Home / ComeDonChisciotte / CRONACHE DAL KOSOVO: GLI STANDARD EUROPEI

CRONACHE DAL KOSOVO: GLI STANDARD EUROPEI

DI ENRICO VIGNA (Associazione SOS Yugoslavia, Italia)

Questo è il resoconto di una normale giornata (intesa come eventi quotidiani), verificatasi in quella regione, per la cui “liberazione“ e “democratizzazione”, la Repubblica Federale jugoslava fu bombardata e aggredita per 78 giorni dai civilizzatori occidentali.

A sette anni da allora, questa è la situazione sul campo quotidianamente.

Dal 7 giugno ero in Serbia nell’ambito dei Progetti di solidarietà della nostra Associazione Sos Yugoslavia, nello specifico per il Progetto Sos Kosovo Metohija; insieme alla delegazione del Sindacato Samostalni della Zastava di Kragujevac (Rajka, Milja, Delke, Rajko, Jasmina, Dragan), dopo un attesa e rinvii vari durati un mese e mezzo, avevamo finalmente avuto la conferma della scorta militare della Kfor, per recarci nell’enclave di Gorazdevac, con un camion di aiuti specifici, raccolti mediante i contributi avuti da tutta Italia e comprati in Serbia, in seguito all’appello ricevuto dalla comunità dell’enclave.Il 7 giugno ci dicono che la scorta era rinviata, ma che nel pomeriggio ci sarebbe stata ridata; dopo aver passato il “confine” (come se per andare in Alto Adige o Valle d’Aosta, un cittadino italiano dovesse chiedere il permesso e superare controlli minuziosi, esibendo documenti e passaporti vari); mentre eravamo a Kosovska Mitrovica (nella parte serba, a nord del fiume Ibar, dove vi è ancora asserragliata, la più consistente concentrazione della popolazione serba del Kosmet, alcune decine di migliaia di abitanti), al mattino cominciano a giungere notizie di incidenti e dimostrazioni di separatisti albanesi in alcune zone della regione, mano a mano che passa il tempo le notizie si accavallano e cresce anche la percezione che la tensione stia aumentando anche intorno a noi; insieme con il nostro referente Ilija Spiric presidente dell’Associazione Sclerosi Multipla del Kosmet e nostro referente per i Progetti in comune, mi reco al quartier generale delle forze internazionali di K. Mitrovica (Kfor, Unmik e Osce, oltre al presidio della Polizia serba del Kosovo), qui incontriamo prima un responsabile Kfor che ci aggiorna sulla situazione di crescente tensione nell’area, poi un funzionario dell’Unmik ci spiega che la situazione è molto delicata, perché la stessa loro missione è ormai obiettivo quotidiano di attacchi e pressioni, invitandoci a desistere; nel frattempo il responsabile della polizia serba, un ufficiale corretto e assolutamente disponibile a cercare una soluzione, ci aggiorna sulla situazione definendola di ora in ora sempre più difficile, invitandoci ad aspettare le tre del pomeriggio per capire se qualcosa si modifica sul campo.

Di fatto la situazione era questa, come ci è stata spiegata negli incontri: il movimento per l’indipendenza del Kosovo: “Vetevendosja, autodeterminazione ” che fa capo a Albin Kurti, di cui fanno parte i veterani dell’Uck, aveva indetto a partire dall’8 giugno, una serie di dimostrazioni, aprendo di fatto la campagna “politica” del processo secessionista (quella militare dura dal 1999…), su due questioni centrali: una quella dell’accelerazione senza trattative del processo immediato di indipendenza e l’altra la cacciata della missione Unmik, e il ridimensionamento del ruolo della Kfor, sotto la direzione della dirigenza separatista albanese.

In questa ottica, la giornata dell’8 giugno è andata oltre lo stillicidio delle violenze quotidiane contro i serbi e negli ultimi mesi, sempre più anche contro la presenza Onu; di fatto è cominciato un piano preparato a tavolino di dimostrazione di forza, con tentativi di assalti a enclavi e assedio delle stesse; attacchi a mezzi Onu e alla popolazione civile serba nel territorio; improvvisi blocchi di strade provinciali e pestaggi di serbi se individuati come tali; assaltato l’ufficio di Pristina della legazione Unmik con conseguente assedio degli stessi uffici, di militanti secessionisti accampati con tende che impediscono di entrare e uscire dagli stessi; scontri con civili serbi che hanno reagito alle violenze e intimidazioni; posti di blocco illegali con tende ai lati delle strade provinciali. In questa situazione arriviamo al tardo pomeriggio, dove ci dicono che l’autobus con le effigi delle Nazioni Unite, quello a cui avremmo dovuto accodarci come convoglio, che ogni giovedì porta i civili serbi a fare compere dei beni di assoluta necessità a Mitrovica da alcune enclave, era stato attaccato a Rudnik da un gruppo di albanesi che dopo avergli teso un imboscata, l’hanno assaltato e distrutto con spranghe, bastoni e pietre (da rilevare che questi bus hanno vetri antisfondamento, perché continuamente attaccati), terrorizzando i 50 passeggeri, tra cui molte donne e bambini, dileguandosi poi all’arrivo delle forze Kfor. L’autista D. Perunicic ha raccontato che l’attacco è avvenuto approfittando del fatto che negli ultimi mesi le scorte Kfor sono collocate non vicino ai mezzi, ma in punti del percorso, per dimostrare che la situazione si sta “normalizzando”; egli ha detto che solo nel mese scorso, era stato attaccato due volte: il 2 e il 12 maggio, per questo era stata rimessa la scorta, ma l’8 giugno nuovamente era stata levata, con questi risultati; ha anche detto che stavolta la violenza dell’assalto era stata molto alta e determinata. La Kps (Corpo di Protezione del Kosovo, di fatto una polizia locale, tranne che nelle enclavi, interamente albanesi) è giunta sul posto solo due ore dopo i fatti. Frattanto dall’enclave di Gorazdevac, dove tutta la comunità era in attesa per la distribuzione degli aiuti e per un momento di festa fraterna e solidale (per loro, soprattutto per i bambini e ragazzi, un evento rarissimo), ci viene chiesto con il cuore in mano di cercare di andare in qualsiasi modo, che essi ci aspettano e ci ospiteranno a qualsiasi costo; lo sconcerto e la tensione, insieme ad un senso di impotenza, crescono in noi di minuto in minuto. Dagli uffici intanto le notizie che ci danno sono che gli assalti all’enclave sono stati respinti, ma tutte le aree intorno alle enclavi sono presidiate dalle forze militari perché la tensione è altissima, ed è evidente che la giornata è pianificata dalla dirigenza separatista e che è un piano a scacchiera, come ci spiega un funzionario serbo, per cui in qualsiasi parte può scatenarsi una conflittualità improvvisa.

Ma ecco come si svolge la vita quotidiana nel Kosovo Methoija di oggi:

10-06-2006: Dragas, oltre 25 albanesi appartenenti alla polizia del Kosovo (Kps) hanno attaccato e distrutto la casa del Presidente di Iniziativa Civica dei Gorani (minoranza slava musulmana) D. Cemir, che vive rifugiato a Belgrado.

8-06-06: il commissario della polizia dell’Unmik K. Vittrup, ha annunciato oggi il rafforzamento delle forze militari nel nord del Kosovo abitato dai serbi (oltre 500 uomini della polizia internazionale e altri del Kps), a causa di un continuo aumento di episodi di violenza nella zona.

8-06-06: Staro Gracko, scoperta mina collocata dentro il cimitero ortodosso del villaggio. Disattivata dalla Kfor senza esplosione.

4-06-06: Priluzje, assassinata una donna serba da sconosciuti.

31-05-06: secondo un documento riservato dell’Onu datato 1 aprile, venuto in possesso di giornalisti a Belgrado, le agenzie delle Nazioni Unite hanno già predisposto un piano di evacuazione per l’esodo di altri 70.000 serbi kosovari, che si stima scapperanno nei prossimi mesi, alla proclamazione dell’indipendenza.

30-05-06: minato il ponte che unisce i due villaggi di Grabac e Bica, dove vivono circa 300 serbi; l’esplosione ha gravemente danneggiato ma non distrutto completamente il ponte.

28-05-06: Zvecan, assassinato in serata, un uomo serbo da tre sconosciuti mentre camminava. L’uccisione rivendicata dall’Ana (Armata Nazionale Albanese).

25-05-2006: Mala Krusa, Prizren, la polizia dell’Unmik ha dovuto usare i gas lacrimogeni per disperdere un gruppo di albanesi che ha cercato di fermare e lanciava pietre contro un convoglio di serbi che si spostavano dall’enclave. Feriti alcuni poliziotti Onu e danneggiati due bus Onu.

23-5-06: i leader della comunità serba ancora presente in Kosovo, hanno dichiarato lo “stato di emergenza” in tutte le enclavi, dato l’intensificarsi delle violenze contro i civili da parte dei separatisti albanesi.

18-05-06: Kosovska Mitrovica, scontri tra serbi e albanesi nel quartiere di Bosnjaka Mahala, dopo che un albanese aveva sparato colpi di pistola contro un poliziotto serbo in servizio di sicurezza locale. L’autore della sparatoria, Bastri Hajdari è già noto come appartenente all’ex Uck, e già più volte arrestato per episodi di violenza e aggressioni, in questi anni. In seguito agli scontri decine di persone sono state fermate.

11-05-06: K. Mitrovica, due ragazzi serbi di 19 e 21, sono stati anni assassinati alle tre della notte ad un distributore di benzina, non è stato rubato o rapinato nulla, quindi l’obiettivo era di colpire i due ragazzi.

10-05-06: Podujevo, attaccata e devastata la chiesa ortodossa di S. Elijah, nel 2004 era stata distrutta dai separatisti e si stavano facendo dei lavori per ricostruirla; gli assalitori dopo aver sfondato il portone hanno devastato l’interno ricostruito e tutte la finestre.

9-05-06: Rudnik, attaccato e distrutti i vetri dell’autobus che trasportava a Mitrovica per le visite mediche e l’approvigionamento alimentare settimanale, gli abitanti dell’enclave serba di Osojane, circa 60 persone tra cui molte donne e bambini.

8-05-06: Bica, rubato un trattore e distrutte le apparecchiature per la fornitura dell’energia elettrica alle case.

7-05-06: Suvi Lukavac, nella notte uccisi i cani da guardia dell’enclave e poi la notte seguente rubati alcuni trattori.

6-05-06: Rudare, due sconosciuti che bloccavano la strada con una Golf nera senza targa, hanno sparato colpi di fucile contro la macchina della Diocesi Ortodossa della regione, con sopra Padre Srdjan, che tornava da una visita all’enclave; alcuni proiettili sono rimasti conficcati nella vettura.Il padre è riuscito a scappare. 5-05-06: Pristina , nove poliziotti dell’Unmik feriti durante scontri alla manifestazione indetta per l’indipendenza del Kosovo, mentre cercavano di assaltare un edificio dell’Onu.

30-04-06: Bica, sconosciuti hanno aperto il fuoco contro fedeli serbi che stavano celebrando la pasqua ortodossa.

23-04-06: K. Mitrovica, attaccata a colpi di pietra e distrutti i vetri della casa di un profugo da Prizren, nella periferia della città, da sconosciuti.

23-04-06: Suvi Do, attaccata con pietre una macchina guidata da un serbo, lungo la strada provinciale, danneggiata la vettura.

22-04-06: Tucep, un gruppo di uomini armati ha attaccato con colpi di fucile la casa di una famiglia serba del posto; la moglie che era in casa è rimasta indenne dall’attacco.

16-04-06: Gojbulja, attaccata e danneggiata la chiesa ortodossa di Sveta Petka nell’enclave serba, completamente circondata dalla popolazione albanese.

15-04-06: K. Mitrovica, attaccata con bombe e bottiglie Molotov la casa di un profugo di Istok, che vive nella periferia della città, la momento dell’assalto vi erano sette membri della famiglia, tra cui i bambini: Non ci sono stati feriti.

9-04-06: Suvi Lukavac e Tucep, attaccate nella notte alcune case serbe e portati via quattro trattori e sette mucche.

4-04-06: Straza, attaccata nella notte con fucili automatici la casa della famiglia serba di C. Ivkovic, ucciso il cane da guardia che aveva dato l’allarme, i sei membri della famiglia sono rimasti illesi.

27-03-06: K. Mitrovica, un ragazzo serbo di 19 anni è stato picchiato e pugnalato da un gruppo di giovani albanesi proveniente dall’altra parte del ponte sul fiume Ibar, mentre passeggiava con la sua fidanzata.

26-03-06: Klina, lanciate due bombe contro la casa di un serbo rientrato in Kosovo, gravi danni materiali ma nessun ferito nella famiglia.

… Questo è il Kosovo “liberato” per cui si è bombardato e devastato il popolo jugoslavo, queste sono la democrazia e la libertà portate.

Enrico Vigna (Associazione SOS Yugoslavia, Italia)
25.06.2006

Pubblicato da God