Home / Attualità / L’Anarchismo non è ciò che credi che sia, e c’è molto da imparare da esso

L’Anarchismo non è ciò che credi che sia, e c’è molto da imparare da esso

 

DI DAVID MORRIS

AlterNet

La parola anarchismo è stata spogliata così tanto della sua sostanza da essere equiparata a caos e nichilismo. Non è questo ciò che significa.

L’8 febbraio 1921, venti mila persone, sfidando temperature talmente basse da congelare gli strumenti musicali, marciarono in un corteo funebre nella città di Dimitrov, un sobborgo di Mosca. Andarono per omaggiare un uomo, Petr Kropotkin e la sua filosofia, l’anarchismo.

Novant’anni dopo, solo pochi conoscono Kropotkin. E La parola anarchismo è stata spogliata così tanto della sua sostanza da essere equiparata a caos e nichilismo. Questo è deplorevole, sia per l’uomo, che per la filosofia per il cui sviluppo ha fatto molto, e che ha molto da insegnarci.

Sono meravigliato che Hollywood non abbia ancora scoperto Kropotkin. Perché la sua vita è materiale di grandi film. Nato tra i privilegiati, ha trascorso la sua vita lottando contro povertà e ingiustizia. Un rivoluzionario eterno, era anche un geografo e zoologo famoso in tutto il mondo. Infatti, l’intersezione fra politica e scienza caratterizzò molto la sua vita.

Le sue battaglie contro la tirannia lo portano ad anni nelle prigioni russe e francesi. La prima volta che venne imprigionato in Russia, un grido di protesta di alcuni fra gli studiosi più famosi al mondo, portò al suo rilascio. La seconda volta progettò una fuga spettacolare e scappò dal paese. Gli ultimi anni di vita, nuovamente nella sua Russia natale, supportò con entusiasmo il rovesciamento dello zar, ma allo stesso tempo condannò i metodi sempre più autoritari e violenti di Lenin.

Negli anni ‘20 Roger N. Baldwin riassume Kropotkin in questa maniera:

“Kropotkin è descritto da un sacco di gente che lo conobbe durante tutti i suoi passi di vita come “l’uomo più nobile” che abbia mai conosciuto. Oscar Wild lo definì come una delle due persone realmente felici che abbia mai incontrato… Nel movimento anarchico aveva il più profondo affetto di migliaia di persone, i lavoratori francesi lo chiamavano “notre Pierre”. Senza mai assumere la leadership, ciò nonostante, era guidato dalla forza morale della propria personalità e dall’ampiezza del suo intelletto. Combinò in una misura straordinaria le alte qualità di carattere con una mente brillante e una sensibilità sociale fervente. La sua vita ha lasciato un segno profondo in una grande varietà di classi- l’intero mondo scientifico, il movimento rivoluzionario russo, i movimenti radicali di tutte le scuole e nel mondo letterario, il quale si interessava poco o niente a scienza o rivoluzione”.

Per i nostri obiettivi l’eredità più duratura di Kropotkin è il suo lavoro sull’anarchismo, una filosofia della quale egli fu forse, il massimo esponente. Egli arrivò alla visione che la società si stesse dirigendo nella direzione errata ed identificò la giusta direzione utilizzando lo stesso metodo scientifico che lo portò ad impressionare la professione di geografo attraverso la dimostrazione del fatto che le mappe esistenti sull’Asia avevano le montagne che seguivano la direzione sbagliata.

Il principale evento che portò Kropotkin ad abbracciare l’anarchismo fu la pubblicazione de “L’origine delle specie” di Charles Darwin nel 1859. Mentre la tesi di Darwin in base alla quale discendiamo dalle scimmie fosse fortemente discussa, la sua tesi sul fatto che la selezione naturale implica una “sopravvivenza del più adatto” attraverso una battaglia tra specie, venne condivisa con entusiasmo dall’1% in quei tempi, per giustificare ogni ingiustizia sociale come un inevitabile effetto secondario della lotta per l’esistenza. Andrew Carnegie sosteneva che la “legge” della competizione è “il meglio per la razza perché assicura la sopravvivenza del più adatto in ogni settore”. “Accettiamo e diamo il benvenuto alla grande diseguaglianza (e) al concentramento dell’economia… nelle mani di pochi”. L’uomo più ricco del pianeta, John D. Rockefeller, asserì senza giri di parole: “La crescita di una grande economia è solamente la sopravvivenza del più adatto… il prodotto di una legge di natura”.

In risposta ad un saggio ampiamente diffuso di Thomas Huxley nel diciannovesimo secolo “The Struggle for Existence in Human Society”, Kropotkin scrisse una serie di articoli per la stessa rivista che furono in seguito pubblicati, come il libro Mutual Aid.

Egli trovò la visione dei darwinisti sociali contraddetta dalla propria ricerca empirica. In seguito a cinque anni di esame della fauna selvatica in Siberia, Kropotkin scrisse: “Ho fallito nel trovare- nonostante la stessi cercando impazientemente- quella lotta aspra per le risorse dell’esistenza… che era considerata da molti darwinisti… come la caratteristica dominante- e il fattore principale dell’evoluzione”.

Kropotkin onorò le intuizioni di Darwin sulla selezione naturale ma credeva che il principio reggente della selezione naturale fosse la cooperazione, non la competizione. I più adatti erano coloro che cooperavano.

“Le specie animali, nei quali la lotta individuale è stata ridotta ai suoi limiti più ristretti, e in cui la pratica dell’aiuto reciproco ha raggiunto il più grande sviluppo, sono inevitabilmente le più numerose, le più prosperose, e le più aperte al progresso più distante… Le specie meno socievoli, al contrario, sono condannate al declino”.

Egli trascorse il resto della propria vita a promuovere questo concetto e la teoria della struttura sociale conosciuta come anarchismo. Per gli americani anarchismo è sinonimo di mancanza di ordine. Ma le società per Kropotkin non hanno carenza di ordine ma l’ordine emerge dalle regole designate da coloro i quali ne sentono la loro influenza, regole che incoraggiano sistemi di produzione in scala umani e massimizzano la libertà individuale e la coesione sociale.

Nel suo articolo sull’Anarchia del 1910 su Encyclopedia Britannica, Kropotkin definisce anarchismo una società “senza governo- armonia ottenuta dalla società, non con la sottomissione alla legge, o con l’obbedienza ad un’autorità, ma attraverso liberi accordi stipulati tra i vari gruppi, territoriali e professionali, liberamente costituiti per l’interesse di produzione e consumo…”

Mutual Aid venne pubblicato nel 1902. Con capitoli sulle società animali, tribù, città medievali e società moderne, crea il caso scientifico per la cooperazione. I lettori di oggi potrebbero trovare il capitolo sulle città medievali il più interessante.

Nei secoli XII e XIV, centinaia di città emersero intorno ai recentemente formati mercati. Questi mercati erano talmente importanti che le leggi adottate da re, vescovi e città proteggevano i loro fornitori e consumatori. Con la crescita dei mercati, le città guadagnavano autonomia, si organizzavano in strutture politiche, economiche e sociali ciò che secondo Kropotkin fece di loro un modello operativo educativo di anarchismo.

La città medievale non era uno stato centralizzato. Era una confederazione, divisa in quattro quartieri o in cinque o sette sezioni che si diffondevano a raggio dal centro. In un certo senso era strutturata come una doppia federazione. Una, formata da tutti i proprietari di case uniti in piccole unità territoriali: la strada, la parrocchia, il distretto. L’altra, formata da singoli uniti da un giuramento in corporazioni, in base alla loro professione.

Le corporazioni stabilivano le regole economiche. Ma la corporazione in sé comprendeva molti interessi. “Il fatto è che, la corporazione medievale… era un’unione di uomini uniti da un dato commercio: compratori di prodotti grezzi, venditori di prodotti manifatturieri, artigiani- mastri ed apprendisti”. Era governata all’interno della propria sfera, ma non poteva sviluppare regole che interferissero con i lavori di altre corporazioni.

Quattrocento anni prima di Adam Smith, le città medievali avevano sviluppato regole che permettevano la ricerca dell’interesse personale per supportare l’interesse pubblico. Diversamente dal progetto di Adam Smith, il loro strumento era invece una mano molto visibile.

Il mini-mondo di cooperazione portò a risultati notevoli. In città di 20.000-90.000 persone affiorò la tecnologia, così come sviluppo artistico che ancora ci meraviglia.

La vita in queste città non era neanche lontanamente la vita primitiva dei Secoli Bui che vengono descritti dai nostri libri di storia. I lavoratori in queste città medievali guadagnavano un salario minimo. Molte città avevano una giornata di lavoro di 8 ore.

Firenze nel 1336 aveva 90.000 abitanti. Circa 8-10.000 ragazzi e ragazze (sì, ragazze) frequentavano la scuola primaria e c’erano 600 studenti in quattro università diverse. La città vantava 30 ospedali con oltre 1000 letti.

Inoltre, scrive Kropotkin: “ più impariamo dalla città medievale, più ci convinciamo che in nessun momento la classe operaia ha goduto di condizioni simili di prosperità e di tale rispetto come quando la vita in città si alzava al suo massimo”.

Mutual Aid viene letto raramente oggi. Nessuno si ricorda di Petr Kropotkin. Ma il suo messaggio, e la sua prova empirica, che la cooperazione e non la competizione è la spinta dietro la selezione naturale, che la decentralizzazione è superiore alla centralizzazione sia nell’amministrazione che in economia, e che l’aiuto reciproco e la coesione sociale dovrebbero spingere al di sopra della forte ineguaglianza sociale e che l’esaltazione dell’individuo al di sopra della società è rilevante nei dibattiti centrali dei nostri tempi, così come lo era nei dibattiti del suo tempo.

Nell’anniversario della morte di Kropotkin sarebbe benefico per il mondo riscoprire i suoi straordinari scritti, i quali sono liberamente disponibili online, e rivedere la sua filosofia.

 

David Morris è cofondatore e vice presidente del Institute for Local Self Reliance a Minneapolis, Minn., e direttore del progetto New Rules.

Fonte: http://www.wakingtimes.com

Link: http://www.wakingtimes.com/ 2012/02/14/anarchism-is-not- what-you-think-it-is-and- theres-a-whole-lot-we-can- learn-from-it/

14.02.2017

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org  a cura di STEFLOWERS

Pubblicato da Davide

  • Tonguessy

    Analoga sorte di Kropotkin e all’anarchismo spettò a Protagora e ai Sofisti. Così come anarchia è oggi sinonimo di caos, per sofismi si intendono una serie di arzigogoli argomentativi che hanno lo scopo di deviare la discussione dall’oggetto primario. Siamo ben distanti da “l’uomo è la misura di tutte le cose”, che unisce idealmente anarchici e sofisti. Si chiama enantiosemia, un tipo particolare di polisemia che nel tempo fa assumere ad una parola il significato contrario. Ferie è vacanza, ma feriale è lavorativo. Anarchia è uno specifico ordine sociale sociale, ma diventa caos e individualismo. Sofismo è l’arte di argomentare, di dotare l’interlocutore di armi della dialettica, ma diventa argomento capzioso e fallace.
    O tempora o mores…..

    • Manolis55

      Pienamente concordo.

  • Scimmia

    sempre interessante ed utile postare articoli come questo.
    grazie.

  • marco schanzer

    Il concetto della Cooperazione , non fa parte della Cultura Italiana . Con la Cooperazione , ci toccherebbe rinunciare ai partiti , agli autovelox , alle pensioni , al posto di lavoro dipendente , alla serie A , agli immigrati , a Scampia , al reddito di cittadinanzietta , ai militari , agli dei .

    • Tonguessy

      Quindi niente lavoro dipendente equivale a maggiore cooperazione? I medici tutti lavoratori autonomi a 200€ a visita (mezz’ora se va bene) è segno di splendida socializzazione, nel tuo immaginario?

      Parlavo di enantiosemia, appunto.

  • a-zero

    “… Sono meravigliato che Hollywood non abbia ancora scoperto Kropotkin. Perché la sua vita è materiale di grandi film.”

    No grazie. Ci si continua ad arrangiare da noi senza tale cattiva compagnia ollivudiana.

    Riguardo a kropotkin mi sembra che, in seguito, gli fu criticato l’approccio positivista-scientista un pochino ottimista nella ‘scienza’. Ma era figlio del suo tempo. E quelli che sapevano leggere e scrivere e studiare erano gioco forza fuori delle classi proletarie.

    Ognuno comuqnue c’ha la propria testa per pensare e il proprio cuore per cooperare. L’importante é cercare di non svilirsi/impaurirsi. Almeno credo.

  • SanPap

    “Una, formata da tutti i proprietari di case uniti in piccole unità territoriali: la strada, la parrocchia, il distretto”
    si chiamavano Consorterie perché i partecipanti uniti da un interesse comune cooperavano e realizzavano la stessa “sorte”; naturalmente il significato medioevale era totalmente differente da quello attuale;
    avevano un nome, di seguito i nomi di consorterie della Tuscia

    Aldobrandeschi, Ardengheschi, Barbareschi, Bardeschi, Bedeschi, Bernardeschi, Berneschi, Boveschi, Bracceschi, Brunelleschi, Fieschi, Filippeschi, Frateschi, Gabrielleschi, Gentileschi, Gherardeschi, Guareschi, Lazzareschi, Milaneschi, Monaldeschi, Moreschi, Palleschi, Pareschi, Papareschi, Papeschi, Pannocchieschi,
    Pisaneschi, Poleschi, Prioreschi, Pupeschi, Salvaneschi, Simoneschi, Stefaneschi,
    Tibaldeschi, Veschi, Vipereschi, Vitelleschi

    con il tempo molti sono poi diventati cognomi di famiglie, inizialmente erano gruppi familiari cooperanti

    • Tonguessy

      Ti sei dimenticato i capitani di consorterie: i Furbeschi, quelli che attualmente frequentano i Parlamenti (non solo nostrani). Ci sarebbero anche i Puttaneschi, a ben vedere.

      • SanPap

        i Furbeschi si occupano alcuni di orologi altri di cartoncino, gli eredi degenerati sono diventati i Furbeschi de Cartellino; più interessanti i Puttaneschi, ma siamo in fascia protetta; i Bracceschi ci hanno dato Forte Braccio da Montone, quel forte braccio sempre alzato ci porta anche lui lontano; è la mano che non si riesce a serrare la parte più espressiva: è gonfia e la pelle sembra cuoio, zappare la terra o spaccare pietre in miniera è una fatica, ma maggiore è stringerla.

  • Holodoc

    … ” più impariamo dalla città medievale, più ci convinciamo che in nessun momento la classe operaia ha goduto di condizioni simili di prosperità e di tale rispetto come quando la vita in città si alzava al suo massimo”. …

    Riguardo agli studi di etologia portato avanti da Kropotkin non ho nulla da eccepire, in quanto sono basati su dati raccolti di persona.
    E le ricerce attuali specie su i primati superiori confermano le sua conclusioni.

    Per quanto riguarda l’analisi storica la vedo molto viziata dalla visione Romantica del periodo medievale tipica della fine del XIX secolo.
    Il medioevo allora andava di moda, basti pensare ai romanzi gotici o all’architettura neogotica che tanto era in voga.

    Certamente non esisteva più la schiavitù, ma le condizioni del lavoratori non erano certo rosee.
    Basti pensare alla rivolta dei ciompi a Firenze.
    Ci pensò poi la peste a dare potere agli artigiani, perché dopo il suo passaggio essi scarseggiavano e quindi potevano chiedere di più per i loro servigi.
    E’ così che è iniziato il Rinascimento.

    Questo fatto storico ci dovrebbe far riflettere su come la demografia influisce sulla società, e su quanto sia idiota vedere come negativo il calo demografico in un periodo di crisi economica strutturale come quello che stiamo attraversando.

    • MarioG

      “Ci pensò poi la peste a dare potere agli artigiani, perché dopo il suo
      passaggio essi scarseggiavano e quindi potevano chiedere di più per i
      loro servigi.
      E’ così che è iniziato il Rinascimento”

      E’ una battuta?
      Cioè: il Rinascimento si deve alla peste del ‘300?
      Curiosa la giustificazione: la peste elimina motli artigiani, quindi “questi possono chiedere di più”… a chi? Come se la peste eliminasse solo gli artigiani e non i committenti degli artigiani! Insomma, la peste è ricchezza.

      E similmente si commenta anche il pensierino finale.

      • Holodoc

        La mia analisi sarà anche errata, mi consola il fatto di essere in buona e numerosa compagnia:

        ——
        “La peste nera ma poi venne il Rinascimento” di Enrico Butteri Rolandi.

        Conclusione:
        “…se certamente non si può attribuire esclusivamente alla grande peste il merito del rinnovamento culturale che caratterizzò il periodo successivo, essa, cambiando la mentalità dei sopravvissuti, diede comunque un contributo fondamentale al sorgere di quelle che saranno tra le epoche più fiorenti della nostra storia, cioè l’Umanesimo ed il Rinascimento. ”

        http://cronologia.leonardo.it/storia/aa1347b.htm
        —-

        “Dalla Peste al Rinascimento” di Sabrina Marchesi

        Incipit:
        “Verso la fine del XIV secolo molti eventi si verificarono destinati a segnare profondamente il tessuto sociale, e a lasciare segni indelebili sulle nascenti comunità, stava per risorgere, come l’Araba Fenice, dalle ceneri del mondo precedente, un nuovo universo, un’epoca ricca, dorata e foriera di grandi promesse, giungeva a grandi passi l’era del Rinascimento.”

        http://guide.supereva.it/giallo_e_noir/interventi/2005/08/222625.shtml

  • Lucio Brovedan

    “l’ordine emerge dalle regole designate da coloro i quali ne sentono la loro influenza”
    Il concetto di diritto come insieme di accordi fra gli stessi destinatari, sembra qui collegarsi, tramite le parole “ne sentono”, al cosiddetto “diritto naturale” (giusnaturalismo e giuspositivismo in perenne antitesi).
    La nostra società ha bisogno di regole che traggano dalla coscienza giuridica, dei destinatari tutti, il contenuto ed senso “volontario” della loro obbligatorietà, piuttosto che da qualsivoglia autorità le abbia emanate.
    Mi pare che, soprattutto in questa prospettiva, l’anarchismo possa dare un contributo molto prezioso.

  • fuffolo

    L’uomo nuovo vive bene solo nel pianeta K299 in Galassia che vai di Eric Frank Russell. Molto divertente

  • natascia

    In questo forum qualcuno disse che studiare la storia è eversivo……Concordo, perché tentando un’analisi elementare anche il periodo attuale può essere avvicinato alla fine inoltrata dell’impero romano con lo sfascio morale, e le ruberie tipiche dei i crolli di potere. I barbari germanici fanno le prove per l’istituzione del sacro romano impero, come per altro hanno più volte tentato nel corso tempo. Occhieggia altresì un nuovo inedito blasfemo feudalesimo tecnologico. Che dire? A parte negli albori della nostra umanità,nella nostra amata patria greca, e brevi , intensi e memorabili decenni, l’anarchismo non partecipa, purtroppo alla storia umana moderna e non vedo che un ripetersi di certi moduli sociali più o meno efficaci. Dove l’efficacia deriva esclusivamente da fortuite circostante e altrettanto fortuite affermazioni di personalità eccezionali.

  • Denisio

    Purtroppo l’anarchia è considerata dalla moltitudine come rifiuto delle regole e giammai come un sistema di regole diverso e condiviso senza qualcuno che si arroghi il diritto di redirle per tutti. Nonostante questa mancanza il sistema Anarchico nei piccoli luoghi ove si verifica, ad esempio in alcune società ed aziende specie dell IT risulta più efficiente e più collaborativo del sistema gerarchico. Purtroppo non esiste ancora una società anarchica industriale che possa essere presa a modello ma si potrebbe dire che quella italiana fatta di una moltitudine di piccole aziende si avvicina molto più di altre infatti spesso è stata ed è sottoposta a vere e proprie vessazioni per esser gestita piramidalmente. La forza di un gruppo rispetto ad un altro sta nella valorizzazione delle caratteristiche e delle diversità. Se non si vuole accettare di buon grado questo ordine c’è bisogno di improntarne uno che discrimini ed elegga le varie caratteristiche umane in modo da ottenere una data (e voluta) specializzazione che pur non essendo funzione di adattamento entropico viene adottata e giustificata come tale. Ecco il fondamentale motivo per cui “gli esperti” con titoli vari giustificano spesso l’incomprensibilità di certe norme e abitudini con un’indifferenziata definizione di “complessità della società” a cui ci si dovrebbe acriticamente asservire.