Gli Stati Uniti “si pentiranno come mai prima” se si ritireranno dall’accordo nucleare iraniano – Rouhani

FONTE: RT .COM

Gli Stati Uniti si pentiranno se decideranno di ritirarsi dall’accordo nucleare concordato con Teheran, ha avvertito il presidente iraniano Hassan Rouhani, aggiungendo che il suo governo ha “piani per resistere” a questa mossa. “Se gli Stati Uniti lasciano l’accordo nucleare, presto vedrete che se ne pentiranno come mai prima nella storia”, ha detto Rouhani in un discorso televisivo di domenica, come citato da Reuters. Il capo della sicurezza nazionale dell’Iran Rouhani ha proseguito affermando che Teheran ha “intenzione di opporsi a qualsiasi decisione di Trump sull’accordo nucleare” e che “sono stati impartiti ordini alla nostra organizzazione dell’ energia atomica … e al settore economico per far  fronte alle trame americane contro il nostro paese. “L’America sbaglierà se lascia l’accordo nucleare”. Le sue osservazioni arrivano all’inizio del 12 maggio, termine entro il quale il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dice che gli alleati europei degli Stati Uniti devono correggere “difetti” nell’accordo nucleare. Se ciò non viene fatto per la soddisfazione di Trump, egli afferma che rifiuterà di estendere gli sgravi delle sanzioni statunitensi per l’Iran. Gli alleati europei – Gran Bretagna, Francia e Germania – si sono impegnati a rispettare l’accordo firmato nel 2015, con una recente dichiarazione di Downing Street che afferma di essere “il modo migliore per neutralizzare la minaccia di un Iran dotato di armi nucleari”.

Tuttavia, nel tentativo di coinvolgere Washington, le tre nazioni stanno cercando di aprire colloqui sul programma iraniano sui missili balistici, le sue attività nucleari oltre il 2025 – quando scadranno le disposizioni chiave dell’operazione – e il suo ruolo nelle crisi in Medio Oriente tra cui Siria e Yemen.

Quella impostazione è stata criticata da Rouhani domenica. “Non negozieremo con nessuno sulle nostre armi e sulle nostre difese, e realizzeremo e immagazzineremo il maggior numero di armi, strutture e missili di cui abbiamo bisogno”, ha sottolineato, sottolineando il rifiuto dei leader iraniani di tenere colloqui sul programma missilistico iraniano, e che le affermazioni sono puramente a scopo difensivo.

Solo poche ore prima, l’avvocato di Trump, Rudy Giuliani, sottintendeva che il presidente avrebbe bloccato l’impegno di Washington nei confronti dell’accordo. Trump ha definito l’accordo, firmato sotto l’amministrazione Obama, il “peggior accordo mai negoziato”.

Trump ha anche detto che ha il potere di annullare la partecipazione degli Stati Uniti all’accordo “in qualsiasi momento” e ha rifiutato di certificare la conformità dell’Iran con l’accordo in ottobre, nonostante la conferma da parte dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) che Teheran era in conformità con l’accordo.

Nel frattempo, in uno show televisivo controverso alla fine del mese scorso, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che l’Iran ha mentito sul suo programma nucleare, il che rende invalido l’accordo del 2015. Mentre gli Stati Uniti dicono che la presentazione di Benjamin Netanyahu dimostra che l’Iran aveva un “robusto programma di armi nucleari clandestine”, la presentazione è stata criticata dal ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif come un “tempismo coordinato di una presunta rivelazione dell’intelligence”.

Gli analisti hanno detto a RT che i tempi della presentazione apparentemente ben provata erano davvero cruciali. Il Dr. Maged Botros, capo del dipartimento di scienze politiche dell’Università Helwan in Egitto, ha detto che la presentazione di Netanyahu è stata “una occasione per Trump”, suggerendo che potrebbe essere una soluzione per il presidente degli Stati Uniti per fare a pezzi l’accordo.

 

Fonte: www.rt.com

Link: https://www.rt.com/news/425967-iran-nuclear-us-regret/

6.05.2018

 

Scelto e tradotto per www comedonchisciotte.org da FABIONE

 

Comments are closed.