NAUFRAGIO FINALE

DI MIGUEL MARTINEZ
Kelebek

La partita elettorale, il cui fascino viene costruito sul nulla da tutti i piccoli tecnici del dominio che accendono gli animi con i loro sondaggi, è finita.

Noto subito due cose.

Veltroni ha cercato di dire più o meno le stesse cose di Berlusconi, ma con un tono più vacuo, e questo non è piaciuto.

Le cose alla Berlusconi bisogna saperle dire alla Berlusconi, altrimenti non funzionano.

Immense masse di persone sono arrabbiate e impaurite: non sono mai state così disaffezionate forse dallo stato di cose, ma questo moto del tutto irrazionale le ha portate a votare per quasi il 95% per due coalizioni che facevano a gara a dirsi moderate: cioè di non avere alcuna intenzione di reagire contro la deriva planetaria del capitalismo assoluto.Tutta questa rabbia non approda da nessuna parte: la prima promessa di Berlusconi è stata di abolire l’ICI. Cioè una tassa che sfiora appena i tanti piccoli proprietari, e che comunque permette di mantenere gli asili nido e le strade su cui la gente cammina. Appena chiuderanno gli asili e si apriranno le buche, la rabbia aumenterà ancora…

Il secondo punto è la fine della sinistra identitaria in Italia, che viene ampiamente superata, non dalla destra, ma dall’estrema destra.

Alla Camera, Sinistra Arcobaleno, Sinistra Critica e PCL si sono presentati, a ragione o a torto, come gli eredi di tutta la tradizione del movimento dei lavoratori, del partito comunista e di tutto ciò che vi ha girato attorno per tutto il Novecento.

Insieme hanno preso il 4,2 percento dei voti.

Dall’altra parte, ci sono partiti molto diversi, ma che hanno in comune alcuni elementi. Sono movimenti che si basano sulla militanza, che non hanno alle spalle poteri forti, che parlano in modo semplice e diretto, in particolare contro immigrati e musulmani.

Bene, La Destra, la Lega e Forza Nuova, insieme, hanno preso l’11,4% dei voti.

Insomma, in Italia, per ogni estremista di sinistra ce ne sono tre di destra.

Viene da ridere a pensare alla storica pretesa della sinistra di possedere le chiavi del cielo e della terra: il famoso potere di sdoganamento. Voglio vedere chi può sdoganare chi oggi…

Chiaramente le cose non sono così semplici – molti di sinistra avranno votato per Veltroni (però anche tanti di estrema destra avranno votato per Berlusconi); e comunque il grado di impegno dei due elettorati è in media diverso.

Però c’è da pensarci.

Bertinotti da anni pontifica brillantemente in televisione. E Calderoli per anni ha fatto le sue rumorose sparate.

Nella piccola nicchia del ceto intellettuale subalterno – il cuore identitario della sinistra – il primo sembrava intelligente, il secondo cretino.

Si rideva di Calderoli, ci si indignava o ci si lamentava della figura davanti all’Europa. Io ho sempre criticato questo atteggiamento della sinistra: una critica inutile, perché nulla unisce di più un gruppo, che ridere dietro a un presunto cretino.

Bene, la statistica ci dice che ogni volta che Bertinotti apriva bocca, ha perso voti; e ogni volta che lo ha fatto Calderoli, li ha guadagnati. Il presunto cretino si è dimostrato di gran lunga il più intelligente dei due.

La sinistra è da oggi morta in Italia. Non è mica una cosa di cui andare allegri, ma è un dato di fatto.

Non rappresenta “le lotte”, “i giovani”, “le donne”, “i lavoratori” e nemmeno “i pensionati“. Non rappresenta altro che se stessa, cioè un’area di persone in lenta via di estinzione, che commemora i bei vecchi tempi.

Non è colpa di nessuno.

Un enorme movimento di persone, con un complesso sistema di legami, nato per affrontare i problemi del Novecento, si affaccia su di un’era del tutto diversa. Nel Grande Flusso che tutto travolge, perde ogni orientamento.

La maggior parte delle persone coinvolte finiscono semplicemente per squagliarsi e lasciarsi assorbire.

Piccole minoranze, addirittura individui soli, che non hanno intenzione di lasciarsi assorbire, si distaccano e cercano di creare realtà di opposizione del tutto nuove.

Ma la gran parte di coloro che non si sono fatti assorbire rimane aggrappata alla barca, che non può cambiare direzione perché ha dietro di sé una potente inerzia storica.

E tra rimpianti, ripetizioni di parole rituali, ricerca di purezza e reciproche recriminazioni, tutta la barca va giù.

Shipwreck

Miguel Martinez
Fonte: http://kelebek.splinder.com
Link: http://kelebek.splinder.com/archive/2008-04
16.04.08

blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x