Ignacio Díaz: 20enne da 4 mesi in dialisi a causa del vaccino covid

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

A soli 20 anni, Ignacio Díaz è costretto a recarsi all’ospedale Vital Álvarez Buylla della città di Mieres, nella comunità autonoma delle Asturie (Spagna) tre volte a settimana. In quella stanza l’età media è di oltre 70 anni. Lì rimane sdraiato su una barella per quattro ore, il tempo della dialisi a cui è stato condannato dopo l’inoculazione del vaccino covid. In queste quattro ore riflette su come la sua vita sia completamente cambiata nel giro di pochi mesi. Sono finiti i pasti abbondanti, le feste con gli amici e i loro sogni di entrare in Polizia. Nel frattempo, una macchina fa il lavoro che i suoi reni non fanno più.

Il medico mi ha detto che questa malattia poteva derivare dalla varicella o da un raffreddore, con condizioni di salute precarie, ma si è sviluppata con il vaccino perché mi ha dato molti anticorpi”, racconta Ignacio, ricoverato dopo il vaccino per 46 giorni in ospedale, la maggior parte dei quali in terapia intensiva per insufficienza renale.

Tuttavia, il giovane mantiene un atteggiamento positivo. “Ho tutta la vita davanti a me, peggio sono quelle diagnosi in cui non c’è niente da fare”. Per questo motivo sta pensando anche ad un trapianto. “All’inizio l’idea mi spaventava, ma dopo tutto quello che ho passato in ospedale, se il rene non torna alla sua funzione è la soluzione migliore. Non è una brutta cosa, ma tutto il contrario. Con il trapianto si può tornare ad avere la vita di prima”, dice.

Tutto è iniziato nell’ultima settimana di luglio. Ignacio Díaz è stato convocato per la somministrazione della prima dose e dopo aver ricevuto il vaccino covid ha iniziato a urinare “molto scuro”. “Non era sangue”, ma l’urina era di colore “simile al caffè”.

Con il tempo le urine hanno ripreso il colore abituale e dopo due mesi gli dissero che poteva continuare con il vaccino e sottoporsi alla seconda dose. Dopo aver ricevuto la seconda dose, sono ricomparse le urine scure . Poiché in questa occasione la situazione non è migliorata, Ignacio Díaz si è recato dal nefrologo per eseguire degli esami. “Tutto è andato di nuovo bene e mi hanno dato appuntamento per una revisione a gennaio”, dice. Tuttavia, alla fine di ottobre inizia a sentirsi male. “Ero molto stanco. Sono passato dall’andare in palestra tutti i giorni a non volerci nemmeno andare. Avevo anche sintomi di febbre: avevo i brividi, i miei piedi erano freddi…”, racconta.

Di fronte a questo malessere, Ignacio Díaz va dal suo medico di famiglia. “Mi ha dato una pillola e sono migliorato un po’, ma dopo due giorni mi sono sentito di nuovo male”. Questa volta il giovane si reca direttamente al pronto soccorso dell’ospedale Vital Álvarez Buylla di Mieres.

Dopo le prime analisi viene diagnosticata un’insufficienza renale e disposto il ricovero. In ospedale Ignacio ha trascorso un totale di 46 giorni. “Prima ho passato tre giorni in reparto, poi 16 in terapia intensiva per edema polmonare, poi sono tornato nella stanza dove ho passato i primi tre giorni, poi sono tornato di nuovo in terapia intensiva per lo stesso motivo e dopo sei giorni sono tornato in reparto, prima della dimissione”, precisa.

Sebbene all’inizio Ignacio Díaz fosse spaventato, poiché era la prima volta che veniva ricoverato in ospedale – “Non ho mai avuto problemi di nessun tipo prima” aveva detto -, ha compreso subito la gravità della situazione e si è dato forza.

Il giovane ha detto che la cosa peggiore è stata “trascorrere 16 giorni senza alzarsi dal letto”. “È insopportabile, non sai nemmeno da che parte metterti. Dopo che mi svegliavano alle 8:30 per lavarmi e farmi la colazione non riuscivo più a dormire. Dovevo prendere una pillola per addormentarmi. Questo ha il suo lato buono e il suo lato negativo, dato che ti addormenti in fretta, ma nel momento in cui ti svegli non torni più a dormire”, ha detto.

Una volta controllato il suo stato di salute, dopo 46 giorni Ignacio Díaz è stato dimesso dall’ospedale. Tuttavia, come già detto, deve tornarci ogni due giorni. “Ora devo andare a Mieres tre giorni alla settimana per fare la dialisi per quattro ore”, dice. Una cura che va abbastanza bene, visto che “mi viene solo un po’ di febbre bassa, non sono stanco o altro, e dato che ho il turno mattutino dormo un po’ o leggo un libro”. L’unica cosa che cattura la sua attenzione è che “Io sono l’unico giovane nella stanza, il resto sono tutte persone con più di 70 anni”.

Ora il giovane vuole chiedere di fare la dialisi a casa. “È molto meglio e più sano. La dialisi non è così aggressiva e in questo modo le sostanze tossiche nel sangue vengono eliminate ogni giorno. Inoltre, evito di dover andare all’ospedale di Mieres”, dice. L’emodialisi domiciliare può essere eseguita in due modi. Nella prima modalità, si cambia il liquido tre volte al giorno per 20 minuti per pulire il sangue oppure si può farla di notte per 8 ore. Un’opzione che Ignacio Díaz considera la migliore perché “così hai tutto il giorno libero per fare quello che puoi“.”Ho molta vita davanti a me e ora devo essere responsabile”, aggiunge.

Questa alternativa si tradurrà in benefici per la sua dieta. “Fare la dialisi a casa ti permette di mangiare più cose o di mangiare di più di tanto in tanto”. Per ora, Ignacio Díaz non può mettere il sale nelle pietanze; le verdure devono essere cotte due volte prima di mangiare per ridurre il potassio; deve mangiare molte proteine ​​perché dopo tanti giorni a letto ha perso molta massa muscolare; unire il pesce alla carne ed evitare, per quanto possibile, che sia rossa. Allo stesso modo, deve seguire una restrizione idrica ed evitare di assumere prodotti come i latticini “perché hanno fosforo e questo fa venire sete”.

Inoltre, mentre i reni decidono se funzionare di nuovo o meno, è tempo di prendersi cura di sé in tutti gli aspetti. “Indosso la mascherina anche a casa perché siccome ho difese molto basse. Come mi ha detto molto bene il dottore, noterò una grande differenza quando uscirò con i miei amici perché non potrò uscire tutti i fine settimana e ubriacarmi, come si fa a questa età. Tuttavia, maturerò. Non hanno passato quello che ho passato io e non hanno quella sensazione di stare così male in ospedale”.

Ho ancora tanta vita davanti e tutto ciò che devo fare è essere responsabile” ripete Ignacio Díaz.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/in-terapia-intensiva-per-insufficienza-renale-dopo-linoculazione-il-ventenne-ignacio-diaz-e-da-quattro-mesi-in-dialisi-a-causa-del-vaccino-covid-si-prospetta-un-trapianto-di-rene/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x