L’11 settembre della Russia?

 

Julian Macfarlane – News Forensics – 25 giugno 2024

 

L’11 settembre “in stile russo”?

Vi ricordate l’11 settembre, vero? Un gruppo di sauditi armati di taglierino dirottò alcuni aerei americani e molti americani morirono. Così gli Stati Uniti attaccarono e invasero l’Afghanistan e l’Iraq, che non avevano nulla a che fare con l’attacco – senza una dichiarazione di guerra, sia chiaro. Probabilmente sono morte un milione di persone innocenti.

Perché? Perché si trattava di un attacco al suolo americano. E gli afghani e gli iracheni non ci piacevano (ma i sauditi erano amici). Qualcosa da ricordare.

remember_911

Ora la Russia è stata attaccata a Sebastapoli e in Daghestan. A differenza degli afghani e degli iracheni, gli Stati Uniti sono stati direttamente coinvolti.

Cosa dovrebbe fare la Russia? Se fosse al posto degli Stati Uniti, entrerebbe in guerra, uccidendo molte persone innocenti.

Cosa glielo impedisce?

Beh, gli afghani e gli iracheni non avevano armi nucleari. Gli Stati Uniti sì.

Quindi la vendetta sarà servita fredda, molto fredda.

Terrorismo all’americana

Gli Stati Uniti sono sempre più disperati. Stanno cercando di provocare la Russia a fare qualcosa, qualsiasi cosa. Uno dei motivi è semplicemente il crescente senso di impotenza. L’aquila americana è vecchia. Riesce a malapena a volare o a cacciare e vive di carogne, come un avvoltoio.

Questo senso di impotenza spinge gli Stati Uniti a rinforzare la loro storia secondo cui la Russia è il Grande Cattivo. Lo fanno non solo dalla dissoluzione dell’URSS, ma dal 1945. Se la Russia è CATTIVAAA! allora tutto è possibile. Tutto è sul tavolo – un sacco di taglierini.

Terrorismo, all’americana.

Piccolo problema, sappiamo tutti che il terrorismo è un’arma di debolezza… e anche… CATTIVOOO     !

Quindi, il modus operandi degli Stati Uniti è quello che si potrebbe definire “terrorismo per procura”, fornendo finanziamenti e guida a tutti i gruppi che nutrono rancori nei confronti della Russia: nazisti, ISIS, cani rabbiosi. Le nostre mani sono pulite. E usiamo le mentine per l’alito.

Non siamo stati noi! (tranne forse il tizio a sinistra…)

terrorist_militias

Come è iniziato tutto

Molti analisti diranno che questa politica di distruzione è iniziata con il terrorismo ceceno istigato dalla CIA e le due guerre cecene.

Ma in realtà si tratta di una politica statunitense che risale alla fine della Seconda Guerra Mondiale, quando i servizi segreti americani iniziarono a sostenere gruppi ultranazionalisti ucraini come l’OUN che, durante la guerra, erano stati responsabili del genocidio di ebrei e polacchi in Ucraina. Non c’è da sorprendersi, ovviamente, visto che alla fine della guerra, sotto l’amministrazione Truman, gli Stati Uniti iniziarono a reclutare ufficiali dei servizi segreti nazisti o i loro servizi.

himmler_meeting

Dopo la Seconda Guerra Mondiale, il controspionaggio americano reclutò ex ufficiali della Gestapo, veterani delle SS e collaborazionisti nazisti in misura ancora maggiore di quanto fosse stato rivelato in precedenza e aiutò molti di loro a evitare il processo o a guardare dall’altra parte quando fuggirono, secondo migliaia di documenti recentemente declassificati. The New York Times

Solo nel 1959, anno in cui Stepan Bandera fu finalmente assassinato dopo molteplici tentativi iniziati nel 1954, i sovietici riuscirono a sopprimere i nazisti ucraini, grazie anche al fatto che Nikita Kruscev, primo segretario del Partito Comunista dell’URSS dell’epoca, era nato a Kursk, al confine con l’Ucraina; quel Kruscev trasferì illegalmente ceduto la Crimea all’Ucraina.

Da allora, l’Ucraina ha goduto di un periodo di relativa pace e sviluppo.

Non che gli Stati Uniti non abbiano cercato di creare problemi, montando campagne di propaganda, inventando per intero il mito del “Holodomor”, o meglio reinventando la storia, dato che era già stata usata dai neonazisti galiziani durante la Seconda Guerra Mondiale e prima di essa. La versione americana era altrettanto terribile, ma meglio realizzata.

holomodor_monument

 

In realtà non c’è stato alcun “Holodomor”, non come descritto dai rifugiati ucraini neonazisti alla fine della Seconda Guerra Mondiale e divulgato dai media.

1 – La siccità naturale giocò un ruolo nella creazione della situazione.

2 – Gli ex proprietari terrieri kulaki e i nazionalisti ucraini si rifiutarono effettivamente di lavorare, uccisero i lavoratori dei collettivi, macellarono il proprio bestiame e sabotarono attivamente le campagne di semina e di raccolta.

3 – L’importazione di macchinari industriali era la ragione per esportare quantità di cibo al fine di aumentare la produzione il più velocemente possibile.

4 – Il ciclo di carestie che esisteva da secoli e che era stato ereditato dalle autorità sovietiche terminò dopo la piena attuazione delle politiche di industrializzazione e collettivizzazione e la fine dell’invasione nazista.

5 – Sotto Stalin, la politica di ucrainizzazione rimase in vigore per oltre un decennio prima di essere modificata a causa di rabbiosi elementi borghesi nazionalisti ucraini che la sfruttarono per attività di tradimento.

6 – Stalin non nutriva nei confronti dei nazionalisti ucraini un’ostilità maggiore di quella verso i nazionalisti russi, che aveva combattuto nella guerra civile, o verso i nazionalisti georgiani, che aveva combattuto nella rivolta di agosto.

7 – Prima degli anni ’30 il movimento nazionalista ucraino in questione era fortemente legato all’antisemitismo e alle credenze fasciste e aveva mostrato i suoi veri obiettivi allineandosi con la Germania nazista nella speranza di creare un etno-stato.

8 – Le autorità centrali sovietiche inviarono centinaia di migliaia di tonnellate di cibo agli ucraini da altre regioni e lo stesso Stalin intervenne personalmente per rimproverare un funzionario regionale russo che si opponeva all’invio di aiuti e lo costrinse a inviare cibo

9 – La situazione di fame coinvolse in varia misura l’intera Unione, colpendo anche l’etnia russa.

10 – La situazione in Ucraina negli anni 1932-1933 non fu intenzionale o causata da Joseph Stalin o dalle autorità sovietiche centrali.

11 – La stragrande maggioranza dei Paesi del pianeta non riconosce questa situazione come un “genocidio”.

L’idea del “Holodomor” come genocidio intenzionale o provocato dall’uomo, che prese di mira specificamente gli ucraini e fu usato per schiacciare i nazionalisti ucraini, fallisce su più fronti.

Il mito del Holodomor come “Olocausto” ucraino sarebbe stato usato più e più volte – e naturalmente dai neonazisti nel 2014 – per giustificare il loro programma di eliminazione della “russità”, cioè della lingua russa, della cultura russa e del popolo russo in Ucraina.

Di fatto è stato usato in modo simile a come gli israeliani usano l’Olocausto per giustificare il genocidio del popolo palestinese. Stepan Bandera è stato resuscitato come il Messia della “nuova” Ucraina.

Le grandi bugie ingigantite

La strategia degli Stati Uniti dal 1945 in poi è stata quella di utilizzare il controllo dei media per plasmare l’opinione pubblica mondiale, prima contro i sovietici e poi contro i russi.

Hanno ripreso il concetto nazista della “Grande Bugia”, che i nazisti usavano soprattutto per controllare il proprio popolo, per indottrinare e controllare non solo il popolo americano, ma tutti gli altri. Il mondo era il Reich dell’America, il suo “regno”…

Era più di quanto avesse tentato di fare persino Hitler, che non era tanto interessato al dominio del mondo quanto alla creazione di una nuova Germania.

Hitler e Mussolini erano fascisti – e il “fascismo” è per definizione corporativismo, ma Hitler e Mussolini non lasciarono che le grandi imprese governassero – perché il potere era conferito a loro stessi, individualmente.

Dal 1945 in poi, il potere negli Stati Uniti è stato condiviso dalla nemesi di FDR: il “denaro organizzato“. Non c’era una sola persona a dominare – nessun Duce o Fuhrer – ma un’oligarchia invisibile. Fin dalle scuole elementari, ai bambini viene insegnato che vivono in una democrazia “del popolo, dal popolo, per il popolo“, quando nulla potrebbe essere più lontano dal vero.

Non si può negare il successo di questo sistema, almeno per quanto riguarda i pochi che possiedono tutto. Ma il successo è anche la sua debolezza: controllare i molti significa infatti creare un mondo di illusioni e delusioni, in cui quasi tutto è falso da un lato e temporaneo dall’altro. Allo stesso tempo, porta a narcisistiche manie di grandezza e di potere, avulse dalla realtà.

Nella misura in cui questo Reich Americano è extraterritoriale, sfruttando il mondo, funziona solo quando gli Stati Uniti sono “l’Uno” – onnipotenti. Ma non sono più la potenza mondiale di un tempo; militarmente, economicamente e socialmente sono di serie B o inferiori.

Né può più controllare l’informazione come un tempo.

Così gli Stati Uniti, sperando di poter ottenere il successo di un tempo, stanno perdendo in ogni campo, il che li spinge ad azioni estreme.

L’attacco a Sebastopoli – che ha utilizzato munizioni a grappolo vietate su obiettivi civili – è stato un crimine di guerra, uno dei tanti perpetrati finora dagli ucraini con l’assistenza americana.

Le vittime sulla spiaggia potrebbero essere state accidentali, poiché sono state il risultato di un missile intercettato che è andato fuori rotta ed è esploso. Non importa, perché il diritto internazionale vieta questo tipo di attacchi in aree civili.

Il ruolo dei droni americani sul Mar Nero è discutibile. Fino a che punto, se lo hanno fatto, hanno aiutato a prendere la mira e a correggere la rotta? Nessuno lo sa. Gli americani hanno anche aerei radar e satelliti. E certamente solo loro hanno le competenze per programmare i missili ATACMS.

Tuttavia, qual è esattamente la logica dei droni di sorveglianza americani in una zona di guerra – lo spazio aereo internazionale non lo era?

I russi sarebbero giustificati a estendere la loro zona di esclusione sull’intero Mar Nero e ad abbattere qualsiasi drone o aereo di sorveglianza trovato lì.

Dubito che lo faranno. Gli ucraini continuerebbero a sparare missili ATACMS, con o senza droni, basandosi sulle informazioni satellitari. Bisogna abbattere anche i satelliti.

Piuttosto, i russi continueranno a fare quello che stanno facendo in Ucraina e risponderanno in modo asimmetrico altrove, come hanno fatto con la Corea del Nord e l’Iran, fornendo loro sistemi d’arma più avanzati. Poco dopo l’attacco, i russi hanno annunciato il rafforzamento dell’accordo di mutua difesa con l’Iran, che funge anche da proxy per il rafforzamento delle capacità militari degli Houthi e degli Hezbollah.

russ_iran_flags

Nello stesso momento in cui gli americani hanno organizzato il loro attacco per procura alla Crimea, hanno organizzato un attacco terroristico in Daghestan contro chiese e sinagoghe, che ha portato alla morte di 15 poliziotti. I musulmani in Russia vedono tutto questo per quello che è – e saranno ancora più favorevoli all’iniziativa cecena in Ucraina, che è motivo di orgoglio per la comunità musulmana.

Nel complesso, questi attacchi, pur essendo orribili, servono solo a rafforzare la determinazione russa. Ci si aspetta di vedere un notevole aumento del numero di russi che si offrono volontari per il servizio di leva.

La Russia non si farà distrarre.

 

j_macfarlaneJulian Macfarlane è un analista di strategia e media, di base a Tokyo

 

 

 

Link: https://julianmacfarlane.substack.com/p/russias-911

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
75 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
75
0
È il momento di condividere le tue opinionix