Come nascondere il fallimento dei vaccini COVID

L'UKHSA cede alle pressioni e rimuove il grafico che mostra tassi di infezione più alti nei vaccinati, mentre l'efficacia raggiunge un nuovo minimo: -132%

Will Jones
dailysceptic.org

Sembra che le critiche abbiano finalmente raggiunto l’U.K. Health Security Agency (UKHSA). Il nuovo Vaccine Surveillance report, pubblicato giovedì, è stato epurato della tabella incriminata che mostrava tassi di infezione più alti nei vaccinati con doppia dose, rispetto ai non vaccinati per tutti gli over 30 ed una percentuale più che doppia per quelli di età compresa tra i 40 e i 79 anni.

Al suo posto abbiamo ora una tabella simile a quella sottostante, che pubblico sul Daily Sceptic tutte le settimane (anche se senza le stime di efficacia del vaccino) con un sacco di spiegazioni e titoli in più.

Ecco i grafici aggiornati per l’Inghilterra, ricavati dai dati reali, sull’efficacia dei vaccini non rettificata in base al tempo.

Le cifre di questa settimana continuano a peggiorare per i vaccinati, con un’efficacia (non rettificata) del vaccino contro l’infezione che va da un -31% per le persone di 30 anni, ad un -132% per le persone di 40 anni, -113% per quelle di 50 anni, -114% per quelle di 60 anni e -104% per quelle di 70 anni. Per gli ultraottantenni è salita leggermente, ad un ancora abissale  -30%, rispetto al -34% della settimana scorsa. L’efficacia del vaccino rimane positiva per i minori di 30 anni, anche se per i 18-29enni è nuovamente scivolata al 21%. È ancora altamente positiva per i minori di 18 anni, anche se è scesa leggermente per la prima volta all’81%, dal 90% della settimana precedente. Questa settimana, l’efficacia del vaccino nei confronti dell’ospedalizzazione e della morte è rimasta in gran parte stabile, il che significa che non c’è ancora alcun segno del forte calo riscontrato nel recente studio svedese.

È stato un piacere vedere l’UKHSA difendere con forza la sua interpretazione dei dati provenienti dal NIMS [National Immunisation Management System] dalle critiche rivoltegli, tra gli altri, da David Spiegelhalter, che li ha definiti “profondamente inaffidabili e completamente inaccettabili”, con i tassi di infezione più alti nei vaccinati “semplicemente dovuti ad un artefatto legato all’uso di stime chiaramente inappropriate della popolazione”. Il rapporto [dell’UKHSA] controbatte:

Le fonti potenziali dei dati al denominatore sono il National Immunisation Management Service (NIMS) o le stime di metà anno della popolazione dell’Office for National Statistics (ONS). Ogni fonte ha punti di forza e limiti che sono descritti in dettaglio qui e qui.

Il NIMS forse sovrastima i denominatori in alcuni gruppi di età, ad esempio perché persone registrate presso l’NHS [n.d.T. National Health Service] potrebbero essersi trasferite all’estero, ma, poiché si tratta di un registro dinamico, tali pazienti, una volta identificati dall’NHS, possono essere rimossi dal denominatore. D’altra parte, i dati ONS utilizzano stime della popolazione basate sul censimento del 2011 ed altre fonti di dati. Se si fa uso [dei dati] ONS, la copertura vaccinale supera il 100% della popolazione in alcuni gruppi di età, il che, a sua volta, porterebbe ad un denominatore negativo nel calcolo della consistenza della popolazione non vaccinata.

L’UKHSA utilizza il NIMS in tutti i suoi rapporti di sorveglianza COVID-19, compreso nel calcolo dei tassi di infezione, ospedalizzazione e decessi per stato di vaccinazione, perché è un database dinamico di individui identificabili, dove il numeratore e il denominatore provengono dalla stessa fonte e c’è una registrazione dello stato di vaccinazione per ogni individuo. Inoltre, il database del NIMS contiene variabili sociodemografiche chiave per coloro che sono destinati a ricevere il vaccino, fornendo una fonte di dati ricca e coerentemente codificata per la valutazione del programma di vaccinazione. Sforzi su larga scala per contattare gli iscritti nel registro porteranno all’identificazione di persone che potrebbero essere state conteggiate più volte e daranno l’opportunità di migliorare la precisione del database, in modo da poter aggiornare in tempo reale le statistiche di assorbimento del vaccino e le campagne di vaccinazione locali.

Molto meno gradito è stato il fatto che il rapporto abbia ribadito che i suoi dati non dovrebbero essere usati per stimare l’efficacia del vaccino. All’inizio della settimana, la Dottoressa Mary Ramsay, responsabile delle vaccinazioni presso l’UKHSA, aveva detto: “Il rapporto spiega chiaramente che lo stato di vaccinazione dei pazienti infetti, dei pazienti ricoverati e dei decessi non dovrebbe essere usato per valutare l’efficacia del vaccino e c’è un grosso rischio di fraintendere questi dati a causa delle differenze nel rischio, nel comportamento e nei test fra popolazioni vaccinate e non vaccinate.” Avevo fatto notare che questo era falso, il rapporto non “spiegava chiaramente” che i suoi dati “non avrebbero dovuto essere usati per valutare l’efficacia del vaccino”. Piuttosto, specificava che “non è il metodo più appropriato per valutare l’efficacia del vaccino e c’è un alto rischio di interpretazione errata”, il che lascia intendere (correttamente) che può essere utilizzato per questo, scopo a condizione che si tenga conto dei rischi di un’interpretazione errata.

Ora, però, il testo del rapporto si allinea con la dichiarazione del dottor Ramsay. Dice: “Il confronto delle percentuali dei casi tra le popolazioni vaccinate e non vaccinate non dovrebbe essere usato per stimare l’efficacia del vaccino contro l’infezione da COVID-19”.

È difficile enfatizzare quanto ciò sia scandaloso. Equivale al tentativo del governo di ridefinire un concetto di base dell’immunologia, l’efficacia del vaccino, perché, attualmente, non sta dando la risposta “corretta” e in linea con la narrativa ufficiale. Si tratta infatti di un’affermazione falsa. Confrontare le percentuali dei casi tra gruppi vaccinati e non vaccinati non solo può essere usato per stimare l’efficacia del vaccino, ma è la definizione stessa dell’efficacia di un vaccino, la riduzione dei tassi di infezione nei vaccinati rispetto ai non vaccinati. Naturalmente, qualsiasi distorsione nei dati dovrebbe essere identificata e, dove possibile, rettificata o controllata. Ma questo non significa che i dati della popolazione “non dovrebbero essere usati” per stimare l’efficacia non rettificata del vaccino, come se tale stima non ci dicesse nulla di utile e fosse del tutto fuorviante.

L’assurdità di questo sottile tentativo di gettare un’ombra su dati sfavorevoli è evidenziata dal fatto che le motivazioni fornite dall’UKHSA sulla non validità delle stime sono completamente diverse dalle opinioni espresse dai suoi più importanti critici. Persone come David Spiegelhalter e Leo Benedictus (di Full Fatuous) si preoccupano principalmente delle presunte carenze dei dati sulla popolazione, sostenendo che dovrebbero invece essere usati i dati ONS. Ma, come si è visto, l’UKHSA non accetta questa critica e difende l’utilizzo dei dati provenienti dal NIMS. In un mondo normale, questo significherebbe che, una volta affrontata e risolta la critica principale, torneremmo ad usare questi dati per stimare l’efficacia del vaccino.

Invece no, perché l’UKHSA ha un’altra ragione, completamente diversa, per cui ritiene non sia valido fare una cosa del genere. I dati della popolazione, spiega, forniscono solo “tassi grezzi che non tengono conto delle distorsioni statistiche sottostanti a tali dati”:

Nelle persone vaccinate esistono probabilmente differenze sistematiche nella scelta di sottoporsi al test e nel rischio di contrarre la Covid. Per esempio:
– le persone completamente vaccinate possono essere più attente alla salute e quindi più propense a sottoporsi al test per la COVID-19
– le persone completamente vaccinate possono impegnarsi maggiormente nelle interazioni sociali a causa del loro stato di vaccinazione, e quindi possono avere  una maggiore esposizione all’infezione da COVID-19 circolante
– le persone non vaccinate possono aver avuto una passata infezione da COVID-19 prima del periodo di segnalazione di quattro settimane nelle tabelle di cui sopra, riducendo così artificialmente il tasso di casi di COVID-19 in questo gruppo di popolazione e rendendo i confronti tra i due gruppi meno validi per il COVID-19 vaccine surveillance report – settimana 43.

Queste distorsioni diventano più evidenti man mano che aumenta il numero di persone che vengono vaccinate e le differenze tra la popolazione vaccinata e non vaccinata diventano sistematicamente diverse in modalità che non è possibile prendere in considerazione senza un’analisi formale dell’efficacia del vaccino.

Niente di tutto questo è quantificato e, come minimo, l’affermazione che le persone vaccinate sarebbero più propense ad impegnarsi nelle interazioni sociali è discutibile, come è probabile che chi sceglie di non vaccinarsi (al contrario di chi soffre di una patologia che rende la vaccinazione sconsigliabile) non avrà poi così tanta paura di prendersi il coronavirus (non ultimo perché, come visto nel terzo punto, potrebbe già averlo avuto).

Oltretutto, come avevo notato in precedenza, non abbiamo bisogno di indovinare quanto grandi possano essere queste distorsioni, perché possiamo guardare le cifre non rettificate e rettificate di altri studi a livello di popolazione, come questo in California, e verificare che le differenze sono usualmente molto piccole. Anche se ci fossero più distorsioni da rettificare nei dati dell’Inghilterra che in quelli della California (perché l’UKHSA non lo fa?), questo non è un motivo per affermare che le stime non rettificate non ci dicono nulla di valore e che “non dovrebbero” essere fatte, come se dovessimo dare per scontato che qualsiasi rettifica sarà di grande impatto.

Per di più, non è che gli studi formali controllino sempre queste cose. Un nuovo studio su Lancet dell’Imperial College di Londra stima l’efficacia del vaccino nei confronti della trasmissione, confrontando i tassi di infezione nei contatti familiari tra vaccinati e non vaccinati (e riscontra che i vaccini fanno molto poco). Ma lo studio non fa alcun tentativo di controllare o aggiustare i dati in base ad infezioni precedenti o a differenze comportamentali. Se l’Imperial College può pubblicare uno studio peer-reviewed che stima l’efficacia del vaccino senza affrontare queste forme di distorsione, perché dovrebbe essere proibito ad altri di fare la stessa cosa? Quindi, tutta questa preoccupazione per le distorsioni inizia ad apparire più come una forma di controllo del messaggio, un pretesto per proibire a persone non autorizzate di fare uso di certi dati, piuttosto che un problema in sé.

Naturalmente, possiamo ignorare la falsa affermazione dell’UKHSA che il confronto dei tassi di infezione nei vaccinati e nei non vaccinati “non dovrebbe essere usato” per stimare l’efficacia del vaccino, e stimarla cpmunque. Ma, in realtà, non possiamo semplicemente ignorarla. Il Daily Sceptic è già stato ‘sottoposto a fact-check’ da Full Fatuous su questo, e tali ‘fact check’ sono usati dalle compagnie tecnologiche e dei media e persino dai regolatori per decidere cosa censurare e cosa permettere. Questo ha un effetto raggelante sulla volontà delle persone di riferire certi dati.

Quello che ora dovrebbe succedere (anche se non succederà) è che l’UKHSA si rimangi la falsa affermazione che un confronto dei tassi di infezione tra popolazioni vaccinate e non vaccinate “non dovrebbe essere usato per stimare l’efficacia del vaccino” e inizi a fare le cose onestamente, includendo nel rapporto stesso le stime non rettificate dell’efficacia del vaccino, proprio come include stime non rettificate del tasso d’insorgenza basate su dati grezzi – se può fare l’uno, perché non l’altro?

Dovrebbe anche fornire stime rettificate basate sulla propria analisi. Infatti, in primavera, quando i vaccini sembravano essere molto efficaci, PHE [n.d.T. Public Health England] a volte includeva le proprie stime rettificate dell’efficacia del vaccino, anche quando aveva solo “scarsa fiducia” nei risultati. Perché non tornare a farlo? O sono interessati a farlo solo quando danno la risposta “giusta”? Sembra quasi che sia così.

Will Jones

Fonte: https://dailysceptic.org

Link: https://dailysceptic.org/2021/10/30/hide-the-vaccine-failure-ukhsa-caves-to-pressure-and-removes-chart-showing-higher-infection-rates-in-the-vaccinated-as-effectiveness-hits-new-low-of-minus-132/

30.10.2021

Scelto e tradotto da NICKAL88 per comedonchisciotte.org

Notifica di
60 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
IlContadino
IlContadino (@ilcontadino)
Utente CDC
16 Novembre 2021 9:02

Basta, non c’è la faccio più, mi voglio normalizzare, ho deciso di vaccinarmi contro il covid, appena ne inventano uno lo faccio…ihihi

Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
16 Novembre 2021 9:31

Ragazzi ma ancora? Ma basta daaaai!!! Ma se il 99% di over 70 e con più patologie è vaccinato, secondo voi questi non muoiono più? Se un 82enne muore (e muoiono eh, vi informo che muoiono a prescindere dal covid), se muore, dunque, al 99% è un vaccinato. Chiaro! Mentre il non vaccinato tipo è uno sotto i 50 e in salute! E questi, vi svelo, muoiono meno degli 82 enni. Toh! Che strano!!! Di conseguenza i MORTI (in generale) saranno sempre in maggioranza VACCINATI e tra questi una certa percentuale sarà anche positivo. Risultato? I “vaccinati” saranno più dei non vaccinati nelle statistiche dei morti Ma cosa ci vuole la laurea in Statistica? ALLORA visto che questo articolo si basa su DATI UFFICIALI vogliamo prendere la curva ITALIANA qui: https://ourworldindata.org/explorers/coronavirus-data-explorer?zoomToSelection=true&uniformYAxis=0&pickerSort=asc&pickerMetric=location&Metric=Cases+and+deaths&Interval=Weekly&Relative+to+Population=true&Align+outbreaks=false&country=~ITA dove si può vedere che la curva dei morti è notevolmente più appiattita rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso? O questo, siccome NON CONVIENE NON LO COMMENTIAMO MA che cazzzz dai però! Cheduegranppppppppppppp ps: poi, per farvi rendere conto dell’assurdo al quale si arriva continuando a sostenere certe tesi. Guardate come ci si AUTO contraddice violentemente e comicamente https://www.youtube.com/watch?v=w-mOiUxQ6Zs&t=820s ascoltate i primi, toh, 20minuti e guardate come secondo queste… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da Violetto
McBane
McBane (@mcbane)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 10:16

Secondo “noi” no, semmai erano stati “loro” ad aver venduto il vaccino come l’elisir dell’immortalità. Ora scoprono che se hanno patologie pregresse, sono anziani e si prendono il covid, corrono comunque il rischio di lasciarci, vaccinati o meno.
Insomma sto vaccino alla fine è una ciofeca e i dati sono lì a mostrarlo. Ci vuole fede cieca per non volerlo ammettere e prepararsi alla terza dose.
Quanti di loro ammetteranno mai di essere stati complici di un piano criminale, che si completerà forse con la vaccinazione di gran parte degli infanti, e cambieranno strada? Una sparuta minoranza. Il resto del gregge proseguirà verso le prossime dosi aggrappandosi alla fede e alla vana speranza malriposta che tutto tornerà alla normalità. Un giorno lontano si sveglieranno anche loro e diranno, fintamente sconvolti: “Non sapevamo dove andavano i treni…”

Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
Risposta al commento di  McBane
16 Novembre 2021 10:23

i dati dicono che quest’anno si muore meno dell’anno scorso e che relativamente alla percentuale, i vaccinati si ammalano meno

Se poi vogliamo continuare a sostenere l’opposto di ciò che dicono i dati nonostante siano nero su bianco allora ok

Continuo alla nausea

non serve sostenere tesi SBAGLIATE per restare dell’idea che la pandemia sia stata gonfiata, i vaccini imposti e che ci sia dietro un piano di “ri definizione” (se cosi si vuol dire) sociale insieme alla crisi energetica.

Non c’è bisogno
è lampante anche se si ammettono i dati, se si leggono correttamente er se si ammette serenamente che i vaccinati si ammalano meno
Non cambia niente

Mentre, invece, continuando a sostenere cose che i dati non mostrano e continuando ad interpretarli MALE solo come gli ignorante farebbero, ci si da la zappa sui piedi

continuate pure….
contenti voi
contenti voi e tutti quelli che continuano a spingere la controinformazione nel terrapiattistmo

a me non cambia nulla…

IlContadino
IlContadino (@ilcontadino)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 10:57

Meglio la zappa sui piedi che l’ago nel braccio;)

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 13:17

L’è mejo ciavar che farse ciavar!

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da sbregaverse
CptHook
CptHook (@cpthook)
Staff CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
16 Novembre 2021 18:13

Dipende dai gusti…

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  CptHook
16 Novembre 2021 19:24

Ma certo c’è chi trova il massimo godimento segandosi con l’uncino.
Il Divin Marchese.

buddyboy
buddyboy (@buddyboy)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 11:10

Certo Violetto che ci si ammala e si muore di meno( aldilà dell’enorme montatura mediatica), il Virus che circolava a Novembre dell’ anno scorso non esiste più!! L’articolo lo dà per sottinteso, perché sono ormai 8 mesi che in U.K. e poi in tutta Europa è prevalente, direi quasi esclusiva, la variante delta, che muta enormemente le caratteristiche patogene e di struttura del virus, e per tale variante, come vorrebbero argomentare questi articoli, il vaccino non funziona proprio…Ecco perché i morti vaccinati più anziani, c’entra poco la statistica…Capitolo a parte le morti provocate da reazioni avverse al siero, che spesso presentano gli stessi sintomi/effetti della malattia, ma sui numeri reali qui, non c’è la minima visibilità….

emilyever
emilyever (@emilyever)
Utente CDC
Risposta al commento di  buddyboy
16 Novembre 2021 13:48

Non so in Italia,anche se credo non fosse molto diverso, ma il prof didier Raoult, nei suoi video che illustrano le varianti, aveva spiegato che quella che lui aveva chiamato Marsiglia 4, diffusasi in Francia dai visoni della zona dell’ Eure, da settembre a dicembre dell’anno scorso, era stata la più forte, per questo aveva fatto più vittime, la definiva la variante più favorevole al virus. Meno forte era stata quella inglese, ma sempre pericolosa per le persone con comorbillità e con più di 80 anni, e ancora meno quella delta, che potrebbe, soprattutto nei più giovani e nelle persone con un buon sistema immunitario, fermarsi anche alle vie respiratorie superiori. Questo non per negare, secondo lui, l’influenza del vaccino, ma perchè la spiegazione di un fenomeno è complessa e bisogna analizzare più fattori. Se la storia di questo virus seguisse la “normale” evoluzione delle infezioni virali, si vedrebbe che quando si formano naturalmente molte varianti esso tende ad indebolirsi, ad adattarsi all’uomo, e così lui spera che stia facendo, anche se per ora, sempre secondo lui, il virus non si è ancora adattato all’uomo. Vi inserisco uno di questi video, link in francese
https://www.mediterranee-infection.com/aux-origines-des-variants/

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 13:33

Com’é picciotti tutt’apposto?

McBane
McBane (@mcbane)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 15:00

E’ vero o no che ci hanno martellato per mesi dicendo che il vaccino era una scelta responsabile, per proteggere noi stessi e le persone che amiamo? Che avrebbe fermato il contagio e stroncato la pandemia? Eppure i casi aumentano, quindi senza inventarsi troppe teorie, l’evidenza è questa: il vaccino nel migliore delle ipotesi allevia i sintomi, ma NON ferma la trasmissione e NON impedisce il contagio. Quindi che la piantino qui, che lascino ad ognuno la libertà di scegliere se ammalarsi o meno in forma grave. Chi non vuole rischiare ha già fatto la sua scelta e in buona pace dovrebbe lasciare stare chi la pensa diversamente, a ragione o torto.

Bertozzi
Bertozzi (@bertozzi)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 15:53

Neanche a noi cambia nulla, forse non ti è chiaro, e continuiamo pure anche senza che ce lo concedi.

lilithdea
lilithdea (@lilithdea)
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
17 Novembre 2021 3:42

Abbiamo anche un troll (?) tra i nuovi arrivati.. ci mancava. Però siamo più democratici di loro, lasciamo che esponga le sue “tesi” molto Mainstream- Basta illudersi di avere ragione, vogliamo togliergli questo? Ovviamente finché non fa il “Renzi” di turno anche come dose di sicumera e arroganza ..ce ne basta uno!

Ultimo aggiornamento 10 giorni fa effettuato da lilithdea
Pfefferminz
Pfefferminz (@pfefferminz)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
18 Novembre 2021 22:35

Il portavoce del governo tedesco ammette la scarsa trasparenza delle statistiche ufficiali. Riporto un brano tratto da un articolo del giornalista indipendente Boris Reitschuster. “Potrebbe esserci una leggera sfocatura” Il governo ammette distorsioni nelle statistiche sulle vaccinazioni Finora, il governo federale ha ostinatamente ignorato il fatto che le statistiche sull’efficacia della vaccinazione sono distorte da vari effetti. Ad esempio, quando si tratta del numero di “nuovi contagi”, ovvero test positivi. Poiché le persone non vaccinate devono essere costantemente testate per una minima partecipazione alla vita sociale, mentre le persone vaccinate no, questo porta inevitabilmente a distorsioni. Effetti simili sono possibili anche con il numero totale di malati e il numero di pazienti ospedalieri vaccinati e non vaccinati. Sono settimane che ne chiedo al governo federale senza ottenere una risposta convincente. Ora la buona notizia: il portavoce della Merkel, Steffen Seibert, ha ammesso mercoledì alla conferenza stampa federale su mia richiesta che, a causa dei fenomeni descritti, nelle statistiche dei nuovi contagi, potrebbe esserci una “lieve sfocatura”.” https://reitschuster.de/post/es-mag-leichte-unschaerfen-geben/ Inoltre, uno dei direttori del DIVI Zentralregister, il centro in cui vengono registrati i pazienti di tutte le terapie intensive presenti sul territorio tedesco, ha ammesso che finora non viene comunicato loro se… Leggi tutto »

AlbertoConti
AlbertoConti (@albertoconti)
Redazione CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 14:50

… e questo invece?

comment image

MarioG
MarioG (@mariog)
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
16 Novembre 2021 17:45

E’ capace di risponderti che l’eccesso di quei morti in quella fascia di età è servito a salvare mille mila nonnetti…

Pfefferminz
Pfefferminz (@pfefferminz)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 16:05

Violetto, ti sarai accorto anche tu che un anno fa gli ultraottantenni con cinque patologie pregresse morivano di Covid, mentre quest’anno muoiono a causa di dette patologie o di vecchiaia che dir si voglia.

inyourarms
inyourarms (@inyourarms)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 21:25

Ho come il dubbio che tu abbia ceduto l’anima al diavolo e stia cercando rassicurazioni…. vabbè, fatti tuoi, ma parliamo dei numeri.
-I dati sono palesemente manipolati a volontà loro e forse anche ad amplificazioni “a chiamata”
-I contagiati si basano solo su chi si fa spaccare il naso ogni 2 giorni con pcr pieni di falsi positivi, i sierati possono fare cosa vogliono
-I morti? Estraggono i numeri tra i 2000 giornalieri e conviene a tanti far risultare anziani morti per “covid”
-TI? In minima parte i sieri fanno anche qualcosa, ma non dimentichiamoci che gran parte della popolazione si è immunizzata naturalmente.

JA
JA (@ja)
Utente CDC
16 Novembre 2021 10:07

E l’effetto paradosso italiano, che và anche contro la logica statistica, in cui l’ISS dice una cosa mentre i servi di regime e delle PigPharma il suo contrario:
“RAPPORTO ISS, COSA CI DICONO REALMENTE I DATI SUI VACCINI?
Non solo, secondo l’ISS dal 10 ottobre al 10 novembre vi sono stati più decessi tra i vaccinati che tra quelli che non hanno ricevuto la somministrazione. 423 erano vaccinati con doppia dose, mentre 27 con una sola, per un totale di 450 morti. Inferiore invece il dato riguardo ai morti di Covid non vaccinati che corrisponde a 416 individui.
L’effetto paradosso”
Dice l’Istituto Superiore di Sanità che “si verifica il cosiddetto ‘effetto paradosso’ per cui il numero assoluto di infezioni, ospedalizzazioni e decessi può essere simile tra vaccinati e non vaccinati, per via della progressiva diminuzione del numero di questi ultimi”.” 15/11/2021
https://www.byoblu.com/2021/11/15/istituto-superiore-sanita-rapporto-cosa-dicono-dati-su-vaccini/

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da JA
Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
16 Novembre 2021 10:27

ma lo capisci cosa è l’effetto paradosso?

ma sai contare?
1…2…3…

ce la fai?

JA
JA (@ja)
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
16 Novembre 2021 10:39

Ei bambino pensi di parlare con tua madre? Giù la cresta se non vuoi che ti mandi a cagare seduta stante.

Violetto
Violetto (@violetto)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
16 Novembre 2021 10:41

penso di parlare con una persona che non sa contare…

JA
JA (@ja)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
16 Novembre 2021 11:52

E’ il vaccino che provoca il covid
In due mesi i contagi da Covid-19 tra gli operati sanitari – tutti vaccinati – sono aumentati del 192,3%, passando dai 936 casi registrati il 14 settembre ai 2.736 del 14 novembre. Di questi, l’82% circa sono infermieri. A fare il punto sui contagi sono la Federazione nazionale ordini professioni infermieristiche e il sindacato degli infermieri Nursing Up, che hanno utilizzato i dati dell’Istituto superiore di Sanità.

Gibilterra annuncia ieri che sospende le vacanze di Natale causa esplosione dei contagi
Gibilterra è l’unico posto al mondo dove TUTTI SONO VACCINATI, 100%
https://www.maurizioblondet.it/e-il-vaccino-che-provoca-il-covid/

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da JA
danone
danone (@danone)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
16 Novembre 2021 12:11

Non scordiamoci sempre la banale influenza che di sto periodo, gli anni scorsi, ne sdraiava diversi milioni, oggi non pervenuta.
Voglio dire che finchè si usa il tampone di Paul Craig Roberts per diagnosticare contagi farlocchi, non se ne esce dalle fakes statistiche.

JA
JA (@ja)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
16 Novembre 2021 12:31

Infatti settimane fa avevano detto di aver isolato il virus dell’influenza di quest’anno
“Influenza stagionale, primi casi isolati a Torino e Milano.
“https://www.ilmessaggero.it/salute/prevenzione/influenza_ceppo_quest_anno_isolato_bambino_torino_e_milano-6252469.html

e infatti, anche se a centinaia di chilonetri di distanza, mi è venuto mal di gola e raffreddore guariti in qualche settimana. Lo strano è che, facendo la stessa vita, l’altro anno non mi è venuta nemmeno questa dato non c’era influenza: ma la pseudo-pandemia dichiarata non mi è mai venuta.

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da JA
Armin
Armin (@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
16 Novembre 2021 12:25

E’ vero. Condivido. c.v.d. I fatti contano, non le frottole delle “élite” du merde e dei loro lacché.

halak
halak (@halak)
Utente CDC
16 Novembre 2021 10:46

Il confronto delle percentuali dei casi tra le popolazioni vaccinate e non vaccinate non dovrebbe essere usato per stimare l’efficacia del vaccino contro l’infezione da COVID-19”.
Affermazione tipica. L’efficacia, ovviamente, dovrebbe essere stimata dalla pubblicità della casa produttrice. A chi chiedere se il salame è buono se non al salumiere? D’altra parte è quello che se ne intende di più. Ricorda molto il controllo della regolarità delle elezioni che fanno spesso “organismi” europei o americani nei paesi “poco affidabili”: se vince chi deve vincere, le elezioni sono regolari, altrimenti sono truccate.

IlContadino
IlContadino (@ilcontadino)
Utente CDC
16 Novembre 2021 11:12

Mo’ vi racconto questa.
Cena tra parenti, una sola persona vaccinata, per lo meno secondo i dati ufficiali, cioè secondo quanto affermato dai presenti. Io faccio il mio solito giochino di ricerca bluetooth: incredibile a dirsi, sullo schermo del telefono compaiono due codici. Fra i presenti c’è un intruso. Qualcuno si è punzecchiato a nostra insaputa, e si vuole nascondere, ma io come un provetto Sherlock Holmes l’ho sgamato.
Cena con delitto. Chi sarà il secondo codice?

danone
danone (@danone)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 12:32

Hai già fatto il test di controllo, prima di partire con le indagini?
ovvero stando da solo quanti codici ricevi?
Sai caro mio sono tempi questi che molte cose avvengono a nostra stessa insaputa :-))

Pfefferminz
Pfefferminz (@pfefferminz)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
16 Novembre 2021 13:40

Certo, con il vaccine shedding! Bisogna stare alla larga dei vaccinati, contagio in vista 😉

IlContadino
IlContadino (@ilcontadino)
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
16 Novembre 2021 14:00

Ho fatto una prova, per scrupolo, è comparsa una bottiglia di Sangiovese;)

buddyboy
buddyboy (@buddyboy)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 14:10

Scommetto che, come ha scritto Danone, era lì a tua insaputa….

CptHook
CptHook (@cpthook)
Staff CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 18:16

Uno dei migliori “disinfettanti interni” che conosco…, ne ho molta nostalgia…

emilyever
emilyever (@emilyever)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 13:53

Scusa, posso chiederti che smartphone hai, perchè non io, che ho già rivelato vado avanti con il nokia 3310, ma un’amica con un Huawei che aveva letto il tuo racconto precedente, aveva provato con persone vaccinate ma non le è venuto niente…

IlContadino
IlContadino (@ilcontadino)
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
16 Novembre 2021 13:59

Con il Huawei di mia moglie funziona, ma il mio LenovoK6 è una bomba, non me ne sfugge uno;)

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 16:39

Tra moglie e marito non mettere un Nokito!

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
16 Novembre 2021 16:10

Ma l’amica,domanda indiscreta,ha la venuta multiplex o solo clitoridea?!

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da sbregaverse
CptHook
CptHook (@cpthook)
Staff CDC
Risposta al commento di  emilyever
16 Novembre 2021 18:19

Il problema è che, a quanto pare, negli aggiornamenti del sistema operativo degli smartphone più recenti non c’è più questa funzionalità.
Riprova: ho ereditato il vecchio (almeno 4 anni, non becca più aggiornamenti) Motorola di mia moglie e rilevo i codici, mentre il suo nuovo non li rileva.

Bertozzi
Bertozzi (@bertozzi)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 15:54

Il maggiordomo!

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 16:19

Sospetto, dal tuo raccontare,che tu stia più coi piedi relegati sotto la tavola che a deambulare nel bosco!

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da sbregaverse
CptHook
CptHook (@cpthook)
Staff CDC
Risposta al commento di  IlContadino
16 Novembre 2021 18:15

Sei diabbbolico!

Armin
Armin (@armin)
Utente CDC
16 Novembre 2021 11:41

Per principio non sono attendibili i dati delle “autorità”. Una infermiera in un ospedale Italiano quasi un mese fa, ha confidato che tutti i ricoverati erano vaccinati. Ma è dovuto proprio al fatto che i vaccini-veleno INDEBOLISCONO il corpo e IL SISTEMA IMMUNITARIO. Il papa e draghi possono giurare che si arriva a 150 anni di vita, non credetegli!

Armin
Armin (@armin)
Utente CDC
16 Novembre 2021 11:58

C’è un articolo che parla che il Terzo Mondo viene in Italia e nella UE per farsi curare gratis.
Gratis o a pagamento, le sanità dell’occidente non sono molto buone, sono degradate.
Purtroppo, come le “forze dell’ordine”, senza dinero niente efficienza!
Inoltre il Terzo Mondo: c’è poco da curare, hanno la disgregazione congenita degli organismi, e neanche prendendo 100 aspirine al giorno migliora qualcosa…………….

sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
16 Novembre 2021 12:54

Il nazionale Ormellato Georgius, pontifex maximus vaccinorum atque venenorum,dixit:”Habemus ,nuntio vobis gaudium magnum,MONA CLONALIA,quia sufficiunt AD ABUNDANTIAM”
Anche per me sono sufficienti oltre il bisogno.
N.B.Il SOMMO ama le citazioni in greco,latino,sanscrito; mentre preferisce l’inglese per i termini tecnico scientifici.
P.S.Il plurale latino,corretto,per virus ,non est vira sed venena.
AD MAIORA …..SEMPER.

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da sbregaverse
uparishutrachoal
uparishutrachoal (@uparishutrachoal)
Utente CDC
16 Novembre 2021 15:01

Vaccino o non vaccino, quando arriva il freddo vero e la gente sta chiusa respirando merda, le malattie arrivano..covid o influenza.
Se poi aggiungiamo un’alimentazione calibrata quando non c’erano i riscaldamenti tecnologici, grassa e abbondante, la tenaglia dell’influenza stringe a pieno regime..
Quindi, tra poco, saremo agli ospedali pieni e ai morti assicurati..
Tutti i grafici sconclusionati, falsi o veri, confusi o taroccati, cederanno spazio alla realtà solita delle malattie prodotte dall’Inverno.
Visto poi che qualcuno ci sguazza a schiavizzare senza ritegno e col plauso collettivo, prepariamoci al confinamento per i non vaccinati..e a differenza dell’Austria dove si può passeggiare, da noi lo sarà solo mezz’ora al giorno davanti a casa..e manifestazioni ovviamente abolite..

LuxIgnis
LuxIgnis (@luxignis)
Utente CDC
16 Novembre 2021 15:06

Adesso pur di continuare con la farsa della vaccinazione a tutti i costi si stanno scagliando contro i tamponi dicendo che danno dei falsi negativi al 30%. Ma se danno dei falsi negativi allora danno anche dei falsi positivi così come abbiamo sostenuto noi “terrapiattisti” sin dall’inizio. Ma adesso gli fa comodo sostenere questo in modo da rendere ancora più violento il loro spingere verso i vaccini.
https://www.byoblu.com/2021/11/16/al-via-la-crociata-contro-i-tamponi-ecco-le-giravolte-degli-scienziati-no-test/
Questi non ammetteranno mai il loro fallimento, mai.

Bertozzi
Bertozzi (@bertozzi)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
16 Novembre 2021 15:51

Si quando l’ho sentito mi son cadute le palle. Adesso – oggi domani e magari fino a dopodomani – perché gli serve a loro il tampone è fallace, quando gli ritornerà utile tornerà ad essere il punto di appoggio di tutto il carnevale. E il popolo bue che tace e nulla si domanda.

lilithdea
lilithdea (@lilithdea)
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
17 Novembre 2021 21:55

Per il “leviatano verde” e la sua cricca proporrei un bel “tampone anale”… e mi censuro, avrei ben altro da dire!

Ultimo aggiornamento 9 giorni fa effettuato da lilithdea
sbregaverse
sbregaverse (@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
16 Novembre 2021 15:55

Le loro membra a rischiarare la notte,ignis lux!

Ultimo aggiornamento 11 giorni fa effettuato da sbregaverse
Pfefferminz
Pfefferminz (@pfefferminz)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
16 Novembre 2021 15:58

“Questi non ammetteranno mai il loro fallimento, mai.”

Mettiamola così. I medici e scienziati bravi e coscienziosi esistono – il Prof. Bhakdi dice che sono decine di migliaia in tutto il mondo -, e sono tutti dalla nostra parte, ma gli altri, quei pochi che mentono e se ne inventano sempre delle nuove, sono quelli che detengono il potere.

Il Prof. Bhakdi, a proposito, saputo del lockdown per non vaccinati in Austria, ha dichiarato che il tempo delle discussioni è finito e che inizia quello della resistenza.

emilyever
emilyever (@emilyever)
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
16 Novembre 2021 18:33

Mi sembra sia lo stesso discorso che si possa fare per il cambiamento climatico : gli scienziati di eccellenza hanno un bel mandare lettere all’Onu e ad altre autorità che la co2 prodotta dall’uomo non c’entra nulla, ma non vengono ascoltati, anzi, c’è chi propone di non portare più in televisione e sui media le loro tesi, al pari di chi nega la Shoah.

BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
16 Novembre 2021 19:31

Infatti la ratio, ed i metodi, sono sempre quelli: silenziare ed isolare i discoli, per evitare che certe scomode verità giungano alle orecchie del buon popolo, disturbando il conducente.

Pfefferminz
Pfefferminz (@pfefferminz)
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
16 Novembre 2021 20:29

Sono d’accordo. La co2 e il Covid sono sullo stesso piano nelle rispettive narrazioni.

lilithdea
lilithdea (@lilithdea)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
17 Novembre 2021 21:54

Dovrebbero essere “giustiziati”, magari facendo davvero il vaccino e non una soluzione fisiologica: vero cari Mattarella, Draghi e Francesco? Cacchinatevi voi sul serio, e lasciate stare i bambini!

lafigliadiArduin
lafigliadiArduin (@lafigliadiarduin)
Utente CDC
16 Novembre 2021 19:55

Prima d’ora non facevano che dite che il vaccino era la soluzione. Adesso hanno cambiato versione. Ma tanta gente si è vaccinata subito, non hanno avuto dubbi, là tutti in fila a far subito il vaccino. E noi presi come i criminali, schedati, indicati come untori… La cosa sta davvero degenerando…

inyourarms
inyourarms (@inyourarms)
Utente CDC
16 Novembre 2021 21:30

Chi non ha fegato, forza economica, psicologica, sociale, ceda ora le armi e si venda -insieme alla sua vita- al diavolo. E’ l’ultima chiamata.
Il fronte ha bisogno di uomini e donne che combattano il sistema con tutte le loro forze. Combattere vuol dire semplicemente non cedere il braccio e mi accontenterei anche di 5-6 milioni di persone (dati loro, tutti da verificare), quindi ritengo possibile un altro milioncino di “caduti” sotto l’effetto dei ricatti e delle propaganda.
La propaganda c’è sempre stata, nelle città vietnamite avveniva con poster o con gli autoparlanti h.24.

Da ora in poi sarà un inferno. Un inferno in trincea.
Come a Stalingrado…

Ultimo aggiornamento 10 giorni fa effettuato da inyourarms
BrunoWald
BrunoWald (@brunowald)
Utente CDC
Risposta al commento di  inyourarms
17 Novembre 2021 4:42

Ben detto! E forse non c’è mai stata una causa così nobile, decisiva e non negoziabile per cui lottare, in quanto non riguarda questo o quell’ideale, pur sempre opinabile, ma la dignità e l’integrità dell’essere umano in quanto tale, minacciato in corpo e spirito dagli arroganti mentecatti che vogliono trasformarci nel mostro di Frankenstein.

McBane
McBane (@mcbane)
Utente CDC
Risposta al commento di  inyourarms
17 Novembre 2021 10:50

5-6 milioni di pensionati o fruitori di rendite che non hanno bisogno di lavorare per campare o per far campare una famiglia, oltre a quelli che hanno le conoscenze giuste per ottenere certificati sottobanco, in Italia li trovi sicuramente. Ma combatteranno per loro stessi, non certo per “liberare” gli altri.

Ultimo aggiornamento 10 giorni fa effettuato da McBane
inyourarms
inyourarms (@inyourarms)
Utente CDC
Risposta al commento di  McBane
19 Novembre 2021 0:27

Chi ha resistito finora è lì nel mezzo, ha le possibilità per resistere ma non ha il “livello” per sbloccare il certificato finto perchè non è al giusto livello sociale, anche se in questo caso sarebbe da vigliacchi. Si combatte.

60
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x