Il pilota 52enne Steven Hornsby sviluppa una miocardite dopo il vaccino Pfizer

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Steven Hornsby, un pilota di 52 anni con un passato in una compagnia aerea passeggeri, una volta era un sollevatore di pesi e ciclista attivo, pedalava 10-26 miglia a giorni alterni.

È anche un veterano del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e dell’Operazione Enduring Freedom. Per i requisiti FAA, ha superato 24 esami medici negli ultimi 12 anni, tra cui 12 elettrocardiogrammi (ECG).

«Non ho mai avuto problemi cardiovascolari in vita mia, né ho mai avuto problemi di salute importanti… Mangio sano e vivo quello che credo sia uno stile di vita equilibrato» ha detto Hornsby a The Defender.

Hornsby, tuttavia, non vola oggi perché, ha detto, è stato «costretto… a sottoporsi al vaccino COVID-19» e il suo datore di lavoro «ha reso molto chiaro che tutti i dipendenti avrebbero dovuto farlo e che le esenzioni mediche/religiose sarebbero state molto difficili da ottenere».

Le difficoltà di Hornsby sono iniziate dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino COVID-19 Pfizer.

«Dopo la seconda dose, inizialmente non ho riscontrato nessun problema, un po’ di stanchezza il secondo giorno“, racconta Hornsby. «Il dodicesimo giorno, tuttavia, è stato il culmine del vaccino e dello stress continuo a cui stavo sottoponendo il mio cuore con l’allenamento rigoroso».

Mentre guidava con la famiglia, Hornsby disse di aver sentito forti dolori al petto, «dolori che si irradiavano attraverso il braccio sinistro e il battito cardiaco aumentava come se mi stesse battendo nel collo».

Hornsby ha detto che ci sono volute diverse diagnosi da parte di medici e specialisti per stabilire un collegamento tra i suoi problemi di salute e il vaccino.

Un’infermiera di una struttura di assistenza gli ha detto per la prima volta che i suoi sintomi non erano correlati a un attacco cardiaco e che molto probabilmente non erano correlati al vaccino. Più tardi, al pronto soccorso di un ospedale, gli fu ripetuto che i suoi sintomi probabilmente non erano correlati al vaccino.

«A quel punto», disse Hornsby, «ero indignato. Perché un operatore sanitario dovrebbe respingere questa prospettiva? Questa realtà mi ha aperto gli occhi sul gigantesco insabbiamento che era in corso».

Alla fine, a Hornsby fu diagnosticata una pressione sanguigna elevata, ma gli fu detto che non aveva avuto un attacco cardiaco. I medici gli consigliarono di consultare un cardiologo e gli dissero che non avrebbero segnalato il suo caso al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

Hornsby ha aggiunto che il suo cardiologo, dopo aver eseguito le analisi del sangue, gli ha detto che il suo cuore era sano, e anche se il medico non ha respinto la possibilità che i suoi problemi cardiaci fossero collegati al vaccino, gli ha detto che i sintomi erano «molto probabilmente da stress o un problema muscoloscheletrico».

«Ho dovuto smettere di cercare di forzare la diagnosi che percepivo — pregiudizi contro il vaccino — e ascoltare i professionisti», ha detto Hornsby, aggiungendo: «avevo bisogno di essere paziente», anche dopo che un medico sindacale ha respinto le preoccupazioni di Hornsby sul fatto che i sintomi fossero correlati al vaccino.

Hornsby ha continuato a sperimentare «dolori intermittenti», nonostante rimedi casalinghi come tè e integratori per calmare il battito cardiaco, che erano utili secondo lui.

È stato solo nel dicembre 2021, quando era previsto il rinnovo della sua certificazione medica, che l’esaminatore aeromedico (AME) gli ha consigliato di indossare un monitor Holter (un tipo di ECG portatile) per una settimana per monitorare il suo cuore.

«È stato allora che ho scoperto di avere problemi di aritmia, palpitazioni cardiache e [una] frequenza cardiaca irregolare, che si verificava quasi esclusivamente di notte», ha detto Hornsby. «Ho riferito tutto al mio AME, che poi mi ha detto che non potevo volare e che avrei dovuto cercare un buon cardiologo e rimettermi in salute».

Il mese successivo, un altro cardiologo diagnosticò a Hornsby la miocardite indotta dal vaccino.

«Il mio cuore era infiammato», disse Hornsby. «Dopo un ecocardiogramma, il mio cuore si è leggermente dilatato con del liquido dietro il cuore».

Hornsby ha detto che «sta molto meglio», ma non può ancora volare. È deluso dal modo sprezzante con cui diversi medici hanno affrontato le sue preoccupazioni.

«Se i medici fossero stati disposti a valutare il mio caso con una mente aperta, questo avrebbe potuto essere diagnosticato molto, molto prima», ha detto. «Guardando indietro, se il mio cuore non fosse stato sano, sarei sicuramente morto di arresto cardiaco come sta avvenendo nei giovani atleti».

Hornsby crede che altri piloti con sintomi simili stiano ancora volando.

«Sospetto che ci siano molti piloti che volano con problemi minori e forse importanti», ha detto Hornsby. «Il vaccino è/era sperimentale e per una buona causa. Nessuno conosce gli effetti a lungo termine».

«Quanti anni sono stati tolti alla mia vita? Svilupperò del tessuto cicatriziale nel cuore? Di conseguenza, mi verrà il cancro? Questa spazzatura ha rovinato il mio sistema immunitario? Solo Dio lo sa» ha aggiunto.

Fonte articolo: https://www.renovatio21.com/piloti-danneggiati-dal-vaccino-contro-le-compagnie-aeree-e-lobbligo-vaccinale/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix