Due studenti di medicina in terapia intensiva poche ore dopo il vaccino Pfizer

Colpiti da una Miocardite improvvisa mentre svolgevano insieme il turno di notte.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

L’Università di Cambridge ha reso noto nei giorni scorsi quanto successo a due giovani studenti di medicina del sesto anno. Stavano svolgendo insieme il turno di notte ed entrambi si sono sentiti male a causa di un’improvvisa miocardite. L’infiammazione cardiaca è stata in entrambi i casi correlata al vaccino Pfizer che avevano ricevuto poche ore prima.

Il primo studente, 23 anni, precedentemente sano, non fumatore, ha iniziato a lamentare forti palpitazioni e si è presentato al pronto soccorso. Ha spiegato che le palpitazioni erano molto forti e peggioravano quando era sdraiato. E’ stato ricoverato in terapia intensiva. Non aveva una storia familiare di malattie cardiache. Lo studente aveva ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer BNT162b2 48 ore prima.

I parametri vitali del paziente erano i seguenti: pressione arteriosa: 112/80 mmHg; frequenza cardiaca: 112 bpm; saturazione di ossigeno 98% e temperatura: 36,6°C. L’esame obiettivo non ha rivelato anomalie notevoli. Il suo elettrocardiogramma (ECG) ha mostrato inversioni globali dell’onda T, tachicardia sinusale e sopraslivellamenti del segmento ST nelle depressioni del segmento V2-6, D1, D2, D3 e PR nelle derivazioni precordiali. L’ecografia point-of-care (POCUS) non ha mostrato liquido pericardico, anomalie del movimento della parete e difetti valvolari con una frazione di eiezione (EF) del 60%.

L’esame di laboratorio ha mostrato livelli di troponina T cardiaca altamente sensibile (hs-cTnT) elevati a 1,45 ng/mL (intervallo normale: 0,000-0,014 ng/mL) e normali test di funzionalità renale. Il paziente è stato ricoverato in unità di terapia intensiva coronarica (ICU) per un attento monitoraggio e il trattamento della sindrome coronarica acuta e della pre-diagnosi della miocardite. È stato trattato con metoprololo e ibuprofene. Dodici ore dopo il ricovero, ha iniziato a lamentarsi di un dolore al petto acuto e lancinante. Gli ECG seriali non hanno rivelato differenze rispetto al primo.

Dopo tre giorni di trattamento, i suoi livelli di hs-cTnT erano scesi a 0,056 ng/mL. È stato dimesso con ibuprofene e metoprololo. Alla dimissione, l’ECG del paziente presentava inversioni dell’onda T in tutte le derivazioni precordiali.

Il secondo studente, di 24 anni, precedentemente sano, era nello stesso turno di notte con lo studente ventitreenne ed è stato ricoverato al pronto soccorso lamentando dolore al petto che ha descritto come “forti pressioni” in corso da due giorni. I suoi parametri vitali erano normali e non aveva una storia familiare di malattie cardiache. Ha ricevuto la prima dose di vaccino Pfizer BNT162b2 quattro giorni prima. L’esame obiettivo era normale. L’ECG del secondo studente ha mostrato un blocco della branca destra incompleto senza modifiche significative del segmento ST. L’esame ematochimico ha rivelato hs-cTnT relativamente basso ma ancora alto del valore di 0,065 ng/mL e nessun altro risultato significativo. Il suo point-of-care (POCUS) non ha mostrato anomalie. Questo paziente è stato anche ricoverato in terapia intensiva coronarica per l’osservazione e ulteriori test. È stato dimesso con piena guarigione dopo due giorni di osservazione e trattamento sintomatico. Il suo ECG è rimasto lo stesso per tutta la sua degenza e il suo valore finale di hs-cTnT era 0,013 ng/mL.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/in-terapia-intensiva-due-studenti-di-medicina-al-sesto-anno-poche-ore-dopo-il-vaccino-pfizer-miocardite-improvvisa-mentre-svolgevano-insieme-il-turno-di-notte/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix