Home / Attualità / Cosa succede al capitalismo oggi ? Booo
FILE- In this Thursday, April 21, 2016 file photo, president of European Central Bank, ECB, Mario Draghi speaks during a news conference after a meeting of the governing council in Frankfurt, Germany. The banks 25-member governing council, headed by Draghi, decides interest rate benchmarks and other monetary policy steps for the 19 countries that use the euro currency, when it meets Thursday, Sept. 8, 2016 in Frankfurt. (ANSA/AP Photo/Michael Probst) [CopyrightNotice: Copyright 2016 The Associated Press. All rights reserved. This material may not be published, broadcast, rewritten or redistribu]

Cosa succede al capitalismo oggi ? Booo

DI PAOLO BARNARD

paolobarnard.info

Ma non c’erano delle regole nel Capitalismo moderno? Cosa sta succedendo? Visto che tutto sta saltando in aria, ma… ancora nulla salta veramente in aria?

Non esisteva le regola che l’energia (idrocarburi per ora) a basso prezzo avrebbe aiutato le economie? Il greggio è piantato a circa 50$ al barile da un’eternità, il West Texas Intermediate crude è andato anche sotto. Ma il mondo occidentale cresce da far schifo. In America si entusiasmano perché un popolo di oltre 300 milioni di persone ha guadagnato la gran cifra di 190.000 posti di lavoro in febbraio (e poi va visto che razza di lavori sono…), un record da 3 anni (immaginate quando andava male allora…).

Draghi non molla il suo QE (QE = la BCE compra tutta la spazzatura economica europea che nessuno vuole più, affinché non crolli di prezzo anche se è decomposta) perché sa che se lo molla l’Europa va dritta in Sudan. Tentò di annunciare un ‘Tapering’, cioè la diminuzione del QE, ma ha visto l’orrore negli occhi degli investitori internazionali e si è rimangiato non solo la parola, ma anche i fogli di carta dell’annuncio che fece in conferenza stampa poco tempo fa.

Le notorie ‘Sette Sorelle’ del petrolio, con Exxon Mobil in cima, non sembrano contare più un cazzo, visto che neppure con Rex Tillerson dentro all’amministrazione Trump hanno potuto impedire una Caporetto delle loro azioni in Borsa. Erano brave ad ammazzare Mattei ai vecchi tempi, ma non più oggi.

E non esisteva le regola, nel Capitalismo, che l’unione fa la forza? La Gran Bretagna ha sfanculato l’Unione e non se la passa mica male, anzi, ci si sta preoccupando a Londra di un’orgia di gente che spende da pazzi da quelle parti, mica il contrario.

Infine, non ci avevano detto che i ‘paradisi’ come il Canada, cioè poca gente, moderni, isolati degli shock degli sfigati come noi, ricchi e ambiti, ecc., non ci avevano detto, dicevo, che lì… fortunati loro? Bè oggi si scopre, dati della BIS, che la nazione in cui il sistema bancario sta crollando peggio che in Italia (il che è un gran dire) è proprio il Canada, con un Credit to GDP da ghiacciare il sangue e il resto peggio.

Ma che succede al Capitalismo di oggi? Da quanto sopra sembra che tutto ormai sia saltato per aria, non ci sono più regole, ma tu te ne sei accorto veramente? Io ogni volta che vado alla mia filiale Unicredit dico ai cassieri che Unicredit è di fatto la banca più fallita d’Europa, loro annuiscono mesti mesti. Ma Unicredit è ancora lì. Che succede?

Voglio dire questo. Quando io scrissi nel maggio 2016 che tutti i paradigmi erano saltati, vi avvisavo che tutto quello che leggete sui giornali (lasciamo perdere la Tivvvvù) sono cazzate. Tutto è saltato e non sappiamo per ora cosa cazzo ne uscirà fuori, e questo deve farvi capire che se uno non fa lo sforzo di usare la propria testa oltre… OLTRE, uno sarà sempre in balia. Ma peggio: tutto è saltato ma nulla salta, e questo nessuno lo sa spiegare e questo mi fa terrore. Non fate figli.

Sbaglio mai io? No.

 

Paolo Barnard

Fonte: www.paolobarnard.info

Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=1662

8.03.2017

Pubblicato da Davide

  • vocenellanotte

    E io che ne ho 3, più relativi nipoti che faccio? Li sopprimo tutti?
    Se non sbaglio l’apocalisse c’era già ai tempi della Bibbia. Perciò niente di nuovo per i fifoni.

  • Annibale Mantovan

    Succede che l’ economia capitalista di libero mercato è diventata COMUNISTA…dirige tutto il KOMINTERN!

    • marcobaldi

      È INEVITABILE.

    • Gino2

      evidentemente non ti rendi conto che “comunismo” significa “comune” e che nasce per liberare il proletariato dal dominio dei padroni.
      Mentre invece la deregolamentazione del mercato (mercato ultra libero) ha ridato il potere nelle mani dei padroni e sta togliendo al popolo persino “lo stato”, cioè “la comunità”, ovvero l’unione che potrebbe contrastare i padroni.

      • Truman

        Cooncordo abbastanza con quello che dici, però il “comunismo” nell’accezione di Marx-Engels nasce con vocazione internazionalista e tende a focalizzare sullo scontro di classe più che sullo scontro tra stati. Mi torna in mente una definizione del governo (statale) come “comitato d’affari della borghesia”. Insomma se evitiamo di considerare il “comunismo” come un marchio DOC o un copyright di Marx /Engels, per me va tutto bene.

        • Gino2

          Si, il comunismo (sempre idealmente) è internazionalista.
          Ma non si può confondere la deregolamentazione del mercato con una economia “comunista”.
          Idealmente nelle economie comuniste si tenderebbe ad avere un forte stato sociale, sanità e istruzione gratuite, aziende statalizzate etc.
          Il neoliberismo sta facendo l’esatto opposto minando i diritti dei lavoratori, disintegrando lo stato sociale e tendendo a privatizzare tutto comprese sanità e istruzione.

          Del resto il comunismo nasce come “proletari del mondo unitevi”, cioè l’unione dei proletari di conseguenza dei lavoratori in sindacati per contrattare con i padroni e ottenere diritti sul lavoro e quindi nella società.
          Qui la prima cosa che si fa è eliminare i sindacati, lasciare i lavoratori soli, eliminare contratti nazionali, la bilancia si posta totalmente a favore delle aziende.

          Non si può fare una confusione del genere!
          Capisco che certi “destrorsi” da commenti su “IlGiornale” che hanno votato una vita Berlusconi prendendo grossi abbagli e ululando al comunismo contro tutto e tutti, anche in questa “crisi” di sistema devono dire che la colpa è dei comunisti.
          Lo è, in parte, ma perchè hanno tradito i loro ideali non perchè sono riusciti ad attuarli
          Per carità di dio, un minimo di obbiettività!

        • marcobaldi

          Confondi l’ internazionalismo socialista (rapporto TRA nazioni) con quello che i socialisti stessi definivano cosmopolitismo borghese (dominio del capitale SOPRA nazionale). E no. Gramsci non credo proprio lo vedesse di buon occhio…

  • Jeorge Confederate Flag

    CDM=SPUTNIK

  • Servus

    Una cosa sicura la sbagli: mantenere il conto in Unicredit, la banca più esosa d’Italia.
    Di seguito forse ne sbagli anche altre.

    • robespierre

      No, purtroppo non sbaglia nulla ed anche in passato ne ha anticipate tante!

      • Gino2

        sbaglia nelle conclusioni. Spesso.
        Ha fatto campagna contro la Clinton per poi uscirsene alla fine che Trump era peggio!
        Ha raccontato le trame del “vero potere” e il suo piano di conquista e ha creduto che la MMT fosse la soluzione. (portata avanti dal suo “amico” speculatore / banchiere di professione)
        Adesso per una flessione delle azioni Exxonn sta concludendo che “le sette sorelle non contano più nulla” , parla di lobby ma poi analizza la Brexit dal punto di vista “Granbretagna-Europa” , nel senso di Stati Nazione, racconta del QE di Draghi come “una mossa disperata” per non far fallire l’Europa (portarla in Sudan) dimenticando le trame del Vero Potere.

        Ho appreso molto da Barnard negli ultimi 10 anni.
        Ma non ho ancora ben capito se perchè malato di egocentrismo acutissimo-patologico o perchè “furbetto” ha preso invece tante cantonate o se vogliamo dirla in altra maniera ha fatto molti dietro-front.
        Certo bisogna capire bene ciò che scrive…e la maggioranza legge senza chiedersi mai nulla.

        PS: Ciò che mi puzza è anche il fatto che di molti argomenti non ha mai parlato o ne ha parlato senza dare il quadro completo e ha dimenticato molte cose……

        • robespierre

          Barnard tante volte si e’ esposto, per cui facendo cio’ e’ piu’ facile errare. Avra’ anche sbagliato talora nelle conclusioni, ma le sue premesse in pratica si sono sempre rivelate vere. Si sara’ senz’altro ostinato nella MMT, poi scaricato dal suo “amico” Mosler, ma le dico, consultando il suo sito quotidianamente, anche se gli aggiornamenti non sono appunto quotidiani, che le notizie tante, troppe volte si sono rivelate vere. Poi puo’ benissimo darsi che sia animato da eccessivo egocentrismo, ma se va a leggere il suo “Il piu’ grande crimine” dedurra’ che in effetti presupposti e appunto conclusioni coincidono con l’attuale reale situazione dell’Euro. Diverse altre volte invece evidenzia, al di la’ delle effettive trame di potere, la situazione in Paesi del terzo mondo o depressi o danneggiati dall’attuale universalismo commerciale.

          • Gino2

            Ho letto “Il Piu Grande Crimine”, e ho ascoltato molte conferenze di Barnard e vado se non quotidianamente molto spesso sul suo sito.
            Ma io ho un “vizio”, tendo a informarmi di prima mano. Per cui ho anche letto i saggi da lui spesso citati. Quello della Trilaterale “La Crisi della Democrazia” e altri di Powell etc.
            La sua è una “interpretazione” di ciò che questi scrivono e prendendo solo le citazioni da lui riportate ci si fa una idea SBAGLIATA di ciò che c’è scritto in questi saggi.

            In più quando parla del “vero potere” dimentica sempre alcune “strutture” gigantesche. MAi ha parlato della RTE e il suo ruolo nella nascita dell’Eu, mai cita la “mafia Sionista” cioè quella enorme struttura potentissima che detiene le piu grosse banche ed aziende del globo (compresi mezzi di comunicazione, editoria etc). Quando parla di Israele parla sempre dei suoi crimini (evidenti) rispetti gli Ebrei e mai come attore geopolitico/economico/finanziario principale nel mondo, ogni volta che si citano Rotschild e Rockfeller parla di complttisti che credono agli alieni e alle scie chimiche e potrei continuare a lungo.

            (non mi vorrei sbagliare sulle sue origini ma mi pare di capire che è uno dei “figli del popolo eletto da Javeh”)

          • robespierre

            Comunque di fatto piu’ volte ha difeso i palestinesi vs. Israele (facilmente deducibile anche da espressioni forti e fortemente negative nei confronti del popolo eletto da Javeh).

          • Gino2

            Tecnica comunicativa di alcuni famosi giornalisti anti sionisti è non negare il genocidio israeliano sulla palestina, tanto è inutile e controproducente visto che si rivolgono a un pubblico mediamente più informato, ma di non parlare mai del ruolo di Israele e delle lobby ebraiche nella geopolitica. Si rendono cosi credibili agli occhi degli antisionisti ma mantengono la discussione a un livello che non sveli le trame e danneggi davvero le lobby ebraiche.
            Stessa tecnica dei massoni.
            Magaldi, massone, scrive un libro rivelazione sulla massoneria. Ovviamente rivela cose interessanti e diventa quindi credibile, ma ovviamente si astiene dal rivelar cose fondamentali che restano dunque nascoste ancora di più.
            Sono tecniche comunicative di alto livello tipiche del popolo eletto e dei massoni.

          • Gino2

            E aggiungo a questi fini manipolatori Travaglio. Paladino della legalità e ingiustizia parla sempre e solo di corruzione italiana di bassa lega. Mai apre bocca sulla corruzione di alto livello delle lobby internazionali, dei mostruosi conflitti di interesse in Europa e in USA, mai parla del sistema bancario finanziario, mai parla delle corruzioni di altri paesi presi sempre a modello contro l’Italia. Addirittura da fine comunicatore è arrivato a dire che lui non sa se sia meglio uscire dalleuro o no. Per non farsi nemici nel pubblico
            Strategie atte a farsi una credibilità di chi svela corruzioni e non svelando mai la vere corruzioni le sta sostanzialmente coprendo.
            Infatti nonostante tutte le grida e gli strepiti di essere censurato….. è ininterrottamente da venti anni in televisione, uno dei più invitati.
            E questo conferma che no ndenuncia mai nulla di grave altrimenti sarebbe stato espulso.

          • robespierre

            Se e’ per questo viene anche ben pagato (al di la’ della pubblicita’ ai suoi libri)

          • robespierre

            P.S.: Legga oggi Barnard.

          • Gino2

            si letto. Ma sempre relativamente a quanto siano “razzisti”. Mai l’ho sentito parare (ma forse mi sbaglio) dei piani israeliani di destabilizzazione dell’Africa del Nord (rivoluzioni colorate) e del fatto che sono stati loro a “influenzare” (determinare) la politica USA in medioriente e nel mondo vista la immane quantità di senatori appartenenti a lobby ebraiche e vista la quantità di lobby che “pesano” nelle scelte politiche degli USA

          • gincoaho

            Beh, perché non ne parla lei allora.. 🙂

          • Gino2

            a parte che la tua domanda è una semplice e inutile provocazione.
            Ne parlo dove ne posso parlare.
            Non sono un giornalista accreditato, noto, con un editore.
            Posso farmi (come hanno fatto tanti) un blog personale e pubblicare mie idee e articoli di altri.
            Un blog disperso come una goccia nel mare di internet. (lo avevo fatto 20 anni fa)

          • Glock

            Per capire Barnard bisogna comprendere una cosa fondamentale: lui difenderà sempre la propria “attendibilità”. Non uscirà mai dal mainstream. Vuole restare un giornalista “vero” e non vuole assolutamente essere confuso con l’universo della controinformazione. Il suo campo è l’informazione ufficiale. Lo ripete in continuazione. Le sue fonti, quindi, sono sempre accreditate, interne al mainstream.

          • Gino2

            verissimo. concordo in pieno. Ha anche bisogno dell’audience “main stream” senza il quale si sente un fallito.

            Unico appunto però: Quando tornò in televisione dopo molti anni, qualche anno fa a LaGabbia, la prima cose che “urlò” fu che Monti era un criminale e andava processato. Per carità…aveva ed ha ragione da vendere ma si è subito ricamato addosso l’etichetta da urlatore populista complottista de LaGabbia senza alcuna credibilità! Errore clamoroso per un “professionista” come lui (e lo dico senza ironia)

          • gincoaho

            A parte che ti sbagli, non capisco perché ogni volta che uno viene invitato a scrivere di ciò che sa, reagisce nel tuo modo. Mah.. saluti

          • Gino2

            mi pare di averti risposto.
            se il tuo invitarmi non era provocatorio mi spiace, l’ho inteso così.

  • Cataldo

    Diventa difficile sbagliare se si elencano solo i problemi senza andare oltre …

  • Truman

    Va tutto bene, però se mi avessero chiesto su quali regole si basa il capitalismo io ne avrei trovato solo una: l’egoismo.

  • marco schanzer

    Barnard , e; solo una rapina . Ad una massa che se ne frega . Il dramma e’ come trovare un senso alla vita , in queste condizioni . Non si riesce a far nascere speranze .

  • Glock

    Te lo spiego io, caro Paolo, come funziona il capitalismo. Nel capitalismo ci sono grosso modo due classi, i proprietari e i salariati. I proprietari, detentori del capitale, investono porzioni di capitale per acquistare forza lavoro. Quella porzione di capitale che cedono di chiama SALARIO. Come il capitale è la materializzazione del potere della classe proprietaria, così il salario è la materializzazione del potere che della classe salariata. I proprietari hanno due obiettivi, uno è il profitto e l’altro è che il salario non cresca mai troppo. I proprietari possono pagare altissimi salari a una ristretta cerchia di dirigenti, tecnici ecc ecc, ma IN GENERALE non permetteranno mai un crescita generalizzata dei salari, anzi, perseguiranno, quando possibile, il contrario. In questa fase storica la classe proprietaria si sta dimostrando disposta a sacrificare quote di profitto in cambio di una deflazione salariale generalizzata. Vale a dire che se la crescita economica necessita forti aumenti salariali (e in questa fase è così), loro sacrificano la crescita. Per questo i capitalisti in questo momento non fanno MMT, per questo non mollano l’Euro.