Home / Ambiente / Pesci con manie suicide, salmoni sordi e orsi vegetariani. (Un punto di vista ittico sull’ecologia)

Pesci con manie suicide, salmoni sordi e orsi vegetariani. (Un punto di vista ittico sull’ecologia)

DI BADIA BENJELLOUN

dedefensa.org

Premessa: non si tratta di una favola di La Fontaine, malgrado la presenza di orsi che mangiano le bacche e disdegnano il salmone.

I pesci sotto antidepressivi hanno manie suicide.

Alcune molecole utilizzate come farmaci antidepressivi così come i loro metaboliti (attivi) sono state ritrovate in grande quantità nel cervello dei pesci dei Grandi laghi degli USA e del Canada. Questi farmaci condizionano il loro comportamento alimentare. Influisce sul loro istinto di sopravvivenza, li rende più vulnerabili agli attacchi dei loro predatori. Un lavoro precedente aveva dimostrato che i gamberetti adottavano comportamenti ‘suicidi’ quando si trovavano in acque ricche di fluoxetina, come nel caso di alcuni litorali. Immersi in queste acque, non evitano più la luce e si fanno mangiare dai pesci e dagli uccelli cinque volte di più rispetto ai gamberetti ‘normali’, turbando così l’ordine della catena alimentare. Gli scienziati impegnati in questa ricerca in acque dolci sono preoccupati perché la pratica della pesca sportiva rappresenta per il Michigan una fonte di reddito da diversi miliardi di dollari.

La popolazione statunitense ha visto crescere il consumo di farmaci antidepressivi del 65% tra il 2002 e il 2014. Si è calcolato che il 12,7% della popolazione con età superiore ai 12 anni abbia assunto un antidepressivo nel mese che ha preceduto l’inchiesta, secondo il CDC (Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie).

L’impiego di questi farmaci è in costante crescita ed è provato che modifichi il comportamento individuale e sociale dell’animale, sopprimendo il suo istinto di sopravvivenza e mettendo in pericolo la specie.

I salmoni d’allevamento sono sordi

Un altro studio si è occupato di una variazione che da tempo si è osservata nei salmoni d’allevamento. Delle minuscole ossa, gli otoliti , fanno parte dell’orecchio interno e nel pesce, come per l’uomo, permettono di sentire le variazioni delle onde sonore e della pressione, in più giocano un ruolo cruciale nell’equilibrio.

Sono più grandi negli animali in cattività e di diversa composizione, fatti di vaterite, materiale più solido rispetto ai cristalli di aragonite.

Questa caratteristica scompare se si rallenta la crescita dell’animale alimentandolo in modo meno rapido. Questa sordità è irreversibile e li rende vulnerabili poiché mancano del senso che li allerta.

Siamo già a conoscenza della sofferenza delle galline in gabbia, delle mucche immobilizzate dalla nascita nelle loro stalle, ecco lo stress del pesce d’allevamento, ipernutrito, esposto perennamente alla luce, e sofferente a causa dell’eccessiva densità di popolazione.

Gli orsi diventano vegetariani

In verità, si comporta come l’uomo che, potendo scegliere, preferisce un alimento zuccherino a uno proteico.

Il riscaldamento climatico ha fatto coincidere le due stagioni, quella dell’arrivo del salmone rosso vicino alla costa e quella della maturazione delle bacche, solitamente successiva.

I grizzly preferiscono nutrirsi di bacche selvatiche invece di pescare salmoni.

Questo cambiamento alimentare sicuramente sta alterando il loro metabolismo, meno proteine ​​e più carboidrati, aumento dei casi di obesità, diabete, e malattie cardio-vascolari. (?)

Ma rompe anche un ecosistema che prevede che le carcasse dei pesci servano come concime per le foreste.

Inoltre il loro habitat è in pericolo perché l’Alaska e tutta la zona artica sono minacciate, tra l’altro, dalle trivellazioni petrolifere. Non sarà il coraggio di Mme Royal [Ségolène Royal, ndt] a raffreddare la banchisa.

Ma chissà, forse il richiamo dell’istinto scoraggerà il grizzly dal consumare salmone sotto antidepressivi e affetto da sordità!

 

Badia Benjelloun

Fonte: www.dedefensa.org

Link: http://www.dedefensa.org/article/point-de-vue-ichtyen-sur-lecologie

7.09.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di VOLLMOND

Pubblicato da Davide

  • Wal78

    Mi sono schiantato dalle risate leggendo sto ciarpame. Ormai si è arrivati alla follia di scrivere su tutto citando studi improbabili

    Mio caro Badia certo che gli orsi mangiano le bacche, ma se per questo mangiano anche frutta, erba, insetti. Il salmone lo mangiano solo occasionalmente, come il miele, quando devono mettere su grasso prima del letargo. Gli orsi sono onnivori da sempre. E’ evidente che non sai neanche di che animale stai parlando

    Vorrei proprio sapere come uno studio sia riuscito a dimostrare che un pesce o un gambero hanno un comportamento suicida. Cosa hanno fatto? Hanno messo le telecamere 24 ore su 24 per vedere se per caso i gamberi si lanciavano a tutta velocità contro una roccia? No perchè vorrei capire come si fa ad identificare un comportamento suicida in un pesce o anfibio ecc

    • Tizio.8020

      SEi proprio ignorante!

      Lo sanno, lo sanno: prima di suicidarsi, il gamberetto ha lasciato un biglietto in cui spiegava i motivi dell’insano gesto ( il pesce, non avendo mani, ha registrato un video).

      Mi meraviglio di te!

      L’orso in realtà è stato spettegolato dalla compagna: lei ha scritto sulla sua pagina BearBook che si è rotta di avere per casa (vabbè, grotta) un plantigrado che si abbuffa di bacche, e mette su panza, invece di cacciare salmoni che fa figo!

      • Maria Francesca Febo

        Mi sono spanciata dalle risate. Grande!

    • raniran

      Ciarpame pseudo-animalista condito da sensazionalismo troppo di voga……
      Oramai se la casalingua di Voghera vedrà un topolino si saprà che in Piemonte gireranno per strada, in quei lidi, roditori assassini da 15 kg

      • –<>– –<>–

        Eh si! … Ormai anche i sorci mangiano nei mc donalds, hanno subito mutazioni genetiche. 😉

      • Wal78

        la casalingua chiaramente citazione fantozziana

  • –<>– –<>–

    Un altro articolo pseudoambientalista catastrofista?
    C’è da dire che la linea ambientalista di CDC è veramente patetica.
    Se ci avete fatto caso, sono quarant’anni che si preannunciano futuri catastrofici, puntualmente smentite.

    • raniran

      Ciao, sono d’accordo, MA la Catastrofe è già in atto….
      Può solo peggiorare.
      Teniamoci stretti…ahahah
      ALe

      • –<>– –<>–

        Catastrofe?
        Secondo me è soltanto evoluzione, a cui fa seguito un adattamento.
        L’unica cosa che uò realmente inquinare il pianeta, sono le sostanze aliene.
        Tutto quello prodotto e trasformato sulla terra, tornerà alla terra.
        Catastrofe è se erutta qualche vulcano, o salta qualche caldera, allora si che saranno caxxi, non stè minchiate da teneroni.

        • raniran

          bene ma c’è dell’Altro

          • –<>– –<>–

            Anni fa lessi che il clima terrestre risente ancora degli effetti di un grosso meteorite caduto in Siberia cent’anni fa.
            Ci sono tante teorie sul clima, e la fondamentale è che un anno climatico non può essere la fotocopia di quello precedente, e ogni anno si assiste a fenomeni diversi, di anticipi o ritardi di stagioni, di picchi positivi o negativi e quant’altro.
            Se il clima fosse davvero una monotona copia ogni anno, forse mi preoccuperei di più.
            Le più odiose di queste teorie sono quelle che cercano di dare sempre la colpa all’umanità, le più idiote sono quelle che invece danno la colpa a te, perchè lasci la tv in standby .

          • Wal78

            e qui c’è vera saggezza

  • Sergio Tomasi

    Buongiorno debunkers! Andate alle fonti http://pubs.acs.org/doi/abs/10.1021/acs.est.7b02912
    Lo studio scientifico è serio, le premesse dell’articolp sono corrette. Se non avete un master in biologia marina abbiate la decenza di stare zitti. Accetto un dibattito sulle conclusioni ma ricordo che chi ride di queste cose un tempo li chiamavamo idioti.

    • Tizio.8020

      Quindi per parlare di “orsi” serve un Master in “Biologia Marina” ??
      Ma non farmi ridere!
      Tu “accetti un dibatttito” ?
      Ma chi sei per decidere?

      Sono decenni che ci propinano “studi scientifici” su tutto, salvo ricredersi anni dopo.

      Secondo lo studio diffuso da Al Gore dieci anni fa, saremmo già morti tutti.

      Nei primi anni ’70 avevano giurato e spergiurato che “entro venti anni sarebbe finito il petrolio”.

      Ti risulta sia finito?
      Da anni cianciano di “CO2” che inquina, e cercano addirittura di convincerti ad eliminarla!
      La CO2!!!

      Parlano di “surriscaldamento globale”, quando invece il rischio più prossimo è una PEG.
      Mi dispiace per te, fattene una ragione, ma qui c’è libertà di parola.

      • Sergio Tomasi

        Sei libero di scoreggiare sulla tastiera quanto ti pare. Il tema dell’articolo, però, non è il catastrofismo, quanto, piuttosto, gli effetti di attività antropiche sconsiderate sull’ambiente. Fattene una ragione, in questo sito non siamo tutti coglioni.

        • Tizio.8020

          Mai pensato fossimo tutti coglioni.
          Se perdo tempo a risponderti è perchè credo ne valga la pena, altrimenti lascerei perdere.
          Però uno che crede agli oroscopi, non deve fare la morale a me!
          Il problema è che ci stanno dicendo quello che fa comodo a loro, vedi l’assurda storia che la CO2 inquinerebbe, o che andiamo veros un surriscaldamento, o che i ghiacci artici si stanno sciogliendo…
          Cazzate!
          Probabilmente è vero l’opposto:
          https://www.attivitasolare.com/35-nuovi-studi-affermano-calore-lelevata-co2-fattori-positivi-pianeta-suoi-abitanti/

        • raniran

          Sergio, leggi , informati e rifletti.
          Grazie
          Con simpatia
          ALe

        • Wal78

          Quando ero piccolo ,negli anni 80 mi ricordo che si diceva che entro un tot di anni sarebbero successe le seguenti cose
          – senza interventi Venezia sarebbe finita sott’acqua definitivamente entro 25-30 anni (ora si parla di fra 100 anni). E non commento la questione delle Kiribati o delle Maldive che dovrebbero già essere sparite secondo il mio libro di geografia del 1985.
          – gli ecosistemi marini non avrebbero più avuto molte specie di pesci quali il tonno ed altre già intorno al 2025 (ora si parla del 2050-2060)
          – il picco del petrolio sarebbe stato intorno all’anno 2000 (i ritmi di estrazione sono in costante aumento e di picco del petrolio non si parla più). Addirittura si prevedeva il prezzo del petrolio a 200 dollari barile (siamo a 50)
          – per non parlare della biodiversità e delle specie dove si continua a parlare di riduzione dando per scontato che l’umanità ha scoperto e classificato tutto. Oggi noi classifichiamo 1.2-1.3 milioni di specie ma c’è chi ipotizza che ce ne siano almeno 7-10 volte di più ancora non classificate o scoperte. Ricordo che solo nel 2017 sono state “scoperte” oltre 10.000 nuove specie tra cui nuovi tipi di ratti, pesci, ragni, insetti

          Concordo comunque con te che le attività antropiche sconsiderate hanno un effetto sull’ambiente (inquinamento, inutile deforestazione e consumo del suolo, trattamento indegno degli animali da allevamento, problema idrogeologico) ma non sulla natura

      • Tizio.8020

        https://www.attivitasolare.com/cambiamento-climatico-alcune-domande-relative-risposte/

        Qui è spiegato molto semplicemente.
        Attenzione: non sto dicendo che sia giusto sconvolgere gli ecosistemi, e probabilmente l’uomo l’ha già fatto in maniera irreparabile.
        Ma distinguiamo la realtà dalla fuffa.

      • raniran

        Sergio Tommasi, non sono d’accordo con te pur avendo Io conoscenze e competenze paragonabili alle tue specie in ambito locale.
        Ci parleremo, eventualmente se vuoi, su posta privata.
        Grazie
        [email protected]

      • raniran

        La C02 è emessa da tutti gli organismi viventi (forse quasi tutti escludendo alcune muffe e batteri), il fatto è che il “nostro” Antropocene coincide con un Ciclo Geologico indi climatico lungo milioni di anni.
        Le nostre “scorregge” ( industrie, terziario)come del resto quelle degli allevamenti (rumine da cellulosa che si trasforma produce CO2) aumentano MA DI POCO il ciclo climatico di surriscaldamento; diverso è il ruolo dell’ effettivo scioglimento del PERMAFROST, che sta rilasciando CO2 a tirombella: più ci scaldiamo e più ci scalderemo, perlomeno fino all’estinzione della “nostra” beneamata specie.

        ALe

        • raniran

          “Sfruttare la CO2 “fossile” anzitempo (che la Natura userebbe normalmente per BILANCIARE la QUANTITA’ MEDIA d CO2 tra cicli, eruzioni tettoniche e non, incendi naturali ecc..) non può che portare alla ns. estinzione, in una minoritaria percentuale porta alle estremizzazioni del clima.
          Indi i Fattori sono molteplici ma principalmente questi 2.”

          Mi sono un po’ frainteso, nella foga di scrivere, specie considerando ciò che dopo avrei scritto:
          – Intanto sfruttare anzitempo ecc.. significa estrarre idrocarburi (di tutti i tipi eh!) da sottoterra;
          – La Natura come avrete capito sfruttava da milioni di anni nei suoi cicli geologici estraendo naturalmente le proprie risorse in un Ciclo forse infinito il C …
          Ma soprattutto
          – Ribadire che il diretto influsso antropico sia minoritario rispetto ai mega/meso/micro Cicli Climatici in atto.
          Dulcesis in fundo
          – Ateismo o no (nella scienza)?

          A voi la risposta poi ne parliamo..

    • vocenellanotte

      Anche gli umani si suicidano in massa ed è successo molte volte nella storia in occasione di ogni guerra. Tuttavia tali eventi non hanno lo stesso risalto che viene riservato ai gamberetti e ai caribù. Anzi pare che il suicidio degli umani sia benemerito, mentre quello dei gamberetti e caribù debba essere contrastato anche a costo della vita umana. Trovo tale discriminazione odiosa e pericolosa. Perciò tutta la mia solidarietà a chi ridicolizza e sbeffeggia questi ecologisti da strapazzo.

      • Sergio Tomasi

        Morirete tutti strozzati da un cocktail di gamberi.

        • raniran

          questa è buona..probabile…che moriremo

  • Hito

    Anche le renne mangiano l’amanita muscaria, per noi velenosa… quelle di Babbo Natale riescono addirittura a volare!!! (sembrerebbe una battuta)

    • Tonguessy

      L’amanita muscaria al contrario dell’amanita falloide NON è velenosa, ma la cuticola rossa con punti bianchi contiene principi psicoattivi. Basta buttarla via ed il fungo diventa commestibile. Oppure la cuticola può essere impiegata in altro modo, volendo.

      • Hito

        Si, ma è il tipico esempio di fungo vebenoso, così viene insegnato a tutti… mia personale teoria, da prendere assolutamente con le molle; tutto cià che in natura viene considerato velenoso, in realtà ha grossi poteri farmacologici, di cui però non si conosce uso e dosaggio… principalmente i “grimori” delle streghe contenevano ricette per infusi dove le “ali di pipistrello, lingua di serpente, coda di rospo” etc. erano i nomi in codice per i vari ingredienti.

    • Wal78

      qui nel varesotto, se uno sa come tagliarla l’amanita muscaria la assumiamo come allucinogeno

      • Hito

        Bravo! Mi riferivo proprio a quello e a parecchie “leggende” sulla cosa… Per esempo che la parola assassino derivi da “ashashin” perchè facevano uso di hashish, più avanti ho scoperto che “hashish” vuol dire solo materiale essiccato e probabilmente ci si riferiva ai funghi… veniva usato anche da alcuni popoli prima della battaglia per gli effetti rinvigorenti e anestetizzanti, mi viene in mente la pozione di Asterix… qui un articolo:
        http://www.informarmy.com/2011/04/il-fungo-sacro-la-croce-di-john-marco.html

  • Mario Poillucci

    Se i grizzly potessero prendere visione di ciò che fanno l’orsa Amarena ed altri dalle ns parti schiatterebbero di invidia, ne sono certo! Gli orsi sono onnivori e seguono fedelmente i cicli dela natura e delle necessità della specie che, inoltre, ha una biologia per molti versi con tratti analoghi alla nostra! Per quanto concerne gli altri argomenti dell’articolo non posso commentare non avendo esperienza circa quanto sostiene Badia.
    Poscritto: amici del blog quando discutiamo non insultiamoci! A che pro? Serve? Non serve! Buon pomeriggio a tutti