politici senza idee possano dire che i tempi buoni siano “proprio dietro l’angolo”, e abbastanza perché cittadini “ che sempre di più devono sforzarsi per mettere il cibo sulla tavola” preghino che finalmente i politici abbiano ragione.

Che siano in giapponese o in francese, i media capitalisti e le risposte ufficiali dei governi sono le stesse. Il filo conduttore comune è che hanno abbracciato il capitalismo neoliberale di stile anni ’80, la peggior forma di capitalismo realizzato nell’era post-industriale. Questo è anche noto come “la American Way,” o globalizzazione.

Dunque la crisi del debito sovrano europea è stata risolta o posticipata da Draghi?

Questa intera serie si basa sull’idea che Draghi dovrà mettere fine al QE prima o poi, e che quando lo farà, i mercati obbligazionari torneranno alla crisi del 2012 perché niente è migliorato fondamentalmente da allora.

Il 25 ottobre, il presidente della BCE Mario Draghi ha tenuto il suo tanto atteso discorso. Così, si è trattato di più “soldi gratis” all’1%, o inizieranno a cercare altri investimenti spietati, capitalisti, speculativi?

Quindi…. Prego, rullo di tamburi…

Posticipata [in inglese]!

Draghi si è rifiutato di usare la spaventosa parola “tapering” [assottigliamento, attenuazione] ma la BCE sta facendo proprio questo passando da 60 miliardi di euro a 30 miliardi di euro in acquisti di obbligazioni ogni mese, per nove mesi. Questo porterà l’intero ammontare dalla BCE a circa 2.600 miliardi di €. Draghi proprio non aveva scelta riguardo alla durata di nove mesi – il QE deve terminare perché non ci sono quasi più Titoli di Stato da acquistare secondo le regole attuali.

Dunque è stato semplicemente un posticipo, e un’ammissione che l’economia dell’Eurozona non è ancora preparata a reggersi in piedi senza quotidiani salvataggi governativi dei banchieri. Ma, state attenti a non ingannarvi – niente è stato dato al 99%.

Quando avranno esaurito i Titoli di Stato, magari cambieranno le regole per comprarne di più…? Difficile, perché la Germania (Ovest) capitalista dura e pura è stanca di rimandare l’ovvio – e oh-tanto-conveniente sbudellamento condotto dalla Troika nei confronti di molto più che la sola Grecia.

Oppure, la BCE potrà fare la mossa di comprare obbligazioni societarie? Forse questo terrà buoni temporaneamente gli speculatori, ma non cambierà il fatto che i mercati obbligazionari nazionali – totalmente disaccoppiati tra loro, nonostante convivano in un progetto multinazionale – torneranno a dove si trovavano nel 2012 il prossimo settembre. I governi avranno ancora necessità di vendere obbligazioni…

Quindi la dichiarazione di Draghi non ha scosso i mercati obbligazionari perché lo status quo non è stato cambiato – il barattolo è stato nuovamente scalciato per strada.

Ma niente cambia il fatto cruciale che cinque anni di QE sono andati verso l’1%, i mercati azionari e attività come gli immobili, i gioielli e le opere d’arte, anziché in investimenti produttivi congegnati per produrre lavoro, crescita e prosperità per il 99%… o qualunque altra cosa avrebbe migliorato l’”economia reale” e pertanto ridotto le possibilità di un’altra crisi.

Voilà…. Questa è la situazione in cui si trova l’Eurozona oggi – l’anello più grosso dell’economia globale, e anche il più debole.

Grazie per leggere questa serie, e posticipiamo il nostro appuntamento.

Vediamoci il prossimo settembre, Mario! Potreste sperare in un miracolo, ma non crescerà una coscienza all’alta finanza per quella data. Comprate Bitcoin, finché sono ancora a 4 cifre!

Spiacente di aggiungere qui che io non ho neanche parlato delle tre regioni occidentali, gli Stati Uniti, l’Eurozona e il Giappone, che non hanno un piano realizzabile per vendere tutto questo massiccio debito del QE al settore privato. Inonderanno il mercato nello stesso momento, quando non potrà esserci sufficiente domanda, e pertanto avranno reali difficoltà ad eliminare questi debiti dai loro registri. Qualcuno dovrà subire dei tagli – sotto il capitalismo tocca sempre al popolo. Ma… siccome il popolo ha già salvato le banche, i tagli li subiranno i salari e la stabilità.

Quindi da dove arriva questo “scarico del taglio del QE”? Ditemelo voi…

Gli errori pianificati non sono ‘errori’ – per questo è necessario il governo economico socialista

Alla fine, non c’è via d’uscita: la spesa pubblica è il solo modo. Dopotutto, riscuoteremo sempre le tasse.

Ma c’è la spesa pubblica nei paesi capitalisti (dove i banchieri decidono dove vanno i soldi – nelle loro tasche), e c’è la spesa pubblica nei paesi socialisti (dove burocrati eletti/nominati/licenziabili/imprigionabili decidono dove vanno i soldi): decidete voi qual è meglio.

Sia Werner che Hudson (con la sua essenziale critica moderna del settore FAI (Finanziario Assicurativo Immobiliare) che sta dissanguando l’Occidente con l’usura come aveva già fatto nel 500AC, nel 500 AD, nel 1500AD e in tutti gli anni in mezzo) non accusano l’alleggerimento quantitativo di per sé – denunciano il fatto che venga utilizzato a beneficio dell’1%. Questa è economia elementare e semplice storia economica….

Riguardo alla storia politica e al progetto pan-europeo: è conoscenza comune che i padri fondatori dell’Europa speravano che l’unione monetaria avrebbe condotto all’unione politica, al fine di sostenere la suddetta unione monetaria. È anche chiaro che speravano che una crisi economica avrebbe causato degli sforzi verso un’unione politica più stretta.

Ma questo non è un piano democratico, neanche per idea! Questo è un ricatto nei confronti del Popolo Europeo!

Questo è il mai discusso antidemocratico segreto a fondamento del progetto pan-europeo, simile alla schiavitù negli Stati Uniti, all’imperialismo nella Repubblica Francese, e forse alla fasciatura dei piedi nella moderna Cina Imperiale. Solo una di queste regioni ha messo in atto una rivoluzione popolare moderna per rigettare questo sistema empio….

E voi lo potrete chiamare prendere ostaggi, opportunismo, e pura e semplice crudeltà sadica, perché l’élite capitalista dell’Europa sapeva che quando sarebbe inevitabilmente arrivata la prossima crisi finanziaria nel capitalismo, in tutto il mondo sarebbe stata prodotta una grande sofferenza a causa di una mal congegnata unione monetaria.

Forse l’unico punto di questa serie è provare che niente è cambiato nell’Eurozona dal 2012, e che la Spagna e l’Italia sono ancora sulla soglia di un salvataggio punitivo ad opera della Troika. Proprio come le Tigri Asiatiche e la Grecia sono state buttate fuori – il pedaggio richiesto da banchieri/Troika è terribile, così terribile che le “riforme” vengono accettate in posti come la Francia in un appello per la carità preventiva.

Il che è il motivo per cui c’è una resistenza: la Brexit è stata seguita dalla Catalogna, che è stata seguita dalla Catalogna, che sarà seguita dalla partenza dell’Europa Centrale quando arriverà l’”Europa a velocità multiple”, che sarà seguita da qualche altra –exit finché esisterà questo atroce status quo in Europa.

Il comunismo è, dopotutto un intero sistema culturale e non solo un punto di vista economico. Perché lo scopo attuale di questo particolare progetto pan-europeo è così spietatamente capitalista eppure è stato così tanto assorbito senza neanche pensarci, che ci vorranno molti anni di rieducazione per imparare cosa sia la vera, armonica solidarietà pan-europea.

La giuria è pronta per quale verrà prima: solidarietà o rottura.

Conclusione: o aspiri all’1% imperialista oppure osi il sogno socialista

Ho recentemente intervistato un gestore di un importante fondo di investimenti, per il mio lavoro con Press TV. Dopo la nostra intervista i 15 minuti, me ne sono andato pensando che non ero d’accordo con niente di ciò che quell’investitore finanziario aveva detto – il che non è sorprendente data la mia adesione al comunismo. Dopo abbiamo chiacchierato mentre lui fumava, e ha sciorinato vari cliché e stereotipi per spiegare l’economia di ogni regione globale. Dovevamo filmare il suo ufficio per ottenere altre immagini per il nostro servizio e, poiché probabilmente aveva visto che stavo leggendo la sua rivista di investimenti per passare il tempo, stampò un articolo di 10 pagine che aveva scritto da poco tempo. Sono andato all’ultima pagina per leggere le sue conclusioni, ed eccovi la sua terzultima frase:

“Quando si considera il livello delle valutazioni del mercato azionario, scopriamo che si può individuare il momento per installare stabilmente le riforme fiscali che – finalmente mettere in atto il sistema americano.”

E questo tizio è un francese…. Non penso che “il sistema americano” fosse quello che voleva de Gaulle, o ciò per cui i francesi hanno combattuto contro i tedeschi e, cosa ancora più importante, è quello che vuole il popolo francese? Quest’ultimo argomento, dovuto ai dettami della sovranità nazionale, potrebbe essere più importante del punto chiave che il modello americano non funziona neanche per la persona media.

Penso che la frase finale dell’investitore finanziario riveli la ovvia collusione in atto tra l’alta finanza e le banche centrali:

“Sembra necessario che ci sia una maggiore chiarezza sulle politiche monetarie delle due banche centrali (US Fed & BCE) non solo nelle direzione verso cui conducono, ma sulle tempistiche e l’ampiezza di questo percorso.”

Siate pur sicuri che nessuno nella comunità di investitori, banchieri, o banchieri centrali leggerà questa serie di articoli.

Anche se solo ne sentissero l’odore, la scarterebbero immediatamente, poiché produrrebbe una dolorosa e immediata dissonanza cognitiva tra le loro false assunzioni e le loro egoistiche conclusioni.

Perché essi non riescono a tollerare idee differenti, vivono in una piccola bolla isolata, e non vogliono che niente li tocchi fisicamente o addirittura intellettualmente. Sembra che sperino di fare tanti soldi velocemente, al fine di sfuggire alla routine quotidiana, alle masse sudate, all’idea che tutto il lavoro sia uguale.

Terminerò questa serie di 7 articoli con una citazione da Varoufakis perché, a dispetto della mia esperienza-sul terreno da giornalista di inchieste quotidiane (in cui l’estensione e I’urgenza conferiscono reale virtù), le persone preferiranno ascoltare le sue parole (falsamente di sinistra) piuttosto che le mie.

“Credere che il problema dell’Europa sia il debito. Non il progetto architetturale dell’Eurozona. Non le sue regole inapplicabili. Ma il debito. Il debito non è mai stato il problema dell’Europa. Ma era un sintomo di un’orribile ingegneria istituzionale.”

La tragedia dell’austerità europea che vi ho riferito e che sto vivendo è che assicura che chi è indebitato non sarà mai in grado di ripagare: la Grecia non pagherà mai quello che deve – se ci credete, è la prova che siete stati ingannati dai media.

È stato detto loro “no salvataggi, e no bancarotte” … questo potrà finire solo con una rivoluzione o una sospensione della condanna a morte da parte dei loro padroni monetari. Il Terzo Mondo sa che il governatore non chiama mai in tempo….

L’imperialismo europeo si è rivolto al proprio interno. Questa lezione deve essere imparata. Il popolo deve pretendere nuove regole. Queste regole non possono essere capitaliste. Il socialismo resta la nostra unica opzione.

***********************************

Questo è l’articolo finale di una serie di 7 articoli sull’Eurozona attuale che combinerà alcune delle idee di Varoufakis con i miei 8 anni di esperienza fatta occupandomi direttamente della crisi da Parigi.

Eccovi la lista degli articoli che verranno pubblicati, spero che li troverete utili nella vostra lotta da sinistra!

Recensione del libro di Varoufakis: economista rock star, ma finto politico di sinistra

Perché no il Petroeuro? O la tensione storica della Francia per un’Eurozona anti-austerità

La struttura irrimediabilmente corrotta dell’Eurozona

L’Eurozona: ancora e come sempre pronta al crollo

L’Eurozona è probabilmente nel suo anno finale, contrazione in arrivo

La paura del mondo anglofono di chiamare ‘comunismo’ il comunismo

Recessione forzata come strumento di guerra sociale contro il 99%

Ramin Mazaheri è il capo corrispondente a Parigi di Press TV e ha vissuto in Francia dal 2009. Ha fatto il cronista per vari quotidiani negli Stati Uniti ed ha svolto la sua attività in Iran, Cuba, Egitto, Tunisia, Corea del Sud e in altri paesi. I suoi lavori sono stati pubblicati in svariati giornali, riviste e siti web, oltre che alla radio e in televisione.

*****

Articolo di Ramin Mazaheri pubblicato il 02/11/2017 su TheSaker.is

Traduzione in italiano a cura di Mario B. per Sakeritalia.it

6.01.2018

[Le note in questo formato sono del traduttore]

Pubblicato da Davide

  • Ronte

    Il capitalismo non ha più nulla da dire, può solo sparare cacca qua e là.
    Le politiche con le quali si è espresso in qualunque stato del mondo sono strafallite, dalle posizioni di destra, di centro e di centrosinistra(?)…Perciò vedete un pò voi…

    • Tizio.8020

      MI sa che ti sfugge la visione d’insieme!
      Dal punto di vista “nostro”, di cittadini che ne subiscono le conseguenze, “il Capitalismo ha fallito”.
      Dal punto di vista del famoso 1% , che ne decide le politiche, “il Capitalismo ha vinto”.
      Non pensare che sia stato creato per migliorare le condizioni di vita dei popoli.
      Se fosse così, allora avrebbe fallito.
      In realtà quello che chiamiamo “Capitalismo” (e che non lo è) è stato creato per accentrare tutte le risorse e le ricchezze nelle mani dell’Elite.
      E ci è riuscito perfettamente.
      E ci hanno talmente rincitrulliti da non renderci conto che fanno cose assurde…
      Quando mai per salvare una o più banche, il cui potenziale fallimento costerebbe “X”; gli si inietta una quantità di denaro pubblico pari a “3X” ?
      In un mondo ideale, le si lascia fallire!
      E che si fottano i miliardari che rischiano di perdere tutto.
      Invece la BCE e la FED hanno aumentato il debito pubblico di USA ed Europa per cercare di salvare le banche “troppo grandi per fallire”.
      Così facendo, hanno semplicemente trasferito il debito di quelle banche sulle nostre spalle.
      E la cosa incredibile è che nessuno li ha rincorsi con forche e bastoni cercando di linciarli!!

      • Denisio

        Pensare che basterebbe annullare o azzerare l’utilizzo della moneta imposta dagli impostori con un bel rituale di tipo pagano bruciando tutta la carta straccia nelle varie piazze per poi redistribuire a tutti una somma iniziale di nuovo corso e sopratutto dichiarando l’euro, il dollaro fuori corso. Di colpo, una semplice azione toglierebbe agli oligarchi, feccia dell’umanità l’immenso potere che hanno grazie al denaro. Ma la gente è così stupida da essere attaccata come una scimietta ai “propri” risparmi e al proprio stile di vite da schiavo….

  • Tonguessy

    Dio, non ce la faccio a leggermi tutto questo articolo per quanto interessante. Esiste una differenza tra un articolo di giornale ed un trattato spalmato su diversi tomi.

    • RenatoT

      Idem 🙁 fa piacere sapere che non sono il solo a pensarla cosí.. anzi

    • Ydobon

      Analfabetismo funzionale….

  • silvia

    Articolo scritto malissimo.

  • vocenellanotte

    Questo è il 7° lungo articolo. L’autore è alquanto difficile da leggere (anche in inglese). Credo peraltro lo faccia apposta. Indubbiamente la traduzione ne risente.
    Voglio solo dire che l’autore spaccia il socialismo che è insito nella tradizione islamica, per una conquista di civiltà dell’Iran. La qual cosa non è vera. Tant’è che le politiche dell’attuale presidente iraniano Rouhani sono proprio iperliberiste (peraltro a favore delle classi dominanti), contro le riforme populiste di Ahmadinedjad. Da qui le proteste che si cerca di strumentalizzare per il regime change.

    • DesEsseintes

      Sono d’accordo.

  • cristina

    era sufficiente esercitare il diritto di cittadinanza ma la vecchia Europa dormiente c’aveva da fare…ora invece è in preda ad un lungo e interminabile delirio isterico xenofobo che la porterà alla disgregazione definitiva.

    • MarioG

      Eh sì, è proprio “l’isteria xenofoba” che ci porterà alla disgregazione, chiaro come il sole, come la febbre che uccide il malato di peste.
      Acuta!