Reazioni febbrili per quasi tutti i carabinieri sottoposti al vaccino

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Gela. La reazione era prevedibile e non deve preoccupare ma di certo gli effetti del vaccino Astrazeneca hanno provocato non pochi disagi al reparto territoriale dei carabinieri. Il 90 per cento dei militari che ieri si sono sottoposti al vaccino, sia all’ospedale Vittorio Emanuele che a Caltanissetta, sono vittime di reazioni post vaccinazione e non sono tornati al lavoro. Parliamo di almeno una quarantina di unità, costretti a rimanere a casa perché alle prese con febbre, dolori ossei, tosse ed altri sintomi di spossatezza.

Nulla di preoccupante secondo i medici ma anzi la conferma che il vaccino ha fatto effetto poiché l’organismo sta sviluppando difese immunitarie contro il virus. Reazioni simili sono state riscontrate in diverse parti d’ Italia per cui non ci sarebbe da allarmarsi.

Questi sintomi durano solitamente un giorno o due. Il problema riguarda la riduzione di forze dell’ordine in queste ore nel controllo del territorio. Anche in commissariato di segnalano altri casi di dolori muscolari, sintomi influenzali e stanchezza dopo il vaccino Astrazeneca, la cui somministrazione è iniziata da pochi giorni.

Fonte articolo: https://www.quotidianodigela.it/reazioni-febbrili-per-quasi-tutti-i-carabinieri-sottoposti-al-vaccino/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix