I nuovi vaccini COVID sono stati testati solo sui topi

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Joseph Mercola
articles.mercola.com

Mentre gli Stati Uniti, il Regno Unito e altri Paesi del mondo si preparano ad una campagna di vaccinazione autunnale per influenza e COVID, è opportuno prendere nota di alcuni fatti fondamentali. In “Untested Bivalent COVID Jab Being Rolled Out,” ho esaminato i potenziali problemi del nuovo vaccino bivalente COVID di Moderna per adulti, autorizzato nel Regno Unito a metà agosto 2022.

Il 23 agosto 2022, Pfizer e Moderna hanno presentato le rispettive richieste di autorizzazione alla Food and Drug Administration statunitense [1]. Pfizer ha prodotto un’iniezione bivalente mirata alle sottovarianti Omicron BA.4 e BA.5, che sono le due attualmente in circolazione, mentre l’iniezione di Moderna è mirata al ceppo Wuhan già estinto e alla sottovariante Omicron BA.1 [2].

I richiami bivalenti saranno disponibili solo per coloro che hanno già ricevuto la serie primaria di due dosi e/o un richiamo monovalente almeno due mesi fa. Secondo l’FDA [4]:

“Il vaccino Moderna COVID-19, bivalente, è autorizzato per l’uso come singola dose di richiamo in individui di età pari o superiore a 18 anni. Il vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech, bivalente, è autorizzato per l’uso come singola dose di richiamo in soggetti di età pari o superiore a 12 anni…

Con l’autorizzazione odierna, i vaccini COVID-19 monovalenti a mRNA non sono autorizzati come dosi di richiamo per i soggetti di età pari o superiore a 12 anni … Questi vaccini monovalenti continuano ad essere autorizzati per la somministrazione primaria in individui di età pari o superiore a 6 mesi …

I soggetti di età pari o superiore a 18 anni possono ricevere una singola dose di richiamo del vaccino Moderna COVID-19, bivalente, se sono trascorsi almeno due mesi dal completamento della vaccinazione primaria o se hanno ricevuto la dose di richiamo più recente con un qualsiasi vaccino COVID-19 monovalente autorizzato o approvato.

I soggetti di età pari o superiore a 12 anni possono ricevere una singola dose di richiamo del vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech, bivalente, se hanno completato la vaccinazione primaria da almeno due mesi o se hanno ricevuto la dose di richiamo più recente con qualsiasi vaccino COVID-19 monovalente autorizzato o approvato.”

I richiami riformulati saranno disponibili non appena i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie daranno il loro assenso [5,6]. Per la cronaca, tutti i richiami, compresi questi, sono ancora sotto autorizzazione per uso di emergenza (EUA), quindi i produttori non hanno alcuna responsabilità per le lesioni, e i vaccini riformulati sono stati rilasciati solo sulla base dei livelli anticorpali nei topi.

Molti si sono stancati dei richiami infiniti

Secondo il New York Times [7]:

“L’amministrazione Biden ha faticato a convincere gli Americani della necessità di vaccinazioni successive. Solo circa due terzi della popolazione è stata vaccinata con la serie primaria di due vaccini, e molti meno hanno ricevuto dosi di richiamo.”

Secondo le ultime statistiche dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie [8], 262.643.277 Americani hanno ricevuto almeno una dose del vaccino COVID (79,1% della popolazione totale); 108.540.822 hanno ricevuto una prima dose di richiamo (48,5%) e 36.323.498 hanno fatto un secondo richiamo (33,7%).

Ma c’è di più. Per quanto ne sappiamo, non potrete farvi somministrare questo “nuovo e migliorato” vaccino COVID a meno che non abbiate già fatto le due dosi iniziali più doppio richiamo. Semplicemente non sarete qualificati, perché vogliono che tutti ricevano il maggior numero possibile di proteine spike. Non lo sapremo con certezza, tuttavia, fino a quando il CDC non si riunirà questa settimana per decidere.

Il fatto che un numero sempre minore di persone stia continuando con la follia dei richiami è un buon segno, in quanto suggerisce che la gente si sta finalmente rendendo conto che i vaccini COVID non sono né sicuri né efficaci. L’unica cosa che dovrebbe fare un vaccino è rendere immuni da future infezioni, e un richiamo ogni tre o sei mesi dimostra chiaramente che queste iniezioni non sono in grado di fornire una protezione valida.

La maggior parte dei casi di COVID, in particolare le infezioni gravi, si stanno verificando anche tra i “vaccinati,” il che mina ulteriormente il fascino di questi prodotti. Solo quelli a cui è stato completamente lavato il cervello non riescono a capirlo, magari dopo aver contratto la COVID due o tre volte, pur essendo completamente vaccinati e con tutti i richiami, il che oggi non è un evento raro.

Secondo MSN [9], il 40% degli Americani ricoverati in ospedale con una sottovariante del SARS-CoV-2 è completamente vaccinato e a posto con i richiami. Anche le statistiche sulla mortalità raccontano una storia, con un eccesso di mortalità per tutte le cause aggiustato per età (decessi superiori alla norma prevista) quasi triplicato dal lancio dei vaccini COVID. a metà dicembre 2020 [10,11].

Le prestazioni di un vaccino non dipendono dalla frequenza di somministrazione

Resta da vedere come il governo e i media intendano convincere le persone a continuare con questa strategia chiaramente fallimentare, ma se The Atlantic è indicativo, possiamo aspettarci che prevalgano la neolingua orwelliana e l’emotività irrazionale.

Secondo The Atlantic [12], “Le prestazioni del vaccino… dipendono da come e quanto spesso vengono fatte le somministrazioni. Più persone assumono le dosi, meglio funzioneranno.” Si tratta di una propaganda palese e oltraggiosa, il cui unico scopo è quello di aumentare l’accettazione del vaccino COVID. Come ha osservato un utente di Twitter [13], si tratta di una vera e propria sciocchezza: “Le prestazioni di un ‘vaccino’ non dovrebbero avere nulla a che fare con l’assunzione da parte di tutti gli altri.”

Anche l’affermazione che il rendimento di un vaccino dipende dalla “frequenza” con cui viene assunto è chiaramente fuorviante, se non del tutto falsa. Nella storia, mai il successo di un vaccino è dipeso da richiami più volte all’anno e a tempo indeterminato. Non è così che funzionano i veri vaccini. Storicamente, le dosi di richiamo dei vaccini sono distanziate di anni, se mai sono necessarie.

La nuova formulazione è stata testata solo sui topi

Come già accennato, i vaccini riformulati saranno distribuiti molto prima che siano disponibili i dati degli studi sull’uomo [14]. Come riportato da The Atlantic [15], sono stati approvati solo sulla base dei livelli anticorpali nei topi [16]. Sebbene questo sia stato per anni il protocollo di approvazione per i vaccini antinfluenzali, questi vaccini a base di mRNA non sono certo vaccini comuni.

Non disponiamo di dati a lungo termine, ma, a breve termine, questi vaccini COVID hanno provocato 1.390.594 segnalazioni di eventi avversi presso il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS, dati aggiornati al 19 agosto 2022 [17]).

Questo dato comprende 134.245 visite al pronto soccorso, 174.371 ricoveri e 30.479 decessi e, siccome i dati sono sottoriportati, è necessario moltiplicare questi numeri per un fattore di sotto-segnalazione di 41 (o più) per avere un’idea dell’impatto reale. Se si fanno i conti, si scopre che i vaccini COVID sono stati la prima causa di morte negli ultimi due anni, superando di gran lunga gli attacchi di cuore e i tumori non correlati al vaccino.

Tutti questi effetti sono stati spazzati via e liquidati come non correlati ai vaccini, e ora stanno per rilasciare vaccini mRNA riformulati basati solo sui dati anticorpali dei topi! È già stato detto, ma vale la pena ribadirlo, che i livelli anticorpali non ci dicono nulla sull’efficacia.

Ricordiamo: i test anticorpali erano stati sconsigliati per tutta la durata della pandemia come mezzo per determinare se la vaccinazione COVID stava fornendo protezione [18]. Perché? Perché il livello di anticorpi non può dirci se siamo protetti da infezioni, malattie sintomatiche e malattie gravi.

La situazione è la stessa. I livelli di anticorpi susseguenti alla vaccinazione COVID non ci dicono nulla sulla sua capacità di proteggere da infezioni, malattie gravi o morte. In un classico linguaggio orwelliano, si afferma che se i livelli di anticorpi sono elevati dopo l’iniezione in un contesto sperimentale, questa è la prova dell’efficacia. Ma non perdete tempo a misurare il vostro livello di anticorpi, perché non vi dirà nulla sulla vostra protezione immunitaria.

Nel video “Friday Roundtable” qui sopra, la dottoressa Meryl Nass, Toby Rogers, Ph.D., e Brian Hooker, Ph.D., denunciano le lesioni e i decessi causati da questi vaccini, mentre i funzionari sanitari e i media continuano a ignorare e a mettere a tacere le preoccupazioni. Esaminano e criticano le più recenti raccomandazioni sui vaccini COVID, il nuovo quadro di riferimento per la non sperimentazione, vari dati e risorse per coloro che vogliono essere coinvolti nella lotta continua contro la tirannia medica.

Il booster bivalente sarà reattivo almeno quanto l’originale

A questo punto le cose che possono andare storte sono talmente tante che mi viene da rabbrividire a fare previsioni. Secondo l’FDA, il profilo di reattogenicità del vaccino riformulato è “complessivamente simile a quello del prototipo BNT162b2″19 e, come si può vedere dai dati VAERS, questo non è certo un punto di forza.

The Atlantic, tuttavia, minimizza la situazione concentrandosi solo sul fatto che non avremo dati sull’efficacia con cui invogliare e convincere il pubblico ad assumere altre devastanti iniezioni di terapia genica sperimentale [20]:

La scorciatoia introduce un ostacolo: “Non sappiamo ancora nulla sull’efficacia di questi vaccini incentrati sull’Omicron,” ha dichiarato Gregory Poland, vaccinologo della Mayo Clinic. I ricercatori non possono essere certi del grado di miglioramento dei vaccini rispetto alla formulazione originale.

E i funzionari della sanità pubblica non saranno in grado di sfruttare i dati concreti e confortanti allegati a quasi tutte le altre iniezioni già distribuite.

Invece, la comunicazione si baserà su “quanta fiducia avete nelle informazioni che ricevete dal governo,” mi ha detto Deshira Wallace, ricercatrice sulla salute pubblica dell’UNC. E questo è un passaggio assai difficile in questo momento.”

Come Pfizer ha nascosto gravi effetti collaterali

Per quanto riguarda la sicurezza, le autorità sanitarie sostengono che i vaccini COVID classici sono già stati “dimostrati” sicuri, quindi il CDC e la FDA ci dicono che non hanno bisogno di dati di sperimentazione umana per autorizzare i richiami riformulati.

Non solo i dati VAERS smentiscono queste affermazioni, ma non abbiamo nemmeno tutti i dati degli studi originali e quelli che abbiamo sono più che terrificanti. Come riportato da Children’s Health Defense (CHD) nel giugno 2022, i documenti FOIA rilasciati per ordine del tribunale rivelano che Pfizer ha classificato quasi tutte le reazioni gravi nei suoi studi come non correlate all’iniezione [21]:

“L’ultimo rilascio da parte della Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti dei documenti relativi al vaccino COVID-19 di Pfizer-BioNTech22 rivela numerosi casi di partecipanti che hanno subito gravi eventi avversi durante la fase 3 degli studi. Alcuni di questi partecipanti si sono ritirati dalla sperimentazione, altri sono stati abbandonati e altri ancora sono morti…

I CRF [case report form] inclusi nei documenti di questo mese contengono spiegazioni spesso vaghe dei sintomi specifici sofferti dai partecipanti alla sperimentazione. Inoltre, rivelano una tendenza a classificare quasi tutti gli eventi avversi – e in particolare gli eventi avversi gravi (SAE) – come “non correlati” al vaccino…

I numerosi eventi avversi gravi – e diversi decessi – registrati durante gli studi di Fase 3 sono evidenti anche in un documento separato e ponderoso [23], che supera le 2.500 pagine, che cataloga tali eventi avversi.

Questo documento elenca un’ampia gamma di eventi avversi subiti dai partecipanti alla sperimentazione classificati come livello di tossicità 4, il più alto e grave. Tuttavia, nessuno degli eventi avversi di livello 4 (i più gravi) elencati in questo particolare documento è classificato come correlato alla vaccinazione.”

Children’s Health Defense prosegue elencando una serie di esempi tratti dai case report di Pfizer in cui i partecipanti soffrivano di effetti collaterali da vaccinazione ormai ben riconosciuti e comuni, come nel caso di una ragazza adolescente a cui era stata diagnosticata una trombosi venosa profonda all’estremità inferiore destra, il 15 novembre 2020.

La sua condizione era ancora “in corso” al 29 marzo 2021, data del CRF. Era stata ricoverata in ospedale e le sue condizioni erano state classificate come “gravi.” Tuttavia, il CRF indicava che la condizione non era “correlata” al vaccino, ma piuttosto dovuta ad una “frattura” avvenuta prima dell’iniezione dell’11 settembre 2020.

Ritardo nel rilascio dei dati dei pazienti arruolati nella sperimentazione del vaccino COVID

Anche alcuni dei dati più importanti – i dati grezzi dei pazienti delle sperimentazioni iniziali – non saranno disponibili prima di anni. Come si legge in un recente articolo del BMJ [24]:

“I ricercatori indipendenti che cercano di ottenere i dati a livello di paziente dagli studi sul vaccino COVID-19 di Pfizer e Moderna potrebbero dover aspettare ancora. Nei rapporti sullo stato di avanzamento depositati di recente presso il registro federale degli studi (clinicaltrials.gov) tra febbraio e maggio, entrambe le aziende hanno esteso le date di completamento degli studi, Pfizer di nove mesi, dal 15 maggio 2023 all’8 febbraio 2024.

La data di completamento prevista per Moderna è stata posticipata dal 27 ottobre al 29 dicembre 2022. Nel protocollo di sperimentazione Pfizer aveva indicato che i dati dei singoli partecipanti sarebbero stati resi disponibili due anni dopo il completamento dello studio.

Ora che la data è stata posticipata, Pfizer prenderà in considerazione e rivedrà le richieste “quando lo studio sarà completato e tutte le analisi previste saranno state eseguite”…
Luis Carlos Saiz, ricercatore presso l’Unità per l’innovazione e l’organizzazione del Servizio sanitario regionale della Navarra, in Spagna, ha affermato che l’accesso ai dati grezzi dei pazienti è importante per i ricercatori perché “è fondamentale per creare fiducia nelle politiche sanitarie e per proteggere i cittadini da potenziali interessi acquisiti.”

I dati grezzi dei pazienti consentirebbero ai ricercatori indipendenti di valutare le sperimentazioni e verificare i risultati. Le strategie di vaccinazione adottate dalle autorità sanitarie di tutto il mondo devono essere controllate e verificate esaminando attentamente i dati grezzi,” ha affermato Saiz, soprattutto alla luce delle “rivelazioni di cattive pratiche” nei siti di sperimentazione dei vaccini, come riportato da The BMJ.

L’articolo cita uno studio preprint che aveva esaminato i dati dei primi quattro mesi di sperimentazione di Pfizer e Moderna, scoprendo che l’eccesso di rischio di eventi avversi gravi era di 12,5 su 10.000 – un valore ben lontano dal rischio “1 su 1 milione” di un evento avverso dei vaccini per l’infanzia [25]. (Sì, molti di noi sanno che il rapporto di effetti collaterali è molto più alto di questo, ma questo è ciò che sostengono le nostre autorità sanitarie).

Questa è la stessa serie di dati che la FDA ha utilizzato per concedere l’EUA a Pfizer e Moderna e gli unici dati su cui basare qualsiasi dichiarazione di sicurezza per i richiami riformulati.

Dick Bijl, presidente dell’International Society of Drug Bulletins, ha anche detto all’autore del BMJ che per valutare il rapporto rischio/beneficio per un determinato gruppo abbiamo bisogno dei dati grezzi, e di tutti. Allo stato attuale, tali dati non saranno disponibili prima del 2025 o giù di lì e, nel frattempo, stiamo volando alla cieca.

È evidente che la FDA non conosce il significato della parola “sicuro”

Questo però non impedisce alle autorità sanitarie di fare dichiarazioni definitive. Ad esempio, in un recente tweet, il commissario della FDA Robert Califf ha dichiarato [26]:

“Le prove reali degli attuali vaccini COVID-19 a mRNA, che sono stati somministrati a milioni di individui, ci dimostrano che i vaccini sono sicuri. Come sappiamo dall’esperienza precedente, è possibile apportare modifiche al ceppo senza compromettere la sicurezza.”

Ancora una volta, ci sono molte cose sbagliate in questa affermazione. Le prove del mondo reale dimostrano che i vaccini COVID sono, in realtà, i farmaci più pericolosi mai immessi sul mercato, senza alcun dubbio. È evidente che la FDA ha standard di sicurezza diversi dal resto del mondo. Forse hanno ridefinito la parola “sicuro” e non l’hanno detto a nessuno?

Inoltre, l’idea che “si possano apportare modifiche al ceppo senza compromettere la sicurezza” si riferisce esclusivamente ai vaccini antinfluenzali, non alle terapie geniche. I vaccini antinfluenzali contengono virus influenzali vivi o attenuati coltivati in uova o in altri supporti biologici. Non si può in nessun caso presumere che un’iniezione di terapia genica a base di mRNA – che non è nemmeno lontanamente simile al vaccino antinfluenzale – si comporti allo stesso modo di un vaccino antinfluenzale.

Una falsa equivalenza usata per giustificare riformulazioni non testate

Scambiare i ceppi virali in un vaccino antinfluenzale non è affatto la stessa cosa che scambiare le istruzioni dell’mRNA. Nel caso di Pfizer, il richiamo riformulato ora programmerà le vostre cellule per produrre due diverse proteine spike da due varianti di Omicron, mentre il vostro corpo probabilmente sta ancora producendo proteine spike dalla serie iniziale, più quelle dei primi due richiami.

Sappiamo già che la proteina spike è la parte più tossica del coronavirus. Abbiamo già visto gli effetti devastanti della proteina spike originale. Se ora il vostro corpo produce un totale di TRE tipi diversi di proteina spike, quali saranno gli effetti sulle vostre funzioni biologiche?

Ed ecco la vera sorpresa: il vaccino Pfizer conteneva 30 microgrammi (mcg) di mRNA, mentre quello di Moderna ne conteneva 100 mcg. Il nuovo bivalente di Pfizer conterrà ora 90 mcg di mRNA per produrre due diversi tipi di proteine spike e, in teoria, può essere altrettanto letale del vaccino originale di Moderna.

Nessuno sa come queste nuove proteine spike influenzeranno il corpo umano, e presumere la sicurezza sulla base dei vaccini antinfluenzali è più che idiota, poiché il vaccino antinfluenzale non programma le cellule a produrre proteine spike tossiche. È una falsa equivalenza e Califf lo sa bene.

Persino il dottor Paul Offit – famoso per aver fatto ipotesi irrazionali sulla sicurezza dei vaccini – ha il buon senso di mettere in discussione questa linea di ragionamento. Come riportato dal New York Post [27]:

“Mi mette a disagio l’idea di andare avanti – di somministrare milioni o decine di milioni di dosi alla gente – sulla base dei dati dei topi” … ha dichiarato Paul Offit al Journal [28].

Offit, consulente della FDA e direttore del Vaccine Education Center del Children’s Hospital di Philadelphia, ritiene che il confronto tra i vaccini antinfluenzali e quelli COVID-19 non sia fondato a causa delle differenze nelle mutazioni e nei livelli di protezione.”

Per la cronaca, mentre inizialmente il CDC aveva affermato che la proteina spike sarebbe stata prodotta solo per un breve periodo di tempo e non sarebbe rimasta a lungo nell’organismo, all’inizio di agosto del 2022 l’agenzia ha cancellato questa affermazione dal suo sito web, probabilmente perché sapeva che era falsa, è stata dimostrata falsa e ora sta cercando di ripulire alcuni dei suoi passi falsi e delle sue palesi bugie.

Disclose TV ha rivelato la cancellazione sul suo account Twitter [29], con un link archiviato che mostra la pagina web originale del CDC.

Quest’anno tutti i vaccini antinfluenzali saranno quadrivalenti

Quest’autunno ci si aspetta un’altra grande campagna di vaccinazione, forse ancora più grande di quella che abbiamo visto finora, perché oltre al nuovo richiamo COVID, verrà riproposto anche il vaccino contro l’influenza stagionale.

Gli anziani saranno probabilmente i soggetti più a rischio di lesioni e decessi indotti dal vaccino, poiché di solito ricevono un vaccino antinfluenzale ad alto dosaggio. Secondo uno studio pilota danese, un vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alte dosi ha “accennato a benefici in termini di morbilità e mortalità” per gli adulti più anziani [30], ma non credo che ciò si tradurrà in realtà, soprattutto se somministrato contemporaneamente ad un richiamo COVID.

Non riesco nemmeno a sottolineare quanto possa essere rischioso mescolare un vaccino bivalente COVID mRNA non testato con un vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio. Si tratta di SEI antigeni diversi che vengono iniettati in un ambiente in cui potrebbero già essere in circolazione le proteine spike originali delle iniezioni precedenti.

A mio parere, è una ricetta per il disastro. Temo che molti, la cui funzione immunitaria è stata compromessa e soppressa dalle vaccinazioni COVID, quest’inverno non vivranno abbastanza da pentirsi per aver deciso di vaccinarsi.

A proposito, quest’anno tutti i vaccini antinfluenzali saranno quadrivalenti [31], cioè proteggono da quattro diversi ceppi influenzali. Non saranno disponibili versioni singole, bivalenti o trivalenti. Tenete inoltre presente che le formulazioni in fiale multidose contengono come conservante il thimerosal [32] (mercurio), un altro rischio per la salute.

Joseph Mercola

Riferimenti:

Il Dr. Mercola è un medico osteopata, noto anche come DO. I DO sono medici autorizzati che, come i medici, possono prescrivere farmaci ed eseguire interventi chirurgici in tutti i 50 Stati USA. I DO e i MD hanno una formazione simile, che richiede quattro anni di studio nelle scienze cliniche di base e il superamento di esami di abilitazione. Il dottor Mercola, che ha ottenuto la certificazione in medicina di famiglia, è stato per cinque anni presidente del dipartimento di medicina di famiglia del St. Alexius Medical Center. Ha una formazione sia in medicina tradizionale che in quella naturale.

Fonte: articles.mercola.com
Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2022/09/06/was-covid-vaccine-tested-on-mice.aspx?ui=31bdfd289c57f6b86e809f5dfc7f4ce22734ebe06df6727421f1f70f2cf27919&sd=20211027&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art1HL&cid=20220906_HL2&cid=DM1248298&bid=1596383953
06.09.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
27 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
27
0
È il momento di condividere le tue opinionix