Come i colori influenzano corpo e psiche

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

I colori sono forze che mettono in contatto con determinati campi di energia e il loro utilizzo non dovrebbe mai essere casuale. Se da un lato i colori parlano all’inconscio, stimolano associazioni, evocano esperienze, rimandano all’universo archetipico esprimendo situazioni e sollecitando reazioni, dall’altro lato dobbiamo considerare anche che si tratta di frequenze luminose di proporzioni variabili con una diversa energia elettromagnetica che ha effetto sul corpo e sulla mente. Avendo cioè ogni colore frequenze diverse, impatta nell’organismo e nella psiche a profondità e con effetti diversi.

Ecco in pratica cosa succede.

Quando guardiamo un colore non facciamo altro che convogliare su di noi delle onde elettromagnetiche. Queste onde, avendo la frequenza legata al tipo di colore relativo, penetrano nel corpo a una data profondità (a seconda della loro frequenza) e riescono ad interferire con le cellule inibendole o tonificandole. O meglio: non interferiscono direttamente con le cellule, ma con i processi sottili che le animano. Alcuni colori quindi tonificano, se c’è carenza di energia. Altri invece inibiscono, cioè disperdono gli eccessi di energia.

Se proviamo a spiegare la cosa da un punto di vista diverso, potremmo dire che i colori hanno un comportamento ben preciso nel campo delle frequenze elettromagnetiche biocompatibili (banda di frequenze: ultravioletto-visibile-infrarosso) poiché sono in grado di assorbire in modo diverso varie frequenze della banda stessa e riflettere selettivamente altre bande di frequenza. Alcuni colori cioè sono riflettenti (e attivanti sia psichicamente che fisicamente), altri invece sono assorbenti (e, stimolando il sistema parasimpatico, inibiscono e inducono rilassamento).

Tutto questo accade non solo se vediamo un colore, ma anche se pensiamo a un colore visualizzandolo. Quando pensiamo a un determinato colore, infatti, moduliamo una certa energia e ci disponiamo sulla sua frequenza.
Il che sta a significare che tra noi e i colori c’è una vera e propria interazione energetica come sa bene chi utilizza tecniche di visualizzazione come supporto nel processo di guarigione.

Molti studi, nel corso degli anni, si sono occupati di questa interazione, famosi sono gli esperimenti realizzati a inizio del ventesimo secolo allo scopo di ottimizzare il tempo lavorativo degli operai e degli impiegati nelle aziende.
Fu verificato che le persone tendevano a rimanere meno tempo possibile in un ambiente color giallo acido e così, per diminuire il tempo trascorso al gabinetto, molti bagni furono dipinti di questa tinta.
Oggi c’è una branca specifica della psicologia (molto affascinante) che continua ad esplorare questo campo, con notevoli risvolti applicativi, molti dei quali devono ancora essere esplorati ma, in realtà, le ricerche moderne non hanno fatto altro che confermare quello che già molte culture antiche conoscevano.

Ad esempio il Feng Shui – risultato di una conoscenza millenaria che affonda le sue radici nel tao, nel buddismo e nel tantra tibetano – è una vera e propria arte nel determinare il benessere e l’armonia delle persone all’interno di abitazioni e ambienti e attribuisce un particolare significato ai colori.

Anche alcuni popoli occidentali, come i Romani e prima di loro gli Egizi, hanno saputo utilizzare i colori con sapienza, basta pensare ad esempio al ROSSO che veniva usato per i locali dove si mangiava o faceva l’amore perché si era capito che è un colore che eccita i succhi gastrici e risveglia gli appetiti, anche quelli sessuali. Non solo, oggi alcuni ricercatori hanno riscontrato che il rosso e le sue sfumature (dalle più scure alle più chiare) hanno un impatto sull’adrenalina e spesso tendono a provocare un rialzo della pressione del sangue e un’accelerazione della respirazione. Non è un caso che sia le sfumature più cupe, come il bourdeaux, che anche le tonalità più chiare, fino all’arancio, rappresentino le combinazioni preferite dai casinò. Gli stessi colori sono utilizzati anche per l’illuminazione, soffusa e avvolgente e sempre composta da toni caldi. Idem sono rosse le lucine delle slot machines.
Insomma nelle sale da gioco tutto è funzionale a invogliare il cliente a continuare a giocare una partita dopo l’altra e a prendere decisioni in modo veloce sulla base di aspettative di vincita più elevate e la scelta dei colori non è per niente fortuita.

Se il rosso attiva un’energia di tipo materiale, fisico, e si associa ad un aumento della vitalità, il BLU, al contrario, è un colore freddo e ha un effetto rilassante.
Secondo una recente review (Westland et al., 2017) la luce di tonalità blu causerebbe una riduzione della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa. Tale effetto calmante interessa pure il sistema nervoso ed è confermato anche da altri lavori (AL-Ayash et al., 2016), mentre alcuni ricercatori indipendenti parlano addirittura di proprietà disinfiammanti.

Il colore VERDE, invece, aumenterebbe la concentrazione e una generale condizione di armonia: ad esempio c’è uno studio di Lee e colleghi (2015) che mostra come la semplice vista di uno scenario verde fuori dalla propria finestra (rispetto a uno di cemento) sia in grado di aumentare notevolmente attenzione e benessere percepito sul luogo di lavoro. Ciò non meraviglia dal momento che noi esseri umani siamo nati e ci siamo evoluti in contesti naturali, è di conseguenza normale che elementi quali le piante e le erbe (in cui predomina il colore verde) possano attivare un’innata propensione a reagire positivamente. Il verde risulta dalla fusione del giallo, colore della terra e portatore di calore, con il blu, tinta del cielo che porta refrigerio. È quindi il risultato armonico di due opposte energie.

Ho accennato, a titolo esemplificativo, solo a tre colori, ma può essere già sufficiente per comprendere che le sensazioni che proviamo sotto l’effetto di luci di diversa composizione spettrale non sono da sottovalutare, anzi i colori possono diventare uno strumento in più per ripristinare gli equilibri disturbati sia delle persone che degli ambienti in cui le stesse vivono.
La conoscenza del colore, allora, può essere molto utile per un più mirato utilizzo nell’arredamento, nell’illuminazione, nell’abbigliamento, perfino nell’alimentazione. E ci sono terapeuti che, per rafforzare lo stato di salute degli individui, arrivano ad applicare fasci di luce colorata su agopunti o su punti e zone reflessogene. Si parla in questo caso di cromopuntura, una particolare tecnica che viene effettuata mediante una specie di penna con la punta di cristallo che invia fasci di luce colorata alle aree reflessogene. Queste ricevono un’informazione di tipo vibratorio che, a seconda del colore e quindi della frequenza, attiva delle risposte di tipo riflesso. I colori per lo più utilizzati sono quelli dell’arcobaleno: rosso, arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola e, ovviamente, vengono scelti sulla base della conoscenza dei loro effetti e dei dati raccolti nel colloquio preliminare.

Dunque ci sarebbe un colore giusto per ogni patologia da somministrare nella forma di luce colorata irradiata sulla parte ammalata?
Secondo la cromoterapia sì, per ogni diverso disturbo c’è un colore in grado di agire efficacemente: dallo stress al mal di testa, dall’insonnia all’obesità, dall’influenza agli stati depressivi e ai problemi sessuali.

Un eventuale scetticismo è comprensibile, ma i benefici di questa pratica sono in realtà stati effettivamente riscontrati da molte persone che li hanno già sperimentati.
Ritengo, tuttavia, che sia necessaria una precisazione: quando si parla di riequilibrio non si possono tralasciare gli aspetti legati all’alimentazione e allo stile di vita poiché l’armonia e il benessere dipendono sempre da tanti fattori che si integrano e si ottimizzano l’un l’altro lavorando in sinergia.
__


ComeDonChisciotte.Org
FONTE: https://valentinabennati.it/come-i-colori-influenzano-corpo-e-psiche/

 

SUGGERIMENTI PER EVENTUALI APPROFONDIMENTI:

– Christian Valnet Cromoterapia e potere dei colori (Edizioni R.E.I.)

– Christa Muths Cromoterapia. L’uso dei colori per la cura del corpo e della psiche di (Feltrinelli)

– Luciano Maria Cavalieri Cromoterapia Cromoestetica e Fototerapia – L’impiego della luce per la salute del corpo e della mente (Il Punto d’Incontro)

– Padrini F. – Lucheroni M. T. Cromoterapia come curarsi con i colori (De Vecchi editore)

– Riedel I. Colori nella religione, nella società e nella psicoterapia (Edizioni Magi)

– Peter Mandel Manuale Pratico di Cromopuntura (Tecniche Nuove)

* * *

CDC SALUTE è una rubrica di informazioni, notizie e suggerimenti per accrescere consapevolezza e prendersi cura della propria salute da protagonisti. La visione che proponiamo è quella unitaria della persona, vista nella sua unicità di ‘essere umano multidimensionale’ in cui corpo, mente e spirito sono inestricabilmente connessi sia sul piano fisico-chimico che su quello sottile e informazionale.

Il DNA è un alfabeto specifico per ogni individuo, ma le parole con cui ognuno scrive il libro della propria vita vengono scritte man mano che si interagisce con l’ambiente. Da questo punto di vista, dunque, tutto è importante: cosa mangiamo (ma anche come, quanto e quando), cosa beviamo, l’aria che respiriamo, se facciamo attività fisica o meno, ma anche i pensieri, le emozioni, le relazioni interpersonali e il rapporto con la natura e gli altri esseri viventi.

I nostri comportamenti e le nostre scelte sono quindi in grado di favorire la salute o, al contrario, l’insorgenza o il peggioramento della malattia. Non esiste il caso, esiste la causa. Esserne consapevoli significa cambiare totalmente prospettiva e poter avere un ruolo determinante nella costruzione del nostro benessere, ma anche di quello dei nostri figli e nipoti.

E questo pone il tema della responsabilità che abbiamo verso la nostra stirpe, quella umana. Il nostro stile di vita, infatti, determina anche la salute a lungo termine delle generazioni future.

 

 

Notifica di
43 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
6 Novembre 2021 20:57

toglietele il fiasco e soprattuto toglietele la laurea scientifica (ovviamente triennale..) casomai l’abbia presa, magari con un corso per corrispondenza.

valentina bennati dixit: I colori sono forze che mettono in contatto con determinati campi di energia

In natura di forze, o meglio di interazioni, se ne conoscono solo quattro (gravitazionale, debole, forte ed elettromagnetica) e di campi (entità puramente matematiche ma utilissime per fare i conti) ce n’è uno per ogni particella elementare o composta che si conosca. Di campi o di forze associate ai colori non se n’è mai vista l’ombra, magari la fanciulla pensava alla forza elettromagnetica (che agisce fra particelle cariche quasi esclusivamente elettroni, protoni e ioni) o al campo elettromagnetico trasportato dai fotoni che a varie energie (o frequenze il che è lo stesso) vengono percepiti come colori dal nostro cervello.

Pero’ se la faccenda serve per fare un po’ di onesti quattrini capitalistici va bene pure la cromoterapia, in fondo è come tutti i buoni vecchi effetti placebo: basta crederci e funzionano davvero, previa la solita parcella in nero.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da cedric
Jacopo Brogi
Jacopo Brogi(@jacopo)
Staff CDC
Risposta al commento di  cedric
6 Novembre 2021 22:30

Si prega di utilizzare un linguaggio non offensivo. Un conto è stimolare il dibattito dicendo la propria, anche duramente, altra cosa è mettere in discussione l’integrità professionale e la credibilità dei titoli altrui, peraltro da dietro uno pseudonimo. Cortesemente si chiede di rettificare il commento. Grazie.

sbregaverse
sbregaverse(@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Jacopo Brogi
7 Novembre 2021 8:51

Jacopone il Savio,ben nascosto nella propria autentica maschera.
Messo così :ti sembra, MENO, offensivo?

Jacopo Brogi
Jacopo Brogi(@jacopo)
Staff CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
7 Novembre 2021 13:48

La mia maschera? Io ho un nome e un cognome, e mi firmo, sempre. Caro “sbregaverse”.

sbregaverse
sbregaverse(@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Jacopo Brogi
7 Novembre 2021 19:06

Si può essere più mascherati con il proprio nome ed indirizzo che…..

sbregaverse
sbregaverse(@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Jacopo Brogi
7 Novembre 2021 19:33

Non ultra ,mi dispiace,ogni urbanissimo tentativo di chiarire la mia posizione,viene inesorabilmente ghigliottinaato.
Magari anche questo!?

cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  Jacopo Brogi
8 Novembre 2021 16:28

Altrettanto cortesemente si chiede (bello il plurale maiestatis nevvero?) di indicare i termini ritenuti offensivi da codesto staff, dopodichè si valuterà l’istanza e se del caso si procederà alla rettifica

Fra l’incriminata battuta alla Jacopone da Todi (quello gaudente e scollacciato prima del crollo che fece secca la moglie e lo facesse convertire ad una vita pia) e le offese vere e proprie ce n’è parecchia di distanza, in fondo si è solo fatto un po’ di sano dileggio sulle competenze scientifiche dell’autrice, in merito alle citate forze ed ai citati campi di energia
Attendo solerte risposta da codesta direzione, sempre che non si debba cancellare (o meglio accettare di abiurare…) il post visto che non lo si può correggere…..

Cordialità

Ultimo aggiornamento 28 giorni fa effettuato da cedric
LuxIgnis
LuxIgnis(@luxignis)
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
7 Novembre 2021 9:22

Anche dal campo scientifico classico stai molto indietro con le tue conoscenze. Vi sono diverse ricerche che dimostrano l’influenza dei colori sull’organismo umano. D’altronde come potrebbe essere diversamente? Noi siamo fatti di campi elettromagnetici e quindi subiamo l’influenza dei campi elettromagnetici. Ora è chiaro e forse qui l’autrice non è stata chiarissima, che un foglio colorato non produce molto. Ma una lampada che proietta un fascio di luce, si. E ci sono delle reazioni cellulari.
Prima di criticare, in maniera, come ti è già stato detto, abbastanza meschina ed arrogante, studia.

P.S. su PubMed vi sono più di 16000 studi sulla cromoterapia
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=chromotherapy

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da LuxIgnis
cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
8 Novembre 2021 17:12

il dibattito verte sul suffisso TERAPIA unito a varie pratiche

enciclopedia treccani terapia: Studio e attuazione concreta dei mezzi e dei metodi per combattere le malattie.

il termine terapia e’ quindi legato alla cura di una malattia

In italia ci sono solo nove pratiche mediche alternative riconosciute come socialmente rilevanti e sono considerate atti medici
A) Agopuntura,  Fitoterapia,  Medicina Omeopatica, con albi professionali medici ed odontoiatrici
B) Medicina antroposofica,  Medicina Ayurvedica,  Medicina tradizionale cinese,  Omotossicologia, Osteopatia, Chiropratica che possono essere praticate anche da veterinari e farmacisti

Senza tali titoli e relativi esami di stato abilitanti si va in galera per esercizio abusivo della professione medica.

Tutti gli altri trattamenti in voga, (cromoterapia, profumoterapia, cristalloterapia,ecc) non sono terapie ma sono al più costosi passatempi utili a fare quattrini con chi ci crede.

zeppelin
zeppelin(@zeppelin)
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
7 Novembre 2021 12:25

Caro Cedric,
nella Natura inanimata forse, ma la fisica della Vita è più ricca e talvolta in contrasto con la prima.
L’esempio presentato dalla legge “Tira più un pelo di fika che un carro di buoi” dimostra che, sebbene tali forze siano difficilmente calcolabili, manchino di costanti e talvolta non si applichino proprio, esistono e hanno un potere immenso.
Che siano in contrasto con la fisica delle cose l’ha spiegato una mia amica un poco sovrappeso dicendo “un corpo celeste più ha massa più attrae, una donnna invece più ha massa meno attrae“.

In più vedere nero, vedere rosso o rosa sono modi di dire che tradiscono un’associazione di emozioni, che la fisica delle cose non conosce.
Quindi: non etichettiamo come stupidaggine un qualcosa che non siamo in grado o non abbiamo voglia di comprendere, specialmente tirando in ballo la Scienza, che mai come in questa era sta facendo danni, anche per il voler ignorare ciò che non è in grado di spiegare.

Giovanni01
Giovanni01(@giovanni01)
Utente CDC
Risposta al commento di  zeppelin
7 Novembre 2021 12:56

Ben ero a conoscenza del campo gravitazionale del pelo, avendolo pure subito, ma l’antigravità della femmina di massa critica non la conoscevo nella schietta espressione contenuta nel suo commento.
Confesserò che ho studiato parecchio un algoritmo che legasse l’attrazione con il peso a denominatore e l’età al numeratore ma senza mai raggiungere ad un soddisfacente risultato….

danone
danone(@danone)
Utente CDC
Risposta al commento di  zeppelin
7 Novembre 2021 14:38

Dica alla sua amica di leggere Malanga.
La sua ipotesi di universo olografico, alleggerirà sicuramente la sua eventuale inconsolabilità.
Se poi risulterà confermato, il dato della tesi malanghiana, che la gravità è più vicino ad un fenomeno di coscienza, piuttosto che ad un reale fenomeno di forza-energia nello spazio-tempo, che non può realmente accadere in quei termini, in un contesto olografico, la sua amica potrà festeggiare la ritrovata leggerissima sostenibilità dell’essere e iniziare ad attrarre per corridpondenze gravitazionali, piuttosto che per le linee di forza contro-inerziali.

cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  zeppelin
8 Novembre 2021 16:47

Il fenomeno tira piu’ ecc è ben noto ed è descritto accuratamente dalle interazioni ormonali del nostro organismo, quindi non c’è nulla di misterioso o esoterico. Non ci sono assolutamente forze misteriose e potenti esterne al nostro corpo a farci bramare il parter (maschio o femmina che sia) , a farlo sono i mutamenti biochimici dai nostri sensi sui meccanismi cerebrali.
Istinto di riproduzione, ricerca del partner, desiderio di accoppiamento anche a costo della vita, è un bellissimo sistema che si è autogenerato in milioni di anni di evoluzione.

La scienza non rifiuta assolutamente quello che non conosce, anzi il suo scopo è conoscere quel che ancora non si conosce.
Quello che invece l’uomo rdovrebbe rifiutare è l’accontentarsi di gratificanti spiegazioni o termini di accattivanti quali dimensioni superiori, spirito, anima, energia, conoscenze degli antichi ed altre amenità.

zeppelin
zeppelin(@zeppelin)
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
10 Novembre 2021 10:40

Quello che invece l’uomo rdovrebbe rifiutare è l’accontentarsi di gratificanti spiegazioni o termini di accattivanti quali dimensioni superiori, spirito, anima, energia, conoscenze degli antichi ed altre amenità.
Ciascuno accetta o rifiuta ciò che si merita.

L’esempio del noto detto non l’ho riportato pensando a energie di natura mistica o esoterica, ma in semplice risposta a “In natura di forze, o meglio di interazioni, se ne conoscono solo quattro…

Ma, come si dice: “con chi non è aperto al dialogo è meglio non discutere, la gente potrebbe non accorgersi della differenza”, quindi non aggiungerò altro a questo post e per rappacificare mistici e materialisti potrei proporre una soluzione simile al gatto di Schroedinger: le dimensioni superiori, lo spirito, l’anima, l’energia, le conoscenze degli antichi ed altre amenità sono sia vere che false, e, come lo stato di onda o particella dei fotoni, il loro esser vero o falso dipende da chi le osserva.
Saluti a 432hz

giovacairo
giovacairo(@giovacairo)
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
8 Novembre 2021 17:04

Chiacchiere di naturopati

zeppelin
zeppelin(@zeppelin)
Utente CDC
Risposta al commento di  giovacairo
10 Novembre 2021 11:01

I numerosi elementi forniti nel commento a supporto di quest’affermazione non possono che convincermi!
Una vera dimostrazione di spocchiosa ignoranza in tre parole.

cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  cedric
11 Novembre 2021 18:00

In risposta a Jacopo Brogi ho chiesto in data 8/11/2021 quali fossero i termini ritenuti offensivi nel commento all’articolo della naturopata, ma la risposta non è arrivata. Forse se un post è vecchio anche solo di tre giorni viene considerato come un giornale capitalistico, buono solo per incartare il pesce.
Ad ogni modo ripropongo la parte del commento incriminato corretta dopo l’assoggettazione alla richiesta di abiura per non arrecare dispiacere e forse anche nocumento alla naturopata (chi sa che mestiere sia…) Ho lasciato i verbi, magari qualcosa di ironico si intuisce lo stesso….

cedrix dixit:

toglietele il “ABIURATO” e soprattuto toglietele la “ABIURATO” (ovviamente “ABIURATO”) casomai l’abbia presa, magari con un corso per “ABIURATO”

Il resto del commento resta ovviamente assolutamente identico!

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da cedric
Jacopo Brogi
Jacopo Brogi(@jacopo)
Staff CDC
Risposta al commento di  cedric
11 Novembre 2021 23:30

Mi fa molto piacere che abbia moltissimo tempo libero da impiegare su questa questione: significa che l’articolo le trasmette qualcosa e la appassiona.
Se non ha ancora capito il perché in data 8.11.2021 intervenni per chiederle di rettificare il suo commento, e dopo tre giorni mi chiede ancora chiarimenti, ciò non dipende da me. Visto che, per sua fortuna, ha tanto tempo da impiegare ci pensi su un altro po’. Poi ci faccia sapere. Grazie mille del suo contributo.

Ultimo aggiornamento 25 giorni fa effettuato da Jacopo Brogi
cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  Jacopo Brogi
13 Novembre 2021 18:41

Vedo che hai chiuso la discussione col buon vecchio approccio che i preti riservavano ai seminaristi indisciplinati: “devi capire da solo dove hai sbagliato, solo così mostrerai il tuo sincero pentimento”.
Tutto sommato è un buon sistema e se ho prolungato con interesse la discussione è forse perchè a nessuno piace ricevere una tirata di orecchie dal severo maestro di scuola. Quindi accetto di buon grado il sermone ed in futuro mi sforzerò di riservare l’eventuale ironia solo ai contenuti degli articoli e non più agli autori ex legge 4/2013, così tutti saranno felici e contenti.
Mando i miei saluti colorati(!) alla sora Valentina.
Cordialità!

diamanteperdente
diamanteperdente(@diamanteperdente)
Utente CDC
6 Novembre 2021 22:11

Mi trovo molto d’accordo con l’affermazione che i colori abbiano un grande potere, il motivo è che spostano tutto sul piano emozionale bypassando come per magia l’intera sfera razionale. Ad esempio io sono personalmente convinto che gran parte del successo riscosso dal movimento Lgbt sia dovuto alla scelta del particolare tipo di bandiera. Oppure basti pensare al rosso Ferrari, come contribuisca all’immagine vincente del cavallino di Maranello. Gustavo Rol sosteneva di avere scoperto una spaventosa correlazione tra il colore verde e la settima musicale tipo. Beh non so voi ma io dopo aver visto il principio dell’entanglement demolire come un castello di carte i cardini della fisica tradizionale non mi stupirei più di niente. Poi è vero che in questo caso a parlare di fantasmatica azione a distanza era il ben più autorevole Albert Einstein, ma non è anche ugualmente vero che i fotoni entanglizzati all’interno della rete neuronale producano i loro vari condizionamenti proprio grazie a diverse tonalità di gradazione e intensità nell’emissione di colori?

Fedeledellacroce
Fedeledellacroce(@fedeledellacroce)
Utente CDC
Risposta al commento di  diamanteperdente
7 Novembre 2021 10:57

Mi sento in dovere di farti notare che il successo dei lgbtq+-=x é dovuto esclusivamente alla copertura mediatica e ai fondi che vengono elargiti a ‘sta manica di pederasti.
Ho amici e amiche “gay” che se ne sbattono altamente dei “diritti”. Semplicemente vivono la loro sessualitá come vogliono. E nessuno lo impedisce.
Un po’ come il covid: se non avesse la copertura mediatica e triliardi di fondi a disposizione, nessuno avrebbe timore del virus cattivone.
Poi sono d’accordo che l’arcobaleno susciti emozioni positive e che la scelta per il loro “logo” sia stata ben studiata.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Fedeledellacroce
cedric
cedric(@cedric)
Utente CDC
Risposta al commento di  diamanteperdente
8 Novembre 2021 17:27

effettivamente lo zio albertone ha sempre sostenuto che la fantasmatica azione a distanza era una pura scemenza (vedi l’articolo con i suoi assistenti Podolsky e Rosen). D’altra parte Albertone si era guadagnato il diritto di sbagliare e gli si puo’ perdonare di aver preso un granchio bello grosso.

Però a tutt’oggi l’entanglement fuziona solo in condizioni particolarissime (anche se in effetti su distanze di svariate centinaia di chilometri) e si sta provando ad ottenerlo su oggetti macroscopici (qualche centesimo di millimetro). I laser estremamente calibrati in frequenza (cioè colore!) che si usano sono ben diversi dallo spettro ad incandescenza della nostra quotidianità.
Anche se il robusto picco blu delle lampade led pare che ….

Ultimo aggiornamento 28 giorni fa effettuato da cedric
uparishutrachoal
uparishutrachoal(@uparishutrachoal)
Utente CDC
6 Novembre 2021 22:35

Sarebbe interessante sapere se il colore degli occhi condiziona la percezione dei colori percepiti..
Ma credo sia impossibile appurarlo..
Io ho gli occhi verdi..e quando vedo qualcuno col mio stesso colore, percepisco un’intima fraternita razziale prescindendo dalla tipologia fisica o etnica..
Che il colore degli occhi determini anche lo stesso ventaglio di inclinazioni psichiche?
Non ho mai letto qualcosa al riguardo..pure in letteratura esoterica..almeno quella seria..

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da uparishutrachoal
Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
7 Novembre 2021 9:15

Quindi quelli con gli occhi verdi vedono tutto verde? Da quanto ne so, i colori sono soggettivi, prova è il fatto che il bianco deve essere bianco ma ti posso assicurare che gli strumenti elettronici funzionano molto meglio degli occhi umani e che molti umani dichiarano bianco, il bianco con svariate dominanti sopra. Non credo al razzismo, non sono ebreo, però credo che un italiano all’ estero se incontra un altro italiano se lo senta istintivamente molto vicino, anche se non ha gli occhi dello stesso colore suo.

LuxIgnis
LuxIgnis(@luxignis)
Utente CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
7 Novembre 2021 9:28

No, non sarebbe possibile. Gli occhi verdi intendono l’iride verde ma la pupilla, dove entra la luce, rimane un buchetto con sopra una lente trasparente, la cornea. Quindi non influenza la nostra percezione del colore.
Ma che l’iride possa avere un valore particolare questo è vero, pensa all’iridologia.

Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
8 Novembre 2021 2:42

Pensi che si risolva tutto negli occhi, senza la complicità del cervello?

Prova questa: ferma l’auto, che avrà certo i vetri leggermente colorati, vicino a un prato molto verde (funziona anche con altri colori). Fissa il prato attraverso il vetro e, senza spostare lo sguardo, fai scendere il vetro.
Per alcuni secondi vedrai il prato di un colore diverso.
Spiegazione: Il tuo cervello sa che il prato è verde, rifiuta l’alterazione provocata dal vetro colorato e produce un colore per compensare la differenza.
Togliendo il vetro colorato per alcuni istanti vedrai il prato del colore prodotto dal cervello per compensare.

Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
6 Novembre 2021 22:37

9.11.2021 è di poco fa, ore 22.30:

“Il governo ha chiaramente perso il controllo della situazione. Si regge, ormai, solo grazie ai dipendenti statali che, per ora, obbediscono agli ordini.
Tutte le città d’Italia sono scese in piazza, per l’ennesimo sabato consecutivo contro il governo della terza dose. Sono manifestazioni enormi vista la loro totale spontaneità e l’assenza di partiti o altri apparati politici. E il regime ha risposto, ancora una volta, con violenza.”
Mi ricorda molto l’Iran dello scià, le forze armate si unirono al Popolo e fu kaputt per lo scià assassino. VIVA IL POPOLO ITALIANO!

Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
6 Novembre 2021 22:39

CORREGGO LA DATA, OGGI 6.11.2021

diamanteperdente
diamanteperdente(@diamanteperdente)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
6 Novembre 2021 22:59

Mi piace tanto questo spontaneismo, concordo con te, mi apre il cuore vedere la gente che finalmente scende in piazza. Però io credo che la linea di confine debba essere una, netta e ben condivisa: chi è pro-vaccino e pro-pandemia e chi è contro. Solo questa. E’ vero che gli statali vanno al lavoro, però molti ci vanno col tampone e non son certo contenti Inoltre alla ragione di principio ne aggiungerei una di ordine pratico: il successo delle manifestazioni di Milano, che come tu giustamente dici non sono etero-dirette da alcuna organizzazione, sta nel fatto che il primo sabato si era in tremila, il secondo in cinquemila e il sesto in diecimila…. Secondo me proprio come diceva Le Bon è irrazionale la folla e in questo caso diventa molto potente proprio il meccanismo che si autoalimenta con la crescita esponenziale del movimento. In quest’ottica non è male avere da parte ancora delle carte da giocare, come ad esempio altri lavoratori che potrebbero scendere in piazza andando a ingrossare sempre di più le fila della manifestazione. Il principio del sassolino che diventa una valanga. Potentissimo, invincibile. Piuttosto sai cosa penso? Che sarebbe sufficiente un click per vincere: se tutti oggi… Leggi tutto »

Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
Risposta al commento di  diamanteperdente
7 Novembre 2021 12:44

Molto bene, ti ringrazio.
Tutti i tipi di Lotta vanno bene. Purtroppo, nella concitazione e nell’esaltazione, si commettono degli sbagli. Non importa, la Lotta prosegue. Anche il patriota Trump è stato boicottato dal Sistema, ma ora, finalmente, apre una nuova piattaforma in internet, e spezza il monopolio dei blasfemi. Il sostegno delle “forze dell’ordine” al
governicchio infame, non credo che possa durare in eterno………
Le piattaforme di internet nemiche, vanno, come dici, sabotate, in piccolo e in grande. Si tratta di indebolire e far collassare i Sistema immondo blasfemo.
Bisogna utilizzare tutti i tipi di sabotaggio, boicottaggio e lotta,
si affina l’organizzazione del Popolo, e la lotta è sproporzionata
a nostro favore.

Giovanni01
Giovanni01(@giovanni01)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
7 Novembre 2021 13:00

Sarà che ci troveremo un ayatollah pure quà?

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Giovanni01
Armin
Armin(@armin)
Utente CDC
6 Novembre 2021 22:43

Segnalo, se permettete, che ho visto a Trieste la prima reazione del Popolo,
la polizia spingeva ed è stata attaccata, uno o due poliziotti sono caduti perterra. c.v.d.

sbregaverse
sbregaverse(@sbregaverse)
Utente CDC
Risposta al commento di  Armin
7 Novembre 2021 9:06

SE il buon giorno si vede dal mattino….

Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
7 Novembre 2021 9:07

Avendo lavorato per anni in un laboratorio fotografico, correggendo colori e dominanti, confermo quanto Valentina sostiene. Gli studi sul tema li ho portati avanti per anni, era il mio lavoro, Valentina ha trattato benissimo la materia, va detto che ad oggi, sappiamo qualcosa ma di certo non tutto. Come Valentina afferma, siamo nel campo delle energie sottili, le quali non riguardano solo il colore ed essendo sottili sono piuttosto difficili da studiare ma soprattutto da far capire.
Parlare di armonia è un modo quasi tangibile per mostrare gli effetti delle energie sottili, mentre parlare di sinergie è un pò troppo estensivo, i più cadono sotto al termine armonia. Brava Valentina, la maggior parte dello scibile umano non è esprimibile a parole, non occorre credere, basta “sentire”.

LuxIgnis
LuxIgnis(@luxignis)
Utente CDC
7 Novembre 2021 9:34

Certo che la luce colorata influenza e suscita determinate reazioni biochimiche nell’organismo. Siamo anche esseri elettromagnetici, cosa un po’ sottovalutata, e quindi ogni campo elettromagnetico ha la capacità di influenzarci.
Anche per questo le onde elettromagnetiche artificiali che ci circondano (radio, tv, 5g) potenzialmente possono essere pericolose e andrebbero studiate un po’ più a fondo.

A proposito una piccola domanda in tema: Qual è l’organo umano con il campo elettromagnetico più potente? Si può misurare a distanza anche di 1 metro.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da LuxIgnis
Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
7 Novembre 2021 9:36

Credo sia il cervello perché il cuore ha un raggio maggiore.

LuxIgnis
LuxIgnis(@luxignis)
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
7 Novembre 2021 9:46

Anch’io avrei risposto il cervello ma è l’opposto di quello che dici. Sorprendentemente, almeno per me la prima volta che ne sono venuto a conoscenza, è il cuore quello con la maggior potenza, tanto è che si potrebbe fare un elettrocardiogramma con elettrodi ad un metro di distanza!

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da LuxIgnis
Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
7 Novembre 2021 9:49

Mi sono confuso perché avevo letto che il cuore arriva molto più lontano di un metro.

LuxIgnis
LuxIgnis(@luxignis)
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
7 Novembre 2021 9:53

Beh un metro è riferito alla capacità di un elettrodo di captare l’onda, probabilmente è di più.
Comunque più è potente un campo elettromagnetico e più arriva lontano.

E’ interessante notare che gli antichi popoli ed in nativi si riferivano sempre al cuore come sede della mente e del pensiero non al cervello.
In Cinese mente si dice xin che vuol dire letteralmente cuore.

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da LuxIgnis
Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
7 Novembre 2021 23:04

Dice Goethe che i colori sono una forma della luce.

giovacairo
giovacairo(@giovacairo)
Utente CDC
8 Novembre 2021 17:01

Naturopata?
Nulla di scientifico.

43
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x