Home / Attualità / Il Columbus day: Una falsificazione della storia ?

Il Columbus day: Una falsificazione della storia ?

DI ANTONIUS AQUINAS

antoniusaquinas.com

Il consiglio comunale di Los Angeles ha deciso di sostituire il Columbus Day con una celebrazione di “popoli indigeni”. Un altro tassello nel progetto di denigrazione dell’uomo europeo, partita negli anni ’60 dal mondo accademico. È anzi sorprendente che fino ad ora la festa per l’esploratore genovese non sia mai stata attaccata. Considerata l’attuale sinistra imperante, non è detto che il riconoscimento federale di Colombo terrà a lungo.

La maggior parte di quel che viene insegnato su Colombo è distorto dalla sinistra, la cui precipua causa è sminuire i grandi uomini europei del passato ed i loro discendenti. Le falsità storiche non si sono fermate a Colombo, ma comprendono anche la regina Isabella e si stanno diffondendo sulle condizioni delle civiltà precolombiane.

La vita nelle Americhe non era idilliaca prima dell’arrivo dell’uomo bianco: era, a dire poco, molto brutale. Una recente scoperta archeologica a Città del Messico mostra ancora una volta che il sacrificio umano era praticato su larga scala nell’Impero Azteco.

Gli archeologi hanno trovato più di 650 teschi nel sito di Templo Mayor, uno dei maggiori templi della capitale azteca, Tenochtitlan. La nuova scoperta conferma quanto descritto da Andres de Tapia, un soldato spagnolo che accompagnava il conquistador Hernan Cortes nel 1521: decine di migliaia di teschi nel tempio, poi divenuto noto come Huey Tzompantli. Il numero dei teschi doveva essere enorme per “spaventare a morte” gli esperti e robusti esploratori spagnoli.

Che gli spagnoli abbiano immediatamente terminato questa pratica infernale non viene detto dai professori di sinistra nelle loro lezioni, né il consiglio comunale di Los Angeles ha fatto riferimento a tali rituali satanici nel proprio annuncio. Questi fatti non si adattano al paradigma liberale dei malvagi conquistadores che sottomettono alla regola spagnola gli innocenti popoli mesoamericani. Né verrà detto che la scoperta di Colombo ha portato la civiltà ai pagani e soprattutto, per il disgusto dei politicamente corretti, la cristianità e la possibilità di salvezza eterna per i popoli indigeni.

La delegittimazione di Colombo è rivolta anche a chi ne ha reso possibili le gesta. Perché la regina Isabella ed il re Ferdinando patrocinarono il grande viaggio dell’Ammiraglio genovese solo dopo aver cacciato i mori dalla penisola iberica. Una volta fatto questo, la Regina adempì alla promessa di finanziare Colombo. Alcuni studiosi hanno anzi sostenuto che la scoperta del Nuovo Mondo fatta dagli spagnoli sia stata una ricompensa della Provvidenza Divina per la liberazione dalla minaccia musulmana.

Gli storici di sinistra dicono che il fine della Corona Spagnola era schiavizzare e saccheggiare: in realtà è l’esatto contrario, come candidamente affermato da Colombo stesso:

“lei [Isabella] ha voluto continuare le esplorazioni per la gloria di Dio e della sua Chiesa, anche se le isole non davano altro che rocce e pietre. Ha speso molti soldi … in imprese di poca importanza, e tuttavia considerava ben elargito tutto quanto elargito, perché ciò avrebbe portato alla diffusione del [cristianesimo]”.

L’etica condanna l’ingratitudine. Riconoscere le opere di personaggi su cui è stata costruita una civiltà è un dovere necessario per la conservazione della stessa. Quando le icone di una cultura vengono ignorate o sostituite, quello è segno sicuro di declino. La fine del Columbus Day decisa da Los Angeles è un altro minaccioso indizio di una società profondamente turbata ed in via di sfascio.

 

Antonius Aquinas

Fonte:  www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2017-09-04/christopher-columbus-and-falsification-history

4.09.2017

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di HMG

Pubblicato da Davide

  • Holodoc

    Io sono e mi sentirò sempre di sinistra. Ma sono anche una persona razionale, mentre molto spesso nella sinistra è proprio la razionalità che manca.

    La “sinistra” di oggi da una parte appoggia le ONG che si occupano di promuovere la parità di diritti fra i sessi nei paesi in via di sviluppo.
    Dall’altra appoggia il diritto dei mussulmani a praticare la loro religione in Europa, religione che prevede palesemente la sottomissione della donna.

    MA CI SIETE O CI FATE???

    • Uj Ju

      In realtà la sinistra si occupa di diffondere il femminismo in quanto una società femminista fa meno figli di una tradizionale. Da qualche anno, non a caso, molte ONG chiedono soldi per l’istruzione delle SOLE bambine dei paesi poveri. Tu ti senti di sinistra, ok. Ma la sinistra attuale è il contrario di quello che è la sinistra.

    • mazzam

      “Io sono e mi sentirò sempre di sinistra..”
      Oramai non è più una questione di precedenza.
      Lei come altri dovrebbe definire meglio se non l’amico il nemico.
      Lei non è di sinistra lei è per il lavoro e contro il capitale.
      Lei in Francia avrebbe dovuto votare Le Pen. Lei quindi è di destra?
      La Le Pen con la sua difesa del mondo operaio e piccolo borghese è di destra?
      Chi difende i quartieri popolari e periferici dall’invasione araba e negra è di destra?
      Lei quindi è di sinistra?

      • Holodoc

        Il mio sentirmi di sinistra significa credere in uno stato forte che limiti e regoli le attività dei privati in maniera da garantire una vita senza sfruttamento per tutti i suoi cittadini, soprattutto le categorie più deboli.

        Il resto è conseguenza.

        Come diceva Pertini: “non esiste libertà in un paese in cui si è liberi di morire di fame”.

        • mazzam

          Chiarire in sintesi meglio di così non sarebbe facile. Quando (se) le daranno una matita in mano, chiuso nello sgabuzzo, tragga felici conclusioni. Saluti.

          • Holodoc

            non si preoccupi. Se nel suo programma ci fosse l’uscita dall’euro e dalla nato potrei votarei anche per Salvini… ma non credo che succederà mai…

          • Emilia2

            Pero’ Salvini e’ un po’ piu’ euroscettico degli altri (Per dire che si vuole uscire dalla NATO bisogna avere delle brave guardie del corpo)

          • Primadellesabbie

            Guardie del corpo?

            Non ti viene il sospetto che un “caratterista” così conciato, e limitato, sia stato scelto per occupare quel ruolo ed impedire sviluppi seri in quella direzione?

          • Hito

            hahaha Sei proprio sinistro nell’anima!!! Guardare lo scempio in casa tua, ovunque ti giri, sarebbe troppo… quindi meglio voltare lo sguardo, dalla vergogna!!! Guarda quanto hanno perso i partiti di sinistra… Invece caso strano, la Lega guadagna percentuali impensabili, anche con il “caratterista così conciato”… Mi sa che dovrai rifare le tue preziosissime (per la comicità) analisi, condizionate dall’ideologia e dalla cecità…

          • Primadellesabbie

            Scrivi quello che meglio credi, ma astieniti da arbitrarie considerazioni sulla persona a cui ti rivolgi.

            Prego il WM di vigilare al proposito.

          • Hito

            Sisi, appellati alla maestra al posto di pensare alle castronerie che TU hai scritto, con chi dovrei prendermela??? Non ti viene da pensare che l’astensione affondi le sue radici nel fatto che l’asinistra abbia tradito tutto ciò che c’era da tradire, compresa la costituzione che ha giurato di difendere??? E il bello è che già si era partiti col dichiarare questo governo incostituzionale, altrimenti sarebbe arrivato anche l’olio di ricino al mattino…

          • Primadellesabbie

            Invocherò l’intervento di chi di dovere ogni volta che lo riterrò necessario.

            Per il resto i tuoi interventi si commentano da soli.

          • Hito

            Le tue farneticazioni anche, io ho solo aggiunto un po’ di colore.

          • Primadellesabbie

            Il ‘colore’ che apporti rappresenta un cliché usurato dal continuo uso acritico, al punto che per proporlo sei costretto ad accompagnarlo a considerazioni personali fuori posto.

          • Hito

            Non sai nemmeno quello che dici, o semplicemente non hai nulla da dire… Per questo la sinistra si è potuta permettere tutto quello che ha fatto, con della gente così… figuriamoci se si presentano in sezione a dire: “Guardate che così non va bene”… niente… dei robot, ancora in assenza di AI.

          • Primadellesabbie

            Io ho detto questo, in risposta ad una osservazione di Emilia2:

            “Guardie del corpo?

            Non ti viene il sospetto che un “caratterista” così conciato, e limitato, sia stato cinicamente, ed impietosamente, scelto per occupare quel ruolo ed impedire sviluppi seri in quella direzione, ridicolizzando al contempo, il Paese, la politica tutta (metodo già collaudato con successo col Silvio da Arcore), e chi lo segue?

            Dove credi affondi le radici l’astensione, o almeno una buona parte di questa, se non nell’imbarazzo destato dalla qualità del materiale umano che ha potuto farsi strada nella politica del Paese?

            Si farebbe bene a prendere atto della divisione di fatto che ne é conseguita e del conseguente rifiuto di partecipare.

            (Anche il calo dei consumi é, almeno in parte, dovuto allo scadimento della qualità, dalla dubbia utilità e dalla fruibilità, spesso problematica, dei prodotti, o dei ‘servizi’, offerti. Qualche analogia?)”

            E non sono mai stato in una ‘sezione’.

          • Hito

            E io ti ho risposto perchè le tue farneticanti osservazioni, che non erano espresse in una telefonata privata ad Emilia2, offendevano l’umano intelletto, prima ancora di infastidire me.

          • Primadellesabbie

            Te e l’umano intelletto….quale relazione?????

            Almeno a giudicare dagli interventi.

          • Hito

            Lo so riconoscere, e tu non lo esprimi… Non mi aspettavo nemmeno capissi quello che hai scritto, ma lo capirà chi legge.

          • Primadellesabbie

            Lo capirà chi legge!

          • WM

            @comedonchisciotte-619953730129049907919279f29bd9d7:disqus @comedonchisciotte-eec96a7f788e88184c0e713456026f3f:disqus vediamo di finirla con questa storia.
            Grazie.
            Questi commenti saranno cancellati a breve.

          • Hito

            Certo, avevo già smesso… Ti prego di cancellare anche il primo intervento di Primadellesabbie… perchè questo pezzo è una calunnia ed è offensivo: “”caratterista” così conciato, e limitato, sia stato cinicamente, ed impietosamente, scelto per occupare quel ruolo…”

        • ignorans

          Invece usano lo stato forte per imporre le vaccinazioni, infischiandosene di ogni libertà individuale. La forza è un’arma a doppio taglio…

          • Holodoc

            Il governo italiano sta imponendo le vaccinazioni perché è debole, in quanto sono imposte per ubbidire al diktat di una lobby, non per fare l’interesse dei cittadini o il proprio (risparmiare sulla sanità e/o accrescere il consenso).

        • Axxe73

          “Destra” e “Sinistra” sono concetti ottocenteschi. Oggi la partita è tra fazioni progressiste ed un po’ meno progressiste. Lei si dice di sinistra cioè progressista, faccia lo sforzo immane turandosi il naso di votare quelli un po’ meno progressisti… alternative non ne vedo. Ah.. si i 5S, vabbè…

          • Holodoc

            Ho già risposto cosa significa per me sinistra, il partito che incarnerà quei principi avrà il mio voto… ma ancora non lo vedo.

        • Filippo Gregoretti

          Forse noi consideriamo “sinistra” qualcosa che ciò che oggi, a maggioranza, si definisce “sinistra”, ne è l’esatto contrario.

        • Filippo Gregoretti

          La maggioranza di coloro che oggi si sentono di sinistra lavorano per l’esatto opposto. Non teme di essere frainteso?

          • Holodoc

            Frainteso? Io mica devo convincere nessuno.

            Comunque per evitare fraintendimenti, sinistra per me è Ernesto Guevara, non Massimo D’Alema!!!

      • dadafari

        Lei Pen. in un dialetto taiwanese vuol dire “non farti più domande di quante non riusciresti a risponderti”

      • virgilio

        la Le Pen e una del sistema almeno che non abbia cambiato questo ultimo anno (questi ultimi mesi la ho poco seguita) ma il partito di suo padre e sempre stato servo del sistema anche se ha sempre saputo abilmente nasconderlo!

        • Primadellesabbie

          E stato il semplice argomento usato due volte da Macron per demolirla nel confronto televisivo: “sei costretta ad appoggiare il sistema che hai collaborato a costruire e che ti permette di fingere di combatterlo”…colpita ed affondata.

    • Filippo Gregoretti

      Mi sentivo di sinistra quando la sinistra rappresentava il mio pensiero, adesso rappresenta e difende solo il peggior capitalismo senza scrupoli, senza neanche assumersene la responsabilità. Pecca senza voler essere peccatore. Certo non potrei minimamente definirmi di sinistra ormai. Neanche di destra naturalmente. Ma sono generalizzazioni che oggi non hanno alcun senso. Posso definirmi platonico, stoico, cattolico tutt’al più… ma “di sinistra” significherebbe assumermi una responsabilità non mia. Oggi la sinistra è quanto di più lontano ci sia da etica e verità, le due cose che più mi ispirano…

      • DesEsseintes

        Superiamo la verità che non serve a niente.
        La verità è quello in cui noi crediamo davvero (quindi non perché siamo stati condizionati a crederlo).
        Ma non come individui, come gruppi.
        Poi si lotta.

        • Filippo Gregoretti

          Giusto, anche se io mi riferisco ad un altro tipo di Verità.

          • DesEsseintes

            Intendi quella religiosa?

          • Filippo Gregoretti

            La religione è solo una delle tante manifestazioni di una verità più alta. Ma c’è una verità assoluta, che non è essoterica, di cui qualche frammento vive anche nella religione si.

    • Paolo

      Scusi se mi permetto , ma penso che chiunque sopratutto alla luce della maggiore informazione attuale, dovrebbe sentire solo sé stesso.

  • Pyter

    Con l’arrivo della civiltà i riti sacrificali si sono fatti più sbrigativi: una corda al collo e un giuramento veloce sulla bibbia.
    Ma questo articolo è sarcastico? Perché se non lo è la cosa è grave.
    Andres de Tapia sarebbe un testimone oggettivo?
    650 teschi sarebbero una prova di riti sacrificali?
    Cristoforo Colombo un grande ammiraglio?
    Aladino ministro dell’economia e Sheherazade sottosegretaria alla sanità?

    • MarioG

      Guardi che il sacrificio umano presso gli aztechi è documentato
      https://it.wikipedia.org/wiki/Sacrifici_umani_nella_cultura_azteca#Guerre_dei_fiori

      Cristoforo Colombo non era nemmeno uno Schettino.

      • Pyter

        Mi manda su una pagina di Wikipedia che di solito in quelle di storia non ne azteca mai una, e quindi prendo tragicamente nota della poca considerazione che lei ha di me.

        • Tex42

          “di solito”.
          Ma che criterio è? Ci sono le note e i riferimenti bibliografici a fondo di quella pagina. Contesti quelli, piuttosto, se no è evidente che non ha argomenti per farlo, se non appigliarsi ad altri casi.

          • Pyter

            “Di solito” è riferito alle volte in cui su wikimedia ci capito per sbaglio.
            Le sue argomentazioni invece quali sarebbero? Se sono quelle dell’articolo credo sia sufficiente un testo delle scuole medie inferiori.

          • Tex42

            Prendo atto che non hai argomenti contrari alla bibliografia di quell’articolo e che quindi non puoi portare nulla a sostegno delle tue affermazioni.

        • dadafari

          amichitamanonamichinontama ti ha lanciato una maledizione che solo abbattendo una miniatura di te stesso potrai scongiurare e se non lo condividi in 10 social network ti perseguiterà per 12 tornate elettorali

          • Pyter

            acc… 12 tornate elettorali; il che, vista la frequenza del voto, significa che sarò perseguitato per almeno altre due o tre reincarnazioni.
            Ma per miniatura cosa intende, tipo quelle che ci lasciava Andres de Tapia come documenti?

          • dadafari

            no quelle che si usano in dungeons and dragons

        • MarioG

          Va bene, non dico mico che wikipedia sia oro colato. Proponga lei allora qualche fonte che smentisce la pratica di sacrifici umani presso gli aztechi all’epoca dell’arrivo dei primi conquistadores. (Intendo precisamente sacrifici umani non ‘occasionali’ ma abituali e su larga scala. Ricordo, in effetti, che a Roma ci fu un sacrificio umano – due galli e due galle- in occasione del periodo più cupo della seconda guerra punica. Credo che sia stato l’ultimo di questo genere, e non era ricordato dagli storici romani senza imbarazzo)

          • dadafari

            gesù non vale?

          • Hito

            Ave Cesare morituri te salutant.

          • DesEsseintes

            Ho capito però mettevano la gente ad ammazzarsi nel circo per “divertimento”.
            Più gli schiavi crocifissi lungo la via Appia e molti altri episodi.
            Non vedo una grossa differenza fra ammazzare la gente per un rito religioso o per dei circenses.
            Per non parlare di quello che hanno combinato gli spagnoli nei trecento anni successivi alla conquista.

            È lo stesso discorso dei pirati saraceni che hanno sí compiuto massacri inenarrabili ma noi facevamo le crociate e loro le scorrerie, non mi pare che fosse una cosa tanto diversa.
            Soprattutto se si ricorda che il più terribile dei pirati turchi aveva come nome d’arte Uluc Alí Pascià ma si chiamava Giovanni Dionigi Galeni, calabrese di Le Castella.

          • Primadellesabbie

            “E al comando della flotta ottomana, durante la battaglia di Lepanto (1571)? C’era il rinnegato Ulug Alì ovvero Kilighe detto Occhiali: nato in Calabria nel 1508 con il nome di Luca Galeni o Galena, era stato catturato sul mare da pirati arabi. Divenne uno di loro, convertendosi alla fede musulmana. Per lunghi anni fece il pirata, e grazie ai suoi meriti divenne governatore di Algeri e ‘grande ammiraglio’.

            Giacomo Scotti, “I pirati dell’Adriatico”.

            (In verità pare comandasse un’ala, probabilmente quella sinistra, della flotta ottomana e, quando vide la malaparata, si mise in salvo con le sue galere)

          • DesEsseintes

            Dopo Lepanto diventò Kapudan Pascià e Beylerbey delle Isole.
            Pio V, Gregorio XIII, Filippo II ma soprattutto Marco Antonio Colonna, il vincitore di Lepanto, provarono in tutti i modi a riportarlo fra i cristiani.

            Alcuni dicono Luca, su Wikipedia c’è Giovanni Dionigi, anche in quelle in inglese e francese.

          • MarioG

            Questo comunque fa parte di un suo giudizio di valore.
            Io ho fatto una affermazione su una pratica ben precisa, il “sacrificio”, che di per sè è cosa diversa dai giochi circensi cruenti, su sollecitazione di qualcuno che ha messo in dubbio questa pratica verso gli Aztechi.
            Poi uno può aborrire i combattimenti dei gladiatori al pari degli sgozzamenti, estrazioni di cuori palpitanti e decapitazioni al culmine di una piramide con lancio finale del capo per le gradinate.
            Non vedo invece cosa c’entrino i paragoni con gli esiti della guerra servile, con le scorrerie dei corsari, con le crociate … e via belligerando.

          • Pyter

            Va bene, visto che continua a punzecchiare in conto terzi le propongo un link che supportano le mie tesi.
            Per carità io mica voglio convincere nessuno, anche io da piccolo leggevo Tex e Zagor quando andavano nello Yucatan ad ammazzare i cannibali (bella storia anche quella dei nativi cannibali, eh, per carità).
            https://it.wikipedia.org/wiki/Sacrifici_umani_nella_cultura_azteca
            Come avrà letto nella pagina che le ho linkato, tutto si riduce alla poderosa opera di Bernardino di Sahagun, il grande Bernardino, autore di un’opera prodigiosa per quei tempi, tanto che lui viene considerato un precursore del pensiero antropologico, è stato il primo a pensare e scrivere come un antropologo (senza i riti aztechi non avremmo avuta l’antropologia, ci pensa?).
            Sembra quasi uno studioso dell’ottocento. Il vescovo Zumarraga invece ha fatto sparire tutti i documenti aztechi; per carità, sempre di legittimo zelo religioso si trattò. In quei documenti si incitava ai riti sacrificali! Satana camuffato da uccello piumato fu. Il testo originale del Sahagun è andato perduto perché qualcuno non voleva che si sapesse in giro che gli aztechi facessero i sacrifici umani copiando da satana. Ma si sa, la storia è sempre lì dietro l’angolo pronta a rimettere le cose a posto. Il testo viene quindi ritrovato. Quando? Ma è ovvio, le scoperte si fanno, lei mi insegna, quando i tempi sono maturi per uno che scrive nel cinquecento ma con dei concetti da ottocento.
            La prenda come un esercizio mentale. Un’opinione, se la vuole sminuire, però si ricordi una cosa: la storia non è democratica.

          • MarioG

            Mi sembra che sia lei a immischiarsi in una risposta data a un’altra persona. Nulla di male, ma “in conto terzi” lo dica al suo gatto, visto che quello che dovevo scriverle, glielo ho già scritto direttamente (“per conto mio”) più sopra.
            Rinuncio poi a capire cosa voglia dire col suo discorso contorto e col fatto di mandarmi lo stesso link che avevo proposto io a lei.

          • DesEsseintes

            Ma non esisteva che i romani crocifiggessero i nemici.
            Lo hanno fatto solo coi servi.
            Quello e i giochi gladiatorii sono sacrifici umani in tutto e per tutto.

          • MarioG

            La crocifissione dei seimila schiavi della guerra servile fu un’esecuzione, perchè il nemico sconfitto diventa schiavo, ma lo schiavo sconfitto è crocifisso. Non un “sacrificio”. Penso che non sia male conservare almeno il significato delle parole.

          • DesEsseintes

            Ecco, proprio il significato delle parole.
            Poi mi ricordi quanti cartaginesi o germani colpevoli di Teotoburgo o galli di vario tipo sono stati crocifissi, sí?

            E comunque, ovviamente, anche una condanna a morte giudiziaria per un reato è un sacrificio umano.

            Per chi sa interpretare le parole.

          • Annibale Manstretta

            Vogliamo fare il paio con quello che hanno fatto i protestanti anglosassoni un po’più a Nord? No, delle volte che la Chiesa Cattolica non mi esca come la singaoga di Satana neh

      • yakoviev

        Chi se ne frega, lo scopo dei conquistadores (in questo caso Cortez) non era certo quello di “liberare” gli Aztechi né altre popolazioni locali. Del resto anche quando Mussolini aggredì l’Etiopia dichiarava fini “umanitari”, diceva di volerla liberare dallo schiavismo, e ora gli USA e la Nato aggrediscono altri paesi per “liberarli” e portare lì progresso e democrazia…Quanto a Colombo, prendersela con lui in nome dei nativi e dell’ anticolonialismo, a mio parere, è un falso bersaglio. Non sapeva nemmeno dov’era, credeva di essere in Asia, fino alle successive intuizioni di Amerigo Vespucci nessuno si era reso conto che quello era invece un altro continente fra Asia e Europa. Leggendo i suoi diari il suo atteggiamento verso gli indigeni era spesso simile a un “buon selvaggio” ante litteram. Biasimava la loro nudità ma lodava la loro ospitalità. Piuttosto dovrebbero prendersela coi Padri Pellegrini, e soprattutto con chi, a partire dall’ 800, ha elaborato e portato avanti la teoria del Destino Manifesto, vero supporto ideologico della conquista a scapito dei nativi e tutt’ora supporto ideologico dell’imperialismo USA

        • MarioG

          “Chi se ne frega” un accidente!
          Ho voluto rispondere a Pyter che nella sua replica sembra (dico “sembra”, perchè non è del tutto esplicito) mettere in dubbio la pratica abituale del sacrifico umano presso gli aztechi.
          Fra fregarsene e negare c’è comunque una differenza.

  • olmo

    La questione non è sapere se gli aztechi facevano uso o no di sacrifici umani, ma se a colombo tagliano la testa allora per tutti gli “indigeni” non americani eliminati in questi anni da obama e clinton quale sarebbe stata la giusta reazione liberal antifa?
    Non pervenuta!

    • Paolo

      Infatti si vede la falsità di certe iniziative dalla loro colpevole mancanza di coerenza.

    • Annibale Manstretta

      Che tagliassero la testa anche al fondatore della loro immaginifica munifica democratica antifascista Nazione: il generalissmo Washington, principe degli schiavisti con 300 anime nere (di pelle) a zappargli l’orto.

  • scimmia

    Fare a gara a chi è più un uomo o società di merda non porta da nessuna parte.
    Schifosi a praticare sacrifici umani e merdosi a sottomettere e conquistare altri esseri umani. Sai che bel paragone.
    Come sempre sono le azioni dei detentori del potere a dettare regole, leggi e soprusi.
    Come sempre siamo gestiti da psicopatici, siano essi top manager, burattini fintamente eletti o sovrani non eletti.

    • DesEsseintes

      Hai ragione, è sciocco incaponirsi su chi aveva ragione o torto.
      Qui il potere reisce a tenersi al di fuori e al di sopra di ogni contesa assecondando le inoffensive velleità di riscatto di un gruppo o dell’altro – a seconda di come gli convenga (al potere) e a patto si non configurino come autentica ribellione all’ordine attuale (del potere).
      La gente si accontenta di simboli che sono il ridicolo surrogato di un sentimento di comunità ma che di fondo implica sempre la sottomissione allo stesso identico sistema.
      E ci si inkassano come matti, vedi qui come litigano…
      Hanno vinto loro per manifesta stupidità, c’è poco da fare.

      • Annibale Manstretta

        Per una grama volta ti quoto, vecchio azteco

  • Wal78

    Mi sembra l’articolo di un cialtrone. Vorrei ricordare al suddetto cialtrone che grazie a due bolle pontificie, la Dum Diversas e la Romanus Pontifex sostanzialmente la chiesa dichiarava che tutti coloro che non vivevano su suolo cristiano erano infedeli senz’anima e potevano essere schiavizzati dando a Portogallo e alla Spagna il diritto legale di possedere le terre e i mari che conquistavano e ridurre in schiavitù tutti gli esseri viventi che vi abitavano oppure spingerli a vivere nelle missioni a patto di conversione e lavoro non retribuito. Per quanto riguarda i sacrifici umani la chiesa li fa da oltre 1000 anni.

    • feaniris

      Veramente questa è una menzogna. Basta leggere la bolla Sicut Dudum del 1435 o la Sublimis Deus. La chiesa per i tempi che viveva ha difeso la libertà degli individui meglio degli stati nazionali. Basta conoscere l’operato dei francescani in brasile o quello dei gesuiti. X quanto riguarda i sacrifici invece concordo, la chiesa di Cristo è nata con un grande sacrificio che si ripete tutti i giorni da 2000 anni

      • DesEsseintes

        È come dici tu ma le bolle papali dicevano e non dicevano.
        Nell’Instructio 1293 Pio IX scriveva

        La servitù in quanto tale, considerata nella sua natura fondamentale, non è del tutto contraria alla legge naturale e divina. Possono esserci molti giusti diritti alla servitù
        e sia i teologi che i commentatori dei canoni sacri vi hanno fatto riferimento ……Non è contrario alla legge naturale e divina che un servo possa essere venduto, acquistato, scambiato o regalato. Il venditore dovrebbe chiaramente esaminare se il servo messo in vendita sia stato giustamente o ingiustamente privato della sua libertà e che il compratore non possa fare nulla che potrebbe danneggiare la vita, la virtù o la fede cattolica del servo.

        • dadafari

          ben appunto la bolla descrive l’innovazione giuridica dello schiavo apportata dalla chiesa, forse vorresti citare un altro estratto di pari autorevolezza giurisprudenziale, coevo e con i medesimi diritti riconosciuti esplicitamente per le condizioni di servi e schiavi.
          Avere uno schiavo, “esse prope”, era come avere una ferrari, nessuno ci andrebbe fuoristada, quella follia era giustamente innaturale.
          Esso recepiva, naturaliter, sia gli istituti giuridici della proprietà, ma insieme quelli del diritto alla salute. devi leggere con più attenzione.

          • feaniris

            È sempre complicato giudicare con gli occhi di oggi il passato. La chiesa ha molto usato i servi, specie per il mantenimento dei campi, però stiamo parlando del periodo feudale e signorile. A quei tempi la libertà non era un valore positivo, chi era solo e senza la protezione di un signore rischiava la pellaccia.

          • dadafari

            infatti il passato va guardato con gli occhi del passato anteriore a quello preso di riferimento, la libertà comunque non é molto cambiata, se proprio vuoi connotarla come valore rimane perlopiù dipendente dalla forza con cui si è in grado di difenderla.

          • DesEsseintes

            Cito paro paro:

            “Il diritto della propria fede…pur se preferenza obbligata”…
            …ihihihih…

          • dadafari

            si, concordo, suona bizzarro, eppure da li a poco avrebbe creato un principio giuridico che , in modo ancor più bizzarro, tuttora, ha difficoltà ad affermarsi, sostanzialmente, nonostante la sua positivizzazione e nonostante sia decaduto formalmente il rapporto di schiavitù interpersonale.

        • Wal78

          No, le successive bolle istituiscono la figura dello schiavo che tale è solo per il fatto di non essere cristiano e legalizza la possibilità di schiavizzare in tutte le nuove terre negando “l’umanità” delle persone che ci vivono. Vi ricordo che per la Chiesa tutti noi siamo servi della Chiesa (con la Bolla del 1302, la Unam Sanctam). Ben diversa per esempio era la schiavitù imposta dai romani, dove comunque lo schiavo era comunque da considerarsi membro della famiglia e aveva una serie di strumenti per guadagnarsi la libertà

          • DesEsseintes

            “No” che…

          • MarioG

            Si decida:
            1. per la Chiesa sono tutti servi, anche i cattolici;
            2. erano automaticamente schiavi i pagani, per il solo fatto di non essere cristiani;
            3. i non cristiani non erano considerati umani. (Poi però non si capisce perchè si ostinavano a volerli convertire. Mica si convertono le bestie!)

            Comunque, lo schiavo presso i romani, i greci e ovunque c’è stata la schiavitù, non era proprio uno della famiglia. O meglio era della famiglia percheè era un bene del padrone, come il cavallo.

            E’ meglio che calmi un po’ i suoi furori prima di scrivere simili castronerie

          • DesEsseintes

            Ma li facevano senatori i cavalli, che ti credi…

          • MarioG

            Non credo di avere afferrato la battuta.

          • DesEsseintes

            Eh lo so…

            Allora:

            1) Wal78 scrive che presso i romani lo schiavo era uno della famiglia il che è una esagerazione abbastanza grossa

            2) tu rispondi: “per modo di dire, era della famiglia come un cavallo per il padrone”

            3) io PER SCHERZO ricordo l’episodio in cui Caligola in spregio al senato nominò senatore il suo cavallo.

            “Ma perché tu ricordare episodio di Caligola? Tu dire me!”

            Per sottolineare IN MANIERA SCHERZOSA l’esagerazione nel commento di Wal78.

      • Wal78

        Balle…la Sicut Dicum è antecedente alle due e oltretutto si riferiva esclusivamente alle isole Canarie e il papa venne poi a patti con la Spagna quando divenne il protettore papale. Nel 1400 nulla a livello temporale si muoveva senza il consenso e l’avvallo della Chiesa. Tutta la colonizzazione del Sud America venne fatta in nome del crocifisso. In più nel 1508 il Papa concesse il patronato reale a Spagna e Portogallo per cui ebbero la concessione a costruire chiese, monasteri e missioni e raccogliere le decime per conto della chiesa stessa. Non a caso il re del Portogallo venne nominato “gran maestro dell’ordine di Cristo”. Per quanto riguarda il sacrificio che si ripete dai 2000 anni faccio notare che l’unico sacrificio visibile è quello delle migliaia di bambini stuprati da questa fantastica istituzione legalizzata di pedofili, pervertiti e mentitori seriali.

    • Tonguessy

      Il commento che avevo scritto ieri sera è stato cancellato, nonostante non contenesse alcun linguaggio offensivo. Dato che mi costa tempo e fatica scrivere documentandomi, vorrei almeno essere informato sui motivi per cui mi è stato negato il permesso di commentare. Questo per evitare in futuro di perdere altro tempo nel tentare di dialogare e di informare. Grazie ai moderatori.

      • WM

        Non è stato cancellato, era in moderazione, ora è pubblicato, controlla.
        E, almeno tu, evita di pensare che censuriamo i commenti, per favore.

        • Tonguessy

          Il problema è che per motivi a me sconosciuti di regola vedo pubblicato il mio commento mentre ieri CDC me lo ha inghiottito senza spiegazioni. Posso sapere perchè il mio intervento era stato messo in moderazione? Conteneva qualcosa di “illegale”? Così mi so regolare per il futuro.
          Grazie

          • WM

            @comedonchisciotte-0c8ce55163055c4da50a81e0a273468c:disqus leggi le FAQ, per favore e se hai qualche altra cosa da chiedere, usa il modulo contatti e/o l’apposito thread sul forum.
            Questi commenti sono fuori tema e saranno cancellati.
            Grazie

    • natascia

      Mi colpisce la demenza della chiesa cattolica romana. La sua assenza di visione altra dell’epoca. Una barbarie lobotizzante che per certi versi può essere paragonata a quella attuale. Forse e’ questo che a livello inconscio viene colto dai contestatori del giorni di Colombo. A parte il rivoluzionario Gesu’ Cristo che amo profondamente ,mi sento di pensare che quasi tutto l’operato della chiesa cattolica sia stato un modo decadente di scimmiottare ĺ’ impero romano . Brevi parentesi di sublimi pensatori e eccelsi mecenati, ma nulla più.

      • DesEsseintes

        La Chiesa Cattolica “è” l’impero romano.
        Sostanzialmente c’è stata piena continuità amministrativa solo che dopo il breve ritorno di fiamma dei Papi guerrieri si sono dovuti rendere conto che avevano perduto definitivamente il potere militare, almeno sul piano europeo.

        E lí indovinate che è successo?
        È nata la Trinità; era diventata necessaria e quindi è nata.

        Il potere si è diviso in potestas e auctoritas dove naturalmente la potestas spettava a chi aveva esercito e polizia mentre l’auctoritas era dei sacerdoti.
        Un imperatore del Sacro Romano Impero “doveva” essere incoronato dal Papa altrimenti sarebbe stato potestas senza auctoritas ossia un edificio senza le fondamenta.
        I re di Francia erano incoronati a Reims e unti dell’olio della Santa Ampolla.
        La dimensione sacrale e quindi magica del potere era parte integrante ma separata della pura forza coercitiva di un organo esecutivo “politico” e infatti, sempre i re di Francia, al momento dell’incoronazione diventavano dei guaritori in grado di curare gli scrofolosi con l’imposizione delle mani.

        “Ma…e lo Spirito Santo?”

        È la terza persona della Trinità quello che rimette in gioco il rapporto fra potestas e auctoritas impedendo che si cristallizzi a favore della potestas e ponendo la necessità di una riconfigurazione ossia un nuovo intervento dell’auctoritas: sul piano politico è lo “stato di eccezione”.

        A volte si pensa che la teologia sia un discorso astratto su cose inesistenti e/o indimostrabili. Si arriva a credere che nei tempi antichi la gente anche istruita fosse più ingenua e credulona.
        La teologia invece è la conoscenza profonda della forza dei simboli e della sua applicazione pratica ma riferita a un’epoca in cui tutti, in un modo o nell’altro, riuscivano a comprenderli anche se ai livelli più bassi solo in maniera istintiva.

        Oggi il simbolo per i subalterni è completamente perduto e il potere ha gioco facile a esercitare la propria egemonia tramite metodi socio psicologici di carattere sbrigativamente scientifico.

  • natascia

    Il pricipio di autodeterminazione dei popoli sancisce e consente che un popolo possa determinare il proprio destino. Un popolo che si muove oltre ai suoi luoghi natio è ancora un popolo? E qui ebrei e rom ci dicono di si…..e che si, un si fortè, incontenibile, talmente forte per quanto riguarda gli ebrei che oggi oltre ad essere popolo indipendente, che si integra e influenza in tutto il mondo , è popolo in un territorio in cui si autodetermina in modo esponenziale a spese dei vicini. Questo per dire che se non si decide di fermare i popoli e i capitali che li precdono o li seguono, nessun dialogo è possibile . A meno che tutto questo viaggiare non sia indotto per creare l’omogeneizzazione. Questo oggI. Ai tempi di Cristoforo Colombo e poi sempre, era la chiesa a dirigere i giochi anche adesso in tutti i partiti politici al potere PD pure. Amiamoli tutti, sradichiamoli, facciamone dei santi e dei martiri……..sacrifichiamo gli autoctoni che non si piegano nel nome della fede, religiosa, politica,economica. In realtà, Geronimo ha subito quello che stiamo subendo noi. Come il suo nobile popolo che venerava, la terra come una madre, anche tutti noi stiamo subendo un genocidio culturale adesso, umano in seguito . Questo s causa dei viaggi indotti . Ci sono popoli attRezzato a altri

  • Divoll79

    Stanno riscrivendo la storia, sia a sinistra che a destra, come dimostrano le sciocchezze che stanno facendo gli americani e l’articolo qui sopra. La “guerra” delle storie… Anche queste, per dividere ulteriormente la societa’. Non siamo gia’ divisi e in conflitto abbastanza? Giovani contro pensionati, lavoratori contro disoccupati, autoctoni contro immigrati, neri contro bianchi, destra contro sinistra (e viceversa), gay contro etero, musulmani contro cristiani, evoluzionisti contro “disegnatori”…
    Non e’ che, siccome gli americani (notoriamente poco acculturati) aboliscono Cristoforo Colombo, noi qui dobbiamo arrivare a dire che la conquista delle Americhe e’ stata una cosa buona e positiva, di cui gli autoctoni avrebbero dovuto solo ringraziarci. Dopo le bombe intelligenti e la guerra democratica, ecco la conquista umanitaria! Da un estremo all’altro, da un assurdo all’altro. Io dico NO a entrambe le fazioni e preferisco tenere d’occhio la sala di regia, sia dell’una che dell’altra, perche’ e’ quella la vera nemica di noi popoli.

    • dadafari

      il mondo del giornalismo vorrebbe rubare il lavoro degli storici, ma sono dei dilettanti, nonostante i followers

  • dadafari

    eppure basterebbe chiedere un parere informale alla Colombia ( rileggere 2 volte ) , che forse ha già superato quel disagio nazional-esistenziale.

  • clausneghe

    La guerra delle Statue,assieme al fumo nero uscente dai camini dell’ Ambasciata Russa a Frisco è sicuro presagio di quel che attende dietro l’angolo della Storia “gli omicidi sin dall’inizio” che rubarono le terre e uccisero uomini e animali, a volte in nome di una blasfema croce ma più spesso per gusto di rapina e violenza.
    Ora gira la ruota del Karma per il WASP.

  • Hito

    Mah… mi sembra un tantino irrazionale parlare di “tali riti satanici” prima ancora che ci fosse il Cristianesimo e tutto il contorno… ma forse alla gente piace credere che i conquistadores si siano fatti largo porgendo l’altra guancia, come da cristiano insegnamento… Probabilmente quello di Cristoforo Colombo è stato un mito massonico creato a tavolino, ci sono molti indizi, a partire dal suo nome e da quello delle 3 caravelle… se si volesse saperne di più bisognerebbe studiare meglio la storia dei Medici e dei Malatesta, che avevano un dipinto raffigurante la mappa del nord america già nel 1451.

    • Pyter

      E’ perché lei studia dai testi di sinistra, mio caro. Studi invece dai testi di coloro che hanno visto di persona gli accadimenti: soldati spagnoli con un quintale d’armatura che si inoltravano coraggiosamente in foreste dal tasso di umidità del 90%, che scovavano i cattivi satanici sopra i quattromila metri di altitudine adeguandosi subito all’aria rarefatta. Poi per fortuna è venuto il morbillo senza vaccini e tutte le altre malattie che ammazzano il pagano salvando il portatore.
      Lei non guarda la storia con gli occhi del passato.
      Faccia uno sforzo e si immedesimi.

      • Hito

        Sono facilmente impressionabile ed i testi di sinistra parlano sempre di milioni di morti… a meno che non si parli dell’altra sinistra… incredibilmente questi baldi esploratori lasciarono tra le poche tribù incontattate al mondo, cosa avranno fatto di male per meritarsi l’isolamento, e come avranno fatto a sopravvivere al buio, senza nemmeno la luce della conoscenza e della ragione???

      • dadafari

        per immedesimarsi in quell’ambiente bisognerebbe anche considerare la defizione che il Popol Vuh trovó per quelle regioni .. “il luogo della creazione dove essa sospese il proprio compito prima di terminarlo”

  • Grandepuffo

    Gli spagnoli esportavano cristianesimo, gli americani esportano democrazia…
    perchè non esportiamo “democristiani”, così ci leviamo dalle balle i vari Casini e Rotondi…

    • Dave

      Ahahah

  • Lorenzo

    Sempre più spesso vedremo di queste cose in futuro
    https://www.avvenire.it/mondo/pagine/sacrificio-umano-india

  • Annibale Mantovan

    “…la cristianità e la possibilità di salvezza eterna per i popoli indigeni”. Truman…E’ uno scherzo? …dai contenuti questo Aquinas andava bene come talebano cattolico nel ‘600. Sta scrivendo sul serio?

  • Filippo Gregoretti

    Infatti con la passione Mel Gibson non è riuscito a distruggersi la carriera, ma con Apocalypto ha toccato il nervo finale…

  • Dave

    “Gli storici di sinistra dicono che il fine della Corona Spagnola era schiavizzare e saccheggiare”.
    Gli storici “di destra” invece, che dicono? Per sapere…

    • Dave

      Ma perché dare dignità a certa monnezza? Eh, CDC?

  • Primadellesabbie

    Non ho con me i testi, e non mi riesce di trovare traccia di un concilio di vescovi spagnoli avvenuto negli anni immediatamente seguenti il viaggio di Colombo che, investiti del problema stabilirono dopo discussioni, che sì, gli abitanti del Nuovo Mondo avevano l’anima…ma i neri africani no.

    Forse ti ricordi.

    • DesEsseintes

      Sí…nemmeno io riesco a ritrovare il riferimento ma mi ricordo perfettamente che un alto prelato cattolico, mi pare un vescovo o un cardinale, sosteneva con passione la causa degli indios dicendo fra l’altro che avevano una complessione troppo delicata per i lavori schiavili.
      E consigliava, in perfetto spirito cristiano, di usare i negri…

  • Diego Binelli

    Dimostrata o verisimile, la questione dei sacrifici umani in Mesoamerica non deve stupire. Il “Nuovo Mondo” era rimasto sostanzialmente all’età della pietra (in senso tecnico, storico, absit iniuria verbis), cioè, data la posizione peculiare del continente americano – isolata – rispetto a quella intercomunicante dell’Eurasia, non erano potute avvenire quelle evoluzioni non solo della tecnica ma anche del pensiero che invece erano avvenute nei millenni predenti presso le civiltà pagane eurasiatiche. Gli antenati dei Greci e dei Romani classici praticavano il sacrificio umano abituale, poi aborrito, sostituito, dimenticato; e i Fenici lo rispolverarono persino durante le guerre puniche per tornare ad ingraziarsi gli dèi sotto le sferzate romane. I giochi gladiatorii cominciavano a repellere a non pochi, e probabilmente anche se non si fosse imposto il Cristianesimo i Romani sarebbero arrivati ad abolirli, o perlomeno a lasciarli cadere in disuso. Il Medioevo, benché cristiano, ridiventò truculento per via dell’apporto dei popoli germanici, che provenivano da una fase di civiltà più arcaica.

    In definitiva, l’unica maniera per palrare di religiosità “pagane” evitando sia la Scilla del negazionismo di sinistra che il Cariddi del “tutto è satanico” dei cristianisti, è Mircea Eliade.

    • DesEsseintes

      I morti della Inquisizione sono migliaia, non si sa quanti possono essere – meno di diecimila o più di trentamila – e non ricordo se solo in Spagna o in totale.
      Un numero che comunque sia è semplicemente folle, non so sei ci si rende conto.
      Che differenza c’è con i sacrifici umani?

      Ma poi le streghe nei paesi del nord Europa protestanti.
      I preti cattolici squartati o legati e lasciati morire di fame in Inghilterra al tempo dello scisma anglicano.

      Dove diavolo la vedete una civiltà europea meno cruenta di quella precolombiana?

  • oriundo2006

    Un articolo filocattolico alla nausea: prende per valido l’argomento ad hominem, ovvero esser i conquistatori ‘migliori’ dei subjecti, dediti ad ogni nefandezza, mentre i primi erano mondi di ogni pecca in virtù della loro religione, QUALSIASI cosa facessero poi di detti subjecti…
    L’argomento è sempre stato un cavallo di battaglia dei cattoliconi alla Blondet & Soci, nonostante la difficoltà di accordarlo con quanto Giampi II disse a suo tempo nel chiedere perdono per quanto fatto colà nelle Americhe, perdono assai tardivo e quantomai ipocrita sapendo quanto la Chiesa aveva fatto CONTRO il comunismo in anni recenti…e poi oggi per favorire uno spirito di crociata contro chi non sia d’accordo con la favola ‘bella’ del ‘buon Gesù’…
    Comunque la polemica ( pretestuosa e quasi sempre mossa da intenti apologetici ) pare datata, sia in un senso che nell’altro. E’ importante invece sapere se A ) La spedizione di Colombo fu preceduta da altra, sempre a suo comando, di iniziativa papale, spedizione motivata da antiche carte e testimonianze, giacenti tuttora ( tranne la Mappa di Piri Reis ) nei caveaux segreti del Vaticano, insieme probabilmente a testi antichi ( Aztechi, Mechica, Inca ) mai diffusi e dati per bruciati…B) si intenda iniziare davero una ampia ricerca archeologica nelle Americhe per individuare ‘scoperte’ precedenti a quella del 1492: esistono indizi che portano ad esempio in Canada…C) Quando i ‘selvaggi’ hanno pensato che gli uomini bianchi fossero di ritorno, finalmente dopo esser stati tanto attesi, si riferivano per caso alle navi dei Templari salpati da La Rochelle e mai più tornati in Europa ?
    Ovvero, il Vaticano tiri fuori le segrete carte. E smettiamola oggi di fare quei sacrifici umani chiamati ‘guerre’…