Gli Incel sono terroristi transnazionali?

Questo caso di studio è un estratto del libro “Foundations of International Relations“ (Londra, 2022, Bloomsbury) di Stephen McGlinchey.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

In alternativa, è possibile effettuare un bonifico bancario (SEPA) utilizzando il nostro conto
Titolare del conto: Come Don Chisciotte
IBAN: BE41 9674 3446 7410
BIC: TRWIBEB1XXX
Causale: Raccolta fondi

www.e-ir.info

Di Katherine E. Brown

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

 

Quando Merger (2018) ha scritto “quando il terrorismo non è terrorismo? quando le motivazioni politiche sono la misoginia”, stava reagendo alla riluttanza a etichettare Alek Minassian come terrorista dopo che, nel 2018, aveva guidato un furgone contro un gruppo di persone, uccidendone dieci, a Toronto. Pochi minuti prima dell’attacco aveva pubblicato un video su YouTube che faceva riferimento a una ribellione di Incel. Come Elliot Rodger prima di lui, che nel 2014 ha ucciso sette compagni di scuola perché gli era stato ripetutamente negato il sesso, Minassian faceva parte di una comunità più ampia di individui che la pensano allo stesso modo e che hanno opinioni misogine così estreme da ritenere che la violenza sia raccomandata e giustificata. Hanno costruito il loro mondo di gruppi maschili online, uniti dalla convinzione che il sesso e il livello di attrattiva determinino il tuo posto nella società, il che esclude gli uomini che non sono considerati abbastanza belli per formare una relazione romantica o sessuale. Per questo sono “involontariamente celibi” (Incel). Proclamano che il femminismo ha rovinato il mondo in modo tale che non sono in grado di ottenere ciò a cui hanno diritto – status e potere attraverso relazioni sessuali con le donne.

La comunità Incel ha rivendicato e celebrato la violenza di Minassian sostenendo che se le donne avessero fatto sesso con lui, allora si sarebbero salvate delle vite, cosa che secondo loro sarebbe stata possibile prima della rivoluzione sessuale degli anni Sessanta. Di conseguenza, gli Incels glorificano la violenza di massa. Come ha detto uno di loro: “Sono felice di vedere morire qualche normies…Abbiamo bisogno di vedere un po’ di varietà. Sono stanco della solita conta dei morti. Che ne dite di una conta degli stupri o di una conta dell’acido nella sua cazzo di faccia?”. Gli Incel usano regolarmente un linguaggio di questo tipo per minimizzare l’importanza della loro violenza rispetto alle ingiustizie percepite, come ad esempio gli alti tassi di suicidio degli Incel (vedi Baele et al 2019).

I membri della comunità Incel tendono a essere uomini di età inferiore ai 30 anni, si auto-identificano come introversi e coprono una gamma di gruppi socio-economici. Il loro numero è difficile da calcolare, con rapporti che vanno dalle decine di migliaia alle centinaia di migliaia. Il movimento è fortemente influenzato dalla supremazia bianca, con i loro “Alfa” ideali che mostrano mascelle finemente cesellate, pelle bianca, “nasi romani” e un fisico tonico. Questa visione del mondo è giustificata da un’appropriazione distorta della psicologia evolutiva e della biologia evolutiva, basandosi sulle teorie eugenetiche più comunemente associate ai nazisti. La globalizzazione delle comunicazioni ha facilitato la diffusione di questa ideologia e una minoranza di uomini non bianchi al di fuori del Nord America si identifica anche come Incel, accettando questa presunta gerarchia razziale e il proprio posto al suo interno.

Gli attacchi degli Incel sembrano essere limitati al Nord America, con almeno quattro omicidi di massa legati alle attività degli Incel e altri sei omicidi associati. Un rapporto del gennaio 2020 del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Texas ha avvertito che gli Incel sono una “minaccia emergente di terrorismo interno”. Nel febbraio 2020, un uomo tedesco ha ucciso a colpi di pistola nove persone vicino a Francoforte, prima di suicidarsi e uccidere sua madre, sembrando essere il primo attentatore Incel al di fuori del Nord America. Ha pubblicato online un manifesto in cui chiedeva lo “sterminio completo” di molte “razze o culture in mezzo a noi” e prendeva di mira in particolare i musulmani. Ha anche scritto: “Per tutta la mia vita non ho avuto una moglie o una fidanzata, negli ultimi 18 anni solo perché…so di essere sorvegliato”. Alcuni esperti di terrorismo lo hanno collegato al movimento Incel, così come alcuni Incel – affermazioni che i media britannici e americani (ma meno quelli tedeschi) hanno sfruttato per glorificare la sua violenza e minimizzare i suoi legami neonazisti. Tuttavia, non si è mai identificato come un Incel e non sembrava incolpare le donne per la sua mancanza di intimità, bensì i governi. Ciò evidenzia la necessità di cautela nel classificare questi eventi, così come è importante ricordare che non tutti gli atti di violenza pubblica compiuti da un musulmano sono atti di terrorismo islamico.

L’ubiquità della misoginia e la persistenza del sessismo e della violenza domestica in tutto il mondo rendono difficile attaccare l’etichetta di “terrorismo” alla violenza di Incel. La violenza è disorganizzata, non è spettacolare e raramente suscita l’attenzione dei media. I singoli atti di violenza mancano di uno scopo strategico, poiché non c’è valore simbolico o materiale nei luoghi degli attacchi. Spesso coloro che muoiono non sono coloro che dicono di odiare e finora non c’è stata una risposta statale sproporzionata contro i giovani uomini bianchi (la maggioranza degli Incel). Inoltre, la mancanza di organizzazione o di struttura degli Incel al di fuori dello spazio online, rende le loro giustificazioni nel “mondo reale” – “video di martirio” e manifesti sconclusionati – deboli tentativi di glorificare la loro violenza auto-interessata. Le connessioni personali di questi attacchi con le loro narrazioni di vita offuscano il confine tra pubblico e privato, ma rendono anche sospetta la loro affermazione di voler cambiare il mondo o di sacrificarsi per una causa più grande. La ricerca di un significato e di un motivo può invece essere vista come una manifestazione distruttiva della ricerca della celebrità. Il rischio di etichettare gli Incel come terroristi è quello di dare alla loro ideologia e al loro odio online più potere e credito nel “mondo reale” di quanto non meriti.

Minassian vuole certamente farci credere di appartenere a un movimento. Ma le sue azioni sollevano più domande che risposte. Ad esempio, è possibile negoziare con gli Incel? Inoltre, identificare la violenza degli Incel come terrorismo potrebbe rendere il termine “terrorismo” troppo elastico e quindi vuoto di contenuti e privo di utilità? In altre parole, così facendo, diventa impossibile distinguere tra violenza domestica, crimini di gruppo, contrabbando e terrorismo. In questo modo si perdono le specificità delle forme di violenza e di conseguenza si adottano contromisure troppo generalizzate (e quindi meno efficaci).

Ad esempio, accettare gli Incel come terroristi strumentalizza la violenza contro le donne. Suggerisce che la violenza contro le donne è davvero importante e viene presa sul serio dai governi e dalla polizia solo quando le viene attribuito lo status di “terrorismo”, ma anche che tali dichiarazioni sono simboliche ma non vengono messe in atto, perché la struttura dell’antiterrorismo è già iper-sicurizzata e iper-mascolinizzata. Lo possiamo vedere in Australia, dove il Dipartimento di Polizia di Victoria ha dichiarato pubblicamente che avrebbe trattato i maltrattatori domestici come terroristi e ha riconosciuto il legame tra terrorismo e violenza domestica, ma quando pochi mesi dopo ha aperto un centro da 30 milioni di dollari per combattere il terrorismo, non vi erano esperti di violenza contro le donne (Diaz e Valji 2019).

Di Katherine E. Brown

Fonte: https://www.e-ir.info/2023/11/30/are-Incels-transnational-terrorists/

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
105 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
105
0
È il momento di condividere le tue opinionix