Home / Attualità / Il vero motivo per cui Trump ha licenziato Comey, secondo politico.com

Il vero motivo per cui Trump ha licenziato Comey, secondo politico.com

FONTE: ZEROHEDGE.COM

Quando Trump ha cacciato il direttore dell’FBI James Comey martedì sera, la ragione indicata nella lettera presentata dal vice procuratore generale è stato il modo in cui Comey ha malgestito l’inchiesta sull’uso della Clinton di un server di posta elettronica privato mentre era segretaria di stato.

Tuttavia, secondo varie altre fonti, in particolare Politico.com , il presidente era furibondo per l’inchiesta ancora in corso sulla presunta collaborazione coi russi e chiedeva ripetutamente di chiuderla. Contrariamente alla narrazione rilasciata dalla Casa Bianca, la decisione è stata presa da Trump in persona e le lettere del Dipartimento della Giustizia che parlavano di rapporto cessato servono da mera copertura. Altro dalla stessa fonte:

Il presidente ha valutato per più di una settimana se cacciare il proprio direttore dell’FBI. Quando finalmente ha premuto il grilletto martedì pomeriggio, non lo ha chiamato. Ha inviato la sua storica guardia del corpo per consegnargli la lettera di licenziamento alla sede FBI.

Trump era arrabbiatissimo per il Russiagate, hanno detto due consiglieri, non potendo controllare la falsa narrativa sulla vicenda. Ha ripetutamente chiesto aiuti per chiudere l’inchiesta. Talvolta gridava alle clip televisive che ne trattavano, ha detto un consigliere.

Era arrabbiato in particolare con Comey, che ha ammesso davanti al Senato che l’FBI stava indagando sulla sua campagna. Sempre Comey ha ignorato le lamentele di Trump su presunte intercettazioni ordinate da Obama sui telefoni della Trump Tower.

Un articolo del Washington Post si concentra su un’ altra prospettiva:

Alcuni attuali ed ex funzionari hanno affermato che i rapporti tra Casa Bianca ed FBI erano tesi da tempo, in parte perché vari funzionari stavano facendo pressione a Comey affinché divulgasse informazioni sui rapporti Trump-Putin.

Sebbene l’FBI stia indagando sulla rivelazione di informazioni riservate, il bureau ha resistito alle richieste di rendere il Russiagate una priorità, hanno dichiarato i funzionari.

Come abbiamo detto ieri nella nostra reazione a caldo alla notizia, allontanando il direttore dell’FBI che stava indagando sulla sua campagna e sui suoi collaboratori, Trump ha messo ancor più benzina sul fuoco che sta cercando di spegnere – ed è stato rapidamente criticato da un coro di repubblicani e democratici. “Il timing di questo licenziamento è molto preoccupante”, ha detto il senatore Ben Sasse, un repubblicano del Nebraska.

Questo fatto, nel 110° giorno dalla presa in carica, ha segnato un’altra improvvisa svolta per questa amministrazione, che ha cacciato il suo procuratore generale, il suo consigliere sulla sicurezza nazionale ed ora il suo direttore FBI. Trump lo aveva elogiato fino a settimane recenti e gli aveva persino mandato un bacio durante un evento a gennaio. La notizia ha stupito Comey, che ha visto il suo licenziamento in tv mentre parlava in un ufficio FBI a Los Angeles. Ha stupito tutti, tranne l’anello più alto dei consiglieri della Casa Bianca, che hanno riferito che Comey era piuttosto svagato nei loro incontri del mattino. Altri alti funzionari hanno saputo dell’evento poco prima che avvenisse. “Nessuno lo sapeva veramente” ha detto un importante funzionario della Casa Bianca. “Eravamo scioccati quando abbiamo saputo”.

Ad esser sinceri, la critica bipartisan a Comey era montata dall’estate scorsa dopo che aveva detto il motivo per cui stava chiudendo le indagini sul server privato di posta elettronica della Clinton. E, col senno di poi, basandoci sugli ultimi tweet di Trump di questa mattina, il presidente aveva chiesto ai Democratici di sostenere la sua decisione di mandar via Comey, esplicitamente menzionato come una delle due cause della sconfitta di Hillary Clinton. Invece, come visto nelle ultime 12 ore, la reazione è stata un fuoco di lamentele e ora Trump deve coprire danni ancor maggiori.

Fonte: www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2017-05-10/real-reason-trump-fired-james-comey-according-politico

10.05.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org  a cura di HMG

Pubblicato da Davide

  • alien2012

    Prima di agitarsi e gridare allo scandalo la cosa non è nuova.

    Bill Clinton fece la stessa cosa. http://www.corrierenazionale.net/2017/05/11/russiagate-mandato-comparizione-per-flynn-licenziato-direttore-fbi/

    La decisione di Trump di licenziare Comey ha solo un precedente nella
    storia americana. Nel 1993 quando alla Casa Bianca c’era Bill Clinton
    che licenzio’ l’allora direttore Williams S. Sessions, nominato da
    Ronald Reagan.

  • marco schanzer

    Stiamo parlando di in altissimo ( mt 2.03 ) funzionario , che fa uno sporco mestiere .
    Per esser chiari . Perche’ se no , si scade fino alla follia di quell’altro
    ( meno alto ) ” funzionario” (?) che , criticando ( sensatamente ) il governo inglese , che fornisce gran parte delle armi ai saud ( che ci ammazzano siriani e yemeniti ) ,
    insisteva sul fatto che quelli usano le ” cluster bombs” sistematicamente , e apertamente . Il che………suggerisce l’implicazione che ammazzare e devastare per mantenere il privilegio…e’ ok…salvo che non si violino alcune regolette alla moda…
    Lo sporco , ma alto , ” funzionante ” , si e’ trovato in una situazione difficile , stretto tra chi stave diventando presidente POTUS , e la , apocalittica , e arrogante , coalizione massonica globalizzatrice , di cui e’ parte l’altra contendente .
    Se Trump lo ha , dopo aver tergiversato , licenziato , secondo lo stile del suo personaggio TV , ha la mia simpatia . Sia perche’ la cosa fa ben sperare sulla divergenza dei due gruppi , sia perche’ e’ indigeribile che si continui ad accusare Trump di voler trattare con un altra nazione , o ad accusare I russi di interessarsi di chi diviene POTUS .
    Perche’ , troppo spesso , la retorica dei media , stimola il popolo alla follia .
    Diciamolo a voce alta : POTUS DEVE PARLARE CON I RUSSI , e TUTTI I PAESI SI SPIANO DA SEMPRE e SE I RUSSI HANNO CONTRIBUITO AD ALLONTANARE LA CLINTON GLI DOBBIAMO UN GRANDE RINGRAZIAMENTO .

  • oriundo2006

    Continuo a non capire perche’ debba esser considerato un ‘crimine’ che T. abbia parlato con P. prima o dopo le elezioni, non fa differenza. Parrebbe insomma che la politica abbia da esser fatta solo con le bombe. Parlare oggi, ad esempio Corea del Nord con quella del Sud, entrambe con gli USA, sembra esser un delitto da punire assai severamente, almeno per quanto riguarda i media ( quasi tutti saldamente in mano al ‘deep state’, la’ come qui ), oggi assurti, meglio autonominatisi, al rango di coscienza critica dell’Occidente CONTRO persino la ‘democrazia’. Dal che se ne deduce almeno una cosa: siamo in guerra. E’ sempre il solito ‘taci, il nemico di ascolta’. E se poi tu ascolti lui sei reo di alto tradimento. Chi lo andra’ a spiegare alla casalinga di Voghera ?

    • marco schanzer

      Nel caso specdifico , ci sono 3 componenti :
      – il PD USA nella sua , disperata , retorica elettorale , ha puntato su quella parte di elettorato , ancora ipnotizzata dal terrore dei russi , messo in atto dopo la collaborazione tra USA e URSS nella seconda Guerra mondiale , per ristabilire l’egemonia dei 3 massoni FUKUS .
      – un determinato “stato profondo” , cioe’ non visibile in superfice , ha la politica di conquistare il globo ( in attesa di altri globi ) e considera l’amicizia un controsenso
      – c’e una legge specifica

  • il gobbo

    Bah! Affari ameri-cani, finchè si sbranano tra di loro va bene, magari si estinguessero.
    Comunque un Presidente “instabile” come l’attule non mi fa certo stare tranquillo…

  • Adriano Pilotto

    Oligarchia: ristretta cerchia di persone che occupa una posizione di potere in
    seno a istituzioni, organizzazioni e simili, o anche gioca un ruolo di
    preminenza in determinati ambienti sociali o culturali( Wikipedia), sostenuta dal denaro e dalla violenza e refrattaria all’intelligenza.

  • Sepp

    Siccome noi che leggiamo non facciamo parte di coloro che
    cambieranno il mondo ecco a voi perche’ si dice che trump
    sia stato aiutato dai russi, per russi non si intende solo putin
    ma altri che hanno parenti in ogni luogo del mondo e che
    dispongono e disfano:
    http://aanirfan.blogspot.it/2017/05/why-trump-fired-comey.html