Lo sradicamento delle etnie bianche

di Paul Craig Roberts

La cancellazione della cultura occidentale sta avvenendo davanti ai nostri occhi. Rimaniamo sbalorditi a guardare le etnie bianche sradicate che si cancellano da sé.

La cultura occidentale ci ha procurato le vittorie dello stato di diritto, il che significa che il governo è ritenuto responsabile nei confronti del popolo. Questa vittoria storica, frutto di secoli di lotte, è andata perduta.

Il 2 settembre 2021 ho pubblicato i collegamenti a due articoli che discutevano della sostituzione dei bianchi nei Paesi in cui sono ancora la maggioranza. L’indifferenza dei bianchi a diventare una minoranza razziale quando, pur essendo ancora maggioranza, subiscono già discriminazioni razziali e culturali, solleva la questione della loro volontà di sopravvivere. Cosa si aspettano i bianchi dal loro futuro quando saranno una minoranza demonizzata, la razza razzista, sfruttatrice e privilegiata contro la quale la politica dell’identità sta unendo la maggioranza?

I bianchi sono stati sottoposti a lavaggio del cervello per decenni sul loro razzismo, sul bisogno di diversità e multiculturalismo, cioè la necessità che il loro Paese diventi una Torre di Babele e molti di loro sono stati convinti dalla propaganda progettata per indebolirli e accecarli a loro rischio e pericolo come razza demonizzata e in declino.

I bianchi gentili in America oggi sono in una posizione molto più vulnerabile di quanto lo fossero gli ebrei nella Germania nazista. Nessuno erigerà musei dell’Olocausto per le etnie bianche cancellate.

Il sistema educativo svolge la funzione di sradicamento. Ad esempio, la Teoria Critica della Razza e il Progetto 1619 del New York Time, insegnano ai neri a odiare i bianchi e ai bianchi a odiare sé stessi e a vergognarsi della loro storia.

La Storia viene riscritta e falsificata per sostenere l’accusa di razzismo bianco. Ad esempio, Robert E. Lee è stato trasformato in un simbolo di ingiustizia razziale. Anche il suo stesso stato, che difese con successo per diversi anni contro gli eserciti invasori dell’Unione, ha accettato di rimuovere la sua statua dalla capitale che difese:

https://wjla.com/news/local/virginia-supreme-court-vote-remove-lee-statue-richmond

Ai tempi di Lee, gli americani si consideravano più cittadini dei loro Stati che cittadini degli Stati Uniti. Per aver difeso il suo stato dall’aggressione, Lee è stato trasformato in un razzista.

Lee è stato sovrintendente di West Point. Una delle caserme di West Point prende il suo nome. Fu molto rispettato dall’esercito degli Stati Uniti e offrì l’elogio dell’esercito dell’Unione che si era riunito per invadere il Sud per essersi rifiutato di pagare la tariffa del Nord. Lee, un virginiano che non possedeva schiavi, disse che non poteva portare la guerra alla sua stessa gente. Eppure la calunnia che si trova ovunque è che Lee si sia dimesso dalla sua commissione nell’esercito degli Stati Uniti per “combattere per la schiavitù”. Il Sud ha combattuto perché è stato invaso.

Oggi, un secolo e mezzo dopo, un governatore bianco della Virginia e una Corte Suprema della Virginia bianca hanno dato il via libera alla rimozione della statua di Lee perché ai residenti neri è stato insegnato a vedere la statua come “un monumento che glorifica la schiavitù”.

Perché glorifica la schiavitù invece dell’eroismo e dell’indipendenza? Perché i neri arrivano a dettare il significato di un monumento?

Perché le opinioni di una minoranza nera contano più delle opinioni dei bianchi della maggioranza in una presunta democrazia? Perché i neri possono essere “offesi” da una statua, ma non i bianchi dalla cancellazione della loro Storia?

Perché le opinioni nere disinformate prevalgono sui fatti? Perché i bianchi si sottomettono alla regola della finzione?

Perché i sentimenti basati su una menzogna storica indottrinata nella testa della minoranza nera hanno la precedenza sui sentimenti della maggioranza bianca la cui storia viene prima falsificata e poi cancellata?

Perché l’establishment bianco della Virginia sostiene questa calunnia contro uno dei migliori uomini prodotti dalla Virginia? Un uomo di gran lunga migliore della feccia che gli cancella la memoria.

Se questa non è l’autodistruzione di una razza, che cos’è? George Washington, Thomas Jefferson, Robert E. Lee sono demonizzati e vilipesi, ma un criminale tossicodipendente, George Floyd, che si è suicidato con una massiccia overdose di Fentanyl, è un oggetto di culto. Questa trasformazione – da eroe a cattivo, da cattivo a eroe – è stata fatta dai bianchi stessi. Ai neri manca il potere.

Quando anche i bianchi del sud non possono sollevarsi in difesa di Robert E. Lee, ciò a cui stiamo assistendo è che i bianchi vengono svergognati da altri bianchi in una totale perdita di fiducia. L’establishment bianco del Sud in Virginia è semplicemente crollato di fronte alle richieste di persone senza arte né parte, offrendo meno resistenza a quelle nullità di un sacchetto di carta bagnato.

Lo scorso dicembre l’Accademia militare della Virginia, la base del generale Sudista Stonewall Jackson, ha rimosso la sua statua perché era razzista, per Jackson, resistere a un’invasione del Nord.

VMI [Virginia Military Institute], una delle istituzioni più Sudiste del sud, ha gettato via il suo membro più famoso. L’eroismo di Stonewall Jackson è stato gettato nel buco della memoria dalla sua stessa istituzione e dal suo stesso Stato per il quale ha brillantemente combattuto.

È inimmaginabile per me perché VMI si dissacri in questo modo. Non c’è niente di razzista in un professore che difende il suo Paese dall’aggressione militare. Perché i fiduciari hanno disonorato il membro più famoso di VMI? Perché una persona dotata di integrità dovrebbe frequentare il VMI dopo il disconoscimento da parte del college del suo membro più illustre?

Non contenti di rimuovere solo le statue, i bianchi sradicati della Virginia stanno rimuovendo i nomi associati al Sud da scuole, contee e strade. I bianchi svalutati ad Arlington, in Virginia, hanno ribattezzato la Lee Highway. Ora è Langston Boulevard. A Richmond vengono cambiati i nomi delle strade. Sono stati cancellati i nomi delle scuole superiori associati ai Sudisti che hanno resistito all’invasione di Lincoln. Mi chiedo quando Washington e la Lee University verranno cancellate:

https://wjla.com/news/local/virginia-contends-with-confederate-names-on-side-streets

Il Southern Poverty Law Center, anti-bianco e anti-americano, ha un elenco di 2.300 strade, scuole e monumenti in 23 Stati che si presume abbiano connotazioni sudiste e quindi razziste. Suppongo che dovremo trovare una nuova parola per la direzione cardinale o il punto cardinale noto come “Sud”.

Poiché un criminale nero è morto per overdose di Fentanyl, il Congresso degli Stati Uniti, in gran parte un gruppo di uomini bianchi, ha votato quest’anno per rimuovere tutti i nomi associati ai confederati sconfitti dalla proprietà federale. Ecco Lee Barracks che prende il nome dal sovrintendente più famoso di West Point. Questa è l’azione di persone che hanno perso ogni fiducia nella loro razza e sono diventate servi di un’ideologia anti-bianca che le demonizza.

Non è solo il Sud che viene cancellato, ma i bianchi in generale. Ciò che sorprende è che il Sud se ne sta lì e se la prende. I cinema del Sud hanno persino smesso di mostrare “Via col vento” perché “insensibile”:

https://www.indiewire.com/2017/08/gone-with-the-wind-screening-canceled-orpheum-theatre-1201870021/

Che il Sud accetti la sua cancellazione dopo aver subito i crimini di guerra di Lincoln, Grant, Sherman e Sheridan è equivalente ai palestinesi che accettino la loro espropriazione per essere “terroristi”.

Se il film “Via col vento” è insensibile a qualcuno è ai bianchi del Sud che, insieme alla loro cultura, sono stati distrutti dalla guerra di Lincoln e trasformati in yankee che hanno sempre messo i soldi al primo posto. “Non avrò mai più fame”, dichiara Scarlet O’Hara. Ecco una Southern Lady trasformata in un banale Yankee per il quale il denaro è l’unico valore:

https://www.youtube.com/watch?v=C2jR62cTTKo

La guerra di Lincoln, come ha affermato più volte, era per preservare l’impero. Non aveva nulla a che fare con la schiavitù. La secessione del Sud non aveva nulla a che fare con la schiavitù. Era per una questione economica. Il Nord intendeva costruire la propria industria sfruttando economicamente il Sud. La reinvenzione di quella che viene erroneamente chiamata “guerra civile” come una questione sulla schiavitù è stata diretta non solo ai bianchi del sud, ma anche contro tutti i bianchi americani. Se ne dubitate, guardatevi attorno. Sono solo i bianchi Sudisti ad essere chiamati “razzisti sistemici” e “suprematisti bianchi”? Se siete troppo stupidi per conoscere la risposta, chiedete a Megan Kelly che ha tirato fuori i suoi figli dalle prestigiose scuole private di New York dove venivano indottrinati che erano razzisti bianchi. Guardate l’insegnamento obbligatorio degli Stati Democratici e dei distretti scolastici sulla Teoria Critica della Razza anche in tutte le scuole pubbliche bianche. Se sei un americano bianco, il governo Democratico ha ufficialmente posto un bersaglio sulla tua schiena e quella dei tuoi figli e nipoti, se il vaccino Covid ti consente di averne.

L’intero sistema educativo e politico americano è troppo stupido per comprendere che se una civiltà viene decostruita e c’è un collasso della società, non crollerà solo per i bianchi del Sud. Tutti i bianchi, i neri, gli ispanici, gli asiatici andranno giù nel crollo. L’unico modo in cui un Paese multirazziale può esistere è se tutti sono inculturati. Altrimenti non c’è unità. Una torre di Babele, la diversità, non è un Paese.

Per decenni l’opera di intellettuali liberali gentili ed ebrei “marxisti culturali” è stata la decostruzione dell’America. La decostruzione dell’America è davvero tutto ciò che è un’educazione liberale. Il prodotto dell’educazione americana sono generazioni di americani bianchi senza radici. Se pensate che avere radici non sia importante, ditelo ad Alex Haley. La serie TV basata sul suo “Radici” ha dato radici ai neri mentre intellettuali ebrei marxisti culturali e gentili liberali bianchi hanno cospirato per rendere gli americani bianchi senza radici e sradicati. Gli americani di oggi sono stati ridotti a un popolo colpevole che non merita nulla ma ha l’obbligo della restituzione. Restituzione significa farsi da parte e consegnare il potere alle “minoranze oppresse”. In altre parole, le etnie bianche sono così sottoposte a lavaggio del cervello contro sé stesse che le “minoranze preferite” non devono nemmeno fare lo sforzo di rovesciarle. I bianchi indottrinati si stanno rovesciando da soli.

Lo stesso vale in tutto il mondo occidentale. Ovunque i bianchi sono sulla difensiva, principalmente a causa di altri bianchi anti-bianchi. Sono stati i bianchi ad aprire le frontiere al superamento dei Paesi bianchi con etnie non bianche. È il presidente degli Stati Uniti, Biden, che si rifiuta di far rispettare le leggi statunitensi sull’immigrazione e consente di entrare nel Paese a piacimento ad immigrati invasori. In Europa – Macon, Merkel – è lo stesso. L’Italia è una barzelletta come Paese. La cittadinanza italiana è uno scherzo. Non ha senso. L’Inghilterra non è più l’Inghilterra. È una Torre di Babele. Il sindaco della sua capitale è musulmano. Solo il 40% della popolazione di Londra è britannica.

Da nessuna parte in Europa si stanno costruendo chiese cristiane, ma ovunque stanno sorgendo moschee.

Il famoso Gonville and Caius College dell’Università di Cambridge ha rimosso una finestra in memoria di Sir Ronald Fisher, un ex membro del college e fondatore della statistica moderna:

https://www.bbc.com/news/uk-england-cambridgeshire-53192576

Sir Ronald era anche interessato alla genetica, all’epoca un legittimo campo di indagine ma oggi demonizzata come razzista. Studenti di minoranze razziali non qualificati per essere a Cambridge, ma lì a causa del “valore della diversità”, hanno protestato che l’interesse di Fisher per la genetica significava che era un razzista e che il college stava sostenendo il razzismo avendo un memoriale per un famoso fondatore della Statistica. Anche gli assistenti si sono svegliati, persone senza capacità e di conseguenza assunta per mostrare “l’inclusione” dell’Università hanno protestato e la facoltà, emotivamente, intellettualmente, moralmente e fisicamente debole, ha ceduto e ha rimosso la memoria del fondatore della statistica moderna.

Mentre l’Università di Cambridge rimuove una finestra commemorativa per il fondatore della Statistica, la Cattedrale di Washington, a D.C. installa un criminale condannato e tossicodipendente, George Floyd, che si è suicidato con un’overdose di droga:

http://www.renegadetribune.com/washington-cathedral-to-install-razziale-justice-stained-glass-windows/

L’Università di Oxford è ancora in tumulto sul fatto che l’Oriel College rimuoverà la statua di Cecil Rhodes che ha dotato le prestigiose borse di studio Rhode di Oxford, una delle quali è stata assegnata all’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton. Rhodes era un colono in Africa e quindi un razzista e la sua “statua e tutto ciò che rappresenta” deve cadere, così dicono i destinatari della quota razziale assegnata alle borse di studio Rhode.

Queste persone sono così insensate che non riescono a capire che se Rhodes è razzista e la sua statua viene rovesciata, anche il prestigio delle loro borse di studio viene rovesciato. Sono screditate anche tutte le persone che hanno accettato le borse di studio razziste di Rhodes, incluso Bill Clinton. Sono per sempre etichettati come razzisti a causa della loro associazione con Cecil Rhodes.

In Gran Bretagna sembra che tutto ciò che fa un bianco sia razzista, persino indossare abiti di seconda mano:

https://www.lewrockwell.com/2021/09/no_author/backlash-as-students-reportedly-told-wearing-second-hand-clothes-can-be-example-of-white-privilege-in-mandatory- test-diversità/

James Watson, co-scopritore con Francis Crick della struttura a doppia elica del DNA e premio Nobel per la scienza è stato dichiarato razzista ed escluso dal laboratorio di ricerca da lui fondato. Uno degli scienziati più illustri e importanti del nostro tempo è stato spinto nel buco nero orwelliano da punk da quattro soldi assunti in quote universitarie.

Questo è il mondo occidentale di oggi. È folle. La scienza, i fatti, la verità, non hanno autorità alcuna. La civiltà occidentale è stata svuotata. Non ne rimane nemmeno un sacchetto di carta bagnato. Il mondo occidentale è militarmente impotente, non ha leadership ed è stato sconfitto in Afghanistan da poche migliaia di talebani armati alla leggera ed è scappato dall’Afghanistan in totale disordine per mano di una semplice milizia. Come il presidente Eisenhower avvertì il disinvolto popolo americano 60 anni fa, il complesso militare/di sicurezza è alla ricerca della vostra democrazia. Vogliono i vostri soldi che otterranno a tutti i costi e voi, essendo stupidi e disinvolti, glieli darete.

Una previsione corretta.

Gli Stati Uniti ora hanno un esercito femminizzato, omosessualizzato e transgender che costringe i soldati e gli ufficiali bianchi a seguire un “addestramento sulla sensibilità razziale” e ad imparare che sono razzisti e non sono autorizzati a commettere razzismo disciplinando le truppe nere. Né possono essere misogini se disciplinano le truppe femminili. Né possono essere transgenderfobici disciplinando uomini che affermano di essere donne o donne che affermano di essere uomini.

Questo è l’esercito americano oggi. Come si può essere orgogliosi di servire in un’organizzazione così incasinata?

È un esercito inutile, ma costa agli americani 1.000 miliardi di dollari all’anno, una somma enorme che drena risorse disperatamente necessarie a molti usi molto più importanti dei profitti del complesso militare/di sicurezza.

L’inevitabile conclusione è che gli americani siano ostaggio della demonizzazione dell’etnia bianca che ha creato il Paese. Tutti i leader e gli eroi americani, come George Washington e Thomas Jefferson, sono razzisti e uomini malvagi che hanno oppresso i neri e le donne e hanno creato una Nazione basata sulla schiavitù. Se non ci credete, consultate il progetto 1619 del New York Times o il consiglio scolastico locale.

Il mondo occidentale è così impotente nella sua totale mancanza di fiducia in sé stesso che si lascia invadere da immigrati-invasori.

Jean Raspail ha descritto la fine dell’Occidente nel suo libro del 1973 “Il campo dei santi”. Stiamo vivendo la sua descrizione. I nostri giorni stanno finendo.

Se ne dubitate, pensate al vostro diritto all’autotutela. A St. Louis, nel Missouri, una coppia che ha difeso la propria casa dall’essere invasa da Antifa e Black Lives Matter brandendo armi da fuoco è stata arrestata e accusata di aver difeso la loro proprietà.

Per quanto posso discernere, da nessuna parte in Europa o nel Regno Unito è permesso a una persona di difendersi con un’arma da fuoco. Le pistole sono vietate. Se vieni attaccato da una “minoranza preferita” devi subirne le conseguenze o andare in prigione per un crimine d’odio. Oggi difendersi da un non bianco, se si è bianchi, in Europa è un probabile crimine d’odio.

La rimozione dalle etnie bianche del diritto all’autotutela completa lo sradicamento delle etnie bianche. Privi di fiducia e di fiducia in sé stessi, le etnie bianche si sono gettate nel cestino della storia.

*****************************************************

Articolo originale di Paul Craig Roberts:

https://www.paulcraigroberts.org/2021/10/06/the-deracination-of-white-etnicities/

Costantino Ceoldo

Notifica di
38 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
2 Novembre 2021 8:34

ms qualcuno si accorge che questo PCR è uno sporco razzista?

AlbertoConti
AlbertoConti (@albertoconti)
Redazione CDC
Risposta al commento di  Violetto
2 Novembre 2021 9:40

Ed è anche complottista, nel senso che studia i razzismi così come studia i complotti.
PCR è uno dei pochi americani che stimo. Purtroppo ha la sfiga di essere americano.
Ad es. quando scrive “La guerra di Lincoln, come ha affermato più volte, era per preservare l’impero. Non aveva nulla a che fare con la schiavitù.” per difendere una causa ne deve sacrificare un’altra. E’ la condanna di chi cerca la verità.

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
3 Novembre 2021 5:57

Ah ,ma allora ,non è QUEL PCR,beh il mio intervento vale lo stesso!

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
3 Novembre 2021 1:14

“ms qualcuno si accorge che questo PCR è uno sporco razzista?”

Prendendoti una meritata pausa dall’abituale trolleggiare su cifre e dati farlocchi, ti avventuri su altri terreni con esiti ancora peggiori. Infatti, dare lo squallido e scontato insulto di “sporco razzista” a qualcuno che espone onestamente degli argomenti che non ti prendi il disturbo di confutare, è cosa di una bassezza abissale, che ti descrive alla perfezione.

Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
3 Novembre 2021 9:09

il primo comandamento del buon troll è non rispondere mai nel merito. il secondo è screditare l interlocutore come tu fai (cifre farlocche. in realta mi hanno accusato di credere ai dati ufficiali…) senza specificare.

uno che parla di problema di etnia è razzista.
fine

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da Violetto
sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
3 Novembre 2021 5:41

Ma se è da una vita ,parole e scritti al vento,che vado catechizzando:il PCR È TEST FASULLO,altro che razzista e complottista,quando mai oggetto di stima,quando mai!
PCR acronimo:per certo raggiro.
E allora ditelo,quello che entra da un orecchio esce dall’altro.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da sbregaverse
danone
danone (@danone)
Utente CDC
2 Novembre 2021 8:55

Non vedo un minimo di auto-critica in Roberts per il comportamento dei bianchi americani, non quelli sradicati di oggi, ma quelli super fighi del tempo andato dell’epopea americana. Chi ha de-portato i neri in america? Chi ha invaso il mondo esportando demon-crazia e sterminando tranquillamente sub-umanità colorate di tutti i tipi, perchè ree nella loro incivile inferiorità, di essere nemiche di libertà, civiltà e democrazia? e chi sarebbe oggi l’eroe che incarna l’apice bianco del mondo migliore di sempre in fatto di valori di inclusione, di pace e di fratellanza? Ma il mitico Biden, leader indiscusso e stra-carismatico del mondo più civilizzato ed evoluto che c’è. Chi ha vissuto con un tenore di vita, il più alto del pianeta, che a detta dagli stessi leaders americani non poteva e doveva in nessun modo mai essere messo in discussione? Capisco le preoccupazioni di Roberts per lo sradicamento del popolo bianco americano, perchè lo è davvero, ma la responsabilità è delle classi dirigenti, ovviamente bianche, anglosassoni e protestanti, wasp, che ovunque si siano affermate, hanno costruito società classiste e razziste, dove loro ovviamente da top class, dirigono le sorti del paese, sottomettendo tutte le classi subalterne ai lavori forzati. E’ oltremodo palese… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da danone
Tashtego
Tashtego (@tashtego)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
2 Novembre 2021 16:32

Però i neri che deportavano si facevano delle robe fra tribù opposte che altro che razzismo… Bisogna smetterla con il contrapporre bianchi e neri. Spesso i più forti nella storia hanno inflitto enormi sofferenze ai più deboli. Spesso i neri non erano diversi con le tribù circostanti più deboli… I Romani come gli altri popoli schiavizzavano gli sconfitti, anche se bianchi. Fino ad un certo punto della storia la schiavitù è stata accettata come “normale”. bisogna uscire da questa logica. La deportazione e la schiavitù vanno condannate, ma non vanno usate per scopi che nulla hanno a che vedere con l’evoluzione ed il progresso umani.

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
3 Novembre 2021 1:34

“Non vedo un minimo di auto-critica in Roberts per il comportamento dei bianchi americani”…
Beh, l’autocritica è senza dubbio una cosa positiva, che presuppone però una situazione minimamente accettabile, in cui sia possibile un dibattito obiettivo. Se ti attaccano da tutte le parti, la legittima difesa prende il sopravvento.

“Chi ha deportato i neri in america?”
Dei mercanti che usavano a tal fine delle navi i cui proprietari pare appartenessero in gran parte ad una certa etnia mediorientale, ma non ricordo quale… Ma la vera domanda è: chi li catturava e poi li consegnava ai negrieri, quei poveri disgraziati? Altri africani! Fatto su cui si tende a glissare. Como anche sulle atrocità sempre commesse con gioioso impegno da tutte le razze, le etnie e le culture umane su questo pianeta, ogni volta che ne hanno avuto la possibilità, per cui la demonizzazione dei bianchi, americani o meno, va gentilmente e legittimamente rispedita al mittente.

danone
danone (@danone)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
3 Novembre 2021 1:45

Bruno io non demonizzo i bianchi, come non demonizzo nessuna razza, nel mio commento demonizzo le elite, anzi si sono demonizzate e satanizzate da sole, e nel caso USA sono elite wasp, innegabilmente, responsabili della deportazione africana, responsabili dello sterminio dei nativi e responsabili delle guerre dell’imperialismo anglo-americano degli ultimi 80 anni, per non parlare di tutte le spinte neo-schiavili della globalizzazione responsabili della estrema povertà di tre-quarti di umanità, che partono dagli stessi ambienti elitari.
Direi che ce n’è a basta, ma non fraintendermi, ripeto, non ce l’ho con la povera gente, di qualunque colore sia.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da danone
BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
3 Novembre 2021 5:57

Certo, non mi riferivo a te, era una considerazione generale. In quanto alle elites anglo-americane, le ho sempre detestate: avendo avuto molto successo sono quelle che hanno fatto i maggiori danni nel mondo, insieme ai loro soci khazari. Senonché, il continuo piagnisteo anti-bianco e le assurdità che racconta PCR riescono a farmele diventare quasi simpatiche.

Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
3 Novembre 2021 10:52

“Come anche sulle atrocità sempre commesse con gioioso impegno da tutte le razze, le etnie e le culture umane su questo pianeta, ogni volta che ne hanno avuto la possibilità”

Mi sembra un’affermazione discutibile, probabilmente si potrebbe affermare che sono esistiti, ed esistono, individui di tutte le razze, ecc. che ogni volta che ne hanno avuto la possibilità ecc.

E anche sulla capacità di infliggere atrocità ci sarebbe da discutere.

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
3 Novembre 2021 17:01

La maggioranza dei latinoamericani ha un comprensibile risentimento verso la Spagna, di cui si ricordano gli orrori della Conquista e l’oppressione coloniale. Ma prima che arrivassero i Conquistadores, cosa facevano le etnie mesoamericane e andine? Si combattevano e massacravano tra loro con la massima crudeltà: all’inizio tribù, poi potentati e infine stati. Gli Incas sono celebrati da molti, giustamente, come il paradigma dello splendore preispanico: eppure erano imperialisti fino al midollo, e sterminavano senza pietà chiunque opponesse loro resistenza.
In quanto alle atrocità, se pensiamo ai “costumi” di molti popoli ci rendiamo conto che noi bianchi siamo nella media: la differenza l’ha fatta solo il gap tecnologico, a partire dal Rinascimento.

Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
3 Novembre 2021 20:22

Facevano guerre rituali, concordate preventivamente dai sacerdoti dei due belligeranti, che ponevano modalità e regole particolareggiate, anche per il dopo e per il successivo trattamento dei prigionieri.

Costumi difficili da comprendere se non ci si addentra per bene.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
4 Novembre 2021 7:07

Si, esisteva anche quel tipo di cose, non c’è dubbio che fossero civiltà assai diverse dalla nostra. Ma quando ad esempio gli Incas distrussero il regno di Chimor, o quando annientarono etnie del Perú settentrionale che resistevano all’annessione, non c’era nulla di rituale e concordato.
I costumi possono cambiare, ma la ferocia e l’imperialismo sono fenomeni universali.

Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
4 Novembre 2021 9:48

Nella società umana esistono i guerrieri, come esistono altre tendenze per celebrare la vita.

Nell’antica India i re si facevano la guerra (anche) per proprio divertimento personale e per tenere occupati i guerrieri, ci sono passi che descrivono sanguinosi scontri mentre, accanto, i contadini continuano il loro lavoro indisturbati.

La drammatica evoluzione delle comunicazioni, unita a altri fenomeni sconosciuti ai nostri antenati, separano la nostra epoca dal passato e rendono indispensabile un’organizzazione sociale adeguata.

A meno di smontare tutto, cosa impossibile o di mettere la testa nella sabbia in massa (cosa che stiamo tentando di fare da molto tempo e in vari modi).

Secondo alcuni, Steiner per es., l’umanità vive delle età che si succedono, come l’uomo.

In due righe…

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
4 Novembre 2021 17:03

Sottoscrivo ogni parola, in particolare il fatto che viviamo in un’epoca radicalmente diversa dal passato. Per far solo un esempio, le aristocrazie andavano di persona a combattere e morire per il Santo Sepolcro, oggi le elites mandano contractors e droni a depredare il pianeta. In India e nel resto del mondo esistevano il senso del Sacro e costumi nobili… Oggi le cose sono un pò diverse.
Nei commenti è inevitabile semplificare. Comunque ferocia e crudeltà sono caratteristiche umane, da sempre, e per tornare al tema, penso che i bianchi non siano peggiori degli altri. Certo che oggi i danni conseguenti possono essere esponenzialmente maggiori, al punto di rischiare l’estinzione.
Una nuova organizzazione sociale è probabilmente necessaria, ma non vedo un futuro finché esisteranno gli attuali dominanti.

halak
halak (@halak)
Utente CDC
2 Novembre 2021 9:55

Si può essere razzisti anche contro se stessi. Sì, credo che Craig Roberts abbia ragione: l’occidente ha tanta voglia di suicidarsi. Anche la follia covid lo dimostra.

Mario Poillucci
Mario Poillucci (@mario-poillucci)
Utente CDC
2 Novembre 2021 10:16

”il loro paese diventi la Torre di Babele”!!! Sappiamo quale fu la sua fine!!! Accade ancora, avviene sotto gli occhi di tutti ma sembra che non freghi un cazzo a nessuno!!!! Complimenti vivissimi!

Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
2 Novembre 2021 11:07

Trovo interessante questo atteggiamento di PCR, mostra come ragiona un americano, come affronta le problematiche più complesse, senza nemmeno sospettare che si possa adeguare una mentalità adagiata sulla scarna dicotomia grazie alla quale ha potuto prevalere nell’era della tecnica e dell’imprenditorialità devastante.

Ciò che descrive può accadere proprio grazie e per mezzo della trionfante pochezza celebrata lungamente, sfruttata in mille modi, spregiudicatamente spettacolarizzata, e imposta urbi et orbi da più di mille (1.000) basi militari e guerre ininterrotte anche contro realtà insignificanti.

PS – È difficile da spiegare ma la spia di un precipitare dell’equilibrio generale nella società yankee, per me, è stato l’affaire che ha minato il potere di Harvey Weinstein, a prescindere dal pretesto che ha comunque un aspetto fortemente simbolico, e con lui ha travolto Hollywood.

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
PietroGE
PietroGE (@pietroge)
Utente CDC
2 Novembre 2021 11:11

“I bianchi sono stati sottoposti a lavaggio del cervello per decenni sul loro razzismo, sul bisogno di diversità e multiculturalismo”
Questa è la ragione profonda del masochismo culturale e della volontà di suicidio dei bianchi sia quelli americani che europei. Noto che un simile disprezzo per la propria identità etnica e religiosa e una invasione come quella che sta avvenendo nei Paesi occidentali non esiste in nessuna altra parte del mondo e che solo in Europa e negli USA viene colpevolizzata la popolazione (bianca) per crimini commessi in tempi remoti o addirittura per crimini inventati. Si arriva addirittura al senso di colpa per le crociate dimenticando quello che era successo prima. Da qui l’importanza della gestione dei mezzi di comunicazione perché è con questi che si manipola il popolo e si fanno gli interessi delle lobby di potere. Il primo passo per la sopravvivenza della etnia europea è il controllo dei media, poi la verità storica.

nicolass
nicolass (@nicolass)
Utente CDC
2 Novembre 2021 11:20

Lo sapevo che dovevo nascere nero, gay e con tendenze transgender.. certe fortune capitano sempre agli altri

casalvento
casalvento (@vento)
Utente CDC
2 Novembre 2021 12:33

Quanta strada ha fatto il virus dell’egalité!

Eugiorso
Eugiorso (@eugiorso)
Utente CDC
2 Novembre 2021 14:05

Questo lungo articolo mi ridà un po’di speranza sulla possibilità di una guerra civile negli usa, non in tempi biblici, ma forse, si spera, in tempi ragionevoli, almeno nel medio periodo.
Ci sono i presupposti per il collasso dall’interno degli usa, e Paul Craig Roberts con questo articolo sembra confermarlo, almeno indirettamente.
Il collasso/ seconda guerra civile usa significherebbe privare l’élite finanza-globalista-giudaica della sua principale “base” nel mondo, significherebbe la fine ingloriosa della nato e, di conseguenza, quella dell’infame unione europoide …
Dal punto di vista geopolitico e geostrategico significherebbe la vittoria – si spera senza sparare un colpo o quasi – delle Potenze Libere come la Federazione Russa, la quale potrebbe estendere a dismisura la sua (benefica) influenza anche nell’Europa occidentale e in Italia, con grandi benefici per noi …
Quanto precede è ciò che veramente dovrebbe importarci e per quanto riguarda gli usa … come una victoria nulan a rovescio si potrebbe affermare “Fuck the usa!”.

Cari saluti

uomospeciale
uomospeciale (@uomospeciale)
Utente CDC
Risposta al commento di  Eugiorso
2 Novembre 2021 15:07

Guarda che in Europa siamo messi molto peggio. Almeno in America esiste il concetto di autodifesa di sè stessi e della propria casa se occorre anche con l’uso delle armi. Qui in Europa invece, i vari governi vogliono i cittadini inermi, passivi, e pronti a porgere la gola sia allo stato che alla criminalità comune, come pure all’invasione di qualsiasi altra cultura. Ci vogliono tutti docili e ubbidienti come pecore. Infatti non a caso viene insegnata e propagandata da tutti i media solo l’ubbidienza il conformismo, la tolleranza, la condiscendenza.. Concetti come onore,coraggio e violenza anche quando sono inevitabili e pienamente giustificati delle circostanze… Vengono sempre stigmatizzati e bollati con un marchio di infamia perchè sono scomodi e ingestibli per lo stato. Anche in Italia è così: Infatti lo stato non ha alcun interesse a lasciare i suoi cittadini liberi di difendersi dalla criminalità, perchè se passasse il concetto che un cittadino può difendersi con la violenza e con le armi da un delinquente, allora si aprirebbe la porta al concetto che è giusto difendersi ANCHE dallo stato, quando esso si comporta come un delinquente. E questo dal loro punto di vista è inammissibile: La pecora può solo belare, mai… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da uomospeciale
natascia
natascia (@natascia)
Utente CDC
Risposta al commento di  uomospeciale
2 Novembre 2021 21:07

Siamo governati da lupi travestiti da agnelli. Da lungo tempo.
Progetti ottocenteschi .
Elite ricchissime che si ispirano fintamente al socialismo, ma che temono la grandezza e il potere delle masse. In questo momento temono la massa bianca.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da natascia
sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  natascia
3 Novembre 2021 8:58

Il lupo ha una certa dignità:preferirei sciacallo anche iena.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da sbregaverse
Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Novembre 2021 11:56

Però sulle Alpi sono ricomparsi i lupi…

Gli sciacalli sono già segnalati da diversi anni, le volpi non ci hanno mai abbandonati.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
3 Novembre 2021 15:01

A ROMA le iene tengono lontano dal loro areale di pastura centrale: cinghialoni,confinati nelle periferie.

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da sbregaverse
Primadellesabbie
Primadellesabbie (@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
5 Novembre 2021 10:37

Le iene hanno legiferato che il maiale non può essere macellato che dopo una costosa visita del veterinario, così “il popolo” ha disimparato a farsi salami e salsicce.

I cacciatori di frodo, che fanno parte del “popolo”, hanno improvvisamente paura di prendersi tremende malattie macellando cinghiali cacciati di nascosto, come hanno fatto da tempi immemorabili, e questi prolificano beati tra piazze e viali.

Ultimo aggiornamento 22 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
uomospeciale
uomospeciale (@uomospeciale)
Utente CDC
2 Novembre 2021 14:39

Non serve leggere questo lenzuolo per rendersi con di come in tutto l’occidente i bianchi di radice cristiano occidentale abbiano deciso di un pezzo di estinguersi, basta guardare il tasso di fecondità. Ma le ragioni non sono solo la cosidetta “cancel culture” o la “Black Lives Matter” ma anche e sopratutto il femminismo, che ha instillato per quasi 50 anni l’odio, il conflitto, e il sospetto tra i sessi trasformando in rivali e nemiche quelle che un tempo erano le nostre compagne di vita e per le quali noi poveri stolti abbiamo sempre tirato il carretto. Non c’è da stupirsi se in queste condizioni il tasso di fecondità tra i giovani sia ampiamente al di sotto del ricambio generazionale e molto al di sotto della soglia di sopravvivenza etnico-razziale e culturale. In tutta Europa milioni di giovani uomini occidentali stufi di dover difendere una società e una cultura che li discrimina, li disprezza, li sfrutta, e li colpevolizza per il solo fatto di essere uomini bianchi, ( Quindi in base alla propaganda, doppiamente ed eternamente colpevoli sia verso le donne occidentali che verso qualsiasi straniero proveniente da qualsiasi paese e cultura del mondo ) Hanno semplicemente deciso di farsi da… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da uomospeciale
Bertozzi
Bertozzi (@bertozzi)
Utente CDC
Risposta al commento di  uomospeciale
3 Novembre 2021 13:35

Più che femminismo direi boomerismo.

JA
JA (@ja)
Utente CDC
2 Novembre 2021 15:11

Non mi stupisco dato il nome e cognome dell’autore, ma son le solite accuse generalizzate che poi lasciano il tempo che trovano, fino a che non si trovano i maggiori responsabili che spingono allo sradicamento dei popoli infiltrati a cominciare dal giudeo-bolscevismo.
A chi appartengono gran parte dei media? E chi maggiormente beneficia dal “volemose bene” della civiltà infiltrata restando però profondamente radicato nella sua mistica razziale da popolo eletto?

“È nell’interesse ebraico, è nell’interesse dell’umanità che i bianchi sperimentino un genocidio. Fino a quando i bambini bianchi non vengono bruciati vivi, le donne bianche violentate, mutilate, assassinate e tutti gli uomini bianchi che non sono stati massacrati guardino impotenti mentre il loro popolo viene terrorizzato; solo allora l’umanità sarà su un piano di parità, pronta a discutere del privilegio bianco e dell’apparente risentimento che hanno le minoranze.” Rabbino Ishmael Levitts
https://fgcp.org/image/quote-ishmael-levitts

JA
JA (@ja)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
2 Novembre 2021 16:12

E chi di giudeo-bolscevismo (come già il giudeo-cristianesimo con l’impero romano) e del suo potenziale distruttivo nelle civiltà infiltrate ne sà qualcosa per esperienza più che diretta:
“Gli attivisti americani “Woke” sono come i comunisti bolscevichi, afferma il presidente russo
Il presidente russo Vladimir Putin, un ex tenente colonnello del KGB, ha fortemente criticato i “Woke”, i guerrieri della giustizia sociale negli Stati Uniti e in Europa, sostenendo che si comportano proprio come si comportavano i comunisti bolscevichi nell’ex Unione Sovietica. Sono governati da un “dogmatismo che rasenta l’assurdo”, ha affermato, osservando che “cancellare la cultura” non è altro che una “discriminazione inversa”… “I sostenitori del cosiddetto “progresso sociale” credono di introdurre l’umanità a una sorta di nuova e migliore coscienza”, ha detto Putin… “Ripeto, questa non è una novità; negli anni ’20, i cosiddetti Kulturtraegers [portatori di cultura] sovietici inventarono anche una neolingua credendo di creare una nuova coscienza e di cambiare i valori in quel modo. E, come ho già detto, hanno fatto un tale casino che a volte fa ancora rabbrividire.”
https://www.cnsnews.com/article/international/michael-w-chapman/putin-woke-culture-us-just-bolsheviks-dogmatism-bordering

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
3 Novembre 2021 1:01

“Ovunque i bianchi sono sulla difensiva, principalmente a causa di altri bianchi anti-bianchi. Sono stati i bianchi ad aprire le frontiere al superamento dei Paesi bianchi con etnie non bianche”. Esatto, i bianchi “liberal” (da noi piddini, antifa, fauna polcor e “sinistra” in generale) sono il nemico principale, che lavora alacremente per la distruzione della nostra civiltà, o di quel che ne rimane. Essi lavorano però per conto di altri, che li finanziano e li istruiscono: costoro furono a suo tempo individuati e combattuti da qualcuno che, per tale ragione, è passato alla Storia come l’incarnazione del male e della follia. Ma è anche vero che se ti lasci insultare e umiliare, se ti inginocchi davanti a dei vagabondi, se accetti di cambiare nomi alle tue strade e buttare nella spazzatura le statue dei tuoi avi, se temi di “offendere” qualcuno mentre ti sputano in faccia, la colpa è tua – cioé nostra – come riconosce lo stesso PCG. Non ci sono lavaggi del cervello che tengano: un popolo sano reagisce. Ma noi sembriamo invece optare per il suicidio: pazienza, nulla è eterno in questo mondo, lasciamo pure gli altri godersi il meraviglioso mondo che li aspetta quando gli odiati… Leggi tutto »

oriundo2006
oriundo2006 (@oriundo2006)
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
9 Novembre 2021 21:47

Bianchi anti-bianchi: a caso, cazari ? La cosa avrebbe un senso…

Armin
Armin (@armin)
Utente CDC
3 Novembre 2021 13:46

Le povere “élite” occidentali, non sono così intelligenti come pensano! Puntare sul Terzo Mondo e sui Terzomondiali per sconfiggere gli Europei (NB sono così colte le “élite” che non sapevano dei Popoli dell’Estremo Oriente!) denota un QI mediocre!
Punto primo, i Terzomondiali non sono molto produttivi, punto secondo sono molto malati, molto ma molto malati, poveretti. Perfino negli Stati Uniti è sfuggito che i Terzomondiali sono in calo. Scacco matto.

oriundo2006
oriundo2006 (@oriundo2006)
Utente CDC
3 Novembre 2021 15:29

A questo punto, quello che ci possiamo chiedere, e lo dobbiamo, e’ se: questa ondata di odio etnico ( si’ e’ proprio cosi’ ) possa o meno inaugurare la nascita e lo sviluppo una nuova nazione americana se anche l’ Europa nel suo complesso possa o debba attuare una simile revisione delle sue basi ‘etnico-sociali’ ( si’ ancora, perche’ e’ questo l’ obiettivo di fondo ) se tutto cio’ sia utile a inaugurare una ‘nuova societa’ e su quali presupposti questo debba avvenire. La denuncia di PCR e’ corretta ma oramai la situazione pare irreversibile ‘rebus sic stantibus’, ovvero: senza una contro-rivoluzione ‘bianca’ e conseguente possibile guerra civile oppure con un ‘salto’ culturale che depotenzi la questione evitando vetuste letture marxiane come anche lotte confessionali, con un sano e robusto ritorno alla ragione o con un exit in massa del mondo coloured verso uno stato come la Virginia o la Luisiana ( e’ stato proposto ) da colonizzare ad uso esclusivo oppure infine con una compensazione culturale delle basi del gap di istruzione generale che dipende da complesse motivazioni anche insite nella ‘controcultura’ marginale dei ghetti e nel sistema educativo ampiamente deficitario del mondo americano Rammento che politicamente parlando la… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 24 giorni fa effettuato da oriundo2006
38
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x