Home / ComeDonChisciotte / NUTRIZIONE E CONTAMINAZIONE CHIMICA DEL CORPO: LA SOLUZIONE VEGAN

NUTRIZIONE E CONTAMINAZIONE CHIMICA DEL CORPO: LA SOLUZIONE VEGAN

DI CARLO MARTINI
ComeDonChisciotte

Secondo il più recente rapporto dedicato alla diossina del Food Safety and Inspection Service (agenzia appartenente al Dipartimento dell’Agricoltura Usa), “generalmente si crede che la più significativa esposizione ai DLC (composti diossino-simili) tra gli umani venga dall’apporto alimentare di prodotti animali ed ittici” (FSIF, 2009). In particolare, stando al National Center for Environmental Assessment dell’EPA (Lorber M, 2009), il pesce e le uova ne sono gli alimenti con le maggiori concentrazioni. A destare particolare preoccupazione sono le sostanze tossiche liposolubili, responsabili di infertilità, difetti congeniti, ritardi nello sviluppo e disfunzioni endocrine, oltre ad essere considerate fattori di rischio in varie patologie cronico-degenerative tra cui quelle oncologiche: pesticidi come DDT/DDE, clordano, eptacloro e dieldrina, nonchè composti industriali quali PCB e PCDD/PCDF.Se anche la contaminazione ambientale di alcuni dei composti in questione è complessivamente diminuita negli ultimi decenni – grazie alle legislazioni che hanno vietato l’uso commerciale di agent orange, DDT, PCB, dieldrina etc – non mancano certo le novità: presso i paesi occidentali, i cibi animali ed in particolare il pollame sono stati tra i responsabili dell’innalzamento esponenziale (riscontrabile nel latte materno) di eteri difenili polibrominati (PBDE), ritardanti di fiamma dai potenziali effetti cancerogeni, neuro-tossici ed endocrino-distruttori (Schechter, 2008), a cui si aggiungono le naftaline policlorinate, presenti soprattutto nel pesce (Kunisue, 2009).

Quanto al pesce, sia di mare che d’allevamento, è noto anche come fonte universale di metalli pesanti neuro-tossici e cardio-tossici (che finiranno anche nelle carni degli animali d’allevamento nutriti con tali pesci), al punto che – secondo le stime del dottor Michael Greger (Cornell University) – una porzione di tonno contiente l’equivalente in metil-mercurio di un centinaio di vaccinazioni al thimerosal e il consumo di una singola scatoletta alla settimana corrisponde al rilascio causato da quasi una trentina di amalgame dentali (Greger, 2008 & 2009).

Nutrizione vegan

Non sorprende che un recente studio presso la Laval University di Quebec City (Arguin, 2010), dopo aver indagato le concentrazioni plasmatiche di svariati organocloruri su dei gruppi di studio, abbia riscontrato i vegan “significativamente meno inquinati”, nonostante – come suggerito dai ricercatori – con buona probabilità i soggetti in questione abbiano avuto un’ampia esposizione tossica nell’arco della vita, avendo scelto la nutrizione vegan solo in età adulta. I risultati non fanno che confermare quanto già ipotizzato a metà anni ’90 in un’analisi comparativa della State University of New York (Schechter, 1997) che – dopo aver studiato i livelli di diossine, dibenzofurani, PCB e DDE in vari cibi di comune reperibilità – giunse alla conslusione che la dieta vegan era quella con la minor esposizione chimica. Analogamente, anche il dipartimento di salute e sicurezza industriale della Hung Kuang University (Taiwan), riscontrò un minor accumulo serico di PCDD e PDCF tra i vegetariani, persino in una zona situtata molto vicino ad un inceneritore di rifiuti (Chen, 2006). I risultati non cambiando anche scegliendo un altro marker di riferimento, come constatato in una pubblicazione dalla University of Birmingham (Harrad, 2006), che ha trovato minori residui di PCB nelle feci di soggetti vegan.

Analoghi risultati sono stati ottenuti dal Southwestern Medical Center (University of Texas) rispettivamente ai livelli ematici di PBDE nei vegan, con la sorprendente constatazione che più a lungo viene seguita la dieta vegan, più i valori si abbassono nel tempo (Schechter, 2008).

Riguardo ai metalli pesanti, in uno studio nell’ambito dell’infertilità umana curato dal dipartimento di ecologia e bio-diversità dell’università di Hong Kong (Dickman, 1998), i vegan risultavano avere livelli tricologici di mercurio dieci volte più bassi rispetto a chi consumava pesce nella propria dieta, compatibilmente con i risultati dell’Università di Lund (Svezia), in cui una dieta latto-vegetariana ha dimostrato di abbassare significativamente i livelli di mercurio, piombo e cadmio nel gruppo di studio dopo solo 3 mesi dall’adozione della dieta (Srikumar, 1992).

Latte materno e contaminazione chimica

Sin dalla metà del secolo scorso (Laug, 1951) è noto alla comunità medico-scientifica che l’allattamento al seno è un mezzo di trasmissione dalla madre al bambino di contaminanti chimici e – stando ad una pubblicazione di tre decenni fa (Rogan, 1980) – già in quell’anno il 30% delle donne statunitensi presentava valori superiori ai livelli accettabili di alcuni dei composti in questione (standard FDA e WHO).

Ancora una volta, la soluzione più semplice sembra essere la nutrizione vegetariana ed in particolare la nutrizione vegan: in un’analisi pubblicata sul New England Journal of Medicine (Hergenrather, 1981), i ricercatori constatorono che, presso un gruppo di donne vegan del Tennesse, i livelli di svariati composti chimici nel latte materno erano drasticamente inferiori a quelli della media nazionale, al punto che il valore più alto era comunque inferiore al più basso del campione di riferimento. Nella maggior parte dei casi, i valori erano intorno all’1-2% rispetto alla media nazionale. Risultati simili furono ottenuti dal dipartimento di nutrizione e dietetica del King’s College (University of London) – che correllò specificamente il consumo di carni, latticini e pesce al livello di contaminazione del latte materno (Sanders, 1992) – nonchè in una pubblicazione nella Acta Paediatrica Scandinava (Norèn, 1983), dove il latte di donne latto-ovo-vegetariane presentava i minori valori di DDT, DDE e PCB comparato con quelle di donne onnivore e, ancora più marcatamente, con quello di donne che consumavano pesce del Mar Baltico.

Per concludere

Il problema in questione non è certo limitato al fenomeno degli allevamenti industriali, in quanto le contaminazioni ambientali si ripercuotono inevitabilmente in tutta la catena alimentare. Basti pensare che sono state osservate significative percentuali di PBDE in pesci dell’Antartico (Borghesi, 2009) e che – sempre rispetto ai PBDE – in un’analisi comparativa dagli Usa (Shaw, 2008), il salmone proveniente da allevamenti biologici aveva livelli di contaminanti non dissimili e, anzi, leggermente superiori a quelli di un allevamento intensivo industriale.

Ci riserviamo per la prossima occasione di trattare le altre forme di contaminazione (ormonale, virale, batteriologico-fecale e parassitaria) a cui sono soggetti i cibi di origine animale. Per il momento ci limitiamo a constatare come l’uniformità dei risultati nelle più diverse situazioni geografiche porti ad un’unica constatazione possibile: la dieta vegan è uno dei più potenti strumenti esistenti per limitare il proprio contatto con i veleni della società industriale.

Bibliografia

Laug Eg, Kunze Fm, Prickett Cs, Occurrence of DDT in human fat and milk. A M A Arch Ind Hyg Occup Med. 1951 Mar;3(3):245-6.
Arguin H, Sánchez M, Bray GA, Lovejoy JC, Peters JC, Jandacek RJ, Chaput JP, Tremblay A. Impact of adopting a vegan diet or an olestra supplementation on plasma organochlorine concentrations: results from two pilot studies. Br J Nutr. 2010 May;103(10):1433-41. Epub 2009 Dec 24.
Borghesi N, Corsolini S, Leonards P, Brandsma S, de Boer J, Focardi S. Polybrominated diphenyl ether contamination levels in fish from the Antarctic and the Mediterranean Sea. Chemosphere. 2009 Oct;77(5):693-8. Epub 2009 Aug 18.
Chen HL, Su HJ, Lee CC. Patterns of serum PCDD/Fs affected by vegetarian regime and consumption of local food for residents living near municipal waste incinerators from Taiwan. Environ Int. 2006 Jul;32(5):650-5. Epub 2006 Apr 17.
Dickman MD, Leung CK, Leong MK. Hong Kong male subfertility links to mercury in human hair and fish. Sci Total Environ. 1998 Jun 18;214:165-74.
Dórea JG, Vegetarian diets and exposure to organochlorine pollutants, lead, and mercury, American Journal of Clinical Nutrition, Vol. 80, No. 1, 237-238, July 2004
Michael Greger MD, Latest in Clinical Nutrition 2008-2010, Humane Society
Harrad S, Ren J, Hazrati S, Robson M. Chiral signatures of PCB#s 95 and 149 in indoor air, grass, duplicate diets and human faeces. Chemosphere. 2006 May;63(8):1368-76. Epub 2005 Nov 9.
Hergenrather J, Hlady G, Wallace B, Savage E. Pollutants in breast milk of vegetarians. N Engl J Med. 1981 Mar 26;304(13):792.
Kunisue T, Johnson-Restrepo B, Hilker DR, Aldous KM, Kannan K. Polychlorinated naphthalenes in human adipose tissue from New York, USA. Environ Pollut. 2009 Mar;157(3):910-5. Epub 2008 Dec 11.
Lorber M, Patterson D, Huwe J, Kahn H. Evaluation of background exposures of Americans to dioxin-like compounds in the 1990s and the 2000s. Chemosphere. 2009 Oct;77(5):640-51. Epub 2009 Sep 4.
Norén K. Levels of organochlorine contaminants in human milk in relation to the dietary habits of the mothers. Acta Paediatr Scand. 1983 Nov;72(6):811-6.
Food Safety and Inspection Service (Risk Assessment Division, Office of Public Health Science), United States Department of Agriculture. DIOXIN 08 Survey: Dioxins and Dioxin-Like Compounds in the U.S. Domestic Meat and Poultry Supply. October 2009
Rogan WJ, Bagniewska A, Damstra T. Pollutants in breast milk. N Engl J Med. 1980 Jun 26;302(26):1450-3.
Sanders TA, Reddy S. The influence of a vegetarian diet on the fatty acid composition of human milk and the essential fatty acid status of the infant. J Pediatr. 1992 Apr;120(4 Pt 2):S71-7.
Schecter A, Cramer P, Boggess K, Stanley J, Olson JR. Levels of dioxins, dibenzofurans, PCB and DDE congeners in pooled food samples collected in 1995 at supermarkets across the United States. Chemosphere. 1997 Mar-Apr;34(5-7):1437-47.
Schecter A, Harris TR, Shah N, Musumba A, Päpke O. Brominated flame retardants in US food. Mol Nutr Food Res. 2008 Feb;52(2):266
Shaw SD, Berger ML, Brenner D, Carpenter DO, Tao L, Hong CS, Kannan K. Polybrominated diphenyl ethers (PBDEs) in farmed and wild salmon marketed in the Northeastern United States. Chemosphere. 2008 Apr;71(8):1422-31. Epub 2008 Mar 7.
Srikumar TS, Johansson GK, Ockerman PA, Gustafsson JA, Akesson B. Trace element status in healthy subjects switching from a mixed to a lactovegetarian diet for 12 mo. Am J Clin Nutr. 1992 Apr;55(4):885-90.

Altri testi di interesse:

José G Dórea. Vegetarian diets and exposure to organochlorine pollutants, lead, and mercury. American Journal of Clinical Nutrition, Vol. 80, No. 1, 237-238, July 2004
Hall RH. A new threat to public health: organochlorines and food. Nutr Health. 1992;8(1):33-43.
Michael Greger MD, Vegans “Significantly Less Polluted”, VegSource.org
Reed Mangels, Virginia Messina, Mark Messina. The Dietitian’s Guide to Vegetarian Diets: Issues and Applications, Jones & Bartlett Learning; 3 edition (September 24, 2010)

Pubblicato da God

  • Tonguessy

    Ma in cosa consiste una dieta vegana?
    Soia? alcuni studi hanno dimostrato che la soia contiene grandi quantità di tossine che bloccano enzimi importanti del nostro corpo deputati alla digestione delle proteine. Questi inibitori sono proteine complesse, fortemente intrecciate che non vengono disattivate completamente durante la normale cottura. Possono produrre forti dolori allo stomaco, digestione ridotta delle proteine e insufficienze croniche nell’assimilazione degli amminoacidi.
    Per quanto riguarda i bambini in età pediatrica, io certo non la consiglierei; innanzitutto perché la soia contiene una sostanza che si chiama emaglutinina che è un inibitore della crescita e poi perché contiene sostanze che inibiscono le funzioni della tiroide che è una ghiandola fondamentale per lo sviluppo del corpo e del cervello. Ancora, alcuni studi hanno dimostrato che la soia contiene grandi quantità di acido fitico, una sostanza che può rallentare l’assorbimento intestinale di minerali essenziali quali il calcio, il magnesio, il rame, il ferro e specialmente lo zinco.
    http://www.lospicchiodaglio.it/index.php?sez=rubriche&azione=nutri&idr=215
    I vegani sostengono che è possibile sopperire al bisogno proteico giornaliero con cereali, leguminose ecc. Purtroppo la cosa non è così semplice (ecco dove cade l’autogestione), perché, a differenza delle carni, i singoli vegetali non hanno uno spettro aminoacidico completo. Per esempio nei cereali c’è una percentuale trascurabile di lisina, mentre nelle leguminose non c’è la metionina. Inoltre se le proteine vengono derivate dalla soia occorre tener conto che, quando il fabbisogno proteico si risolve per oltre il 20% con derivati della soia, s’introducono nell’organismo sostanze (fitati) che possono inibire l’assorbimento di alcuni minerali come lo zinco.
    Nelle diete con carenza di pesce mancano fonti dirette di EPA (acido eicosapentaenoico) e di DHA (acido docosaesaenoico), fondamentali per una buona alimentazione. Molte ricerche (provenienti anche da ambienti vegetariani) sollevano dubbi sulla capacità di convertire l’alfa-linolenico in EPA e DHA e la conversione è ancora più dubbia nei bambini. Su questo punto i vegetariani dovrebbero riflettere: se non ne erano a conoscenza, forse prima di scegliere emozionalmente un regime alimentare è meglio documentarsi.
    È vero che i vegani e vegetariani, nonostante la prevalenza di carboidrati risultano più magri, più longevi e più sani?
    Questa deduzione non è affatto corretta ed è il frutto di un distorcimento delle cause (errore di correlazione). Non ha senso dire che i vegetariani sono più magri, più longevi e più sani confrontandoli con tutta la popolazione. Si confonde una causa diretta con una indiretta. Infatti il vegetariano in genere è attento allo stile di vita e alla salute. È questa sua attenzione (causa diretta) che lo rende più longevo della media della popolazione che magari beve, fuma ecc., non il fatto che si nutre di vegetali.
    In altri termini, l’insieme dei vegetariani dovrebbe essere confrontato con quello di chi è comunque attento alla propria salute, ma vegetariano non è (chi ha uno stile di vita corretto non supera il 10% della popolazione). Purtroppo questo studio nessuno lo ha ancora fatto.
    Per esperienza personale ho seguito quasi una decina di amici vegetariani/vegani per circa 20 anni. Tutti sono invecchiati abbastanza male e chi 20 anni fa sportivamente mi precedeva ora mi segue… Non è una statistica, ma se permetti, è un dato personale che mi fa riflettere.
    Da ultimo la ricetta vegana contro il cancro non è scientifica. La morte per cancro di Linda McCartney, vegana convinta, ha messo in crisi parecchi vegani che si ritenevano assolutamente al sicuro dalla malattia.
    http://www.albanesi.it/Alimentazione/vegana.htm

  • miche1e

    Sono completamente d’accordo.
    Aggiungo che, se è vero che moltissime persone seguono diete inadeguate (olii idrogenati, troppi grassi animali, troppo sale, troppo alcool, ecc.), è anche vero che l’attuale aspettativa di vita è di gran lunga la più alta di qualunque epoca storica che ci ha preceduto.
    I sostenitori del veganesimo sono sicuri che la situazione sarebbe la stessa se tutti fossero vegani? Io credo di no.
    Questo ragionamento si applica anche a chi parla così male della medicina moderna…

  • Nyarlathotep

    PALEODIETA è la soluzione. Vegan e company sono l’altra faccia della medaglia dei fast food

  • hotwildweb

    Tutti scienziati qua hee?

    Dire che la nutrizione a base vegetariana non faccia la differenza con le tonnellate di “me..a” con annesse carni di variopinto tipo acquistate al supermercato non faccia la differenza è quanto meno irritante.

    Sul fatto che le aspettative di vita oggi sono di gran lunga superiori anche solo a 60 anni fa, non è solo un fatto di alimentazione, che anzi nei decenni scorsi fino ad oggi è solo peggiorata e molto, la cosa che non si tiene mai conto in questo ambito sono le CONDIZIONI IGIENICHE decisamente migliorate negli ultimi decenni, sia in ambito domestico che lavorativo, poi ci sono sempre le eccezioni, ma non bisogna dimenticare questo aspetto decisivo nelle società occidentali, infatti in paesi “sottosviluppati” la povera gente muore non solo per fame ma anche per le condizioni igieniche drammatiche base di ogni proliferazione di malattie.

    Ovviamente non sono ne un medico ne uno scienziato.

  • Riccardo

    @ Tonguessy:

    ciao,

    scusa ma a fronte dei precisi riferimenti scientifici citati nell’articolo trovo un po’ ingenuo copincollare un articolo critico sulla dieta vegana preso da un sito che non si sa bene di cosa parla e scritto da un ingegnere (guardacaso anche cacciatore), in cui dell’unico studio che ha citato non è riuscito nemmeno a capirne la conclusione, se sei interessato qui trovi un’analisi dell’articolo e della sua completa scelleratezza:
    http://www.animalstation.it/public/wordpress/?p=132

    Tra l’altro il fatto che Linda McCartney è morta di tumore ha una rilevanza statistica che nemmeno un bimbo di due anni crederebbe che abbia qualche valore, non credi?

    ciao alla prossima,
    Riccardo

  • Riccardo

    @ miche1e:

    ciao,

    le tue considerazioni sulle aspettative di vita sono però basate sulle vecchie generazioni, cioè persone che mangiavano pochissima carne e molti cibi vegetali, a confronto oggi mangiamo cibi animali praticamente tutti i giorni, tra carne, pesce, formaggio, latte, uova, salame, prosciutto, mortadella, ecc ecc ecc, in quantità spropositate. Dai uno sguardo qui per renderti conto dell’abisso di ciò che mangiavano i nostri nonni e ciò che mangia un italiano medio oggi:
    http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/10/23/cosa-non-mangiavano-gli-italiani-una-volta/ . Invece considera che oggi l’obesità è l’epidemia killer numero uno nei paesi occidentali, seguita a ruota da malattie cardiovascolari, cancro e diabete, tutte malattie legate in maniera rilevante alla dieta, e sono in continua crescita. Quindi, prima di affermare con certezza che “l’attuale aspettativa di vita è di gran lunga la più alta di qualunque epoca storica che ci ha preceduto” io aspetterei un paio di decenni per parlare 😉

    ciao alla prossima,
    Riccardo

  • Riccardo

    @ Tonguessy
    PS: dimenticavo: 1) la dieta vegana non si basa sulla soia e 2) sono stati fatti un’infinità di studi sulla soia, tutti contraddittori (tra l’altro molti sono stati compiuti su animali e non hanno quindi alcuna rilevanza per l’essere umano). Comunque ti ricordo che la soia 1) in Cina è qualche migliaio di anni che viene consumata praticamente tutti i giorni e non mi pare che i cinesi si siano estinti 😉 2) gran parte della soia prodotta oggi è consumata proprio dagli animali allevati e 3) gran parte della soia consumata dagli animali allevati è di derivazione transgenica.

    ciao alla prossima,
    Riccardo

  • Tonguessy

    Ho citato i primi due link apparsi cercando “alimentazione vegana” su google, vedi un po’ tu. Uno dei due è di un nutrizionista. Hai quelche credenziale migliore? La soia è solo un prodotto industriale, chiamato “killer bean” (Fagiolo killer) negli USA, tante sono le controindicazioni (sterilità, osteoporosi, problemi ormonali e, guarda guarda, causa anche cancro secondo alcuni)

    http://nourishedmagazine.com.au/blog/articles/soy-the-abominable-bean

    La mia opinione? Dato che ci sono statistiche così distanti ed inconciliabili sarebbe molto meglio lasciare stare la Verità assoluta, e lasciare le persone libere di seguire le proprie inclinazioni alimetari senza tentare di mettere quella “base scientifica” che poi qualche statisica smentisce categoricamente.
    Fate bene a mangiare vegano se così vi piace. Ma per cortesia consideratela una vostra preferenza, nulla più.

  • Tonguessy

    In cosa consisterebbe tale dieta?

  • kawataxi

    google lo sa….

  • Riccardo

    > Ho citato i primi due link apparsi cercando “alimentazione vegana” su google

    appunto, uno è un articolo di un ingegnere senza capo nè coda, l’altro è di un medico (?) che critica la dieta vegana convinto che questa sia basata sulla soia, cioè critica una cosa che non conosce assolutamente, una scimmia che critica la teoria della relatività sarebbe più credibile. Se questi sono i primi risultati in Google, allora puoi capire quanta disinformazione e ignoranza circola sulla dieta vegana, che tuttavia non scoraggia i suoi detrattori a lanciarsi nelle critiche più feroci e infondate.

    > Hai quelche credenziale migliore?

    sì, la ragione e il senso di riflessione, che manca ai due personaggi di cui sopra, a quanto vedo.

    > Ma per cortesia consideratela una vostra preferenza, nulla più.

    Non si tratta si semplice preferenza come scegliere un gelato al limone piuttosto che alla fragola. Io non costringo nessuno a diventare vegano, tuttavia ritengo sbagliato che a causa dei nostri piaceri sia compiuta una strage di miliardi di animali soggetti a sofferenze indicibili e a morti violente.

    ciao alla prossima,
    Riccardo