Problemi persistenti per ragazzi colpiti da Miocardite post vaccino Covid-19: studio

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

La rivista scientifica The Journal of Pediatrics è una rivista internazionale sottoposta a revisione paritaria che fa avanzare la ricerca pediatrica e funge da guida pratica per i pediatri che gestiscono la salute e diagnosticano e curano i disturbi nei neonati, bambini e adolescenti. La rivista pubblica lavori originali basati su standard di eccellenza e revisione di esperti.

Un nuovo studio del 25 marzo intitolato “Persistent Cardiac MRI Findings in a Cohort of Adolescents with post COVID-19 mRNA vaccine myopericarditis” (Risultati persistenti della RM cardiaca in una coorte di adolescenti con miopericardite da vaccino mRNA COVID-19), mostra i pericoli di eventi cardiaci quali la miocardite a sviluppo tardivo, in particolare nella fascia di età degli adolescenti.

***

La miopericardite è emersa come un importante evento avverso a seguito della vaccinazione contro l’mRNA COVID-19, in particolare negli adolescenti [1]. I pazienti presentano in genere dolore toracico e un elevato livello di troponina sierica nei giorni successivi al vaccino mRNA COVID-19. Di solito sono emodinamicamente stabili e i sintomi e i biomarcatori cardiaci si normalizzano entro pochi giorni [2]. Gli studi di risonanza magnetica cardiaca, se eseguiti precocemente, spesso dimostrano anomalie come edema e aumento tardivo del gadolinio (LGE), soddisfacendo i criteri di Lake Louise per diagnosticare la miocardite in modo non invasivo [2],[3]. Nella miocardite classica la LGE può essere predittiva di un esito negativo [5].

Poco si sa sul valore prognostico o sull’evoluzione attesa di queste anomalie della CMR associate alla miopericardite da vaccino mRNA post-COVID-19. In questa serie di casi riportiamo l’evoluzione dell’imaging CMR rispetto alla CMR iniziale, fase acuta, CMR nella nostra coorte di pazienti con miopericardite post vaccino mRNA COVID-19[…]

“In precedenza abbiamo riportato 15 pazienti con miopericardite indotta da vaccino SARS-CoV-2 mRNA clinicamente sospetta. Tutti i pazienti avevano una CMR anormale, con edema e/o LGE oltre ai sintomi clinici e all’aumento della troponina, e alcuni avevano ECG o ecocardiogramma anormali [3]. Da allora abbiamo stabilito un protocollo clinico per le prestazioni seriali di CMR in questi pazienti in linea con la dichiarazione dell‘American Heart Association (AHA) del 2021 che ha sottolineato il rischio di morte cardiaca improvvisa, in particolare con l’esercizio fisico, mentre è presente l’infiammazione attiva [6].

Ai nostri pazienti è stato impedito di esercitare alla dimissione. La CMR ripetuta è stata eseguita entro 3-6 mesi per guidare le prossime fasi decisionali cliniche; la tempistica è stata modificata in alcuni individui in base all’accessibilità dello scanner e alle precauzioni di sicurezza durante la pandemia di COVID-19. Sebbene i sintomi fossero transitori e la maggior parte dei pazienti sembrava rispondere al trattamento (soley con FANS), abbiamo dimostrato la persistenza di risultati anormali sulla CMR al follow-up nella maggior parte dei pazienti, anche se con un miglioramento dell’estensione della LGE.

La CMR è stata sempre più identificata come un importante strumento diagnostico per la miocardite data la sua capacità di identificare lesioni subcliniche e fibrosi mediante marcatori di LGE ed edema. La CMR è stata utilizzata anche nel follow-up longitudinale di pazienti con miocardite per aiutare la gestione terapeutica, sebbene i protocolli di screening esatti rimangano controversi [6].

La presenza di LGE è un indicatore di danno cardiaco e fibrosi ed è stata fortemente associata a una prognosi peggiore nei pazienti con miocardite acuta classica. In una meta-analisi comprendente 8 studi, Yang et al hanno scoperto che la presenza di LGE è un predittore di tutte le cause di morte, morte cardiovascolare, trapianto cardiaco, riospedalizzazione, miocardite acuta ricorrente e necessità di supporto circolatorio meccanico [5]. Allo stesso modo, Georgiopoulos et al hanno scoperto che la presenza e l’estensione di LGE sono un predittore significativo di esiti cardiaci avversi in una meta-analisi di 11 studi.[7].

La persistenza della LGE nel tempo e il suo valore prognostico sono meno stabiliti. Malek et al hanno scoperto che in una coorte di 18 pazienti con miocardite, quasi il 70% ha avuto cambiamenti persistenti della CMR in un tempo di follow-up mediano di 7 mesi.[5]. Dubey et al hanno trovato risultati simili nella loro coorte di 12 pazienti pediatrici, con persistenza di LGE in tutti i pazienti nonostante la risoluzione dell’edema [9]. Il significato prognostico di LGE nella miopericardite associata al vaccino richiede ulteriori studi”[…]

In una coorte di adolescenti con miopericardite correlata al vaccino mRNA COVID-19, una grande porzione presenta anomalie LGE persistenti, sollevando preoccupazioni per potenziali effetti a lungo termine”[…]

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: Persistent Cardiac MRI Findings in a Cohort of Adolescents with post COVID-19 mRNA vaccine myopericarditis – The Journal of Pediatrics (jpeds.com)

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/la-miocardite-post-vaccino-e-lieve-dicono-ma-i-2-3-dei-ragazzi-monitorati-continuano-ad-avere-problemi-al-cuore-3-8-mesi-dopo-studio/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x