Bambina di 11 anni muore quattro giorni dopo il vaccino anti Covid-19

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Izabella da Silva, 11 anni, è deceduta l’8 aprile dopo aver ricevuto il vaccino covid-19. Secondo il deputato statale Ricardo Arruda, la scuola avrebbe fatto pressioni e minacciato la bambina.

Secondo quanto riferito, la scuola avrebbe minacciato la famiglia di escludere dalla frequenza scolastica la ragazzina dopo aver denunciato i genitori al Consiglio di tutela, se non avesse proceduto alla vaccinazione.

Izabella ha ricevuto il vaccino il 4 aprile. Ha iniziato a provare forti mal di testa pochi giorni dopo ed è morta l’8 aprile.

Brasilsemmedo ha riferito:

Secondo i rapporti, la ragazza sarebbe stata minacciata dalla direzione della scuola in cui studiava. Secondo quanto riferito, la direzione della scuola ha fatto sapere che se Izabella non avesse ricevuto il vaccino, i suoi genitori sarebbero stati segnalati al Consiglio di tutela e sarebbe stata tolta dalla tutela dei suoi genitori, ha informato il deputato statale Ricardo Arruda (PL-PR).

Izabella ha ricevuto il vaccino il 4 aprile, pochi giorni dopo ha iniziato a provare forti mal di testa ed è morta l’8 aprile, appena quattro giorni dopo la vaccinazione.

In un video pubblicato sui suoi social network, il deputato Arruda afferma che il Ministero del Paraná ha emesso una lettera rivolta a tutte le scuole, chiedendo che i genitori di bambini non vaccinati fossero segnalati alle autorità competenti. La lettera è stata scritta dai promotori Suzana Lacerda, Joselaine Andrade Serra e Révia de Paula Luna, di Londrina.

Ricardo Arruda ha denunciato il caso in un discorso all’Assemblea di Stato.

Izabella, una bambina sana, senza alcuna comorbilità, in perfetta salute, i suoi genitori non volevano vaccinarla, ma la direzione della scuola l’ha messa sotto pressione, minacciando di presentare una denuncia al consiglio di tutela, come indicato dal Ministero pubblico del Paraná. L’hanno minacciata dicendo che avrebbe potuto perdere la sua famiglia”, ha detto il deputato durante un discorso all’Assemblea legislativa del Paraná.

“I genitori non volevano vaccinare la bambina – guardate cosa hanno fatto – hanno detto che, se non fosse stata vaccinata, i suoi genitori sarebbero stati segnalati al Consiglio di tutela, come indicato dal Ministero. Potresti perdere i tuoi genitori, le dissero. La bambina è tornata a casa terrorizzata e ha chiesto al padre di essere vaccinata”, dice la deputata, che si tiene in contatto con i genitori di Izabella.

“C’è la prova che il decesso sia avvenuto a causa del vaccino?” chiede il deputato, poi risponde che non c’è ancora, poiché l’esame sarà pronto tra quattro mesi. Poi, citando il dottor Roberto Zeballos, aggiunge: “Il pubblico è informato che, secondo i dati del CDC e della FDA, agenzie americane, il tasso di sopravvivenza dei bambini infetti da covid-19 è del 99,99%, mentre gli effetti avversi della vaccinazione sono noti, tra questi, la miocardite”.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/una-bambina-di-11-anni-e-morta-quattro-giorni-dopo-essere-stata-minacciata-e-costretta-a-ricevere-il-vaccino-covid/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x