Influenza aviaria: un altro tentativo di controllare il sistema alimentare e trarre profitto

Gli esperti stanno già lanciando avvertimenti, i media tradizionali ne parlano e la gente si beve le bugie - ancora una volta. Un po' come un déjà vu, dicono che le nostre vite sono a rischio.

Ashley Armstrong
takecontrol.substack.com

Che la paura abbia inizio (di nuovo)! La propaganda sta facendo credere che gli esseri umani possano morire a causa dell’influenza aviaria e che dobbiamo “fare la nostra parte” per prevenire la prossima pandemia globale. Indossare mascherine, mantenere le distanze, igienizzare tutto, sottoporsi a test, vaccinarsi… È un po’ come con la “COVID-19″, ma ora con le mucche da latte!

Analogamente all'”indossare le mascherine, stare a casa, praticare il distanziamento sociale e disinfettare tutto”, il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti sta ora incoraggiando gli agricoltori a testare regolarmente gli animali, analizzare il latte settimanalmente, registrare il bestiame, intensificare l’uso di dispositivi di protezione personale, limitare il traffico nelle fattorie e aumentare le pratiche di pulizia e disinfezione.

“Il passo più importante che possiamo fare oggi è la biosicurezza. Chiedo ai produttori di utilizzare le nostre risorse per migliorare le misure di biosicurezza e agli Stati e ai produttori di aderire ai nostri programmi di sostegno e di monitoraggio delle mandrie, che sono stati concepiti per limitare la diffusione di questa malattia nei bovini da latte”. – Il Segretario dell’USDA Tom Vilsack.

 

Come per la “scarsità di carta igienica”, ora in Australia ci sono limitazioni sul numero di cartoni di uova acquistabili in alcuni negozi a causa della rapida diffusione dell’influenza aviaria nei grandi allevamenti di pollame. (La carne e i prodotti lattiero-caseari saranno i prossimi?).

Analogamente alle cancellazioni degli eventi estivi nel 2020 e 2021, le fiere statali e gli eventi zootecnici stanno richiedendo test [1] e alcuni eventi sono stati addirittura cancellati quest’estate a causa dell’influenza aviaria [2].

Cosa verrà dopo?

Rinchiudere mucche e polli nelle stalle per ridurre la diffusione?

Test obbligatori per l’influenza aviaria?

Vaccinazione obbligatoria con mRNA di tutto il bestiame per “risolvere il problema”?

Obbligare i dipendenti delle aziende agricole a indossare i dispositivi di protezione individuale (DPI)?

Tutto questo sa un po’ di déjà vu, non è vero? Riuscite a credere che ci stiano provando di nuovo? E tutto questo potrebbe essere ovvio per voi, ma, se in questo momento vi sintonizzate su un qualsiasi media mainstream, la gente se la sta bevendo! E c’è un’enorme quantità di paura e di discussioni sul “perché dovremmo essere preoccupati” e su “cosa fare per prevenire la diffusione”.

Per esempio, il dottor Sanjay Gupta della CNN ha mandato in onda un servizio sull’influenza aviaria dal titolo “Siamo pronti per l’influenza aviaria?” [3]. Il CDC ora prevede che la prossima pandemia sarà causata dall’influenza aviaria.

“Una volta che il virus avrà acquisito la capacità di legarsi ai recettori umani e di trasmettersi da uomo a uomo, si avrà la pandemia… Credo sia solo una questione di tempo”. – Dr. Redfield, ex direttore dei CDC.

Le agenzie di stampa di tutto il Paese dicono esattamente la stessa cosa. Allora, si tratta davvero di “notizie”? O è  di nuovo propaganda? Riportare ciò che vogliono farci sentire per diffondere la paura. In questo articolo, quindi, discuteremo di come questa “pandemia” di influenza aviaria sia un tentativo di ottenere il controllo completo del sistema alimentare.

“Chi controlla l’approvvigionamento alimentare controlla il popolo”. – Henry Kissinger

Parlerò anche di ciò che potete fare VOI per contribuire a fermare la diffusione della paura – aiutando gli altri a comprendere meglio il motivo per cui si verificano questi eventi si spera che si possa evitare che la gente ci caschi. (DI NUOVO!)

Cos’è l’influenza aviaria

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), “l’H5N1 è uno dei tanti virus influenzali che negli uccelli causano una malattia respiratoria altamente infettiva chiamata influenza aviaria (o ‘influenza aviaria’)”. L'”influenza aviaria” non è una novità: è un problema che l’agricoltura affronta da molto tempo. Il CDC descrive qui la storia dell’influenza aviaria dal 1880 al 2024.

Il Dr. Mercola ne aveva parlato nel 2006 nel suo libro “La grande bufala dell’influenza aviaria“: “Il governo degli Stati Uniti sta ora praticamente urlando che una nuova super-influenza aviaria probabilmente ucciderà milioni di americani. I media mainstream sono completamente d’accordo, così come le aziende farmaceutiche e le altre società pronte a trarre immensi benefici dalla paranoia. Ma non c’è nessuna pandemia di influenza aviaria in arrivo. Si tratta di un elaborato schema escogitato dal governo e dalle grandi aziende per ragioni che si riducono al potere e al denaro”. Ci stanno davvero provando di nuovo?

L’origine è forse il guadagno di funzione?

Sebbene io non ritenga che gli esseri umani debbano preoccuparsi, non si può negare che l’H5N1 possa causare problemi agli uccelli. Molti sostengono che l’H5N1 provenga dagli uccelli selvatici – ma la natura è davvero qualcosa che dovremmo temere o da cui dovremmo cercare di tenerci separati? Da dove proviene questo ceppo e perché è così problematico? Esistono altre origini?

La ricerca sul guadagno di funzione (GOF) cerca di alterare le caratteristiche funzionali di un virus per “aiutare” gli esperti di salute pubblica a capire meglio come i virus possono diffondersi e a pianificare meglio le future pandemie.

Nel 2010 era stata condotta una controversa ricerca GOF sui virus dell’influenza aviaria, una ricerca in cui ceppi del virus dell’influenza aviaria H5N1 erano stati intenzionalmente resi trasmissibili tra i furetti attraverso l’aerosol respiratorio. Questi studi erano stati finanziati dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) sotto la guida del Dr. Anthony Fauci. Anche Bill Gates aveva finanziato la ricerca su guadagno di funzione dell’H5N1 [4].

Nel 2011, gli scienziati avevano riferito di essere riusciti a modificare il virus aviario H5N1 in modo da renderlo trasmissibile tra i mammiferi, rendendo l’intera situazione più rischiosa per gli esseri umani [5].

Dopo essere stati messi in pausa per un certo periodo, i finanziamenti federali per questi controversi progetti di ricerca erano ripresi silenziosamente nel 2019 [6]. I critici del GOF hanno ripetutamente discusso i rischi per l’uomo se il virus fosse sfuggito (o fosse stato rilasciato) da un laboratorio.

L’attuale ceppo H5N1 proviene da un laboratorio? Sono stati infettati uccelli migratori, che poi hanno viaggiato in lungo e in largo infettando gli allevamenti di pollame in tutto il mondo? Ci sono persone che stanno studiando le potenziali origini di laboratorio dell’HPAI attraverso la ricerca sul guadagno di funzione [7].

“L’analisi genetica indica che il genotipo B3.13 è emerso nel 2024 e presenta legami genetici con il genotipo B1.2, che è stato identificato come originario della Georgia nel gennaio 2022 dopo l’inizio della ricerca sui passaggi seriali con il clade 2.3.4.4 dell’H5Nx nelle anatre domestiche presso il Southeast Poultry Research Laboratory (SEPRL) dell’USDA ad Athens, Georgia, nell’aprile 2021”.

Noi umani non vinceremo MAI la guerra contro Madre Natura, perché lei ci supererà SEMPRE in astuzia. Immagine da www.theatlantic.com

Purtroppo, è stata recentemente istituita una preoccupante censura per controllare meglio la narrazione. Robert Malone ha riferito che, nel giugno di quest’anno, sono stati preparati a porte chiuse e approvati illegalmente alcuni emendamenti al RSI (Regolamento Sanitario Internazionale) dell’OMS [8].

“Sebbene le norme e i regolamenti dell’’articolo 55’ per la modifica del RSI richiedano esplicitamente che ‘il testo di ogni proposta di emendamento sia comunicato a tutti gli Stati contraenti dal Direttore generale almeno quattro mesi prima dell’Assemblea sanitaria in cui viene proposto per l’esame’, il requisito dei quattro mesi per l’esame è stato ignorato per la fretta di produrre qualche risultato tangibile dall’Assemblea …

Gli emendamenti al RSI mantengono un linguaggio preoccupante per quanto riguarda la censura. Queste disposizioni sono state sepolte nell’Allegato 1, A.2.c., che richiede agli Stati parte di ‘sviluppare, rafforzare e mantenere le capacità di base … in relazione … alla sorveglianza … e alla comunicazione del rischio, anche affrontando la disinformazione e l’informazione scorretta’” [9] .

Ora l’influenza aviaria colpisce bovini ed esseri umani

Ma l’influenza aviaria ora non coinvolge solo gli uccelli… quest’anno segna la prima trasmissione “da uccello a mucca” e “da mucca a uomo”.

Un focolaio multistatale di influenza aviaria H5N1 nelle vacche da latte è stato segnalato per la prima volta il 25 marzo 2024. Secondo il CDC, attualmente sono 12 gli Stati in cui si sono manifestati focolai nelle vacche da latte, per un totale di 126 mandrie da latte colpite [10].

Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura dell’Ohio, tuttavia, la maggior parte delle mucche malate guarisce nel giro di pochi giorni.

Il primo caso umano segnalato negli Stati Uniti è stato quello di un allevatore di vacche da latte del Texas che, all’inizio di quest’anno, aveva sviluppato una congiuntivite. Era stato utilizzato il “test del tampone” per determinare se questo allevatore fosse stato infettato dallo stesso ceppo di influenza aviaria, l’H5N1, che si suppone stia circolando nelle mucche da latte.

Complessivamente, negli Stati Uniti si sono verificati quattro casi umani, nessuno dei quali ha comportato la diffusione interpersonale: tutti i soggetti si sono infettati dopo il contatto con animali presumibilmente affetti da influenza aviaria. Con l’obiettivo di diffondere la paura, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che in Messico, il 24 aprile, si era avuto il primo decesso causato dell’influenza aviaria.

Alcuni dettagli importanti che non vengono riportati nei titoli sono che questo individuo aveva molte condizioni preesistenti, non era stato esposto al pollame o ad altri animali ed era stato costretto a letto per tre settimane prima della comparsa dei sintomi dell’influenza aviaria.

L’accusa dell’OMS che la morte fosse stata causata dall’influenza aviaria è stata smentita dal Segretario alla Sanità messicano Jorge Alcocer [11]. Jorge Alcocer ha dichiarato che il 59enne era morto per altre cause, principalmente insufficienza renale e respiratoria, NON per l’influenza aviaria.

“Posso ribadire che la dichiarazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è piuttosto negativa, poiché parla di un caso fatale (di influenza aviaria), cosa che non è avvenuta”. – Jorge Alcocer

Mentre l’individuo deceduto potrebbe essere risultato positivo al test H5N2, l’attuale “paura” negli Stati Uniti riguarda la diffusione del ceppo H5N1 nelle mucche da latte. Nel 2008, gli scienziati avevano documentato come la positività al test per il ceppo H5N2 potesse essere dovuta ai vaccini contro l’influenza stagionale o ai farmaci antivirali.

“La vaccinazione contro l’influenza stagionale potrebbe essere associata alla positività degli anticorpi neutralizzanti per l’H5N2 [12]. Questi risultati suggeriscono che la somministrazione di Tamiflu (un antivirale) può influenzare i risultati dei test HI per il virus H5N2” [13].

Ancora una volta, tutto questo non suona così familiare? Condizioni preesistenti, falsi positivi, test errati, paura, disinformazione…

Test fasulli

Come nel caso della COVID, anche per l’influenza aviaria le agenzie governative si affidano al test PCR. Ma i test PCR sono estremamente imprecisi e portano a livelli significativi di falsi positivi [14].

I test PCR funzionano replicando minuscoli frammenti di DNA o RNA finché non diventano abbastanza grandi da essere identificati. I frammenti vengono replicati in cicli e ogni ciclo raddoppia la quantità di materiale genetico presente nel campione. Il numero di cicli necessari per creare un campione identificabile è la “soglia di ciclo” (CT). Una CT elevata significa che sono stati necessari molti cicli per “rilevare” un virus.

“Un punto dolente persistente del test PCR è che raccoglie detriti virali inattivi e, se portato ad oltre 40 TC, amplifica eccessivamente queste particelle; in questo modo individui non infetti vengono etichettati come infettivi e invitati ad autoisolarsi.

In breve, i media e i funzionari della sanità pubblica hanno confuso i ‘casi’ – i test positivi – con la malattia vera e propria”. – Il Dr. Mercola ha già parlato del test PCR per la COVID. Ma ora questo può essere applicato all’attuale situazione dell’influenza aviaria.

Nel dicembre 2020, persino l’OMS aveva avvertito che l’uso di un CT elevato avrebbe portato a risultati falsi positivi. Inoltre, Kary Mullis, Premio Nobel per l’invenzione del test PCR, aveva affermato che era inappropriato utilizzare il test come strumento diagnostico per rilevare un’infezione virale [15].

Eppure, il governo sta producendo e incoraggiando i test PCR senza fornire alcuna indicazione sul numero di CT utilizzato. Una parte importante del nuovo piano dei CDC da 93 milioni di dollari per ridurre l’impatto dell’influenza aviaria prevede l’esecuzione di questi test [16]. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) non ha risposto alla richiesta di “The Defender” per conoscere il numero di CT utilizzato per testare gli animali per l’influenza aviaria [17].

I falsi positivi possono aiutare a diffondere la paura, incoraggiare le vaccinazioni e imporre l’abbattimento di massa delle mandrie di bovini e del pollame di allevamento.

Le soluzioni proposte

L’ex direttore dei CDC, Tom Frieden, ha descritto il modo in cui, secondo lui, gli Stati Uniti dovrebbero rispondere [18]:

  • Risposta rapida: testare, isolare, abbattere il bestiame.
  • Fiducia nel governo e conformità, con questo tipo di messaggio: “Spetta ai nostri allevatori conformarsi e segnalare i test”.
  • Coordinamento tra le agenzie statali e federali per monitorare un maggior numero di allevamenti.

L’USDA richiede che gli allevamenti infetti spopolino (abbattano) le loro mandrie per contenere meglio il virus e fermarne la diffusione. “Il virus, tuttavia, è letale per i volatili e i funzionari statali e federali richiedono l’abbattimento di tutto il pollame degli allevamenti infetti per prevenirne la diffusione ” [19]. Questi abbattimenti generalizzati (o “spopolamenti”) sono pagati con fondi pubblici attraverso un programma dell’USDA [20].

Il 25 giugno, le autorità federali hanno pagato alle aziende agricole del Michigan 81 milioni di dollari come rimborso per le perdite dovute all’abbattimento di milioni di volatili [21]. Più di 73 milioni di dollari di questi 81 milioni sono stati erogati al più grande produttore di uova dello Stato, l’Herbruck’s Poultry Ranch. Quasi 6,5 milioni di polli (più del 40% delle galline ovaiole dello Stato) sono stati eliminati all’inizio del 2024.

Da quando l’influenza aviaria, altamente patogena, H5N1 ha iniziato a diffondersi nel gennaio 2022, è stato erogato circa 1 miliardo di dollari a livello nazionale. A livello nazionale, le grandi aziende produttrici di uova hanno ricevuto alcuni dei pagamenti più consistenti per coprire i costi di abbattimento dei loro allevamenti. Ad esempio, Jennie-O ha ricevuto 105 milioni di dollari, Tyson Foods 29 milioni e Cal-Main Foods 22 milioni [22].

Dall’inizio della recente epidemia, nel 2022, sono stati abbattuti più di 92 milioni di polli. Nel giugno di quest’anno, in un allevamento della contea di Sioux, nello Iowa, sono stati uccisi 4,2 milioni di polli. (Come mai c’erano 4,2 milioni di polli in una sola fattoria?)

Le aziende vengono compensate per gli abbattimenti generalizzati nonostante questi metodi di spopolamento disumani non siano approvati dalle organizzazioni che si battono per il benessere degli animali. Oltre l’80% degli abbattimenti di massa negli Stati Uniti utilizza il VSD+ (ventilation shut down plus), un’opzione economica e vietata in altri Paesi. Negli allevamenti viene bloccato l’accesso dell’aria e viene pompato calore fino a superare i 40 °C, in pratica, gli uccelli vengono arrostiti vivi.

In un abbattimento di 5 milioni di volatili nel marzo 2022 presso la Remembrandt Foods, alcuni dipendenti hanno riferito che c’era voluto circa un mese per estrarre il pollame morto dalle gabbie e caricarlo sui camion prima di ammucchiarlo nei campi vicini e seppellirlo in enormi fosse.

Il massacro di milioni di uccelli è davvero il modo migliore per gestire questa situazione? (Non sta funzionando, visto che i focolai di “influenza aviaria” continuano a comparire!) Cosa succede se interi allevamenti vengono massacrati a causa di un singolo test falso positivo? E il concetto di “immunità naturale”?

L’approccio “abbattere tutto l’allevamento per un solo test positivo” porterà solo ad una riduzione dell’approvvigionamento alimentare della nazione (o addirittura ad una carenza di cibo) e ad una centralizzazione e a una regolamentazione ancora maggiori dell’approvvigionamento alimentare, che peggiorano di anno in anno.

Il tracciamento delle mucche da latte

Il 26 aprile di quest’anno, l’USDA ha sfruttato la paura dell’H5N1 per far approvare una sentenza che impone l’uso di marchiature auricolari RFID per i bovini da latte, per un “efficiente sistema di tracciabilità delle malattie animali”.

Oppure… è un modo per monitorare, tracciare e controllare il numero totale e il movimento delle mucche da latte? Un modo per registrare le vaccinazioni con l’mRNA, con farmaci e altri protocolli per mantenere il controllo?

L’etichettatura RFID (identificazione a radiofrequenza) utilizza piccoli dispositivi a radiofrequenza per trasferire dati, principalmente per tracciare e identificare oggetti, animali e persone.

R-CALF USA si esprime contro questa nuova sentenza: “I beneficiari di questa norma non sono i produttori di bestiame o i consumatori. Al contrario, questa norma è destinata ad avvantaggiare le multinazionali dell’inscatolamento e i produttori multinazionali di marchiature auricolari, che ne trarranno profitto a spese dei produttori di bestiame e dei consumatori”.

Infatti, poiché la norma è proibitiva per i produttori indipendenti di bestiame, l’agenzia sta utilizzando milioni di dollari dei contribuenti per regalare milioni di inutili marchiatori auricolari EID [Electronic Identification]… Ci opporremo all’attuazione di questa norma disastrosa che viola le libertà degli allevatori indipendenti della nostra nazione. Questa è la peggiore prevaricazione del governo”. – Bill Bullard, amministratore delegato di R-CALF.

I vaccini

Il CDC continua a dire che “la valutazione del rischio per la salute umana rimane bassa”, eppure si sta cercando di mettere a punto un vaccino.

La Finlandia è ora il primo Paese a lanciare il vaccino sperimentale contro l’influenza aviaria e, a metà giugno, ha acquistato vaccini per 10.000 persone [23] dal produttore CSL Seqirus. Questo primo ciclo è destinato alle persone “più a rischio”, tra cui i lavoratori agricoli e i veterinari. Questo acquisto fa parte dell’accordo per 40 milioni di vaccini che l’UE ha concluso con la CSL Seqirus.

Questo “vaccino Seqirus per l’influenza zoonotica” (un vaccino a due dosi, somministrate a distanza di 3 settimane l’una dall’altra) è stato autorizzato dalle autorità di regolamentazione europee sulla base di studi di immunogenicità. Secondo questi studi, il vaccino produrrebbe risposte immunitarie che gli scienziati RITENGONO protettive contro l’influenza aviaria [24]. (Come può bastare un “ritengono”?)

Il vaccino antinfluenzale è tradizionalmente prodotto con le uova e questo preoccupa gli scienziati. “La maggior parte dei vaccini approvati viene prodotta incubando le dosi nelle uova di pollo, ma il tasso di mortalità [dell’influenza aviaria] tra il pollame è un problema per questi vaccini” [25]. Pertanto, molti produttori si stanno orientando verso lo sviluppo di vaccini a base di mRNA.

“L’epidemia di influenza aviaria nelle mucche da latte statunitensi sta stimolando lo sviluppo di nuovi vaccini a base di mRNA di nuova generazione, simili ai vaccini COVID-19, che vengono testati sia sugli animali che sulle persone ” [26].

L’Università della Pennsylvania sta sviluppando un vaccino a base di mRNA per l’influenza aviaria utilizzando le stesse tecniche con cui erano stati prodotti i vaccini COVID. Secondo un rapporto del 28 maggio del Global Center for Health Security, “un vaccino sperimentale a base di mRNA contro l’influenza aviaria H5N1 è altamente efficace nel prevenire gravi malattie e la morte negli animali da laboratorio” [27].

Moderna e Pfizer sono anche in competizione per i contratti federali destinati alla costituzione di una riserva nazionale di vaccini a base di mRNA mirati alla nuova influenza aviaria [28].

Ventiquattro diverse aziende stanno lavorando allo sviluppo di un vaccino contro l’influenza aviaria bovina [29]. Vaccinare a tappeto polli e mucche da latte con vaccini a base di mRNA significherebbe essere esposti ai vaccini mRNA attraverso il cibo.

Non abbiamo assolutamente bisogno di altri vaccini dal momento che sempre più studi documentano che, nel 2020, subito dopo l’introduzione dei vaccini Covid, le complicazioni per la salute erano salite alle stelle [30, 31, 32]. Dal Dr. Joseph Sansone:

“Il dottor Francis Boyle, il professore di legge di Harvard che aveva redatto la legge del 1989 sulle armi biologiche e l’antiterrorismo, approvata all’unanimità da entrambe le camere del Congresso, ha fornito una dichiarazione giurata in cui afferma che i vaccini Covid-19 e le iniezioni di nanoparticelle di mRNA violano la legge da lui redatta.

Il dott. Boyle ha affermato che “i vaccini COVID 19”, “le iniezioni di nanoparticelle dei vaccini COVID 19” e “le somministrazioni di nanoparticelle di mRNA” sono armi biologiche e armi di distruzione di massa e violano le normative sulle armi biologiche 18 USC § 175; e sulle armi da fuoco § 790.166 Fla. Stat. (2023)” [33].

La guerra al latte crudo

In mezzo a tutti questi timori sembra esserci anche una guerra al latte crudo. La FDA sta incoraggiando gli Stati a limitare e bloccare le vendite di latte crudo per prevenire la diffusione dell’influenza aviaria nell’uomo [34 ]. Se ci si sintonizza su vari notiziari provenienti da tutto il Paese, il messaggio è sempre lo stesso:

“Le uova, il latte pastorizzato e i prodotti lattiero-caseari del negozio sono sicuri da consumare. Ma la FDA mette in guardia dal consumo di latte crudo”.

Il suggerimento di evitare il latte crudo è riportato due volte nell’elenco delle raccomandazioni del CDC:

* Le persone dovrebbero evitare l’esposizione ad animali malati o morti, inclusi uccelli selvatici, pollame, altri uccelli domestici e altri animali selvatici o domestici (incluse le mucche), se possibile.

* Le persone dovrebbero anche evitare, se possibile, l’esposizione ad escrementi di animali, lettiere, latte non pastorizzato (“crudo”) o materiali che sono stati a contatto di uccelli o altri animali con virus A(H5N1) sospetto o confermato.

* Le persone non dovrebbero bere latte crudo. La pastorizzazione uccide i virus A(H5N1) e il latte pastorizzato è sicuro da bere.

* Le persone che hanno contatti lavorativi con volatili o altri animali infetti o potenzialmente infetti devono essere consapevoli del rischio di esposizione ai virus dell’influenza aviaria e dovrebbero prendere le dovute precauzioni. Le persone dovrebbero indossare dispositivi di protezione individuale appropriati e raccomandati quando sono esposte a un animale infetto o potenzialmente infetto. Il CDC ha formulato raccomandazioni per la protezione dei lavoratori e l’uso dei dispositivi di protezione individuale (DPI).

Non esistono prove a sostegno della trasmissione dell’HPAI all’uomo per via alimentare. Infatti, nel 2010 la FDA e l’USDA avevano concluso che “l’HPAIV non è considerato un patogeno di origine alimentare” [35]. La presenza di HPAI nell’uomo è legata al contatto con gli animali, non con gli alimenti [36].

L’unica trasmissione dimostrata è il contatto diretto con gli animali: nessun essere umano ha mai sviluppato l’influenza aviaria dal latte.

“Le recenti comunicazioni sui rischi da parte di CDC, FDA e USDA in merito alla trasmissione dell’influenza A sottotipo H5N1 (virus dell’influenza aviaria ad alta patogenicità o HPAI) all’uomo attraverso il latte crudo non includono nella letteratura scientifica alcuna prova a sostegno della trasmissione virale dal latte crudo all’uomo…

Un ampio corpo di prove dalla letteratura scientifica sottoposta a revisione paritaria non supporta l’ipotesi delle agenzie governative statunitensi che l’HPAI si trasmetta all’uomo attraverso il latte o le vie alimentari e causi malattie. Né le prove scientifiche supportano la raccomandazione che i consumatori dovrebbero evitare il latte crudo e i prodotti a base di latte crudo ” [37].

E una cosa che la FDA non vuole che si sappia è che non c’è alcuna garanzia che la pastorizzazione uccida davvero il virus.

Quando spiegano perché il latte crudo non è sicuro, molte agenzie governative utilizzano questo studio sui topi, secondo cui il trattamento termico del latte riduce significativamente i titoli del virus HPAI. Ma la conclusione dello studio è molto, molto importante: “Gli esperimenti al banco non ricalcano i processi di pastorizzazione industriali”.

C’è però questo studio di cui la FDA e i media mainstream non parlano, che dimostra che i protocolli di pastorizzazione standard negli Stati Uniti per il latte non sono sufficienti a inattivare effettivamente il virus, poiché questo virus sembra resistere sorprendentemente bene al calore. E, per di più, il latte crudo ha una serie di proprietà antivirali di cui il latte pastorizzato è privo [38].

Il messaggio “il latte pastorizzato del negozio è sicuro, mentre il latte crudo è molto pericoloso ed è pieno di influenza aviaria” incoraggia i consumatori a continuare a sostenere gli allevatori delle enormi aziende che utilizzano i protocolli CAFO [concentrated animal feeding operation] e scoraggia i consumatori dall’acquistare presso le piccole aziende lattiero-casearie che allevano mucche in sintonia con Madre Natura.

Quindi no, evitare il latte crudo non fermerà la diffusione umana. Ma incoraggerà un sistema alimentare più centralizzato.

I messaggi della FDA per evitare il consumo di latte crudo e di prodotti a base di latte crudo non sembrano basarsi su prove scientifiche, ma sembrano invece derivare dal desiderio di proteggere l’industria lattiero-casearia centralizzata. La FDA e l’USDA non faranno mai nulla per compromettere l’industria lattiero-casearia, che ogni anno spende milioni di dollari in lobbismo per mantenere il controllo.

Le operazioni di confinamento non funzionano

Viste le ripetute “epidemie” che si verificano negli allevamenti di pollame anno dopo anno, non è ovvio che l’attuale sistema di agricoltura industriale NON funziona?

Perché le agenzie governative non discutono di come le malattie si diffondano facilmente quando gli animali sono rinchiusi e stipati in strutture sovraffollate? Riuscite a immaginare se foste stipati in una casa con migliaia di persone: quanto sarebbe facile ammalarsi? Nei regimi CAFO, a causa dell’affollamento, agli animali vengono spesso somministrati antibiotici. Un organismo con un microbioma intestinale distrutto è in grado di gestire una qualsiasi malattia?

Enormi stalle di confinamento, biosicurezza estrema, separazione dalla natura, vaccinazioni e antibiotici: non funziona! Ma aiuta a mantenere il controllo sugli alimenti ed è un modello di business redditizio per le grandi aziende agricole, farmaceutiche e alimentari.

Lo sviluppo di un vaccino e l’abbattimento degli uccelli è una strada molto più redditizia per affrontare l’influenza aviaria rispetto a quella dell’immunità naturale.

Cosa potete fare

La soluzione è chiara: smettete di sostenere il loro sistema. Acquistate dagli agricoltori. Ricordate, la messaggistica e l’incitamento alla paura intorno all’influenza aviaria sono intenzionali e hanno l’obiettivo di sviluppare un controllo alimentare ancora maggiore. Tutto ciò che passa attraverso il loro sistema alimentare centralizzato è “sicuro” – quindi potete fidarvi del fatto che il cibo nei negozi di alimentari sia al sicuro dall’HPAI. (Così dicono…)

Invece, il messaggio dovrebbe essere “dovete sapere da dove proviene il vostro cibo, conoscere il vostro agricoltore e sapere come vengono allevati gli animali”. La discussione sull’origine degli alimenti e sulla loro provenienza non è redditizia per l’agricoltura industriale, perché ottiene 0 dollari da quella vendita, quindi non se ne parla.

La centralizzazione del sistema alimentare e il cambiamento dei sistemi agricoli hanno avuto un certo successo nel favorire le grandi aziende e nel mantenere il controllo sul cibo, danneggiando gli agricoltori. Le dimensioni delle aziende agricole sono aumentate, mentre il numero di aziende agricole si è ridotto (l’opposto di ciò che vorremmo per la produzione di cibo a basso contenuto di tossine e di sostanze nutritive).

In effetti, [negli USA] il numero di piccole aziende agricole è diminuito di oltre il 72% negli ultimi 90 anni: nel 1935 c’erano 6,8 milioni di aziende agricole, mentre nel 2023 ce n’erano 1,89 milioni.

“È molto difficile per un agricoltore essere redditizio nel sistema convenzionale, quindi sempre più aziende agricole stanno fallendo. E molte aziende agricole che sono in attività hanno bisogno di un lavoro extra-agricolo per pagare le bollette”.

Ogni anno perdiamo sempre più piccoli agricoltori, che hanno bisogno del vostro sostegno per rimanere in attività!

Morale della favola: ogni volta che potete, acquistate direttamente dagli agricoltori, dalle cooperative o dai club di acquirenti: questi sistemi alimentari sostengono l’agricoltura su piccola scala e priva di tossine. I prezzi possono essere più alti, ma gli agricoltori ricevono un salario equo e producono generi alimentari di qualità superiore.

Inoltre, con questo tipo di transazioni, le grandi aziende agricole ottengono 0 dollari dalla vendita, e incanalano meno denaro nel loro sistema. Inoltre, rimanete con i piedi per terra e mantenete il buon senso mentre ci avviamo verso la prossima ondata di paura per l’influenza aviaria.

Ashley Armstrong

Riferimenti:

Fonte: takecontrol.substack.com
Link: https://takecontrol.substack.com/p/bird-flu
02.07.2024
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
20 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
20
0
È il momento di condividere le tue opinionix