Caso clinico di pemfigoide anti-P200 a seguito del vaccino Moderna

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

“Un uomo di 74 anni si è presentato con improvvise vesciche alle estremità, mani, polsi, gomiti e piedi, che sono apparse 48 ore dopo la seconda dose del vaccino mRNA COVID-19 Moderna. Alcune vescicole localizzate solo sui suoi polsi sono apparse 10 giorni dopo la prima dose con risoluzione spontanea.
La sua storia medica includeva eczema e glaucoma. Non era stato avviato alcun trattamento aggiuntivo.
L’esame obiettivo ha rivelato numerose vesciche tese e flaccide sulla pelle infiammatoria, alle estremità (Figura 1A-D) e l’erosione rotonda dello scroto. Le membrane mucose non sono state interessate.

È stata inoltre rilevata una sede di reazione locale situata nell’area di iniezione, con linfoadenopatia ascellare. Il paziente non aveva febbre.
La valutazione di laboratorio ha mostrato solo una sindrome infiammatoria biologica discreta con una PCR di 44 mg/l senza iperleucocitosi. Non c’era ipereosinofilia. L’esame istopatologico ha mostrato separazione subepidermica.

L’infiltrato dermico era composto da numerosi eosinofili e pochi linfociti. L’immunofluorescenza diretta ha rivelato una deposizione lineare di C3 e IgG lungo il dermo giunzione epidermica (Figura 2). La pelle mostrava anticorpi IgG che erano legati solo ai lati dermici. Anticorpi contro BPAG-1, BPAG-2 e collagene VII non sono stati rilevati da ELISA. Analisi immunoblot del derma umano estratti hanno rivelato IgG4 che ha riconosciuto una banda di 200 kDa corrispondente agli anticorpi anti-p200 (Figura 3). È stata stabilita una diagnosi di pemfigoide anti-p200″[…].

Suggeriamo che la vaccinazione possa essere il fattore scatenante delle malattie bollose subepidermiche autoimmuni, stimolando il sistema immunitario con un meccanismo inspiegabile”.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO: A Case Report of Anti-P200 Pemphigoid Following COVID-19 Vaccination – PMC (nih.gov)

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/caso-clinico-di-pemfigoide-anti-p200-a-seguito-della-vaccinazione-covid-19/

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x