Corsano piange Paolo. I dubbi della sorella

Giovedì 22 aprile ha ricevuto la prima dose del vaccino Moderna. Il giorno successivo ha iniziato ad avvertire un po’ di stanchezza, tachicardia… il cuore ha iniziato a fare dei capricci, a battere all’impazzata.

Corsano piange Paolo, scomparso il 27 aprile scorso. Aveva 42 anni ed era molto ben voluto in paese e la sedia a rotelle (era affetto dalla distrofia muscolare di Becker) non gli impediva certo di essere molto impegnato socialmente e aiutare sempre tutti (era vice presidente dell’associazione Gaia) non lesinando un sorriso e la mano tesa a chi aveva bisogno.

La sua dipartita è avvenuta cronologicamente dopo che gli è stato somministrato il vaccino, un momento da lui tanto sospirato perchè voleva proteggersi dallo spauracchio covid.

La sequenza temporale ha alimentato qualche sospetto nei familiari in particolare nella sorella Lucy che in un post su facebook ha espresso tutte le sue perplessità, oltre al dolore per la scomparsa dell’amato fratello.

«Ecco qui Paolo, 42 anni, mio fratello», scrive Lucy, «nonostante tutto, aveva una voglia di vivere che non immaginate nemmeno. Nonostante i problemi legati alla sua malattia stava bene (…) era stabile, prendeva le sue medicine, faceva la sua ventilazione durante la giornata… era felice e non vedeva l’ora di ricevere quel siero perché voleva vivere, perché voleva assicurarsi di farcela se mai avesse contratto il covid… vivere, non morire!».

Lucy poi racconta i fatti: Giovedì 22 aprile ha ricevuto la prima dose del vaccino Moderna. Il giorno successivo ha iniziato ad avvertire un po’ di stanchezza, tachicardia… il cuore ha iniziato a fare dei capricci, a battere all’impazzata fino a ricevere sabato sera il primo shock elettrico salva vita, grazie al defibrillatore impiantabile. Lo portiamo in ospedale credendo di fare un controllo e poi tornare a casa. Lo ricoverano. Della terapia endovenosa il cuore se ne fotte, continua a fare capricci… e lui lo sente. Dice: “Lucia … arriva” e riceve altri due shock salvavita, che oltre ad essere dolorosi lo preoccupano tantissimo. E preoccupano anche me, che mi sento impotente davanti a tutto questo. Lo si legge in faccia quanto è preoccupato, cerco di sfotterlo ma lui niente, ogni tanto mi sorride ma la sua testa è piena di pensieri. Forse se lo chiede anche lui se la causa di tutto questo sia stato quel siero, ma non me lo dice. Troppo orgoglioso per dirlo proprio a me.

In quei giorni parla poco. Gli viene proposto di fare l’ablazione ad Acquaviva delle fonti, e invece Paolo mio te ne sei andato, credendo che fosse arrivata la tua ora. (…). Ma dimmi ora… te lo sentivi? Ho così tanti sensi di colpa fratellino mio… per non aver fatto nulla per salvarti, i tuoi occhi cercavano il mio aiuto e non ho saputo fare niente… (…) Non può essere stata solo una coincidenza Paolo. Sono sicura che non lo sia. Non è giusto tutto questo. Sei stato ingannato da chi invece avrebbe dovuto solo tutelarti, proteggerti. Un forte abbraccio!».

Fonte articolo: https://www.ilgallo.it/cronaca/corsano-piange-paolo-i-dubbi-della-sorella/

 

0 0 voti
Valuta l'articolo
Sottoscrivi
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x