Effetti avversi da vaccino anti Covid-19: la testimonianza di Milena

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Riportiamo la testimonianza di Milena Tulipano, 51enne di Grosseto, che ha voluto raccontare la sua esperienza con il vaccino anti Covid-19 ai microfoni di “Lucca Consapevole”, per il progetto “Voci Avverse“.

La donna, in ottime condizioni di salute prima del vaccino, si è sottoposta alla prima dose Pfizer il 28 febbraio 2021, senza avvertire alcuna reazione avversa. Dopo la seconda vaccinazione dell’11 marzo, tuttavia, gli effetti sono stati immediati: costretta a letto per i primi due giorni, dopo circa una settimana si presenta dal medico per un gonfiore alla gola che le abbassa la voce, oltre ad un bruciore che dal petto arrivava fin dietro la nuca.

Visto che la situazione non migliora la donna decide di rivolgersi ad un otorino che le diagnostica una esofagite, mentre la gastroenterologa dalla quale si reca non è in grado di aiutarla.

A questo punto cominciano le visite e gli esami, che non evidenziano però anomalie, ad eccezione dei valori alterati dell’IgG della Mononucleosi e del Citomegalovirus. A quel punto Milena chiede un parere ad un immunologo in pensione, il primo a mettere in relazione i sintomi con la vaccinazione anti Covid-19, ed inizia una cura a base di Medrol (cortisone, ndr) che si potrarrà per 5 mesi. Anche questa terapia lascia strascichi sulla donna, che decide insieme al suo medico di cominciare una graduale riduzione del dosaggio: dopo 10 giorni però il bruciore esplode nuovamente, con l’aggiunta di forti dolori allo stomaco e reflusso gastrico.

A questo punto Milena, disperata, si rivolge al Gemelli di Roma, dove le viene diagnosticata un’allergia ai metalli pesanti e, tramite un’apposita dieta, riesce a migliorare la sua situazione almeno dal punto di vista gastroenterologico. Rimangono però i bruciori e le pulsazioni a denti, nuca, orecchie, che esplodono ad ogni minimo sforzo.

Finalmente a fine anno, dopo mesi di calvario, un ematologo le diagnostica una Polineurite dovuta alla tossicità del vaccino Pfizer, e le sconsiglia di effettuare la terza dose. Nonostante tutti questi problemi, e l’attesa di diagnosi per quanto riguarda la Neuropatia delle piccole fibre, Milena ha ancora problemi con l’esenzione che deve rinnovare ogni mese per poter continuare a lavorare.

NDR – In seguito ad ulteriori analisi svolte dopo la registrazione del video alla 51enne è stata confermata la diagnosi di Neuropatia delle piccole fibre, di Polineuropatia acuta, oltre ad una Pericardite con versamento.

di Filippo Della Santa, ComeDonChisciotte.org

Fonte: https://luccaconsapevole.it/voci-avverse-testimonianza-di-milena-tulipano/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix