Attore spagnolo in terapia intensiva con il Covid dopo la terza dose

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Il popolare attore Antonio Resines, 67 anni , protagonista in oltre quarant’anni di carriera di 71 film, è ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Gregorio Marañón di Madrid.

L’attore spagnolo è risultato positivo poche settimane aver ricevuto la terza dose.

Antonio Resines ha vinto il premio Goya, il più importante riconoscimento cinematografico spagnolo, nel 1997 come Miglior attore maschile protagonista nel film “La buena estrella” (La buona stella).

Tra i suoi successi anche tre “Cornici d’Argento” (nel 1990, 1998 e 2003) e due successi all’Accademia della televisione spagnola nel 1998, come Migliore interpretazione maschile in “A las once en casa”, e nel 2003, come Miglior interpretazione maschile in “Los Serrano”.

Dopo una lunga carriera teatrale, Antonio Resines ha debuttato sul grande schermo nel 1980 nel film “Opera prima“, di Fernando Trueba.

L’anno successivo è protagonista di uno spettacolo teatrale di grande popolarità, “Boom” e nel 1988 prende parte a “Svegliati, che non è poco“, di José Luis Cuerda.

Il primo ruolo importante arriva nel 1997, nel film “La buona stella“, grazie al quale vince il Premio Goya (l’Oscar spagnolo). Anche l’anno successivo viene candidato al medesimo premio, per il ruolo di Blas Fontiveros, nella pellicola “La niña dei tuoi sogni“, lavorando assieme ad attori del calibro di Penélope Cruz.

Dal 2003 al 2008 è protagonista della serie televisiva “Los Serrano“, di grande fama in Spagna. Nello stesso periodo si esibisce come comico, facendo cabaret in vari locali. È attivista per i diritti LGBT, dei poveri e degli anziani. Nel 2016 affianca Penélope Cruz nel film “The Queen of Spain“.

Fonte articolo: https://www.eventiavversinews.it/lattore-spagnolo-antonio-resinas-ricoverato-in-terapia-intensiva-dopo-la-terza-dose/

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x