Letteralmente il peggior Hitler di tutti i tempi

C.J. HOPKINS – JUNE 10, 2020

Così, il Putsch di Minneapolis della Resistenza GloboCap(italista) sembra non essere andato esattamente secondo i piani. Ancora una volta, Trump non è riuscito a diventare un Hitler a pieno regime, nonostante i loro migliori sforzi per spingerlo a farlo. Tuttavia, hanno dato un bel colpo. È stata più o meno un’operazione di cambio di regime da manuale, o “rivoluzione colorata”, o come volete chiamarla. Tutti i pezzi essenziali erano al loro posto. Bastava solo che Trump si dichiarasse dittatore e imponesse la legge marziale, per far sì che i generali potessero intervenire e rimuoverlo dall’incarico.

Purtroppo per la Resistenza, Trump non lo fece. Invece, ha fatto quello che fa di solito, cioè fare la figura dell’idiota alla televisione internazionale. Il che… OK, è stato imbarazzante, ma non ha fornito alla gang GloboCap il pretesto di cui avevano bisogno per farlo uscire dallo Studio Ovale. Il che, inutile dirlo, è stato incredibilmente frustrante. Dopo quattro lunghi anni di preliminari propagandistici, eccoci finalmente al momento della verità, e Adolf va a perdere l’erezione.

Questo tizio è letteralmente il peggior Hitler di sempre.

Tuttavia, per quanto riguarda le operazioni di cambio di regime, e dato che questa è stata un’operazione interna, così complicata rispetto alla solita versione straniera, darei alla Resistenza un B+ per lo sforzo.

Ora, prima che i miei lettori “teorici della cospirazione” si entusiasmino troppo per sapere dove sto andando a parare con questa rubrica… no, non si è trattato di una “falsa” rivolta. Al centro c’è stata un’autentica rivolta. C’è sempre un’autentica rivolta al centro di ogni operazione di cambio di regime, o almeno del tipo che GloboCap sta portando avanti e tentando di recente. Tunisia, Libia, Egitto, Siria, Siria, Ucraina, Bolivia, Venezuela; queste cose vanno più o meno secondo i numeri.

Ecco un breve riassunto di come funziona.

In primo luogo, sono necessari i disordini civili, le proteste su larga scala, le rivolte, i saccheggi, la violenza indiscriminata e così via. Qualsiasi numero di “eventi scatenanti” sarà sufficiente per far partire tutto questo. Una volta che lo è, potete farlo crescere e focalizzarlo. Molti di questi disordini devono essere autentici, quindi è meglio condurre una travolgente campagna di propaganda pluriennale per delegittimare e demonizzare il vostro bersaglio come una sorta di mostro hitleriano, traditore, responsabile di tutti i principali problemi del paese. In questo modo, non importa quale evento scatenante faccia partire le cose, la colpa sarà sua.

Vorrete che i vostri funzionari del governo locale permettano che questi disordini civili continuino fino a quando non raggiungeranno il punto in cui i rivoltosi e i saccheggiatori si scateneranno nel cuore delle città, facendo irruzione sia nelle catene di negozi di alta gamma che nei piccoli esercizi familiari, e aggredendo brutalmente i loro proprietari indifesi. Ciò non significa che questi funzionari locali debbano trattenere o fermare i loro poliziotti. Al contrario, si vuole che scatenino i loro poliziotti, sui manifestanti, sui rivoltosi e sui reporter televisivi (durante i loro servizi “live”, se possibile) e che, in genere pestino a sangue tutti. L’obiettivo è quello di generare quanto più odio possibile contro il regime che si sta cercando di cambiare, e di fare pressione sul bersaglio designato come Hitler per fargli perdere la pazienza e reagire in modo esagerato, quindi si vuole che le cose si facciano estremamente brutte.

Poi, si scatena il potere dei media di scatenare la gente in una folle frenesia di rabbia contro il vostro Hitler designato. Fate pubblicare ai vostri “rispettabili” esperti articoli che chiedono la sua rimozione dall’incarico. Fate in modo che i militari (e gli ex militari) comincino a far casino su come il vostro Hitler sia fuori controllo e sull’orlo del fascismo. Poi aspettate che il vostro Hitler reagisca in modo eccessivo e cerchi di chiamare i militari e di imporre una qualche forma di legge marziale. A quel punto potete deporlo in modo sicuro e fare finta che la democrazia abbia vinto.

I media sono essenziali in questo contesto, perché dovete convincere la maggioranza dell’opinione pubblica (cioè non solo le persone che protestano e si ribellano) che la situazione è completamente fuori controllo, e il vostro Hitler immaginario è diventato così pericoloso, che un colpo di stato militare è la soluzione migliore.

Quello che cercate sono titoli come questi:

“Siamo sull’orlo della dittatura”CNN

“Parole di un dittatore”: La minaccia di Trump di impiegare militari solleva lo spettro del fascismo” – The Guardian

“Donald Trump sta cercando di iniziare un conflitto razziale”Rolling Stone

“Rimuovere Trump ORA”Slate

“La presidenza di Trump è finita”.The Guardian

“Trump deve essere rimosso”The Washington Post

Inoltre, mentre i media fanno il loro lavoro, si vuole ottenere che qualsiasi ex membro della comunità dei servizi segreti (o della polizia segreta) rilasci dichiarazioni pubbliche come questa:

“Non ci dovrebbe essere posto nella società americana, tanto meno nel nostro governo, per la depravazione dimostrata quotidianamente da Donald Trump. I membri del suo gabinetto che permettono un tale comportamento tradiscono il loro giuramento sostenendo un despota sempre più disperato”.John Brennan, ex direttore della CIA

Poi si portano i politici e i militari. Questo tipo di linguaggio di solito ha successo:

“Il discorso fascista che Donald Trump ha appena pronunciato equivale a una dichiarazione di guerra contro i cittadini americani. Temo per il nostro Paese stasera e non smetterà di difendere l’America dall’assalto di Trump”.Senatore Ron Wyden

“Queste non sono le parole di un presidente. Sono le parole di un dittatore”.Senatore Kamala Harris

“C’è una linea sottile tra la tolleranza dei militari nei confronti di discutibili mosse partigiane degli ultimi tre anni e il punto oltre il quale queste diventano intollerabili”, ha dichiarato un generale in pensione. – New York Times

“Dobbiamo respingere e considerare responsabile chi è in carica e si fa beffe della nostra Costituzione … Possiamo unirci senza [Trump], attingendo ai punti di forza della nostra società civile. Non sarà facile, come hanno dimostrato gli ultimi giorni, ma lo dobbiamo ai nostri concittadini, alle generazioni passate che hanno versato il proprio sangue per difendere la promessa fatta a noi stessi e ai nostri figli“. – Generale James “Cane Pazzo” Mattis, ex Segretario della Difesa

Una volta che i generali hanno iniziato a ringhiare, si fa in modo che i media lo facciano capire, con forza. Titoli come questi attireranno l’attenzione della gente:

“La rivolta dei generali”Washington Post

“La rivolta degli ufficiali”Slate

“Il presidente Donald Trump sta affrontando una rivolta senza precedenti da parte del corpo d’elite di ex leader militari e presidenti …” – CNN

“Il desiderio del Presidente degli Stati Uniti di agire da uomo forte pone domande urgenti a cui i generali, gli elettori e gli alleati dell’America devono rispondere”The Guardian Editorial Board

Se ci riesci, è sempre un bel tocco suonare la grancassa… oh, diciamo 280 ex funzionari della sicurezza nazionale che sono davvero preoccupati per lo stato della democrazia e “l’uso improprio dell’esercito per scopi politici”, e far sì che si chiamino spontaneamente a vicenda e decidano di scrivere una lettera insieme accusando il vostro Hitler di “dividere gli americani”, che i media possano poi diffondere ampiamente.

E, naturalmente, quello che serve per le “classi istruite” è un propagandista ufficiale come Franklin Foer (che nel 2016 ha pubblicato la grande storia dell’inesistente “server Trump-Russia” ed è stato premiato per il servizio reso a GloboCap con un lucroso posto di scrittore dello staff di The Atlantic) per spiegare che quello che sta succedendo è un’operazione di cambio di regime da manuale (perché non dovete ingannare le “classi istruite”, la maggior parte delle quali sarà già dalla vostra parte). Qualcosa più o meno come questo:

“La decisione di Twitter di etichettare i post di Trump come fuorvianti è stato un momento cardine…, una volta che Twitter ha applicato le sue regole a Trump – e ha ricevuto riconoscimenti per la sua decisione – ha inavvertitamente stabilito un precedente…, è stato messo in moto un ciclo di non collaborazione. I governi locali sono stati il successivo livello dell’elite a rifiutare gli ordini di Trump. Dopo che il presidente ha insistito affinché i governatori “dominassero” le strade per suo conto, si sono rifiutati categoricamente di rafforzare la reazione. Infatti, lo stato di New York e la Virginia hanno respinto la richiesta federale di inviare truppe della Guardia Nazionale a Washington, D.C. Persino il sobborgo di Arlington, in Virginia, ha ritirato la propria polizia, che era stata prestata per controllare la folla a Lafayette Square. Mentre ogni gruppo di élite respingeva le richieste di Trump, diventava più difficile per il successivo adeguarsi in buona coscienza. Nella tassonomia di Sharp, la presa del potere da parte dell’autocrate dipende interamente dalla fedeltà delle forze armate. Quando le forze armate rifiutano la cooperazione, il dittatore è finito”.

Come ho detto, è andata più o meno secondo le regole.

Dopo quattro lunghi anni di propaganda ufficiale volta a convincere le masse occidentali che Donald Trump è letteralmente Hitler, GloboCap, la Resistenza liberale e i media aziendali hanno tutti fatto del loro meglio per sfruttare le autentiche proteste e le rivolte che seguono abitualmente l’assassinio di un nero disarmato da parte della polizia, e usarlo per rimuoverlo dall’incarico. Sarebbe stata una catarsi spettacolare, una conclusione degna della Guerra al Populismo, ma Trump si è rifiutato di fare la sua parte… quindi, ok, forse non è così stupido come pensavo, o almeno non è totalmente suicida.

Non importa, è comunque una grande vittoria per GloboCap. La rimozione forzata di Trump dall’incarico è, ed è sempre stata, un vero e proprio sogno. L’obiettivo principale della Guerra al Populismo è quello di delegittimare e demonizzare lui e tutti quelli che hanno votato per lui (e Jeremy Corbyn, e anche Bernie Sanders, e tutti quelli che hanno votato per loro). Trump è solo un simbolo, dopo tutto. È l’insoddisfazione per il capitalismo globale (e per i suoi valori sorridenti, felici e senza valore, e per la sua ideologia post-ideologica) che GloboCap è determinata a schiacciare, così da poter tornare all’incompiuto lavoro di ristrutturazione dell’intero Medio Oriente, e di qualsiasi altro luogo che non sta al gioco, e di sciogliere ciò che resta delle sovranità nazionali, e trasformare il mondo in un unico grande mercato, dove non ci saranno fascisti, niente russi malvagi, niente estremisti religiosi, niente statue razziste, niente film offensivi, o libri, o opere d’arte, niente più presidenti non autorizzati, e tutti saranno “rintracciati per contatto” con i loro impianti digitali di certificati sanitari, e i bambini staranno in piedi dentro le loro piccole scatole e cerchi “social-distanziatori” e canteranno il tema della Coca-Cola attraverso le loro mascherine anti-virus a scuola …

Scusate… ho un po’ esagerato. Dimenticavo che si trattava di razzismo, brutalità della polizia e nient’altro. Cercherò di attenermi al copione d’ora in poi, ma potrebbe essere difficile, visto il mio “privilegio”. Forse, se mi avvolgessi in un panno kente e mi inginocchiassi in pubblico, questo potrebbe aiutarmi a mettere la testa a posto. Oppure, non lo so. Che ne pensate?

Link: https://www.unz.com/chopkins/the-worst-literal-hitler-ever/

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

  1. J. Hopkins è un premiato drammaturgo americano, romanziere e satirico politico con sede a Berlino. Le sue opere sono pubblicate dalla Bloomsbury Publishing e dalla Broadway Play Publishing, Inc. Il suo romanzo distopico, Zone 23, è pubblicato da Snoggsworthy, Swaine & Cormorant. Il volume I dei suoi Consent Factory Essays è pubblicato da Consent Factory Publishing, una società interamente controllata da Amalgamated Content, Inc. Può essere contattato su cjhopkins.com o consentfactory.org.

 

Comments are closed.