DOSSIER VITAMINA C: CENSURA AI DANNI DELL’UMANITA’

Raccolta dati a cura di Ivan Ingrillì
(presidente de La Leva di Archimede)

Cosa ci tengono nascosto?

“La maggior parte della gente cade vittima più facilmente di una grande bugia che di una piccola.”  Adolf Hitler, Mein Kampf, 1925.

“La più grande bugia del 20° secolo, giunta oggi nel 21°, é che non si possono curare o migliorare malattie infettive dei più svariati tipi con dosaggi massicci di vitamina C.”  Robert F. Cathcart, Medico (membro del Collegio americano per il progresso della medicina)

Ecco la rivendicazione di un medico di Toronto, trasmessa sul canale nazionale CBC TV, per cui la scarsità di prove scientifiche sull’attività anti-virale della vitamina C non ha basi di fatto. Se non l’avete provato, non condannatelo.

Le compagnie farmaceutiche, aiutate e sostenute dai media che non si dedicano alla ricerca, tengono il mondo all’oscuro, tanto che nessuno conosce gli studi e i lavori sull’attività anti virale e anti batterica della vitamina C effettuati da Frederick Klenner (MD), Linus Pauling (PhD), Archie Kalakerinos (MD) e Robert Cathcart (MD). Questi medici e scienziati, pionieri delle ricerche sulla vitamina C, hanno avvertito il mondo intero su quanto la nostra salute dipenda da questo nutriente essenziale.1200 articoli pubblicati su riviste scientifiche e giornali medici di tutto il mondo hanno dimostrato chiaramente che molte malattie virali come la polio, l’epatite, le encefaliti sono state uniformemente curate con successo con alti dosaggi di vitamina C intravenosa. Assumendo bassi dosaggi di vitamina C per via orale si possono avere pochi o addirittura nessun effetto, mentre alti dosaggi somministrati direttamente nel sangue possono dimostrare effetti clinici che rasentano l’incredibile. Alti dosaggi orali di vitamina C possono prevenire molte infezioni, ma un dosaggio intranvenoso é spesso richiesto per curare le infezioni già contratte.

O per ignoranza o per una deliberata “svista”, i ricercatori medici si stanno concentrando sulla causa virale della SARS nella speranza di sviluppare un vaccino – cosa che potrebbe richiedere più di 6 mesi di tempo mentre la gente continuerà a contrarre e a soccombere alla malattia. Anche nel caso che un vaccino verrà sviluppato non ci sono garanzie che funzionerà. Non ci sono neanche garanzie che non creerà, come succede con gli altri vaccini, effetti collaterali che potrebbero essere peggiori della malattia che avrebbe dovuto prevenire. Lo sviluppo di un vaccino implica brevetti (proprietà intellettuale) e un giro incredibile di soldi. Negli Stati Uniti, quando un nuovo vaccino viene immesso sul mercato, può portare guadagni di un miliardo di dollari in più all’anno per le compagnie come la Merck. La mente di questi ricercatori impazzisce soltanto al pensiero che qualcosa di così economico e già disponibile possa facilmente vincere un’infezione virale così grave. ( Vitamina C e SARS, Ndr)

La vitamina C ha stabilito una traccia record come straordinario agente antivirale per combattere raffredori e influenza, sia attraverso la prevenzione o la riduzione dei sintomi. Non importa se l’origine sia virale o batterica, che sia un influenza o la SARS che ora sta terrorizzando il mondo: qualunque epidemia uccide a causa dei radicali liberi generati durante il decorso della malattia. La maggior parte delle morti causate da questi radicali liberi possono essere prevenute attraverso la supplementazione di massicci dosaggi di ascorbati di vitamina C – questi sono dei sali minerali della vitamina C che tamponano l’acidità dell’acido ascorbico puro. [1]

Quello che possiamo definire come “esempio classico” di medicina forense é accaduto in due ospedali (Fukuoa General e Taciara) nella regione di Osaka (Giappone) durante i primi anni ’70.

Il dottor Akira Murata del Laboratorio di Microbiologia Applicata dell’Università di Saga ha trovato che l’incidenza dell’epatite B era il 7% nei 150 pazienti che avevano ricevuto delle trasfusioni di sangue e che avevano ricevuto meno di 1500 milligrammi di vitamina C al giorno. Tra i 1095 pazienti che avevano ricevuto trasfusioni di sangue e che avevano preso 2000 milligrammi o più di vitamina C al giorno, non ci fù nessun caso di epatite.

Di conseguenza la Vitamina C adesso viene somministrata di routine in entrambi gli ospedali e i pazienti operati e in terapia intensiva ricevono dai 6 ai 10 grammi di vitamina C al giorno diversi giorni prima di ricevere le trasfusioni e per diverse settimane successive. [2]

Nella primavera del 2000, il sottoscritto ha affidato un giovane parente che soffriva di un grave caso di mononucleosi, ad un medico che gli somministrò 4 punture intravenose separate di vitamina C in forma di sodio ascorbato per altrettanti giorni. Il risultato fu drammatico. Il paziente recuperò completamente, acquisendo però un nuovo rispetto per la potenza curatrice della vitamina C.

Secondo quanto dicono i membri del Collegio Americano per il progresso della medicina (Laguna Hills, California) se la malattia é sufficientemente grave sarebbe necessario trattarla con alte concentrazioni di sodio ascorbato intravenoso seguito, quando il paziente migliora, con dosaggi orali “di saturazione” di acido ascorbico o vitamina C tamponata, come l’ascorbato di calcio. In Canada ci sono diversi medici che conoscono questo protocollo e che hanno somministrato con successo vitamina C intravenosa per trattare infezioni batteriche e virali.

Croft Woodruff
Presidente
Chelation Association of Vancouver
6262-A Fraser Street
Vancouver BC V5W 3A1
604 327 3889

[1] Fred R. Klenner, M.D., Reidsville, North Carolina; “The Treatment of Poliomyelitis and Other Virus Diseases with Vitamin C” SOUTHERN MEDICINE & SURGERY 209; July, 1949

[2] (Murata, A. “Virucidal activity of Vitamin C”: Vitamin C for Prevention and Treatment of Diseases. Proceedings of the First Inter-sectional Congress of the International Association of Microbiological Societies, 1975, Volume III, Tokyo University Press, Pp 432-442.)

– MAKE HEALTH NOT WAR –
(Un mondo senza pace e benessere: Qui prodest?)

Il caso della Vitamina C é forse uno dei casi più eclatanti, ma sono molte le sostanze naturali (vitamine, minerali, aminoacidi, erbe, enzimi etc), così come le pratiche e le scoperte scientifiche che ci vengono nascoste, a danno di tutta l’umanità, per difendere gli interessi economici di certi sistemi.

La vitamina C é capace di curare il cancro, le malattie cardiovascolari e molte altre gravi problematiche – tutto questo ci é stato tenuto nascosto.

Il cancro e i problemi cardiovascolari sono statisticamente il primo e il secondo motivo di morte al mondo – gli errori medici e gli effetti collaterali sono il terzo e il quarto. Forse potremmo scoprire che la verità é un’altra e che la causa di queste morti é la stessa: il business della malattia.

Questo é un crimine verso l’intera razza umana.

Un documento di fondamentale importanza per comprendere il come e il perché di certi accadimenti (non c’é volonta di curare determinate malattie – anche se é possibile farlo) é l’intervista fiume del Dr. Rath (in italiano), naturale successore del doppio premio nobel, per la pace e per la chimica, Dr. Linus Pauling [biografia (En)]:

Intervista del Dr. Rath – Un programma per i popoli della terra
Chi é il Dr. Rath?
Alcune sue pubblicazioni.

Discovery is seeing what everyone sees yet thinking what no one has thought.
La scoperta consiste nel vedere quello che vedono tutti e pensare quello che nessuno ha pensato.
(Szent-Györgyi Albert – Ungherese -Scopritore della Vitamina C)

Ivan Ingrillì
La Leva di Archimede – Roma

Associazione per la libertà di scelta

# # Testi di approfondimento # #

Questo é l’elenco dei siti dai quali sono state estrapolate la maggior parte delle informazioni riportate (in forma di semplice link) in questo documento. Visitando singolarmente e per intero questi siti ci si renderà facilmente conto della quantità e della qualità di studi e ricerche effettuate sull’utilizzo terapeutico della Vitamina C – ottimi per ulteriori approfondimenti. La maggior parte delle informazioni interessanti, relative ai protocolli di cura sono in lingua inglese. Alla fine del documento troverete comunque dei riferimenti in lingua italiana. (traduttori volontari cercasi).

Siti di riferimento:

(En) http://www.vitamincfoundation.org/
(En) http://www.orthomed.com/
(En) http://www.seanet.com/~alexs/ascorbate/index.htm
(En) http://www.cforyourself.com
(En) http://lpi.oregonstate.edu/index.html

(EN) – File .Pdf – 1937: Albert Szent-Gyorgy, premio nobel per la scoperta della Vitamina C.

Albert Szent-Gyorgyi (1893-1986): persona (It)

Un archivio storico (En) di letteratura medica e scientifica che conferma l’efficacia dell’Ascorbato (acido ascorbico, acido cevitamico, Sodio ascorbato etc. chiamati anche “Vitamina C”) nel trattamento e nella prevenzione delle malattie di uomini e animali, condizioni e malattie varie:

(En) –Vitamina C e CANCRO

(En) –Vitamina C e SARS

(En) –Vitamina C e CARDIOPATIE

(En) –Vitamina C e AIDS

(En) – Il trattamento della POLIO e di altre malattie virali con la Vitamina C

(En) –Pubblicazioni, scritti e ricerche del Dottor Robert Chacart

(En) –Vitamina C ad alti dosaggi per trattare infezioni virali

(En) –Vitamina C e i problemi di schiena

(En) –La Vitamina C ha salvato più di 621,000 vite dai problemi cardiovascolari: Evidenze

(En) –La Lettera del 1982 di Irwin Stone ad Albert Szent-Gyorgy

(Anche se il Dottor Fred Klenner aveva già asserito (1971) che con 100/300 grammi giornalieri di Vitamina C intravenosa per più di tre mesi si potrebbe curare il cancro, il primo utilizzo (1979) di quest’eroico quantitativo di Vitamina C viene descritto in questa lettera.)
(NOTA: Il Dottor Szent-Gyorgyi vinse, nel 1937, il premio Nobel per la Chimica per la scoperta della Vitamina C.)

(En) – Irwin Stone, alcuni scritti:

(En) –Il fattore curante LA VITAMINA C Contro le malattie
un libro di Irwin Stone
con la collaborazione dei premi Nobel
Dr. Linus Pauling e Dr. Albert Szent-Gyorgyi

(En) – Il Giornale della Nutrizione applicata, Vol. 23, N. 3 e 4, inverno del 1971

Osservazioni sul dosaggio e l’somministrazione di Acido Ascorbico nelle patologie umane, impiegato dietro un dosaggio di Vitamina A, Dr. Frederick R. Klenner

(En) – Dr. Archie Kalokerinos e la “morte in culla”- SIDS (sudden infant death syndrome)

(En) – Qui trovate gratuitamente on-line alcuni suoi libri tra cui “Vitamin C, Naturés Miraculous Healing Missile”

(En) – Le ricerche del dottor Rath: Medicina cellulare e la Vitamina C

(En) –PROGETTO VITAMINA C E CANCRO

Il progetto mira a dimostrare il valore terapeutico della Vitamina C utilizzata nella cura del cancro

(En) –La vitamina C può curare infezioni mortali e neutralizzare potenti tossine?

(En) – Istituto Linus Pouling: La Vitamina C

(It) – Linus Pauling (1901-1994): persona

(En) – Vitamina C e la pressione sanguigna:
http://www.intelihealth.com/IH/ihtIH/EMIHC000/333/333/259006.html
http://lpi.oregonstate.edu/new/Bloodpressure.html

(En) – LORO DICONO CHE LA VITAMINA C PUò INCREMENTARE IL RISCHIO DI CANCRO. Si? E chi sono questi “loro”?

(En) – VITAMINA C: NEWS

I N F O I N I T A L I A N O

Le informazioni relative a studi e ricerche sulla vitamina C utilizzata ad alti dosaggi per trattare e prevenire malattie infettive, problemi cardiovascolari, cancro e altre malattie non sono reperibili in lingua italiana. Non ce ne meravigliamo e rinnoviamo l’appello per delle collaborazioni volontarie per opera di traduzione testi dalla lingua inglese in italiano.

– Il Dr. Pantellini

Ascorbato di potassio

L’azione antitumorale della Vitamina C

La Vitamina C é tre volte più efficace del vaccino antinfluenzale

– Vitamina C e le fragole transgeniche

C: La Vitamina tutto fare

– Vitamina C alla riscossa: prevenzione e cura

– Almanacco della nutrizione: la vitamina C

Albert Szent-Gyorgyi (1893-1986)

Linus Pauling (1901-1994)

Ivan Ingrillì
Fonte: http://www.newmediaexplorer.org/
Link
04.09.2003

0 0 voti
Valuta l'articolo
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
lino-rossi
lino-rossi
31 Gennaio 2007 , 11:56 11:56

ma come?
se la gente non ricorresse ai farmaci sarebbe un disastro!
provate un po’ a fare i calcoli di quanto calerebbe il PIL!
ed i farmaci "necessari" per "riparare" i danni cagionati da altri farmaci?
e gli operatori delle pompe funebri?
ed il commercio delle cornee?
e provate a calcolare a quanto si ridurrebbe il PIL se non ci fossero in giro i delinquenti; ecco perchè mortadella ha fatto l’indulto (col placet di gran parte dell’opposizione); c’erano pochi furfanti in giro. case automobilistiche, assicurazioni, ecc. non battevano più un chiodo. pensate a quanti comparti produttivi sono legati a queste preziose risorse.
e le guerre?
se non ci fossero saremmo tutti rovinati.
la qualità della vita si misura sui pacs, non certamente sulla salute, l’educazione, l’ambiente, ecc..
bisogna stare al passo coi tempi. affidiamoci a kissinger. lui sì che è una personcina per bene della quale ci possiamo fidare ciecamente.
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/esteri/200611articoli/13605girata.asp [www.lastampa.it]

marko
marko
31 Gennaio 2007 , 15:59 15:59

Dal sito dell’istituto Linus Pauling:

raffreddore:

"In the past 30 years,
numerous placebo [lpi.oregonstate.edu]-controlled
trials have examined the effect of vitamin C supplementation on the prevention
and treatment of colds. A meta-analysis [lpi.oregonstate.edu]
of 30 placebo-controlled prevention trials found that vitamin C supplementation
in doses up to 2 g/day did not decrease the incidence of colds (40)."

cancro:

"…vitamin C should not be used in place of 
therapy that has been demonstrated effective in the treatment of a particular
type of cancer, for example, chemotherapy [lpi.oregonstate.edu]
or radiation therapy [lpi.oregonstate.edu]."

lino-rossi
lino-rossi
1 Febbraio 2007 , 0:35 0:35

caro marko, tu sei alquanto conformista e poco galileiano.
anzichè fare ricerca sulla carta prova un po’ ad alzare il c..o e falla finalmente con la realtà che è assai più divertente.
sei aristotelico, nell’accezione seicentesca del termine.
ciao ricercatore.

marko
marko
1 Febbraio 2007 , 1:56 1:56

Mi sono solo limitato a riportare quanto scritto su un sito indicato nel testo. Che ho fatto di "aristotelico"? Io sulla vitamina c non sapevo niente. Ora so che secondo alcuni fa benissimo, secondo altri non fa praticamente nessun effetto. Tu ascolti solo una campana e credi ciecamente solo alla controinformazione, io ho provato a sentirle entrambe (anzi, sempre la stessa ma con un suono un po’ diverso). Chi è l’aristotelico?

marko
marko
1 Febbraio 2007 , 1:59 1:59

A proposito dei segreti di Big Pharma:

The Linus Pauling Institute of Medicine,
founded in 1973, is dedicated to "orthomolecular medicine."
The institute’s largest corporate donor has been Hoffmann-La Roche,
the pharmaceutical giant that produces most of the world’s vitamin
C.

fonte: http://www.quackwatch.org/01QuackeryRelatedTopics/pauling.html

lino-rossi
lino-rossi
1 Febbraio 2007 , 13:10 13:10

Caro marko, ammetto di essere stato un po’ troppo rude, ma nessuno è perfetto e menchemeno io stesso.Vorrei segnalarti che la Hoffmann-La Roche non produce solo vitamina C.Produce tantissimi altri farmaci assai più costosi e costituisce, assiame al altre società, il cartello delle case farmaceutiche.Difendo la vitamina C perchè l’ho provata con risultati incredibili sulla mia pellaccia, ma non con dosi infinitesimali, bensì con 10g al dì.Mi è capitato con le mie orecchie di ascolare fior di catedratici dire peste e corna di Pauling, dicendo che la vitamina C faceva malissimo. E poi prescrivevano farmaci altamente cancerogeni per sconfiggere tumorini da ridere.Il problema è di conoscenza e di libertà.Un medico sufficientemente sveglio che comincia a ragionare con la propria testa e che si rende conto che non tutti i protolli sono il massimo dal punto di vista della salute del paziente, può voltare le spalle al protocollo senza rinunciare al proprio status sociale? passa da questa domanda tutta la questione della salute.Non dimenticare mai che quando è venuto fuori il caso Di Bella (metodo buono anche se non eccellente – ce ne sono molti altri migliori) l’ordine dei medici ha minacciato di espellere dall’ordine quegli associati che avessero prescritto i farmaci… Leggi tutto »

marko
marko
2 Febbraio 2007 , 6:50 6:50

Non c’è problema, la veemenza dialettica a volte scappa, soprattutto su una tastiera 🙂Quanto a Pauling, sicuramente è stato un genio, però non è detto che abbia sempre avuto ragione.Tu dici di aver sperimentato su te stesso forti dosi di vitamina c. Ora, a parte che io non prenderei mai dosaggi così forti di una sostanza che comunque presenta una dose letale, resta il fatto che il tuo *non* è un metodo empirico. Sei tu solo, un singolo caso, senza confronti. Chi ti dice che non saresti stato meglio anche con un placebo? O con altri medicinali? O senza prendere nulla? La vera sperimentazione "galileiana", in un contesto ancora tanto poco conosciuto come il metabolismo umano, va fatto con analisi statistiche, e confrontando gruppi di riferimento con placebo. Se ci pensi bene, il fatto di usare un placebo nei test implica che la scienza "ufficiale" non nega affatto, anzi postula, una forte influenza della psiche sul corpo. Bisogna scindere questo effetto dall’effetto del farmaco. Un singolo che dice di aver provato "risultati incredibili", non porta niente. Anche dieci o cento non portano a niente, se non rapportati ad un campione statistico. Non è insomma il caso dei due sassi, grande… Leggi tutto »

lino-rossi
lino-rossi
2 Febbraio 2007 , 9:12 9:12

perchè non ricostruisci la storia della violenza alla scienza statistica per dimostrare che le chemio fanno bene?
ogni tanto cambiano le difinizioni per dimostrare l’indimostrabile.
è tutto sbagliato a partire dai principi; ma ne abbiamo già parlato.
ma ovviamente è impossibile vedere ciò che non si vuol vedere.
non mi resta che sperare che tu abbia una salute di ferro.
non ti consiglio certamente di avvalerti di elementi tipo veronesi, garattini, ecc. che, coadiuvati dal cicap e da pierino angela, continuano a menarla sui farmaci omeopatici che secondo loro non funzionano.

lino-rossi
lino-rossi
3 Febbraio 2007 , 5:16 5:16

Caro marko, visto che sei reticente ti do’ un "aiutino".da http://www.mednat.org/cancro/statistiche_cancro.htm [www.mednat.org] "Se viene ospedalizzato un paziente con, ad esempio tumore al seno, e fatta la terapia viene dimesso, non la chiamano dimissione, la chiamano guarigione. Se dopo 3 mesi ritorna con un tumore al fegato, non sara’ certo da ricollegarsi a quanto prima… Ma cosa dici ?!Ma c’e’ di piu: se viene dimesso, e poi ritorna anche per controlli e viene di nuovo dimesso, ad ogni passaggio e’ un dato positivo. Dato che si puo’ morire 1 volta, e se si viene dimessi 9 volte, e si muore soltanto 1 volta, alla fine il risultato sara’ del 90% di guarigioni ed il 10% di mortalita’ !C’e’ di piu’, c’e’ di piu’….Attivano calcoli che un bambino in terza elementare non farebbe: tumore al testicolo/tumore al polmone.Del primo si salvano anche piu’ del 90%, del secondo si arriva a fatica al 10%. Una media stimata sarebbe del 50%, ma si nasconde che quelli del testicolo sono solo 2000, mentre i colpiti da tumore al polmone sono 40.000.A questo punto, il bambino in terza elementare comprenderebbe che la media non e’ piu’ 50%…" hai capito che razza di matematici/statistici hanno i nostri amici?senza… Leggi tutto »