Home / Attualità / Fubini confessa di aver nascosto la notizia dei bimbi morti in Grecia. La verità viene a galla!

Fubini confessa di aver nascosto la notizia dei bimbi morti in Grecia. La verità viene a galla!

DI DIEGO FUSARO
ilfattoquotidiano.it

Scriveva Seneca che la verità, anche se sommersa, viene presto o tardi a galla. E così è stato anche in questo caso.

Federico Fubini, vicedirettore del rotocalco turbomondialista Il Corriere della Sera, ha fatto candidamente questa incredibile confessione nel corso di un’intervista televisiva ai microfoni di Tv2000 [minuto 17]: “In Grecia morti 700 neonati in più per la crisi. Ma ho nascosto la notizia”. Fubini ha ammesso di aver censurato tale notizia per non incoraggiare gli euroscettici e i partiti sovranisti. Insomma, per garantire la tenuta dell’ordine eurocratico della Ue, innalzato panglossianamente dai padroni del discorso (sempre a completamento del rapporto di forza dominante) a meilleur des mondes possibles. “Faccio una confessione – ha placidamente asserito Fubini a Tv2000, riferendosi alla notizia – c’è un articolo che non ho voluto scrivere sul Corriere della Sera”. Se questo è giornalismo, verrebbe da dire chiosando Primo Levi.

Ben 700 bambini morti grazie alle “magnifiche sorti e progressive” del progetto chiamato Unione Europea, con le “crisi” che essa fisiologicamente produce: e che, in realtà, sono il necessario portato delle politiche liberiste fondative della Ue, pensate ad hoc dai dominanti per massacrare le classi deboli. Le chiamano crisi: sono aggressioni con morti condotte dalla classe dominante capitalistica contro i dannati della cosmopolitizzazione europeista. L’ho detto e lo ridico: gli euroinomani di Bruxelles la chiamano gloriosamente Unione Europea, in verità è l’unione delle classi dominanti europee contro i popoli e le classi lavoratrici d’Europa.

Questa è realmente la Ue, un immenso campo di concentramento finanziario. Fanno di tutto per nasconderlo e per glorificarlo. Ma la storia, che è storia della libertà, si ricorderà di loro. Si ricorderà di chi è stato connivente con questo genocidio finanziario, di chi ha taciuto e di chi l’ha nobilitato con parole roboanti (“integrazione”, “unione”, ecc.). L’Unione Europea è l’apice di un capitalismo che si è liberato dalla presa della sovranità nazionale e, dunque, della politica e, di conseguenza, da ogni possibile controllo democratico del popolo. La democrazia è sovranità popolare “nello” Stato. Ma perché vi sia sovranità “nello” Stato, occorre che vi sia anche sovranità “dello” Stato: ossia che lo Stato sia sovrano nelle sue scelte di politica economica e monetaria. La Ue ha rimosso la sovranità “dello” Stato e, per questa via, anche quella “nello” Stato, ossia la sovranità democratica popolare.

In apparenza, l’obiettivo era evitare guerre tra Stati nazionali. In realtà, era distruggere le democrazie.

Tant’è che la democrazia oggi è assente (il Parlamento della Ue ha un ruolo coreografico): e in compenso prosperano le guerre economiche tra Stati debitori (Grecia) e Stati creditori (Germania). Con tanto di cadaveri, prodotti senza nemmeno usare i cannoni e le bombe: solo con le subdole leve del debito e del credito, dello spread e dell’austerità depressiva decisa nei caveau delle banche da tecnocrati in doppiopetto e sorriso burocratizzato. Conseguenza di tutto ciò? Sovrano è oggi il mercato senza politica, con dominio assoluto dei tecnici e dei finanzieri cinici e apolidi. Che decidono spietatamente della vita dei popoli, ad essa anteponendo il “pareggio di bilancio” e i “conti in ordine”. Anche se ciò comporta la nuova strage erodiana dei 700 bambini ellenici! Prodigio della ragion liberista! I padroni del discorso, si sa, usano la condanna dei totalitarismi passati come risorsa ideologica per far sì che i sudditi amino il nuovo totalitarismo glamour del libero mercato.

Oggi più che mai valgono le parole scritte da Adorno in “Prismi”: “il mondo nuovo è un unico campo di concentramento che si crede un paradiso non essendoci nulla da contrapporgli”.

 

Diego Fusaro

Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it

Link: https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/05/03/fubini-confessa-di-aver-nascosto-la-notizia-dei-bimbi-morti-in-grecia-la-verita-viene-a-galla/

3.05.2019

Pubblicato da Davide

14 Commenti

  1. Non credo ad una sola parola.
    Credo ai morti, quelli si, purtroppo.
    Non credo alla confessione o come vuole chiamarla.
    Ci prendono proprio per idioti.

  2. Si tratta di un’ operazione studiata a tavolino volta a aprire un dibattito possibilista . Se non vengono creati nuovamente dei dogmi a tutela, l’ umanità stessa si autodistruggerà grazie alla manipolazione di un pugno di usurai. Sembrerà impossibile , ma esistono famiglie e gruppi di potere che avendo scoperto come forzare lentamente tutti i tabù di tutela creati in millenni di vita sociale, ritengono di avere un pugno l’umanità intera.

  3. Ottimo Fusaro, come sempre quando non straborda nella bigotteria.

    Una nota per il WM: il link che rimanda all’articolo originale, che immagino sia stato preso da qualche social network, contiene un riferimento per tracciare i navigatori (nello specifico il gruppo di 7 cifre finali). Mi aspetterei che tali “marchiature” venissero eliminate al momento di pubblicare i link per evitare che gruppi di utenti vengano associati al social network e tra di loro nei Big Data.

  4. Il classico dividi et impera.Così tanti che si sentono indignati,e che per protesta non volevano andare a votare per le europee,ora ci andranno.A loro interessa che andiate a votare,per chi non conta,l’importante è che si voti.Poi ci pensano loro alla “demoncrazia”

  5. Ma questo che vuole il nostro perdono? Vuole farci arrabbiare così che perdiamo di lucidità? Ma ormai chi di noi piccoli don Chisciotte crede a sti “ giornalisti “? Ma ormai siamo pronti a tutto anche la tanto decantata bbc durante la seconda guerra del golfo sparo’ un paio di balle colossali salvo poi scusarsi e licenziare. Ma noi no. A noi ci piace la stampa libera e indipendente baluardo di democrazia e guardiana della verità…. la loro però…,, sempre a rimpiangere i vecchi giornalisti che per scrivere il vero si sono fatti uccidere ma quelli erano altri tempi il nemico era chiaro ora il nemico è liquido tipo T 1000…..

  6. Fusaro critica giustamente la UE e il capitalismo liberista, finanziario e mondialista. Totalmente d’accordo. Va aggiunta però anche una considerazione su che cosa sia diventata l’informazione in Italia e in Europa : pura propaganda e manipolazione dell’opinione pubblica. Di questi 700 bambini non ci sono, ovviamente, foto mentre per quello affogato mentre cercava di arrivare in Europa la foto ha fatto il giro del mondo. Ci sono morti di serie A e morti di serie B. Quelli di serie A devono essere conformi all’ideologia dominante e funzionare da leva psicologica per imporre alla popolazione e alla casta dei politici le misure che normalmente non sarebbero accettate. È noto infatti che la Merkel ha aperto i confini tedeschi al milione e mezzo di immigrati dopo aver visto la foro del bambino sulla spiaggia. I morti di serie B, quelli greci, vengono nascosti sotto il tappeto.

  7. Sti signori qua hanno il 90% del controllo dei media!? Poverini…Una cosa bisognerebbe chiedere a Fubini: e se fossero stati 700 bambini ebrei?… e per quelli che stanno morendo adesso?

  8. Bisogna dirlo a Mario Monti: ecco cos’è realmente il “maggior successo dell’euro”, la Grecia secondo lui. Ricordarglielo tutte le volte che va a messa, a confessarsi, a chiedere perdono dei suoi peccati, perchè quell’uomo, quell’omuncolo, eretto a simbolo dell’ideologia economica (Bocconi) e della conseguente struttura EU, quell’intellettuale che non ha mai pubblicato niente di sensato nel suo campo d’indagine, ha le idee molto confuse rispetto alla realtà sua e degli altri, tanto quanto è sicuro delle balle neoliberiste che sostiene e che tanta carriera gli hanno procurato. Ma è anche uomo di fede, come lo erano i conquistadores o i crociati, o le “menti” della santa inquisizione. Altri tempi, stessa ipocrisia, o idiozia a seconda del livello di convinzione di questi mentecatti che disonorano l’intelligenza umana.
    Diciamoglielo: caro Mario, uno dei due supermario, hai molti pesi sulla tua coscienza, Erode era un principiante confronto a te, come sterminatore d’innocenti. Quante messe e comunioni credi che siano necessarie perchè il tuo Dio ti perdoni? Torna piuttosto alla tua villa sul lago Maggiore, osserva l’acqua cheta e medita veramente, una volta nella tua vita che sta per concludersi, e pentiti veramente e pubblicamente. Ma soprattutto, prega di non reincarnarti mai più, tu e quelli come te.

  9. Per inquadrare il soggetto Fubini si potrebbe andare a vedere un intervista a Federico Fubini in ” Il salotto di Roma Incontra”, presenta Enrico Cisnetto. La video intervista dura solo 2.20 ca. ed il Fubini Federico, con la compiacenza dell`intervistatore a dire cose che reputo addirittura peggiori di Goebbels.
    Titolo “Siamo il paese dei figli di..”
    https://www.youtube.com/watch?v=NGdnHRYYjc8

    Spero che posso mettere il link e non incappare in sanzioni

  10. Per quanto ne so, dall’epoca degli Assiri (7000 a.c.), degli Egiziani (4000 a.c.), fino ai giorni nostri, le élites l’hanno sempre messo “in quel posto” al Popolo. E quello che è strabigliante, per volere e decisione del Popolo stesso.
    Si possono trovare agevolmente le ragioni di un tale comportamento dei Popoli, ma fa male al cuore elencarle.

  11. Deficita nel coraggio, piccoli borghesi italiani che fanno troppo salotto e penso che sia proprio questa loro deficienza a renderli piccoli, piccoli, non ricordo di aver mai letto nessun messaggio di sdegno e supporto verso Assange e simili pertanto la mia analisi trova fondamento nella realtà, tra dire e fare c’è di mezzo il mare ma non per tutti.

  12. L’unica nota strana è come mai questo infame di furbini si sia sputtanato in modo così plateale, non crederà mica di essere al di sopra di qualsiasi forma di diritto? c’è una deontologia professionale che lo potrebbe incastrare, perchè un giornalista che fa un’ammissione del genere rischia sul serio di perdere il titolo professionale di giornalista, o pensa costui di essere al di sopra della legge e del buon gusto oppure è un miserabile idiota che va cancellato al volo dall’albo dei giornalisti per direttissima.

  13. Fusaro è certamente una delle menti più illuminate dei nostri tempi: un uomo dotato di grande cultura, di eloquio forbito ma nel contempo della capacita’ di farsi comprendere, oltre ad una straordinaria capacità di analisi, tutte doti assenti nei moderni seguaci di Marx. Il giornalista in questione, di cui va lodata l’onesta ammissione, mostra solo l’abisso di servilismo intellettuale nel quale è caduto il Corriere della sera che, non a caso, negli ultimi 25 anni ha visto ridurre del 75 per cento la sua tiratura. Gli italiani in fondo non sono poi tutti creduloni.

  14. Fusaro commette un errore madornale quando, analizzando l’attuale disastro secondo logiche materialiste, giunge ad affermare “la storia, che è storia della libertà, si ricorderà di loro. Si
    ricorderà di chi è stato connivente con questo genocidio finanziario”.
    La storia? Me la presenti, o Fusaro, la storia. Sarei felice di conoscere chi ha macchinato efferati genocidi, chi ha cercato di sollevare i popoli salvo poi farli precipitare, chi ha decretato la scomparsa di intere classi di animali, culture, geografie etc..
    No, Fusaro. La storia non esiste, e lei sta solo reificando, commettendo cioè il più abominevole reato di cui un filosofo materialista (quale lei si considera) si possa macchiare. La storia non esiste, esistono gli uomini che la scrivono. Esistono uomini che condannano i perversi errori di altri uomini, e uomini perversi che condannano chi sta cercando le verità (Assange tra tutti). Questa è la storia. Tutto il resto è fuffa metafisica. La storia siamo noi.