GLI AFGHANI: RIVOGLIAMO I TALEBAN

DI CHRIS SANDS
The Independent

Almeno ci sentivamo sicuri sotto gli estremisti, dicono i residenti di Kandahar, troppo spaventati per uscire quando è buio

Faiz Mohammed Karigar, padre di due figli, ha lasciato Kandahar mentre i Talebani erano al potere in Afghanistan, in quanto era contrario alle loro restrizioni sull’educazione. Ora vuole che i fondamentalisti tornino.

“Quando i Talebani erano qui, scappai verso il confine con l’Iran, ma non fui mai preoccupato per la mia famiglia”, dice. “Ogni singolo minuto degli ultimi tre anni sono stato preoccupato. Forse questa notte gli Americani verranno nella mia casa, molesteranno mia moglie e i bambini ed arresteranno me”.La settimana scorsa, il presidente Hamid Karzai ha riconosciuto per la prima volta di aver avuto incontri con i Talebani in un tentativo di raggiungere un accordo di pace ed evitare una battaglia sanguinosa per il controllo del sud e dell’est del paese, dove il movimento ha goduto di una rinascita lo scorso anno.

Il fallimento delle forze NATO nell’assicurare sicurezza e sviluppo, e le crescenti vittime civili causate dalle forze occidentali negli scontri coi Talebani, hanno portato ad una perdita di supporto a Kandahar. “Come possiamo perdonare gli Americani?”, chiede Karigar, che come la maggior parte delle persone, qui, non distingue tra i differenti elementi della Nato. “Li combatterò in ogni modo”.

La maggioranza delle forze nella provincia di Kandahar sono canadesi, con un comandante britannico, il Maggior Generale “Jacko” Page, che sta per assumere la reponsabilità di tutto l’Afghanistan meridionale in un periodo in cui è considerata imminente una nuova offensiva talebana. Le truppe britanniche si sono stabilite principalmente nella provincia confinante di Helman, ma le truppe fresche che stanno arrivando ora operano in tutta la regione.

L’anno scorso i Talebani non sono riusciti a mettere in atto la loro minaccia di riprendere il potere nella provincia di Kandahar, la loro vecchia roccaforte, e la Nato insiste che il movimento non potrà mai vincere militarmente contro l’Alleanza, anche se molti Afghani lo reputano possibile. Ma gli occupanti hanno perso un sostegno cruciale nella città, che è diventata uno dei luoghi più pericolosi dell’Afghanistan.

La violenza politica e criminale si è ampiamente diffusa tra la popolazione, e la maggioranza cerca di evitare di uscire dopo il calare della sera, quando gli unici suoni sono gli elicotteri che volano sopra le loro teste e sinistre scariche di fuoco nelle strade. Gli attacchi suicidi sono comuni, e in molte occasioni, nei mesi recenti, soldati nervosi della Nato hanno sparato a civili che credevano erroneamente stessero per farsi saltare in aria.

Qualunque sia la causa del massacro, quasi sempre la popolazione locale accusa i soldati stranieri nel mucchio. Persino gli Afghani moderati stanno dichiarando apertamente che si uniranno all’insorgenza.

Il Governo Britannico chiama i Talebani “terroristi” ed “estremisti”, ma a Kandahar la gente li associa con la sicurezza. Prima dell’invasione nel 2001, dicono, potevano camminare nelle strade in sicurezza, a patto che si conformassero con la rigida interpretazione della Legge Islamica del movimento. Ora persino una semplice uscita al mercato locale è vista come un rischio, e i Talebani, insediati negli anni ’90 come risposta al caos, stanno guadagnando nuova forza.

“Penso che la vita sotto i Talebani fosse molto buona”, ha detto Maria Farah, madre di cinque figli. “Se avevamo fame, potevamo almeno avere un po’ di cibo e andarcene a dormire, e se andavamo fuori da qualche parte non c’erano problemi. Ma adesso? Se usciamo, non sappiamo se arriveremo a casa o meno. Se c’è un’esplosione e gli Americani stanno passando, apriranno il fuoco su chiunque. I problemi di sicurezza sono troppi qui”.

I tentativi stranieri per lo sviluppo vengono respinti da Haji Abdul Rahman, un anziano locale, che ha chiesto: “Se viene costruita una strada, e tu vieni ucciso, che razza di bene è? Chiunque fa lo scippatore. Ti garantisco che se sali nella mia auto e ci facciamo un giro, nessun Talebano ti porterà via. Ma non posso garantirlo per la polizia. Se ti fermi, ti ruberanno il denaro e la tua macchina fotografica”.

La Forza Internazionale di Assistenza alla Sicurezza guidata dalla Nato nega che l’insorgenza stia guadagnando forza. “La maggior parte dei dati dai sondaggi dimostra che solo il 5 % circa della popolazione supporta davvero gli estremisti Talebani”, ha detto un portavoce, insistendo che combattere nella provincia di Kandahar è un risultato delle truppe straniere e locali, che hanno “esteso l’influenza del governo legittimo” nelle roccaforti militanti.

Ma un recente sondaggio a molte migliaia di uomini a Kandahar ed Heland del Senlis Conuncil, un thinktank con sede a Brussels, ha scoperto che il sostegno ai Talebani tra i civili è balzato vicino al 27%. Solo il 19 %, nelle due provincie pensava che i soldati stranieri li stessero aiutando personalmente. [Ndt: E’ ovvio che – con il rischio concreto di essere giustiziati o di finire a subire anni e anni di tortura in qualche centro di detenzione – non tutti sono disposti ad ammettere di sostenere un movimento di resistenza. Aggiungiamoci che il Senlis Council è un’organizzazione conservatrice che fornisce stime sistematicamente al ribasso e…]

Nell’Afghanistan meridionale, ha detto il rapporto, la gente “è sempre più pronta ad ammettere il proprio supporto per i Talebani, ed è diffusa l’idea che il governo e la comunità internazionale non saranno in grado di sconfiggere i Talebani”.

Nel distretto di Panjwayi, ad ovest di Kandahar, che lo scorso hanno è stato teatro di aspri combattimenti, Mawlawi Abdul Hadid dice che 18 membri della sua famiglia morirono in un attacco aereo, lo scorso maggio, contro sospetti insorti. “All’inizio avevate solo un nemico. Poi ne avete fatti due, poi tre e adesso anch’io sono contro di voi”, ha dichiarato.

Chris Sands
Fonte: http://news.independent.co.uk/
Link: http://news.independent.co.uk/world/asia/article2432448.ece
08.04.2007

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da CARLO MARTINI

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
marzian
marzian
16 Aprile 2007 10:50

TALIBAN BUONI E TALIBAN CATTIVI “Vi sono dei rappresentanti dei talibani che da lungo tempo si incontrano con diversi organismi del governo afgano”, ha detto Karzai ad una conferenza stampa. “Vi sono anche alcuni talibani che vengono a parlarmi”. — Il presidente dell’Afghanistan Hamid Karzai, Newsday.com [www.newsday.com] Un interessante articolo del 2 aprile 2007 di Kanchan Lakshman sulla SOUTH ASIA INTELLIGENCE REVIEW-South Asia Terrorism Portal dal titolo “ Waziristan: Taliban’s War Within [www.satp.org]” fornisce l’occasione per cercare di comprendere meglio quello che sta realmente accadendo in Afghanistan, al di là della ridicola propaganda dei media controllati e dei facili schematismi. Vi è logicamente molto che non ci viene detto e che verrà tenuto nascosto per sempre, a cominciare dalle manovre e rivalità nella regione tra le diverse potenze regionali e globali nel periodo precedente l’aggressione USA/NATO al paese, un’aggressione in preparazione già da molto tempo prima del pretesto ufficiale degli “attacchi terroristici” dell’ 11 settembre 2001. E molto è pure quello che non ci verrà mai detto sui giochi politico-diplomatici che non corrispondono mai alla divisione in bianco e nero di una lotta in atto tra la “civiltà” occidentale ed i fanatici tagliagole “talibani”. * * * Nell’articolo viene riferito… Leggi tutto »