Molfetta: 15enne riceve Moderna per errore e subisce reazione avversa

Inoculato Moderna, in luogo del raccomandato Pfizer. Secondo quanto risulta a Molfettalive sarebbe stata avviata un'indagine interna per accertare le responsabilità.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Si firma come “una mamma preoccupata”. Preoccupata, ma anche arrabbiata, soprattutto dispiaciuta. Colpa di un “incidente” capitato a suo figlio, 15enne a cui nelle scorse ore è stata somministrata la terza dose del vaccino. Tutto bene, se non fosse che la dose era quella sbagliata. Avrebbe dovuto essere Pfizer, come da raccomandazione della circolare ministeriale per bambini e ragazzi fino ai 15 anni. Invece è stato inoculato Moderna.

Un gravissimo errore di superficialità e disattenzione – scrive la donna – Ma è anche molto grave che la colpa dell’errore sia stata data a me: signora, mi è stato detto, è lei che non ha fatto attenzione al numero di ambulatorio nel quale sarebbe dovuta entrare. In questo ambulatorio somministriamo solo dosi di Moderna. Oppure è la ragazza addetta al display e alla distribuzione del numeretto che vi ha indicato l’ambulatorio sbagliato. Correggiamo la sua scheda cancellando Pfizer e sostituendo con Moderna, ed è tutto ok”. La signora però non ci sta. “Non è affatto tutto ok – specifica – Non un buongiorno, non un arrivederci, non un cenno di scuse. Niente”.

Dall’hub di Molfetta – va detto – non smentiscono l’accaduto. Stando a quanto risulta a Molfettalive, sarebbe stata persino avviata un’indagine interna per accertare le responsabilità. “In soccorso di mio figlio – prosegue la signora – sono arrivati immediatamente la dottoressa che ci aveva accolto ai tavolini bianchi e il responsabile del centro hub di Molfetta. Ringrazio molto questi due dottori che con compostezza e gentilezza si sono subito adoperati per capire cosa fosse successo. È successo che mio figlio è ancora a casa con il braccio sinistro e la mano sinistra gonfi. È successo che mio figlio è ancora a casa con le ghiandole ascellari sinistre ingrossate. È successo che mio figlio è ancora a casa con un forte mal di testa”.

Al di là di questi sintomi, fortunatamente, le condizioni del ragazzo non destano preoccupazione e sono costantemente monitorate.

È stato commesso – conclude la donna – un gravissimo errore. Siete stati superficiali, disattenti e distratti. Non avete letto i moduli che vi sono stati consegnati. E allora perché compiliamo sempre tutti quei moduli e ci vengono fatte tutte quelle domande prima di accedere negli ambulatori? Voi siete tenuti a leggere le carte che vi vengono consegnate. Mio figlio è stato solo un numero per voi due infermieri. Spero che chi di dovere prenda giusti e severi provvedimenti”.

Una denuncia che deve fungere da monito, quella della signora. E un messaggio forte e chiaro: vaccinarsi è assolutamente necessario, a tutte le età e seguendo le prescizione della scienza e della medicina. Altrettanto necessario è garantire il massimo della cura ai vaccinandi per evitare errori e preoccupazioni.

Fonte articolo: https://www.molfettalive.it/news/attualita/1089193/somministrata-a-mia-figlio-15enne-la-dose-sbagliata-la-denuncia-di-una-mamma

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x