Home / Attualità / Lo show di Khan Sheikoun – “Un nuovo presidente”, orgogliosamente presentato dalle Produzioni Trump

Lo show di Khan Sheikoun – “Un nuovo presidente”, orgogliosamente presentato dalle Produzioni Trump

FONTE: MOON OF ALABAMA
L'”attacco chimico” di Khan Sheikhoun è stato una messa in scena, anche se un certo numero di persone sono state uccise o ferite durante la sua produzione.
Questo VIDEO, ad esempio, di medici e pazienti in una stanza per le emergenzeè stato teatro puro. Il  presentatore è un noto criminale Takfiri collegato ai servizi britannici. L’intero spettacolo è stato messo a punto, presumibilmente da specialisti, per adattarsi agli schermi televisivi statunitensi.
Non ci sono state scene che mostravano le vittime nei luoghi dove sono stati uccise col gas. Non è stato mostrato alcuna casa o posto di lavoro – solo centri di soccorso. I maschi “vittime” erano rasati, pur vivendo in terra di al-Qaeda. C’erano anche due bambini “siriani” biondi per convincere l’elettorato razzista che una “vendetta” era necessaria e giusta. Proprio come nel film Wag The Dog (VIDEO) . Ora è razzistta opporsi alla guerra!
 

Il fumettista Scott Adams, uno dei pochi a capire lo stile di persuasione di Trump ed a predirne vittoria, osserva:

Sembra quasi come se qualcuno abbia progettato questa “tragedia” su misura per far leva sulle pulsioni di Trump. E proprio quando le cose in Siria si stavano dirigendo in una direzione positiva.

L’attacco col gas mi sembra una gran messinscena, è un po’ troppo perfetto per essere naturale.

Come risponde dunque un maestro persuasore ad un falso crimine di guerra?
 
Se è intelligente, lo fa con una falsa risposta.

 La risposta americana non è stata del tutto finta, ma piuttosto ridotta. La base era stato avvertita ed evacuata. Tutti gli apparecchi mobili e preziosi erano stati portati via. L’attacco è stato più piccolo di quanto pianificato. Il ministero della Difesa russo dice che solo 23 missili da crociera su 59 hanno colpito la base, gli altri sono stati abbattuti dalla difesa aerea o deviate dalle famose  contromisure elettroniche russe. Il Pentagono insiste che tutti e 59 siano andati a bersaglio, ma le immagini ed il video della base mostrano danni solo ad 11 rifugi aerei. Sono stati colpiti anche un radar, un lanciamissili ed un deposito di carburante: troppo poco per 59 impatti. La base era nuovamente in uso 12 ore dopo l’attacco, sintomo della sua non particolare gravità.
Adams insinua che Trump non abbia deciso l’attacco. Come se questo fosse stato fatto perché poi il presidente lo vedesse. Perché lo pensa? Crede che la CIA abbia operato senza l’assenso di Washington?
Le scene non sono state create per Trump. Sono state costruite da lui per il pubblico “occidentale”. Hanno il suo stile di persuasione., lo stesso che ha usato in campagna elettorale e che l’ha fatto vincere. Aveva molte ragioni per creare un tale incidente.. Ha coinciso con la visita del presidente cinese Xi. Questa è stata una trovata di Trump, una sua produzione. I bambini biondi erano lì per permettergli di dire la sua battuta finale: “Dei bambini bellissimi sono stati crudelmente assassinati“.
 

Il presidente voleva apparire forte e sbarazzarsi delle accuse di collusione con Putin. Ecco un mio tweet inviato la sera prima dell’attacco:

Moon of Alabama‏ @MoonofAPrediction:
If Trump now commits to war on Syria the anti-Trump “Russia spies” campaign will immediately stop.
Ransom paid, hostage released
8:23 PM – 6 Apr 2017

Quelli che prima avvertivano che Trump avrebbe scatenato una terza guerra mondiale ora lo lodano per averlo quasi fatto:
NYT, WaPo, WSJ, USAToday, DailyNews, SJ Mercury News, Houston Chon e Chicago Sun Times: tutti ora lo incensano.
 Le interferenze russe sono acqua passata. Gli anti-Trump applaudono l’intervento e ne vogliono di più, compreso un regime change a favore di al-Qaeda.

Altri attacchi potrebbero seguire, il precedente è stato creato. Ogni volta che al-Qaeda ad Idlib avrà bisogno di aiuto vedremo un altro falso “attacco chimico”. Trump ne farà altri o riuscirà a contenersi? È stato uno spettacolo una tantum o diventerà seriale?

La risposta siriana, iraniana e russa sarà un’intensificazione delle operazioni ad Idlib. Abbatteranno i “ribelli” e spingeranno ancor più truppe in quella direzione. Gli aerei russi sulla Siria sono stati richiamati. Il Belgio ha già detto che la propria forza aerea non parteciperà più ad alcuna operazione della “coalizione” americana in Siria. Altri seguiranno questo esempio. Una risposta asimmetrica altrove seguirà più tardi. Le forze statunitensi in tutta la regione farebbero bene a guardarsi le spalle.

Alcuni si chiedono perché le critiche cinesi all’ONU o nell’incontro Xi-Trump siano state così tiepide. Pechino sarebbe felice se gli americani si impantanassero ancor di più in Medio Oriente: se gli Stati Uniti fossero occupati in Iraq, Yemen e Siria, avrebbero infatti meno capacità di infastidire la Corea del Nord o cercare un conflitto su questo o quell’atollo del Mar Cinese Meridionale. Non li biasimo per questa posizione.

Bonus: Un highlight del giornalismo americano contemporaneo è questa raccomandazione della CNN:
Jake Tapper @jaketapper

For more on Syria follow @AlabedBana
4:59pm · 4 Apr 2017

Fatelo! Informatevi! Seguite la figlia di 7 anni di un Takfiri siriano in Turchia. Lei non sa parlare o scrivere in inglese, ma sa come manipolare il pubblico. I suoi produttori l’hanno fatta sembrare più intelligente di quel che Tapper sarà mai. (Per informazioni sullo sfruttamento M.I.T./MI-6 dei bambini, vedere qui ).

Bana Alabed @AlabedBana
Putin and Bashar al Asad bombed my school, killed my friends & robbed my childhood. It’s time to punish the killers of children in Syria.
10:09am · 7 Apr 2017

AGGIORNAMENTO: Jake Tapper ha cancellato il tweet qui sotto, ma noi siamo riusciti a fare comunque lo screenshoot  🙂

 
Fonte: www.moonofalabama.org
Link: http://www.moonofalabama.org/2017/04/trumps-khan-sheikoun-production.html
8.04.2017
Traduzione perv www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

4 Commenti

  1. Lunga vita alla Siria sovrana di assad

  2. Si è impossessato della scena mediatica, non si parla più dell’attacco chimico e di una possibile rappresaglia o invasione della Siria, ora tutta l’attenzione è concentrata su Trump, questo atteggiamento si può accomunare all’attenzione che Berlusconi esercitava fino al 2011 sulla scena politica italiana.

  3. A proposito di “fiction” ci sta pure quella della Nato che cerca presenze russe per un set realistico da utilizzare per l’addestramento.
    http://thesaker.is/in-germany-nato-films-freedom-shock-against-russian-speaking-civilians/