Home / Attualità / Leggenda di Natale

Leggenda di Natale

DI CARLO BERTANI

carlobertani.blogspot.it

Quest’anno, la leggenda di Natale è una storia vera, di quelle che mai e poi mai uno come Poletti comprenderebbe per la sua importanza, che va oltre le solite menate sui ragazzi che vanno all’estero, sugli immigrati pericolosi e quant’altro. Perché è una storia vera, che ha dell’incredibile, soprattutto per gente come Poletti & Co.

Tutto iniziò una decina d’anni fa, quando un gruppetto di persone – mi piace di più immaginarli elfi con sembianze umane – uscì dal bosco, uno di quei boschi infiniti che si perdono nell’immenso Appennino, laddove esistono, probabilmente, posti non calpestati da essere umano da secoli e dove nessuno va mai, anche se ci nascono i migliori funghi della stagione.

Calpestarono l’asfalto per la prima volta: proprio lì, accanto alla deserta strada provinciale, sorgeva una casa. Gli elfi decisero che non poteva esistere una casa così isolata senza un forno, poiché – senza forno – come fai a fare il pane?

Così, lo costruirono e diedero un nome un po’ strano a tutta la costruzione: Forno 4P…beh, non importa…tanto, quella denominazione rimane tuttora un mistero alchemico.

Se hai un forno, cosa ne fai? Il pane, ovvio. Ma mica pane come gli altri, eh no…siamo elfi…facciamo un pane un po’ magico, poi stiamo a vedere.

Ed iniziarono con un conciliabolo, proprio come i nanetti di Biancaneve, che erano anch’essi creature del bosco.

“Lo facciamo col granturco. Sì va bene, ma poi la gente si confonde con la polenta…facciamolo anche col grano duro. Accettato. E la segala? Mica è sempre cornuta…dai, facciamo il pane di segala, E vai. Io mescolo tutto: lo chiamiamo ai cinque cereali? Venduto!”

Non vi so dire quanti tipi di pane riescano a fare: hanno dovuto, per forza, creare dei biglietti da visita nei quali indicano i giorni delle infornate, se proprio ritieni di non trovare quello che ti soddisfa.

“E quando l’abbiamo fatto, dove lo mettiamo?” rimbeccò il solito brontolone.

“In una cesta. Eh già: e le mosche? Come si fa? Facciamo scendere dai soffitti dei veli da sposa, così è più bello!” Una gnometta disse subito: “Sì, il velo da sposa mi piace!”

Quando giunsero altre gnomette, fu obbligatorio…eh sì…non si poteva fare altrimenti…i dolci, sì, i dolci.

Paste dure, con la crema, biscotti, torte…una gnometta ligure si lamentò: “E le focacce”? Dovettero impastare e cuocere focacce d’ogni tipo, tutte contraddistinte dal profumo di bosco e di grano…d’altro canto, se sono elfi…

Un giorno venne dal bosco uno gnomo che giungeva da lontano, da un mare che nessuno conosceva, perché era un Mare Nero. Oh buon Dio: ma può esistere un Mar Nero? Gli chiesero il CV, perché anche gli gnomi chiedono il CV, ma poi se ne fregano.

Il CV raccontava che era un elfo-pittore, diplomato all’accademia di una città lontana…Bucu qualcosa, Bucu che resta, sembrava così. Lo misero davanti al forno e lo osservarono, perché ci stava bene, era adatto: ma cosa se ne fanno, gli umani, di questi CV? Mah…

Lo gnomo-pittore, però, non rinunciò a dipingere le icone della sua tradizione: belli quei dipinti – meditarono gli altri gnomi – perché non ne appendiamo qualcuno insieme al pane? E così fu, pane ed icone, che fanno risaltare – con quell’oro che sa di luce – il colore del pane. Poi arrivò una gnometta che sapeva leggere e scrivere, ma proprio scrivere bene, e…volle una biblioteca.

Niente da fare, negarono gli gnomi, è un nome troppo importante…”biblioteca”…mah…e se fosse “bibliograno”? Certo! Così ci piace di più! Una vecchia credenza, accanto alle icone, iniziò a riempirsi di libri sulla natura, le tradizioni del cibo, dei forni, le piante medicinali…insomma…roba per gnometti istruiti…ma ci sta, ci sta…

Sono stati obbligati ad ingrandire il parcheggio, poiché sempre più auto si fermavano, deviavano dalla importante strada statale per fare un salto al forno…dai, andiamo a comprare quel pane così buono…ma sì, va, deviamo di qualche chilometro, ne vale la pena…

Questa non è una leggenda, è una realtà, fatta da persone che ci credevano e ci credono tuttora. Quello di cui hanno bisogno i nostri ragazzi è solo di credere in qualcosa – non importa la cosa – serve una mente che crea e persegue un sogno, poiché un vecchio adagio americano recita:

Ci sono uomini che lavorano da mane a sera e non pensano mai: finiranno come hanno iniziato, a lavorare come bestie senza sapere il perché.

Altri invece, vivono tutta la vita rapiti dai sogni: ogni sogno s’accavalla a quello seguente, e non combineranno mai niente.

Tu, figlio mio, sogna, sogna pure, ma passa il resto del tuo tempo a realizzare quello che hai sognato. Vedrai, non te ne pentirai.

Buon Natale a tutti

 

Carlo Bertani

Fonte: http://carlobertani.blogspot.it

Link: http://carlobertani.blogspot.it/2016/12/leggenda-di-natale.html

24.12.2016

Pubblicato da Davide

  • falkenberg1

    Quando muore il sogno che ne è del sognatore?
    Ma quando muore il sognatore che ne è del sogno? (purtroppo due domande così belle non opera mia, magari!!!)
    Buon Natale stimatissimo Bertani ed a tutti voi che seguite questo blog!!!!!!!!

  • SanPap

    Per primi arrivarono quelli del controllo della
    Normativa nazionale in materia di controllo ufficiale sulla sicurezza alimentare

    Legge 30 aprile 1962, n. 283 Disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande

    Decreto del Presidente della Repubblica 26 marzo 1980, n. 327

    Regolamento di esecuzione della L. 30 aprile 1962, n.283 , e successive modificazioni, in materia di disciplina igienica della produzione e della vendita delle sostanze alimentari e delle bevande.

    D.LGS 123/93 Controlli microbiologici dei prodotti alimentari deteriorabili

    D.M. 27 febbraio 1996. n.209 Regolamento concernente la disciplina degli addittivi alimentari consentiti nella preparazione e per la conservazione delle sostanze alimentari in attuazione delle direttiven.94/34/CE,n.94/36/CE e 95/2/CE e 95/31/CE

    Decreto Legislativo 2 febbraio 2001, n. 31 Attuazione della direttiva 98/83/CE relativa alla
    qualita’ delle acque destinate al consumo umano.

    Decreto Ministeriale del 21/03/1973 Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili, destinati a venire in contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d’uso personale .

    REGOLAMENTO (CE) n. 2073/2005 DELLA COMMISSIONE del 15 novembre 2005
    sui criteri microbiologici applicabili ai prodotti

    Reg. CE 1441/2007 (norme per il campionamento e la preparazione dei campioni)

    REGOLAMENTO (CE) N. 2075/2005 DELLA COMMISSIONE del 5 dicembre 2005 che definisce norme specifiche applicabili ai controlli ufficiali relativi alla presenza di
    Trichine nelle carni

    REGOLAMENTO (CE) N. 1935/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 ottobre 2004 riguardante i materiali e gli oggetti destinati a venire a
    contatto con i prodotti alimentari

    REGOLAMENTO (UE) N. 365/2010 DELLA COMMISSIONE del 28 aprile 2010
    che modifica il regolamento (CE) n. 2073/2005 sui criteri microbiologici
    applicabili ai prodotti alimentari per quanto riguarda le enterobatteriacee
    presenti nel latte pastorizzato e in altri prodotti lattiero-caseari liquidi pastorizzati e Listeria monocytogenes nel sale alimentare

    Poi arrivarono la GdF, gli ispettori INPS, dell’Agenzia dell’entrare, le cartelle di equitalia, gli strozzini e quando tutto fu ridotto un cumulo di macerie un acquirente estero che acquistò tutto per un tozzo di pane (congelato del supermercato)

    Nota: a cadere per primo fu in velo da sposa, era bianco mentre la normativa EU lo vuole arcobaleno, in rispetto al gender
    Buon Natale a Tutti