Dramma sul campo di calcio nel sandonatese

Christian Bottan, 17 anni, è svenuto sul campo da gioco. Con il passare dei secondi il malore ha assunto una valenza sempre più drammatica.

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Il dramma a Passarella di Sopra, frazione di San Donà. Nel campetto da calcio si stanno divertendo ragazzi di 16-17 anni.
Christian Bottan, 17 anni, iscritto alla quarta dell’istituto commerciale Alberti, improvvisamente, mentre sta correndo, va a terra e non si muove più.
Sono secondi drammatici. Il ragazzo ha perso conoscenza. Tutti accorrono, il padre di uno dei ragazzi arriva con un defibrillatore. Tutto pare inutile.
Arriva un’autoambulanza. Ora sono sanitari a dare soccorso al ragazzo che però non riprende conoscenza. Nel frattempo di corsa arrivano anche i genitori a partecipare a quel dolore straziante. Le manovre rianimatorie durano per quasi un’ora ma non sortiranno alcun effetto: purtroppo viene dichiarato il decesso del ragazzo.

Christian Bottan, 17 anni, residente in via Riviera Sile a Caposile, frazione di Musile di Piave, era figlio unico, lascia una sofferenza immensa con la sua scomparsa. Le partitelle a calcio erano la passione sua e dei suoi compagni-amici. Ora tutti porteranno con sé un dolore indelebile di questa tragedia.
Sul posto sono arrivati anche i carabinieri di San Donà per gli accertamenti.
Su referto viene riportato che si trattava di una giornata molto afosa e che alle 15.30, al momento del dramma, c’era un caldo insopportabile.
Le informazioni anamnestiche riferiscono che il ragazzo avrebbe sofferto di una qualche patologia di tipo cardiologico (che non gli impediva di giocare a calcio evidentemente).

Ma qui si entra nel campo di competenza dei medici, così come la pertinenza del magistrato di turno è l’unica competente per dire se sarà necessaria un’autopsia. E, in ogni caso, nessuna risposta servirà a lenire il dolore immenso dei genitori. Così come quello degli amici rimasti sconvolti dalla tragedia.
La Società Sportiva Musile Mille ha pubblicato un post di condoglianze verso la famiglia di Christian Bottan “Un ragazzo innamorato del calcio“.

NDR – Sembra che il ragazzo si fosse vaccinato il 20 luglio.

Fonte articolo: https://www.lavocedivenezia.it/dramma-campo-calcio-christian-bottan-morto/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix