L’aumento degli eventi avversi riportati nel database dell’esercito degli Stati Uniti è incredibile – Ai media mainstream è stato ordinato di ignorarlo

I dati del DMED resi di pubblico dominio dall'avvocato Tom Renz e dal senatore Johnson sono una pistola fumante. Il generale Austin dovrebbe ordinare a tutti i medici militari di dire la verità. Ma non lo fa. Come mai?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Steve Kirsch
stevekirsch.substack.com

La lettera

Il 1 febbraio 2022, il senatore degli Stati Uniti Ron Johnson ha inviato una lettera al Segretario della Difesa, Lloyd Austin, sottolineando il drammatico aumento degli eventi avversi riportati nel Defense Medical Epidemiology Database (DMED) dall’inizio della somministrazione ai militari dei vaccini Covid. Se i vaccini sono veramente “sicuri ed efficaci,” allora questi aumenti sono difficili da spiegare.

 

Qui il testo completo in PDF: 2022-02-01 RHJ letter to DoD re DMED

I dati originali

Ecco le fonti con i dati originali:

1. La lettera di 3 pagine di Johnson al segretario del Ministero della Difesa, Lloyd Austin III
2. La home page di Renz Law (include interviste video)
3. La pagina di Renz Law sui dati DMED con grafici (riassunto dei dati)
4. Qui è possibile scaricare il foglio di calcolo con tutti i dati (foglio di calcolo Excel). Si noti che i numeri nelle righe codificate in viola sono i dati “corretti,” quelli rilasciati dopo che era stata notata l”anomalia.” Ricoverato significa che il paziente era in ospedale. Ambulatorio sono le statistiche per i pazienti ambulatoriali. Notate anche che il calcolo della percentuale è sbagliato: avrebbero dovuto sottrarre 1, poiché un “aumento 2X” è lo stesso di un “aumento del 100%”.

Informazioni sul DMED

Potete informarvi sul DMED qui. In pratica, è il database ufficiale degli 1.400.000 militari in servizio attivo del’esercito statunitense.

Per una rapida introduzione al database, vi consiglio vivamente di guardare questo video di 2 minuti del Dr. Robert Malone che parla del database DMED: IL DR. MALONE AFFERMA CHE CHE IL MINISTERO DELLA DIFESA STA CANCELLANDO I DATI DAL SUO DATABASE PER COPRIRE I DANNI FATTI DAI “VACCINI.”

Perché i dati del DMED sono così importanti

Ci sono 14 motivi per cui i dati DMED sono molto importanti.

1. I medici militari sanno che sono i vaccini a causare i danni documentati nel database DMED. Secondo una persona informata con cui ho parlato, circa il 40% dei medici militari si rende conto di quello che sta accadendo, ma i medici dell’esercito non possono parlare contro il vaccino perché hanno l’ordine di tacere. Quindi, tutti questi medici devono rimanere in silenzio. I dati del DMED sono la loro voce.

2. I dati originali del DMED sembrano essere molto affidabili. È difficile per chiunque giustificare l’aumento degli eventi avversi nel database DMED citato nella lettera perché i vari tipi di eventi aumentati sono tutti confermati anche nel database VAERS. A differenza del VAERS, il DMED non può essere liquidato con argomentazioni di facciata. Il DMED non è un database auto-riportato, dove le percentuali di segnalazione sono sconosciute. È un database utilizzato correttamente, in cui tutte le segnalazioni provengono da operatori sanitari. In breve, se i vaccini sono sicuri, i dati DMED sono difficili da spiegare. Per esempio, non si può attribuire alla Covid l’aumento degli eventi nel 2021 perché le percentuali dei ricoveri ospedalieri erano diminuite nel 2020 (rispetto al 2019), sia nel rapporto originale che in quello corretto. Nota: Il Ministero della Difesa ora sostiene che i dati 2016-2020 erano sbagliati e ha rilasciato valori corretti (grafico a destra):

3. Questi sono aumenti percentuali assoluti. Nel VAERS, per evidenziare la variazione un evento, spesso confrontiamo il tasso di base degli anni precedenti con quello dell’anno corrente. Questo è un “segnale differenziale,” quindi sono possibili valori elevati. Per esempio, il tasso VAERS riportato per l’embolia polmonare è di 3 all’anno. Diciamo che, se sale a 300 all’anno, è un salto di 100 volte. Ma se i casi di base per l’EP sono 1000, allora, su base assoluta, questo è solo un aumento di 0,3 volte. Quindi, i grandi salti di numeri assoluti sono molto significativi. Questo è esattamente ciò che abbiamo nel database DMED: salti di numeri assoluti molto grandi.

4. Le dimensioni degli effetti sono enormi. Per esempio, i tassi di ipertensione sono aumentati di 21 volte dalla media del 2021. Le malattie del sistema nervoso di un fattore 10.

5. Nessuno può spiegarlo. Se non è stato il vaccino a causare questi enormi aumenti di eventi avversi, cosa è stato?

6. I militari stanno cancellando i casi per minimizzare la dimensione dell’effetto. Guardate il video in cui DR. MALONE AFFERMA CHE IL MINISTERO DELLA DIFESA STA CANCELLANDO I DATI DAL SUO DATABASE PER COPRIRE I DANNI FATTI DAI “VACCINI.”

7. È un ottimo modo di iniziare la conversazione con i vostri amici pro-vax, i legislatori locali, le autorità sanitarie locali e i vostri fact-checker preferiti. Basta fare una semplice domanda: “Come spiegate questi drammatici aumenti dei tassi nel 2021 rispetto alla media dei 5 anni? Questo funziona particolarmente bene nelle riunioni del consiglio comunale, del consiglio scolastico e con i legislatori.

8. Gli effetti collaterali aumentati corrispondono ai dati VAERS. È difficile sostenere che l’aumento dei tassi di questi eventi sia dovuto a qualcos’altro perché a) la gamma degli eventi avversi elevati è molto ampia e b) gli eventi avversi elevati del DMED corrispondono agli eventi elevati del VAERS.
9. Il Ministero della Difesa è nel panico per questa fuga di notizie. Questi dati non avrebbero mai dovuto trapelare. Sono diventati di dominio pubblico grazie agli sforzi di tre informatori all’interno del ministero. Secondo un insider con cui ho parlato, il Ministero della Difesa non ha idea di come coprire l’evento. L’unica cosa che hanno fatto è affermare che i dati 2016-2020 sono sottostimati, ma questo non corrisponde alla realtà, come spiego di seguito.

10. Insabbiamento deliberato della stampa mainstream. Ci sono prove che ai giornalisti dei media mainstream è stato ordinato di non occuparsi di questa storia e di non parlare con Tom Renz. L’ho verificato io stesso cercando articoli su Renz nel New York Times e nella CNN. Quindi ne sentirete parlare solo dai media alternativi. Pensateci… questa è una delle storie più esplosive dell’anno (se non del decennio) e la stampa tradizionale non se ne occupa? Cosa vi dice questo? Non dovete essere dei geni del pensiero critico per capirlo. Vi dice più o meno tutto quello che dovete sapere: che c’è una massiccia copertura degli eventi avversi.

11. Distrugge la credibilità del CDC. Ho appena finito di guardare l’ultima riunione dell’ACIP, dove i funzionari del CDC hanno affermato che non ci sono segnalazioni relative alla sicurezza dei vaccini (a parte la miocardite) sia nel sistema VAERS che in quello VSD. Sorprendentemente, non sono stati segnalati decessi per nessun vaccino mRNA. Zero. Viene anche da chiedersi come abbiano potuto ignorare completamente tutti i segnali di sicurezza del database DMED. Non li hanno nemmeno presi in considerazione. Tuttavia, è improbabile che rispondano mai a questa domanda. Nel 2023, quando i Repubblicani avranno il controllo del Senato, mi aspetto che il senatore Johnson chieda a Rochelle Walensky perché il CDC sta ignorando questo database.

12. I militari non possono confutarlo efficacemente. Dopo essere stati messi a confronto con i numeri, ora sostengono che i dati dal 2016 al 2020 sono sbagliati. Il problema è che quelli nuovi non hanno senso, come spiego sotto.

13. Nel 2021 gli effetti avversi non associati ai vaccini non erano stati perticolarmente elevati. Quindi, se [come afferma l’esercito] c’è stato un errore nella segnalazione dei dati che ha causato una riduzione delle percentuali, come mai nel 2021 sono elevati solo gli eventi correlati al vaccino?

14. I tassi totali dei ricoveri ospedalieri erano diminuiti nel 2020 (rispetto al 2019) sia nei risultati originali che in quelli corretti. La particolarità del database DMED è che gli ospedali militari non ricevono gli incentivi Covid. Se la Covid è veramente così pericolosa, come spiegano questa diminuzione?

Ho parlato con un medico militare che, nella sua esperienza clinica, ha confermato l’alta incidenza di eventi causati dai vaccini

Questo medico stima che sia stato vaccinato l’85% dei militari, anche se il totale ufficiale è del 93%.

Il medico è il responsabile sanitario di migliaia di membri del servizio e ha visto decine di lesioni importanti da vaccino segnalabili al VAERS (la maggior parte delle quali non è stata segnalata).

Questo è un tasso di eventi avversi significativi di oltre lo 0,75%, vale a dire, quasi 1 su 100 soldati subiscono danni dal vaccino, anche molto gravi.

È importante notare che i soldati sono tosti e non vogliono che sulle loro cartelle cliniche appaia qualcosa che possa limitare le loro responsabilità. Così molti semplicemente non riferiscono i sintomi gravi. Quindi il nostro tasso di lesioni da vaccino dello 0,75% è probabilmente sottostimato. E ricordate, questo è in una popolazione giovane e abbastanza sana.

Questo medico in vent’anni non aveva visto neanche una lesione segnalabile al VAERS. Quindi, questo suggerisce che l’aumento del tasso di eventi avversi segnalabili per questi vaccini è molto più di 500 volte. Altri medici di mia conoscenza, con una popolazione di pazienti più numerosa, parlano per 2021 di un enorme aumento degli effetti collaterali post vaccinazione, con numeri che vanno da 600 ad oltre 20.000. In breve, il numero di rapporti di eventi avversi per questi vaccini è fuori scala rispetto a tutti gli altri tipi di vaccino. Questo suggerisce che l’aumento di 30 volte nel tasso di segnalazioni degli eventi avversi nel VAERS è dovuto al fatto che il vaccino è pericoloso, non è un errore di segnalazione. Suggerisce anche che il VAERS, quest’anno, è gravemente sotto-riportato rispetto agli altri anni di almeno un fattore 10. La FDA, al contrario, afferma che il VAERS è sovra-riportato rispetto agli anni precedenti di un fattore 30, la nostra stima è che il VAERS sia sotto-riportato rispetto agli anni precedenti di un fattore 30. Si noti che questo dato (tenendo conto della propensione alla segnalazione degli eventi avversi nei vari anni) non cambia la nostra stima del fattore minimo di sotto-denuncia per gli eventi di quest’anno, che, secondo noi, è di 41.

Questo medico non aveva dubbi che fosse il vaccino il responsabile di queste lesioni. Sempre più spesso hanno iniziato a verificarsi reazioni gravi (alcune mai viste prima nella sua carriera) subito dopo l’inizio della vaccinazione dei militari.

Il portavoce del Ministero della Difesa sostiene che il database DMED è sottoriportato per il periodo 2016-2020

Un “fact check” di PolitiFact ha notato che:

Peter Graves, portavoce della Defense Health Agency’s Armed Forces Surveillance Division, ha comunicato a PolitiFact via e-mail che “in risposta alle preoccupazioni menzionate nelle notizie” la divisione ha rivisto i dati del DMED “e ha scoperto che non erano corretti per gli anni 2016-2020.”

I funzionari hanno confrontato i numeri nel DMED con i dati originali nel DMSS (The Defense Medical Surveillance System) e hanno scoperto che il numero totale di diagnosi mediche per quegli anni “rappresentava solo una piccola frazione delle diagnosi mediche reali.” I dati del 2021, tuttavia, erano aggiornati, facendo sembrare che esistesse “un significativo aumento di tutte le diagnosi mediche nel 2021, a causa dei dati sottoriportati per il 2016-2020,” ha detto Graves.

Il sistema DMED è stato messo offline per “identificare e correggere la causa principale della corruzione dei dati,” ha continuato Graves.

Ciò che è interessante è che solo i conteggi degli eventi avversi causati dai vaccini (verificabili nel VAERS) sono stati interessati da questa “corruzione.” In altre parole, gli enormi aumenti osservati prima della correzione riguarderebbero solo gli eventi avversi legati al vaccino, non altri sintomi. Questo rende la spiegazione della “corruzione” difficile da accettare. Molto difficile da accettare.

Come potrebbe un’anomalia elettronica influenzare solo i sintomi associati al vaccino Covid? Sarebbe l’anomalia più sorprendente nella storia dei computer. Mi piacerebbe sentire la spiegazione di questo fatto.

Perché l’anomalia ha colpito solo gli anni dal 2016 al 2020 e non il 2021? Perché, quando abbiamo guardato i dati prima della correzione, solo gli eventi avversi relativi ai vaccini erano elevati?

Anche altri sono scioccati da questi dati

Non sono l’unico ad essere scioccato da questi dati e dai tentativi di screditarli:

1. Riguardo alla cancellazione dei dati dal Defense Medical Epidemiological Database c’è un eccellente articolo di Robert Malone che arriva alle mie stesse conclusioni, cioè, se c’è stata una corruzione dei dati, come mai non ha interessato gli effetti collaterali non correlati ai vaccini? In breve, la storia di copertura del Ministero della Difesa non regge e più la coprono, più rivela quanto siano corrotti.

2. Prove di manipolazione dei dati di malattie e lesioni nel database militare USA suggeriscono frodi e coperture

3. UN PORTAVOCE MILITARE SOSTIENE CHE CINQUE ANNI DEL SISTEMA DI SORVEGLIANZA MEDICA DEL MINISTERO DELLA DIFESA SONO STATI INTERESSATI DA UN GIGANTESCO PROBLEMA TECNICO

4. Il DMED è un punto di svolta sulla sicurezza dei vaccini.

Più cercano di coprirlo, più ne diventano complici.

Potete facilmente capire da soli chi sta mentendo

Volevo veramente capire chi stava mentendo, così ho scelto un evento che da molto tempo sostengo essere assai elevato a causa dai vaccini: l’embolia polmonare. Non ho scelto di proposito questo evento. Ne avevo parlato nella mia testimonianza pubblica all’ACIP (Advisory Committee on Immunization Practices) il 4 gennaio, prima che venissi a conoscenza dei dati del DMED. Da tempo ho evidenziato l’embolia polmonare come un evento avverso che ha subito un aumento a causa dei vaccini Covid, come si può vedere da questo post del 30 ottobre, il primo articolo che avevo scritto sul mio Substack!

Se scaricate il foglio di calcolo di Renz, guardate le schede dove vengono riportati i dati originali a sinistra e i dati “dopo la correzione dell’anomalia,” a destra.

Nell’esempio di cui sopra, ho consultato la tabella riguardante l’embolia polmonare. L’incidenza di EP nella popolazione generale è stimata a circa 60-70 per 100.000 persone. Questo significa che per i 1.400.000 del personale militare che fanno capo al database DMED, ci aspetteremmo circa 839-979 eventi all’anno, dato che i militari sono generalmente più sani rispetto alla popolazione generale.

Il grafico qui sopra a sinistra mostra i dati prima che fossero “corretti” dal Ministero della Difesa il 31 gennaio 2022. I tassi sulla sinistra corrispondono quasi esattamente a quello che ci si aspetterebbe. In quattro dei cinque anni prima del vaccino, i casi [di EP] erano stati inferiori a 839. E, anche nell’anno di picco (2020), i casi erano stati meno di 979.

Le percentuali sul lato destro, dopo che l’”anomalia” era stata corretta, sono semplicemente troppo alte per essere credibili, circa 3 volte più elevate dei tassi normali. Come lo spiegano?

Ma ci sono altri esempi ancora più ovvi di manipolazione dei dati, anche per osservatori totalmente inesperti. Li rivelerò più tardi perché non voglio aiutarli a mascherare i dati manipolati… quelle pistole fumanti le vedremo più tardi.

Gli aumenti corretti riportati dalla lettera

Notate che gli aumenti percentuali sono stati calcolati in modo improprio nel foglio di calcolo e nella lettera (dove sono stati utilizzati solo i numeri del foglio di calcolo). I dati corretti sono mostrati qui sotto (un aumento del 200% significa che i numeri sono aumentati di un fattore 3).

1. Ipertensione – aumento del 2.081%
2. Malattie del sistema nervoso – aumento del 948%
3. Neoplasie maligne dell’esofago – aumento del 794%
4. Sclerosi multipla – 580% di aumento
5. Neoplasie maligne degli organi digestivi – aumento del 524%
6. Sindrome di Guillain-Barre – aumento del 451%
7. Cancro al seno – aumento del 387%
8. Demielinizzazione – aumento del 387%
9. Neoplasie della tiroide e di altre ghiandole endocrine – aumento del 374%
10. Infertilità femminile – aumento del 372%
11. Embolia polmonare – aumento del 368%
12. Emicranie – aumento del 352%
13. Disfunzione ovarica – aumento del 337%
14. Cancro ai testicoli – aumento del 269%
15. Tachicardia – aumento del 202%

Si noti che un elenco più completo può essere trovato nel post di Robert Malone.

Questi dati (e il successivo tentativo di insabbiamento) sono una pistola fumante

I sintomi che sono elevati nel DMED corrispondono ai sintomi elevati nel VAERS.

Come fanno a spiegarlo?

Chiedete ai vostri amici pro-vax, ai medici, ai giornalisti, ai funzionari della sanità pubblica, ai membri dei consigli scolastici, ai membri dei consigli comunali e ai legislatori locali, statali e federali, la prossima volta che li vedrete, di spiegare i dati DMED. Vi diranno che stanno “esaminando la cosa e vi faranno sapere” e non lo faranno mai.

Commenti di Jason Fields, in servizio attivo nell’Air Force

Uno dei miei lettori, Jason Fields, è un tenente colonnello in servizio attivo nell’aeronautica militare degli Stati Uniti che presta servizio in un’unità della United States Space Force. Ha rifiutato di farsi il vaccino Covid-19 e ha fatto domanda allo Space Systems Command per essere esentato sia dal vaccino Covid-19 che da quello contro l’influenza.

Ecco cosa ha scritto nella sezione commenti:

Uno dei problemi, come menzionato nel post, è che gran parte della comunità medica militare non è disposta a riconoscere e/o registrare possibili lesioni da vaccino. Ho un certo numero di casi documentati in cui il personale militare che ritiene di aver subito una grave lesione da vaccino viene totalmente ignorato dalla comunità medica militare. Al personale militare viene detto “non c’è modo” o “garantisco” che i problemi non sono legati al vaccino. Immaginate i numeri se la comunità medica prendesse questa cosa sul serio. In qualsiasi altra situazione sarebbe considerata negligenza medica non indagare completamente su questi problemi medici e sulle cause principali.

La fede nella medicina militare tra le forze armate era finita nella spazzatura già prima della COVID… ora è letteralmente seppellita in discarica. Tra mascherine e obblighi vaccinali, la fiducia della truppa nella comunità medica è ai minimi storici.

La risposta ovvia alla domanda retorica “Qual è la sua [del generale Austin] giustificazione per non aver emesso un tale ordine?” è che non c’è alcuna giustificazione e, ovviamente, non lo farà. A nessuno piace ammettere di aver sbagliato… specialmente al governo e ai militari.

Il generale Austin deve farsi avanti in nome della trasparenza

Il generale Austin non è sincero con il popolo americano.

Se il generale Austin ordinasse direttamente a tutti i medici militari di parlare liberamente e onestamente delle statistiche dei loro pazienti, senza paura di punizioni, sentiremmo una storia molto diversa da quella che vediamo ora.

Ma il generale Austin, che potrebbe facilmente emettere un tale ordine, non lo farà mai perché distruggerebbe la narrativa della “sicurezza ed efficacia” e verrebbe licenziato.

Nella situazione attuale, ora che “il gatto è uscito dal sacco,” il fatto che non abbia emesso un tale ordine per la trasparenza, in modo che l’America possa sapere la verità, vi dice tutto quello che dovete sapere.

Nessun “fact checker” mainstream chiederà al generale Austin perché non emette un tale ordine. Non lo farà nemmeno la stampa ufficiale; non toccheranno questa storia nenche con un bastone lungo tre metri. Ve lo garantisco.

Se i nostri uomini in uniforme subiscono delle lesioni, non dovrebbe mai essere a causa di un ordine deliberato dei loro ufficiali che li obbliga a farsi iniettare  una sostanza notoriamente pericolosa, che potrebbe ucciderli o disabilitarli. Hanno il diritto di sapere la verità sui vaccini. Ordinare ai media tradizionali e ai medici militari di rimanere in silenzio (come avviene oggi) non è un modo per far emergere la verità.

Ogni Americano dovrebbe esigere che il generale Austin permetta ai medici militari di dire la verità e li protegga da ogni possibile punizione.

Ogni Americano dovrebbe esigere che il generale Austin ordini immediatamente a tutti i medici militari di parlare sinceramente di quello che sta succedendo ai loro pazienti dopo la vaccinazione e che protegga quei medici da qualsiasi punizione.

C’è qualche giustificazione per il fatto che non abbia emesso un tale ordine? Non me ne viene in mente nessuna.

Steve Kirsch

Fonte: stevekirsch.substack.com
Link: https://stevekirsch.substack.com/p/this-medical-data-from-the-us-dod
05.02.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
11 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
11
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x