L’ultimo tiro di dadi di Zelensky: perché l’Ucraina sta facendo una nuova campagna di arruolamenti forzati?

La riforma del sistema di mobilitazione non farà altro che ritardare l'inevitabile disfatta.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Sergey Poletaev
swentr.site

Nell’ultimo anno, sono apparsi numerosi video che mostrano uomini in Ucraina che vengono catturati con la violenza e arruolati a forza nell’esercito. Spesso si vedono “uomini dall’aspetto severo” in uniforme militare che arrestano i civili per strada tra le lacrime e le urla delle donne, spesso picchiando brutalmente i futuri militari davanti alle telecamere. Sembra che gli operatori degli uffici di arruolamento militare (Centri di reclutamento territoriale, o TRC) agiscano in modo indiscriminato. Catturano persone a caso per strada, compresi padri con prole numerosa e persino persone disabili.

La mobilitazione in Ucraina assomiglia a un safari. Ad esempio, in un video si vede un uomo inseguito da un’auto come un animale. Nel tentativo di salvarsi la vita, salta un’alta recinzione. L’uomo che aveva filmato la scena era nascosto in una soffitta. Un altra persona è quasi annegata nel tentativo di attraversare il fiume al confine con la Moldavia.

Tuttavia, non tutti gli uomini ucraini sono così sfortunati: diversi video su Internet mostrano che ce ne sono molti nelle grandi città. Li vediamo seduti nei caffè, camminare per strada, lavorare, guidare e prendere treni. Allora perché non sono al fronte?

Per risolvere questo problema, le autorità ucraine hanno adottato una nuova legge sulla mobilitazione, che entrerà in vigore il 18 maggio. La maggior parte delle innovazioni previste dalla nuova legge riguarda un maggiore controllo sulla registrazione dei coscritti. Le nuove regole dovrebbero aiutare l’esercito ucraino a trovarli facilmente, invece di prendere i ragazzi per strada, come nei video scandalistici.

Entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, tutti i maschi ucraini di età compresa tra i 18 e i 60 anni (compresi quelli che vivono all’estero) dovranno aggiornare il proprio status all’anagrafe militare. Gli uomini che non si registreranno per il servizio non potranno ottenere il passaporto o accedere ai servizi consolari. Inoltre, la legge impedisce ai “renitenti alla leva” di lavorare nel servizio civile e consente ai TRC di privarli della patente di guida attraverso una sentenza del tribunale. Le multe per le violazioni della legge sulla mobilitazione saranno decuplicate.

Il retaggio dell’epoca sovietica

Al momento del crollo dell’URSS, il distretto militare di Kiev era tra i più avanzati e pronti al combattimento di tutta l’Unione Sovietica. Aveva le armi più moderne, alcune delle più grandi scorte di munizioni e veicoli blindati, e vi prestavano servizio molti dei migliori ufficiali dell’esercito sovietico.

Per una migliore comprensione, è necessario spendere qualche parola sul sistema di reclutamento dell’esercito sovietico. In tempo di pace, le unità erano composte principalmente da ufficiali e da un numero minimo di soldati che mantenevano l’equipaggiamento militare pronto al combattimento. In caso di guerra, nel giro di pochi giorni, queste unità avrebbero dovuto accogliere i riservisti che avevano completato il servizio militare obbligatorio dopo la scuola o l’università.

Con il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, questo sistema era caduto rapidamente in disuso. Nel 2013 la coscrizione in Ucraina era stata sospesa, ma, dopo il colpo di Stato di Kiev del 2014 sostenuto dall’Occidente, era stata ripristinata. Tuttavia, il sistema non aveva funzionato. Tra il 2014 e il 2022, l’AFU era composta principalmente da uomini che prestavano servizio a contratto e, a febbraio 2022, la riserva dell’esercito ucraino era costituita dai veterani della cosiddetta Operazione Antiterrorismo (ATO) nel Donbass. Secondo varie stime, in otto anni avevano partecipato all’ATO, acquisendo esperienza pratica di combattimento, circa 350.000 uomini.

Nel frattempo, il servizio militare obbligatorio e la formazione dei riservisti in Ucraina esistevano solo sulla carta. In teoria, tutti i giovani avrebbero dovuto prestare servizio nell’esercito, ma, in pratica, in Ucraina quasi tutti i potenziali coscritti pagavano una tangente e il loro fascicolo personale militare veniva “perso” o, semplicemente, cessava di esistere (se la tangente era stata pagata dai genitori mentre il figlio era ancora a scuola). E, se un ragazzo era registrato per il servizio militare, era facile assicurarsi che l’indirizzo di registrazione e il luogo di residenza non corrispondessero.

Nelle zone rurali, l’evasione dal servizio di leva era meno comune, perché era più probabile che le persone risiedessero all’indirizzo indicato nei loro documenti. Ecco perché in alcuni villaggi ucraini sono rimasti pochi uomini, perché molti sono stati arruolati nell’esercito. La stampa occidentale parla occasionalmente di queste situazioni, ma, in generale, si tratta di un fenomeno raro.

Dopo l’inizio dell’offensiva russa e della legge marziale, gli uffici di militari ucraini erano stati costretti ad iniziare gli arruolamenti. Subito non c’erano stati problemi perché i volontari erano molti. Nei primi giorni di guerra, quando l’entusiasmo patriottico era ancora forte, gli uomini facevano la fila per entrare nell’AFU. Le ultime brigate di volontari erano state formate formate nell’inverno del 2022-23 per partecipare alla controffensiva ucraina che si stava preparando in quel periodo (in particolare, la famosa 47ª Brigata era stata costituita proprio in quel periodo), ma, in seguito, l’afflusso di volontari era cessato quasi completamente.

Gradualmente, le liste dei coscritti e dei riservisti registrati che avevano partecipato all’ATO si erano esaurite. Semplicemente non c’era nessuno a cui inviare le convocazioni, poiché la maggior parte dei maschi ucraini non era registrata per il servizio militare e gli uffici di arruolamento non avevano informazioni su di loro.

Tuttavia, il fronte richiedeva un costante rifornimento [di carne da cannone] e l’AFU non aveva modificato il suo piano di mobilitazione. Per questo motivo, le autorità erano dovute ricorrere alle retate e a catturare le persone per la strada, mentre i commissari militari si lamentavano del fallimento del sistema di reclutamento. Il senso della nuova riforma è quello di registrare tutti gli uomini ucraini e privare di molti diritti coloro che rifiutano di essere registrati.

Il comandante in capo dell’AFU, Aleksandr Syrsky, si è recentemente lamentato del difficile periodo in cui l’Ucraina sta per entrare. Egli si rende conto che la situazione non può essere ribaltata in un mese o due: ci vorrà tempo per registrare tutti gli uomini e mandarli al fronte.

Anche per questo motivo, i funzionari ucraini sono preoccupati per una possibile offensiva russa durante l’estate. Molto probabilmente Mosca non cambierà la sua strategia ma, sfruttando il suo vantaggio numerico e la sua superiore potenza di fuoco, continuerà a spingere in diverse sezioni del fronte. In caso di sfondamento in qualche area, invierà le riserve in quel punto e approfitterà della situazione.

A questo proposito, Ocheretino è un buon esempio. Con l’esaurimento delle forze ucraine, la difesa potrebbe cedere e l’AFU potrebbe perdere non solo una brigata, ma diverse. Ecco perché si è parlato molto della imminente perdita di ciò che Kiev ancora controlla nel Donbass.

Il disastro inevitabile

In uno scenario estremo, la strategia della Russia potrebbe portare ad una situazione simile all’Offensiva dei Cento Giorni dell’Intesa, nel 1918. Allora l’esercito tedesco era andato in pezzi. Anche se non c’erano stati sfondamenti impressionanti e le truppe del Kaiser non erano state accerchiate e Berlino non aveva visto invase le sue città, la guerra era finita con la resa della Germania.

Kiev teme questo scenario e, per evitare un crollo totale del fronte, ha bisogno di una riforma della mobilitazione. Anche se non dovesse andare tutto secondo i piani, i cambiamenti porteranno a risultati certi, poiché attualmente ci sono molti uomini che non si arruolano volontariamente nell’esercito, ma che, in ogni caso, non sono disposti a vivere come fuorilegge.

Possiamo ipotizzare che l’AFU potrebbe reclutare fino a 100.000 persone. Ciò sarà sufficiente per rincalzare i ranghi, formare diverse nuove brigate, rinforzare il fronte o tamponare gli sfondamenti della linea del fronte (come quello attuale nella regione di Kharkov). Tuttavia, l’esercito russo ha ancora un vantaggio numerico e molte più risorse umane, per non parlare della superiore potenza di fuoco.

Oltre alla quantità, un’altra questione importante è la qualità dei militari. Anche i dati ucraini (che sottostimano la situazione) mostrano che in Russia, ogni mese, circa 30.000 persone si arruolano per il servizio a contratto nell’esercito. Per il secondo anno consecutivo, si registrano code agli uffici di arruolamento dell’esercito russo.

Come abbiamo notato in precedenza, l’anno scorso l’Ucraina aveva esaurito i volontari. La maggior parte di loro erano riservisti che avevano combattuto nel Donbass o patrioti ucraini entusiasti. Inoltre, i numeri dimostrano che, anche se il numero di volontari in Russia e Ucraina fosse lo stesso, il fatto che la popolazione russa è cinque volte quella ucraina parla da sé.

Inoltre, le persone che sono state mobilitate con la forza nell’esercito possono essere in grado di mantenere una difesa statica, ma non sono preparate per il combattimento attivo, come la partecipazione a contrattacchi, per non parlare delle operazioni di assalto.

Un altro grave problema per l’AFU è che molti uomini si rifiutano di combattere. Di conseguenza, alcune unità sono crollate al punto da perdere la loro capacità di combattimento. Molti militari corrompono anche i comandanti per evitare di essere mandati al fronte. Il morale delle truppe ucraine sembra deteriorarsi ed è improbabile che la riforma della mobilitazione possa risolvere il problema.

Per il momento, l’AFU nel suo complesso è ancora pronta a combattere e l’Occidente continua a rifornirla di equipaggiamento militare. Molto probabilmente, il fronte non crollerà durante la campagna di primavera-estate di quest’anno e Kiev non capitolerà. Ma, in ogni caso, l’Ucraina sta entrando in un vicolo cieco: il Paese si sta indebolendo e il suo esercito si sta esaurendo. In realtà, potrebbe aver già superato il punto di non ritorno e né gli aiuti occidentali né una maggiore mobilitazione la aiuteranno a sfuggire al disastro.

Tuttavia, questo non significa che Kiev e i suoi sponsor occidentali si metteranno il cuore in pace e aspetteranno con calma l’inevitabile.

Sergey Poletaev

Fonte: swentr.site
Link: https://swentr.site/russia/597553-ukraine-increase-mobilized-men/
15.05.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Sergey Poletaev è analista dell’informazione e pubblicista. È specializzato in politica estera russa e nel conflitto Russia-Ucraina, si è laureato presso la Facoltà di giornalismo dell’Università statale di Mosca. Esperto russo di relazioni internazionali e collaboratore del Russian International Affairs Council, i suoi articoli sono stati pubblicati da media specializzati come Russia in Global Affairs, Profile, Eurasia-Expert e altri.

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
22 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
22
0
È il momento di condividere le tue opinionix