Home / ComeDonChisciotte / BRZEZINSKI: “OBAMA DOVREBBE ATTACCARE I JET ISRAELIANI

BRZEZINSKI: “OBAMA DOVREBBE ATTACCARE I JET ISRAELIANI

SE CERCASSERO DI COLPIRE L’IRAN”

DI JAKE TAPPER
ABC News

Il consigliere per la sicurezza nazionale dell’ex presidente Jimmy Carter, Zbigniew Brzezinski, ha rilasciato un’intervista al “The Daily Beast” in cui suggerisce che il Presidente Obama dovrebbe dire chiaramente a Israele che se tentassero di attaccare i siti delle armi [sic] nucleari iraniane la U.S. Air Force dovrebbe fermarli.

“Non siamo esattamente dei piccoli bimbi impotenti”, ha detto Brzezinski. “Dovrebbero volare sul nostro spazio aereo in Iraq. Dovremmo sederci a guardare?… Dobbiamo essere seri sulla questione di negare loro tale diritto. Ciò significa un rifiuto, e non solo a parole. Se tentassero il sorvolo, decolli e li affronti. Hanno la scelta di tornare indietro o no. Nessuno lo desidera, ma potrebbe essere un caso ‘Liberty’ al contrario.”
La USS Liberty era una nave di ricerche tecniche della U.S. Navy che la Israeli Air Force attaccò per sbaglio durante la guerra dei Sei Giorni nel 1967 [In realtà ci sono forti sospetti che l’attacco fosse voluto. Si veda qui, qui, e qui. N.d.t.].Brzezinski appoggiò la campagna presidenziale dell’allora senatore Obama nell’Agosto 2007, cosa che venne presentata dai media come una forte spinta alle credenziali in politica estera di Obama. Il Washington Post scrisse: “Barack Obama, impegnato a combattere la percezione che egli sia troppo giovane e inesperto per gestire un mondo pericoloso, ha ricevuto ieri una forte spinta da un modello di eminenza della politica estera, Zbigniew Brzezinski.”

Brzezinski non è mai stato ufficialmente un consulente della campagna elettorale, ma i repubblicani si gettarono contro la sua investitura per spingere l’idea che Obama non sarebbe stato un amico di Israele, dato che le idee di Brzezinski su Israele hanno attratto critiche da alcuni settori della comunità ebraica americana.

“Brzezinski non è un consigliere della campagna elettorale” disse allora l’ex ambasciatore Dennis Ross, consulente anziano per gli affari mediorientali della campagna di Obama. “Viene sparsa molta disinformazione, ma non è un consigliere della campagna elettorale. Brzezinski è uscito allo scoperto e ha appoggiato subito Obama a causa della guerra in Iraq. Un anno fa o giù di lì si sono parlati un paio di volte. Tutto qui, e il senatore Obama ha chiarito che su altre questioni mediorientali non prende a modello Brzezinski. Non hanno le stesse idee.”

Brzezinski non ricopre ruoli nell’amministrazione Obama; la Casa Bianca non ha prontamente risposto a una richiesta di commenti.

I commenti di Brzezinski giungono la stessa settimana in cui la Casa Bianca ha preso le distanze dai commenti dell’ex presidente Carter, che ha detto di credere che “una soverchiante parte della forte animosità dimostrata nei confronti del presidente Barack Obama è basata sul fatto che è un uomo di colore”.

AGGIORNAMENTO: il presidente russo Dmitriy Medvedev ha detto alla CNN che il presidente israeliano Shimon Peres gli ha assicurato che Israele non attaccherà l’Iran.

“E’ la cosa peggiore che si possa immaginare”, ha detto Medvedev. “Cosa accadrebbe poi? Una catastrofe umanitaria, un grande numero di rifugiati. E l’Iran vorrebbe vendetta, e non solo contro Israele, ma anche contro altri paesi. Gli eventi nella regione diventerebbero completamente imprevedibili. Penso che l’entità di tale catastrofe non sarebbe paragonabile a null’altro. Perciò, prima di prendere la decisione di lanciare qualunque attacco, bisogna considerare appieno la situazione. Sarebbe il modo più irrazionale di affrontare la questione. Ma i miei colleghi israeliani mi hanno detto che non stanno pianificando una cosa simile. E io credo loro.”

Titolo originale: “Obama Should Attack Israeli Jets if They Try to Attack Iran: Zbigniew Brzezinski: “

Fonte: http://blogs.abcnews.com
Link
20.09.2009

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di ALCENERO

Pubblicato da Das schloss

  • TizianoS

    Se Brzezinski e Medvedev hanno detto quello che hanno detto, o anche se avessero detto il contrario di quello che hanno detto, una cosa sola è certa: che sono stati informati che Israele ha in programma un attacco all’Iran.

    Può anche darsi che Israele bluffi, e voglia solo fare la faccia feroce, e stia invece preparando un altro 11 settembre o comunque qualcosa di molto grave da attribuire all’Iran (o ai suoi alleati) per trovare un pretesto per poterlo attaccare.

    Può anche darsi che Brzezinski faccia semplice depistaggio, ma che in realtà poi lasci fare, a parte il fatto che egli ufficialmente non ha nessun incarico nell’Amministrazione.

    Ma quando non si sa niente di preciso, è meglio tacere ed aspettare gli eventi.

  • AlbaKan

    Non vedo di cosa ci si dovrebbe sorprendere, di sicuro “qualcosa bolle in pentola”…forse un altro 11 settembre, come ha detto l’utente del commento precedente, o forse qualcos’altro, ma quello che è certo è che Obama è un burattino nelle mani dell’èlite, come lo è stato il 90% dei presidenti Usa. Consiglio la visione di questa intervista a Webster Tarpley, che risale a nov 2008….quando ancora Obama non era stato eletto, ma Tarpley ha descritto la fura strategia militare, che come vediamo in Afghanistan, è stata profetica….quindi possiamo essere certi che tutto quello che prevede sull’Iran, Cina o Russia si avvererà lo stesso!
    L’UOMO DIETRO BARAK OBAMA (1/2) [www.youtube.com] L’UOMO DIETRO BARAK OBAMA (2/2) [www.youtube.com]

  • 1sasso

    MA DAI …gli americani stanno aspettando che i zionisti israeliani finiscano di riinghiare.
    avete presente una cane rabbioso stretto all’angolo e impaurito?
    Abbaia ringhia sbava si caga addosso ma poi finisce per mangiarsi le sue stesse feci.
    Sarà divertente registrare questa fase tra le dichiarazioni diplomatiche di buona educazione tra “stati”

  • redme

    come no….usa vs israele…..putin, obama….ricchi premi e cotillons….e intanto l’unica cosa certa sono i nuovi insediamenti….fintare il gancio e colpire al fegato…disinformazione e false flags….saluti

  • maumau1

    io sono più propenso a credere che qualche altro attentanto lo faranno per evitare che qualcuno pensi al ritiro dall’Afghanistan o pure dall’Iraq
    e perchè no proiettarsi sull’Iran o costringerlo a patti amichevoli o a cedere i diritti di estrazione anche agli USA…
    D’altronde si sono piegati davanti a Gheddafi che ora partecipa anche all’ONU,la Rice lo ha sdoganato l’anno scorso e gli UK gli hanno rimandato l’attentatore di Lockerbie ammettendo chiaramente che è per motivi di petrolio…

    Se Ahmadinejad concedesse e aprisse i suoi pozzi(che sono i primi al mondo,di fatto!) diventerebbe agli occhi della stampa molto più mite..
    ma non gli sarà permesso di inibire una tale ricchezza energetica ai principali consumatori al mondo,gli USA perchè questo è visto come un attentato alla sicurezza degli USA ,e ricordo le parole di Kissinger che negli anni 80 disse quando nel medioriente si era creato un pò di casino ,”un qualsiasi attacco agli interessi energetici USA,verrà interpretato come un attacco alla sua sicurezza e quindi ci riserviamo di rispondere in tutte le maniere possibili non escludendo anche l’opzione nucleare”

    ciao

  • Tonguessy

    cotillons= cotiglioni in italiano. Basta con tutte queste esterofilie, please!

  • LucaV

    Sul nostro spazio aereo iracheno….e meno male che esportano democrazia! L’iraq è loro. PUNTO.
    Per il resto chi vivrà vedrà..ne ho letti troppi di articoli sul possibile attacco contro l’iran…bla bla bla.

  • redme

    sorry…ho cercato cotiglioni su accademia della crusca e su treccani…nessun risultato…e poi non mi faccio di questi problemi, l’importante è capirsi…ossequi messere

  • marco76

    Tarpley nel secondo filmato parla dei missili in Polonia e Repubblica Ceca…
    E proprio di pochi giorni fa la notizia dell’abbandono di Obama di queste installazioni fortemente volute da Bush Cheney…
    Mi sembra che il pensiero di Tarpley non abbia avuto particolari riscontri…

  • Tonguessy

    la lobby dei neocrusc non ha ancora appianato quest’ignobile intrusione francofona? Mah, non è più come una volta….ossequiose salutanze

  • AlbaKan

    Penso che sia presto per dirlo, anche in campagna elettorale parlava di ritiro dall’Iraq, che si è poi rivelato una bufala in quanto dall’Iraq NON si va via…spostare un pò di soldati in AfPak…per intensificare la guerra lì…non è un ritiro….si gioca a risiko?

  • marco76

    Non sono un difensore di Obama, sia chiaro. Credo che chiunque arrivi a governare il Paese piu potente del mondo, anzi chiunque arrivi a governare qualsiasi paese, abbia dietro di se chi lo indirizza nelle sue decisioni (diciamola cosi)….
    Facevo notare solo che ad oggi questa previsione relativa ai missili in Polonia e lontana dall’avverarsi…
    Tutto qui…
    Giusto ieri leggevo dello schieramento degli Usa con la Russia contro Israele, oggi si dice che gli Usa vogliano colpire la Russia e la Cina…Se ne sentono un po di tutti i colori, giustamente poi alla fine qualcuno ci azzecca.
    Saluti

  • Nellibus1985

    Brzezinski ha perfettamente ragione. Sono mesi che Israele minaccia di attaccare l’Iran e, a differenza di Ahmadinejad, Nethanyau dispone di un nutrito arsenale nucleare che non si sa bene a che titolo vuole impedire a Teheran di creare, ammesso e non concesso che siano queste le sue mire. Noto con piacere che, dopo decenni di ammiccate alla più violenta politica estera di Israele, Europa e Stati Uniti stanno cominciando a fissare qualche paletto.

  • Galileo

    Bene. Quindi abbiamo una sicurezza, Medvedev ha detto che il presidente israeliano Shimon Peres gli ha assicurato che Israele non attaccherà l’Iran.

    Se mentono, gli tagliamo la testa.