Home / Notizie dal Mondo / La fine di Israele

La fine di Israele

DI GILAD ATZMON

gilad.online

La lezione da trarre dall’attuale stallo politico israeliano è che Israele sta implodendo, rompendo gli elementi che non è mai riuscito a integrare in uno. Lo scisma non è più la dicotomia più quotidiana di Ashkenazi contro ebrei arabi (alias Sephardim); questa divisione è ideologica, religiosa, spirituale, politica, etnica e culturale. Né si divide in sinistra e destra, gli ebrei israeliani sono politicamente con la destra anche quando fingono di essere “sinistra”. Sebbene alcune delle voci critiche più astute della politica israeliana e del fondamentalismo ebraico siano israeliani (come Gideon Levi, Shlomo Sand, Israel Shamir e altri), non esiste una sinistra politica israeliana.

La politica israeliana si divide in molti elettori di estrema destra e in molti falchi ordinari. The Arab  Joint List Party  è praticamente l’unico partito di sinistra nella Knesset israeliana. Questo non dovrebbe essere più sorprendente. La sinistra ebraica, come ho sostenuto per molti anni, è un ossimoro; l’ebraismo è una forma di identificazione tribale mentre la sinistra è universale. Il “tribale” e l'”universale” sono come olio e acqua, non si mescolano molto bene.

La particolarità della divisione politica israeliana è che gli israeliani sono più uniti che mai nelle loro credenze nazionaliste e nel primato dei loro sintomi ebraici. Perché, se gli israeliani sono così unificati, nessuno può formare un governo nel loro cosiddetto “Stato ebraico”?

Avigdor Lieberman, ex alleato entusiasta di Netanyahu e lui stesso un nazionalista ebreo radicale, ieri ha scavato nella situazione di stallo politico israeliano. Ha sostenuto che le elezioni erano già state decise: “Il blocco ultra-ortodosso e messianico raggiunge i 62-61 seggi”. Il leader del rabbioso nazionalista Yisrael Beiteinu ha dichiarato: “Se non c’è un tasso di voto di almeno il 70% a favore di Gush Dan e Sharon, verrà istituito il governo di Halacha” (vedi nota, ndt).

Fondamentalmente, Lieberman ha affermato che, a meno che gli israeliani laici di Tel Aviv non vadano alle urne, dovrebbero aspettarsi di vivere in uno stato di Halacha sotto un governo Netanyahu di estrema destra.

Lieberman sembra detenere la chiave della stabilità politica di Israele. Sebbene lui e Netanyahu siano gemelli ideologici riguardo alla sicurezza israeliana e alle questioni nazionaliste, i due sono acerrimi rivali che combattono aggressivamente l’uno contro l’altro. Netanyahu ha saputo per alcuni anni che, in assenza di un forte governo di estrema destra, può aspettarsi di passare un po’di tempo dietro le sbarre, un’avventura che è diventata comune per le principali figure politiche di Israele.

I partner naturali di Netanyahu sono i partiti ultra-giustie i partiti ortodossi. Dal punto di vista ideologico, Lieberman dovrebbe anche sentirsi a proprio agio in una simile coalizione politica, ma Lieberman ha preso una decisione politica cruciale, essenziale per la sua sopravvivenza politica. Qualche tempo fa ha capito che la sua base politica, gli immigrati ebrei dall’ex Unione Sovietica, molti dei quali a malapena ebrei e sottoposti a un costante terrore rabbinico, considerano i partiti ebrei ortodossi come i loro principali nemici. Molti di questi ebrei russi e ucraini ricoprono posizioni politiche di estrema destra ma vedono anche i rabbini come una minaccia imminente alla loro sopravvivenza.

Teoricamente, Lieberman potrebbe mediare un’enorme coalizione di unità con Netanyahu al vertice, affiancato da Blue and White (KacholLavan) e dai suoi tre marescialli di destra, il partito di Lieberman e probabilmente il partito laburista. Una simile coalizione avrebbe circa 80 seggi nella Knesset, più che sufficienti per sostenere un governo forte, ma questa coalizione si rifiuterebbe di garantire l’immunità di Netanyahu.

Netanyahu scommette invece su un debole governo religioso di estrema destra, un governo che potrebbe non durare a lungo ma che perderebbe più tempo affinché il suo PM rimanga fuori di prigione.

Questo conflitto nel cuore della politica israeliana è una finestra sullo stato ebraico e le sue paure. Israele sta rapidamente diventando uno stato ebraico ortodosso. Gli ebrei ortodossi di Israele sono il gruppo in più rapida crescita nel paese. Sono anche la popolazione più povera del paese, il 45% vive al di sotto della soglia di povertà in comunità segregate. Di solito, ci si aspetterebbe che i poveri appoggino la sinistra, ma gli ebrei israeliani della Torah sono rabbiosi nazionalisti e prestano apertamente il loro sostegno a Benjamin Netanyahu e al suo partito.

Il Prof. Dan Ben-David dell’Università di Tel Aviv ha recentemente ammonito che Israele potrebbe smettere di esistere entro un paio di generazioni. Ha sottolineato l’incredibilmente alto tasso di natalità tra gli ebrei ultra ortodossi e ha predetto che, sulla base delle tendenze attuali, entro il 2065 costituiranno il 49% della popolazione israeliana. I partiti ultra ortodossi sono destinati a dominare la Knesset entro una generazione o meno. Ben David prevede che la loro dipendenza dal sistema di welfare di Israele porterà a un rapido declino dell’economia israeliana. Ciò è abbastanza dannoso dal punto di vista economico ed è aggravato dal rifiuto della maggior parte delle scuole rabbiniche di incorporare materie occidentali standard come matematica, scienze e inglese nel loro curriculum di base. Di conseguenza, l’immagine che si presenta è peculiare. Man mano che Israele diventa sempre più ebreo e fondamentalista nella sua etica nazionalista e religiosa, è diventato anche più diviso su tutto il resto.

Gli immigrati russi trovano impossibile vivere accanto agli ultra ortodossi e viceversa. L’enclave secolare a Tel Aviv è impegnata a vedere la propria metropoli come una  estensione di New York. La sinistra israeliana si è trasformata in un’unità hasbara LGBT. Si è praticamente rimossa dal conflitto israelo-palestinese. I coloni ebrei aderiscono al concetto di “soluzione a due stati ebraici”. Vogliono vedere la Cisgiordania diventare una terra ebraica. Gli ebrei ortodossi sono a malapena preoccupati di queste questioni politiche. Sanno bene che il futuro dello stato ebraico appartiene a loro. Tutto ciò che devono fare è sostenere una minoranza ebraica secolare produttiva che funga da mucca da latte. Inoltre, affrontiamo le guerre di sopravvivenza di Bibi che minacciano di intensificarsi in qualsiasi momento in un conflitto mondiale.

Alla luce di tutto ciò, i palestinesi si trovano in una situazione relativamente buona. Devono semplicemente sopravvivere. Israele sembra essere il più feroce nemico di Israele.

 

GILAD ATZMON

Fonte: https://gilad.online/

Link: https://gilad.online/writings/2019/9/12/the-end-of-israel

12/09/2019

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da OLDHUNTER

Nota del traduttore:

Da Wikipedia:  Halakhah (in ebraico הלכה) — traslitterato anche con Halakha, Halakhà, Halacha, o Halocho; plurale halakhot — è la tradizione “normativa” religiosa dell’Ebraismo, codificata in un corpo di Scritture e include la legge biblica (le 613 mitzvòt) e successive leggi talmudiche e rabbiniche, come anche tradizioni e usanze. Non trae nessuna distinzione nelle sue leggi tra vita religiosa e vita laica; la tradizione religiosa ebraica non distingue chiaramente tra identità nazionale, razziale, etnica o religiosa. Halakhah guida non solo le pratiche e credenze religiose, ma anche numerosi aspetti della vita quotidiana. Il termine Halakhah viene spesso tradotto come “Legge ebraica”, anche se una traduzione più letterale potrebbe essere “la via” o “il modo di condursi”. La parola deriva dalla radice che significa andare o camminare. Storicamente nell’esilio, poi anche detto diaspora, la Halakhah serviva a molte comunità ebraiche come un sistema esecutivo di diritto civile e diritto religioso. A partire dall’Illuminismo, dall’emancipazione ebraica (in era napoleonica e dall‘Haskalah in epoca moderna, i cittadini ebrei sono sottoposti alla Halakhah solo per consenso volontario. Tuttavia, secondo la legge israeliana contemporanea, alcune aree del diritto di famiglia e status personale sono sotto l’autorità dei tribunali rabbinici e pertanto trattate in base alla Halakhah. Alcune differenze sulla Halakhah stessa si possono riscontrare tra ebrei aschenaziti, mizrahì, sefarditi e yemeniti, che rispecchiano la diversità storica e geografica delle varie comunità ebraiche all’interno della Diaspora

 

Pubblicato da Rosanna

La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.

8 Commenti

  1. “… Sebbene alcune delle voci critiche più astute della politica israeliana e del fondamentalismo ebraico siano israeliani…”

    Perché, possono esistere voci critiche verso Israele non israeliane?

  2. La dialettica politica in Israele è in realtà inesistente, è portata avanti per far vedere al mondo che in Israele c’è una democrazia di tipo occidentale quando invece non è vero. Lo stato è praticamente una appendice giuridica del ‘Volk’ ebraico, l’unione tra razza religione e tradizione. I governi di sinistra o di destra, come dice giustamente Atzmon, non si distinguono in niente, entrambi annettono terra palestinese, confinano i veri proprietari del territorio in campi di concentramento come quello di Gaza, fanno, o più sovente fanno fare agli altri, le guerre di eliminazione dei propri nemici e entrambi si appoggiano per il sostegno finanziario, economico e militare all’ebraismo internazionalista che serve come secondo polo del potere ebraico nel mondo. Entrambi i poli si sostengono a vicenda : Israele rappresenta la base fisica, materiale, tecnologica, capace di difendere gli interessi ebraici con l’assasinio, lo spionaggio e le incursioni militari, gli internazionalisti (nel senso della diaspora, ovviamente) provvedono con le loro lobby a sostenere finanziariamente Israele e a manipolare, per i loro fini, l’occidente, attraverso il controllo dei media e del ‘discorso’.
    Un esempio recentissimo : gli insulti a Gad Lerner. Lui (insieme a Saviano) ha insultato per mesi Salvini e la Lega con una violenza mai vista prima, quando è stato ‘insultato’ a sua volta a Pontida è venuto giù il mondo : accuse di antisemitismo, sconcerto nel palazzo della casta, richieste di scuse e solidarietà da tutti i camerieri della stampa e della politica italiana, nessuno dei quali ha mai avuto il coraggio di confrontarlo sul razzismo ebraico in generale e israeliano in particolare. La fine di Israele? Quale fine?

  3. “…i palestinesi si trovano in una situazione relativamente buona…” Se questa considerazione fosse stata messa all’ inizio dell’ articolo mi sarei risparmiato la lettura del resto. A me è capitato, visitando i luoghi santi, di vedere come sono trattati i palestinesi in Israele…come bestie! Non esiste al mondo uno stato più aparthaid di Israele. Fate voi.

  4. Salvini poteva evitare di andare ad inginocchiarsi a questa gente, con tanto di papalina in testa. Non lo sa che i palestinesi sono massacrati da questi “democratici”. ? Da che parte sta?A che pro? Che ha ottenuto?

  5. Istruttivo e interessante. L’articolo ma anche i commenti. Secondo me Atzmon sbaglia solo quando dice che la sinistra ebraica è un ossimoro. Lo è anche la destra. Lì esiste solo l’essere ebrei, non gliene importa niente di destra e sinistra. Fingono. Tanto per far vedere che sono democratici occidentali. Invece son tali e quali i Sauditi che, per chi non lo sapesse, sono la Tredicesima Tribù o qualcosa del genere. Gli Ebrei recitano da sempre tutte le parti in commedia per cadere sempre in piedi. E noi abbocchiamo.
    Quello che mi ha aperto gli occhi, anni fa, è l’evidente armonia e comunità d’intenti fra Israele e Arabia Saudita. A logica dovrebbero detestarsi: l’ebraicità e l’islamismo ai massimi livelli e invece…..anema e core.
    Indagando ho saputo che negli anni 60 su non ricordo quale giornale USA, avevano dichiarato la loro parentela con dovizia di particolari tribali e ascendenze che si perdevano nella notte dei tempi. Ad ogni modo la cosa si vede nei comportamenti. Mai uno screzio.

  6. un sottotitolo per questo articolo potrebbe essere: “I Figli del Kazaro Nero”

  7. Gli isreliani non sono veri ebrei. I discendenti di abramo vivevano in pace con gli arabi fino a che questi fuoriusciti dei paesi dell’est, in buona parte, son stati ficcati li come base dagli usa per controllare poi il petrolio. Nessuno di loro e’ originario, sono solo di religione ebraica, ma europei, in gran parte. Con questa scusa son stati piazzati li. E’come se tutti icattolici sparsi nel mondo dovessero venire in italia e cacciare noi nel ghetto . Vengono dai paesi dell’est, si cambiano persino i nomi, lo stesso netanyahu non si chiama cosi , ma si chiama Mileikowski, perche’ e’ polacco.

  8. A volte, penso alla strana storia del popolo ebraico. Secondo le scritture, l’unico ad aver vissuto con Dio (Yavhé) accanto. Così racconta Mosè. Se, per caso, le ipotesi di Biglino su extraterestri che hanno “addestrato” i popoli antichi fossero vere, sarebbe proprio una bella caciara!
    In ogni modo, così credono e così vivono, senza una buona dose di illuminismo che temperi gli eccessi religiosi: a ben vedere, lo stesso problema dei musulmani. Sono gli unici ad aver avuto Dio accanto, ed è quasi l’unico popolo – anche grazie alle persecuzioni cristiane – ad aver mantenuto una solida unità d’intenti. Poi, quando hanno avuto un loro Stato, non possono pensare che gli altri siano come loro: perché non hanno avuto Dio accanto e noi sì?
    Pensate il paradosso: tutto dipende da alcuni profeti che hanno raccontato delle storie…nient’altro, tutto scompare innanzi a quattro rotoli trovati nel Mar Morto. Mah…

Lascia un commento