Home / ComeDonChisciotte / ALTO TRADIMENTO CON BEFFA FINALE

ALTO TRADIMENTO CON BEFFA FINALE

DI LINO ROSSI
Soldi Online

L’Italia è una repubblica oligarchica fondata sulle rendite. La sovranità appartiene al mercato che la esercita a suo piacimento nel pieno disprezzo della Costituzione ufficiale; il lavoro è sottomesso alle decisioni del mercato, anche quelle occulte ed inconfessabili

Sono circa 30 anni che quello sopra riportato è, di fatto, il primo articolo della costituzione reale del nostro paese, nonché il vangelo di Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, Banca per i Regolamenti Internazionali, ecc…

I nostri guai iniziarono nel 1970 con la controrivoluzione “monetarista” di Milton Friedman (1) che ha realizzato una tragica profezia di Kalecki (2).

Entrò pesantemente in vigore:

  • in Cile, l’11 settembre 1973 con l’abbattimento del governo democratico di Allende;
  • in Argentina, nel 1976 con la dittatura Videla (3);
  • negli Stati Uniti, il 6 Agosto 1979 con l’avvento a capo della FED di Paul Volcker (4), recentemente riesumato da Obama (è assai poco probabile che il lupo perda il vizio);
  • da noi, nel settembre ’79 con l’avvento a capo di bankitalia di Ciampi, al posto del mai sufficientemente rimpianto Paolo Baffi, caduto politicamente sotto il fuoco incrociato delle brigate rosse e della magistratura deviata (5);
  • fortunatamente per loro, in Francia ed in Germania, solo negli anni ’90 col trattato di Maastricht.
Era il mercato e l’esigenza di stare al passo coi tempi che volevano i nostri Tassi Ufficiali di Sconto costantemente superiori all’inflazione (6), portandoci il rapporto debito PIL dal 60 al 124% in pochi anni. Il protagonista politico di questo scempio ne era perfettamente consapevole (7).

Era il mercato e l’esigenza di stare al passo coi tempi che volevano l’abbandono della Politica Monetaria di Einaudi e Menichella caratterizzata da alta Base Monetaria e basso moltiplicatore bancario; quella PM che fece regredire il rapporto debito PIL dal 107,9 del 1943 al 32,5 del 1963 (8).

Era il mercato e l’esigenza di stare al passo coi tempi che volevano l’abbandono della vecchia legge bancaria redatta negli anni ’30 proprio per contrastare gli eccessi che portarono alla crisi del ’29.

Era il mercato e l’esigenza di stare al passo coi tempi che volevano la drastica riduzione dei redditi da lavoro a vantaggio delle rendite; di qui l’esigenza forsennata ed isterica della globalizzazione, costi quel che costi: minor costo del lavoro = maggiore rendita parassitaria.

La lista sarebbe lunghissima; evito di riportarla.

Ovviamente i nostri responsabili del secondo dopoguerra non erano dei fenomeni; erano semplicemente uomini che rispettavano le regole e non baravano.

La Costituzione diceva che la nostra repubblica era fondata sul lavoro? Bene! Operavano in questo senso!

Alzando la Base Monetaria e contraendo il moltiplicatore bancario si favoriva, in solido, il lavoro, l’economia reale, la giustizia sociale che uno Stato può portare con sé; questo non significava che la proprietà e le rendite erano criminalizzate: significava semplicemente che andavano coordinate col lavoro e le altre funzioni sociali essenziali in modo da avere un sistema sostenibile, come ben teorizzato da Keynes e come ben sperimentato in tutto il mondo fino agli anni ‘70. Abbandonando quella Politica Monetaria ed adottando quella monetarista friedmaniana, di fatto, si è introdotto il primato del mercato e delle rendite sul lavoro, addivenendo inevitabilmente a quello squallido primo articolo della costituzione deviata di cui all’inizio di questo intervento; addivenendo inevitabilmente ad una configurazione socio-economica decisamente insostenibile. Solo Brunetta non se ne è ancora accorto (9).

I disastri inflattivi degli anni ’70 erano perfettamente risolvibili nell’ambito della Politica Monetaria keynesiana vigente, senza necessariamente abbandonarla a favore di quella monetarista. Ma le esigenze miopi dell’elite non avevano nessun interesse a far funzionare bene il sistema socio-economico globale; Kalecki docet.

Dalla fine degli anni ’70 siamo stati costantemente traditi, e la nostra Costituzione è stata costantemente tradita, dal Parlamento di turno, dal Governo di turno, dal Presidente della Repubblica di turno, dalla Corte Costituzionale di turno (10).

L’ultimo dell’anno abbiamo subito anche l’inevitabile “beffa” (11).

Ha detto il Capo dello Stato: “Per l’Italia, la prova più alta in cui si riassumono tutte le altre, è quella della nostra capacità di unire le forze, di ritrovare quel senso di un comune destino e quello slancio di coesione nazionale che in altri momenti cruciali della nostra storia abbiamo saputo esprimere. Ci riuscimmo quando dovemmo fare i conti con la terribile eredità della seconda guerra mondiale : potemmo così ricostruire il paese, far rinascere la democrazia, stipulare concordemente quel patto costituzionale che è ancora vivo e operante sessant’anni dopo, creare le condizioni di quella lunga stagione di sviluppo economico e civile che ha trasformato l’Italia.”

È verissimo che con gli strumenti che abbiamo impiegato nel secondo dopoguerra si potrebbe risolvere velocemente la crisi (12). Non si può non concordare, ma bisogna anche abbandonare immediatamente ed al livello planetario la politica monetaria che ci ha portato a questa condizione.

È proprio grazie allo scellerato comportamento trentennale di Parlamento, Governo, Presidente della Repubblica e Corte Costituzionale che non possiamo utilizzare quegli strumenti fondamentali e basilari della Politica Monetaria che ci hanno permesso di risorgere nel secondo dopoguerra. Senza quegli strumenti ci troviamo con le mani legate dietro la schiena, impossibilitati a reagire come si dovrebbe.

Non è possibile ascoltare quelle parole proprio da chi ha operato negli ultimi 30 anni nella direzione opposta, prendendo in giro, fra l’altro, i suoi stessi elettori. La sudditanza al dogma del primato del mercato di Napolitano, Ciampi, Amato, Prodi, D’Alema, Bersani, Brunetta, Martino, Tremonti (fino a pochissimi anni fa), ecc. è stata assoluta.

Sono stati calpestati ed ingannati sia i cittadini che la Costituzione.

Faccia il Presidente della Repubblica il suo dovere e richiami i responsabili politici al rispetto formale e sostanziale della nostra Carta fondamentale a partire dal primo articolo, primo e secondo comma! È vero che l’articolo 117 (13) ci mette nelle mani dell’elite mercatista e lobbista che spadroneggia a Bruxelles (14), ma è anche vero che l’attuale crisi può essere risolta solo col pesante ritorno in campo della Politica. E la Politica può, sia in un’ottica nazionale e limitata, modificare l’art. 117, sia, a più ampio respiro, cambiare registro a Bruxelles, a Francoforte, a Basilea, a Londra ed a Washington. Qualora il Presidente non lo faccia, abbia perlomeno il pudore di evitare l’argomento del nostro sviluppo economico e della crisi.

Lino Rossi
linorossi@stilrossi.it

  1.  Milton Friedman – The Counter-Revolution in Monetary Theory. 1970.
  2. L’economia Keynesiana oggi (1977)
    M. Kalecki: “Durante la depressione, sotto la pressione delle masse o anche senza di essa, verranno intrapresi investimenti pubblici finanziati mediante prestiti per prevenire la disoccupazione di massa. Tuttavia, se saranno fatti tentativi per applicare questo metodo allo scopo di conservare l’alto livello di occupazione raggiunto nell’espansione successiva è probabile che verrà incontrata una forte opposizione da parte dei “dirigenti d’impresa”. Come è stato sostenuto la piena occupazione non è affatto di loro gradimento. I lavoratori “sfuggirebbero al controllo” e i “capitani d’industria” sarebbero ansiosi di “dargli una lezione”. Inoltre l’aumento dei prezzi nell’ascesa è svantaggioso per i piccoli e grandi rentiers, e perciò anch’essi sono ostili all’espansione. In tali condizioni è probabile che si formi un potente blocco tra gli interessi delle grandi imprese e dei rentiers e che essi trovino più di un economista disposto a dichiarare che la situazione è evidentemente insana. E assai probabile che la pressione di tutte queste forze, e in particolare delle grandi imprese indurrà il governo a tornare alla politica ortodossa di diminuzione del deficit di bilancio”.
  3. Europa: omissione di soccorso!
  4. Paul Volcker
  5. Dal diario di Paolo Baffi
  6. La genesi del debito pubblico in Italia
    Le vere cause della crescita del debito pubblico
  7. Il divorzio fra Stato e bankitalia
    Nino Andreatta: “…Naturalmente la riduzione del signoraggio monetario e i tassi di interesse positivi in termini reali si tradussero rapidamente in un nuovo grave problema per la politica economica, aumentando il fabbisogno del Tesoro e l’escalation della crescita del debito rispetto al prodotto nazionale.”
  8. Note sul debito pubblico italiano dal 1885 al 2001
  9. Ancora confuso l'”economista” Brunetta
    Il ministro Brunetta: «Dopo 17 anni di crescita uno stallo è normale. Prepariamoci alla ripresa»
  10. Alto tradimento
    La depenalizzazione dell’alto tradimento è stata approvata nel febbraio 2005 con una larga maggioranza trasversale, assieme a quella di altri reati, tra cui l’oltraggio alla bandiera, declassato a semplice illecito sanabile in via amministrativa.
  11. Napolitano:”Reagire alla crisi”
  12. Crisi, la soluzione ci sarebbe
  13. art. 117: “… La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali. …”
  14. Barroso e gli Ogm: le multinazionali stringono il cappio sull’agricoltura
    “I servi delle multinazionali contro l’agricoltura europea. Veniamo a sapere solo ora che l’estate scorsa il Presidente della Commissione Europea Barroso, ha organizzato in gran segreto una riunione speciale di burocrati al fine di far approvare in tempi brevi l’introduzione massiccia di OGM in Europa. Per fortuna il giornale britannico Indipendent lo ha scoperto, denunciando l’ennesima operazione “dietro le quinte” dei sedicenti governanti (non eletti da nessuno!) dell’Unione Europea.”

Lino Rossi
Fonte: http://www.soldionline.it/
Link: http://www.soldionline.it/saperinvestire/economia-e-societa/alto-tradimento-con-beffa-finale
09.01.2009

Pubblicato da God

  • calliope

    Mi spiace ma credo che ormai non siamo più padroni del nostro destino,
    quando sei ai confini dell’Impero sei sempre fuori tempo massimo,
    sperare in un miracolo… le favole son finite!!!

  • Galileo

    Ma perchè non va ai funerali il capo dello Stato e stia in rigoroso silenzio invece di venirci a raccontare la storia del comune destino e slancio di coesione nazionale?

    Manco forse una partita di calcio…

  • portoBF

    Questi politici europei e italiani sono come un cancro, fanno morire la gente piano-piano e dolorosamente. I complici? vaticano, magistratura, forze dell’ordine(?) e naturalmente, la gran parte degli elettori, lobotomizzati, che li votano, perchè secondo loro è un diritto-dovere del buon cittadino. Tanti saluti…………, loro ringraziano sentitamente.

  • rosacroce

    concordo pienamente.

  • rosacroce

    concordo in buona parte con lino rossi,sull’analisi esposta
    ,ma penso sia tardiva e insufficiente,data la gravità della situazione economica.
    Penso che aver privilegiato le rendite,a scapito del lavoro da parte della oligarchia,sia stata una necessità, data l’alta improduttività del sistema e il calo crescente dei profitti di sistema.
    infatti pagare un affitto 800 euro, con un salario di 800 euro,è una pazzia,che non può durare.
    i casi sono due: o crescono i salari o scende l’affitto,(e i prezzi delle case),
    o si privilegia il lavoro,o il capitale.si è scelto il capitale,ma non dura,
    presto il mercato riporterà all’equilibrio,che lo voglia o no chi è al potere.
    la crisi farà crollare i prezzi di case e degli affitti,chi si illude di pagare salari uguali all’affitto resterà deluso…….
    è una ILLUSIONE,ciò non è POSSIBILE.con i salari di oggi un affitto deve essere sui 200 euro al max.ù
    andare contro questo è come scalare le montagne con 3 quintali sulle spalle,prima o poi cadi e ti fai MOLTO MALE.

  • rosacroce

    dice la rouche:i valori degli immobili dipendono dal salario medio,per questo motivo è logico pensare che i prezzi di case e casette dovranno scendere a 1/5, 1/6 degli attuali valori.
    non esiste rendita assoluta che vale di per se,la rendita dipende dal salario medio di quella zona,è il salario che determina la rendita ,non viceversa.
    con disoccupati in aumento,il salario cala,quindi le rendite crollano,è quello che sta succedendo.

  • snypex

    L.Rossi e’ un ottimista, crede che coloro che ha citato, abbiano agito in buona fede…

  • adriano_53

    mai come di questi tempi uno spettro s’aggira sogghignante per il mondo: il vecchio e barbuto tedesco dell’ottocento che risponde al nome di Carlo Marx. Famoso per aver scritto alcuni libelli( alcuni con titoli molto strani) e per una diabolica capacità di rispuntar fuori ogni volta che lo si dava per morto, il vecchio sembra abbia ancora qualcosa da dire in questo suo ennesimo ritorno nel mondo dei morti viventi.

    Di passaggio: Barroso & soci hanno già ottenuto i loro scopi sugli OGM: uno di questi è ministro della Funzione Pubblica in Italia.
    Ragion per cui non aspettarti, caro Lino, che allo stato attuale della pseudoscienza sugli OGM questi siano in grado di apprendere alcunchè.

  • rosacroce

    siamo governati da deficienti,ma la pagheranno cara

  • myone

    e che e’ di sinistra. cio’ significa che dx sx ecc sono uguali. se gli italiani risolvono questa cosa, arabi e ebrei risolveranno la loro.

  • virgo_sine_macula

    Forse se il vecchio barbuto e sogghignante tedesco avesse avuto la possibilita’ di vedere che disastri , che crimini e che ingiustizie hanno commesso i regimi comunisti che hanno tentato di applicare le sue teorie
    si toglierebbe il ghigno dalla faccia e si pentirebbe di averne la paternita’ spirituale.

  • virgo_sine_macula

    Mi spieghi cortesemente come Vaticano e magistratura sono responsabili
    di questa situazione?

  • zeppelin

    Forse se il giovane e profondo ebreo crocifisso avesse avuto la possibilita’ di vedere che disastri , che crimini e che ingiustizie hanno commesso i regimi cattolici che hanno operato in Suo nome, si toglierebbe la corona di spine e si pentirebbe di averne la paternita’ spirituale?

  • Spock

    ….magari avessi ragione e si avverassero le tue profezie! Purtroppo il sistema non intende mollare l’osso ne’ adeguarsi ai tempi. Inoltre lo scenario mondiale fa paura. Brutta storia.

  • calliope

    Forse se il giovane e curioso ABRAMO avesse avuto la possibilita’ di vedere che disastri , che crimini e che ingiustizie hanno commesso i suoi discendenti che hanno abusato del suo nome,
    non avrebbe ascoltato le voci nella sua testa frutto di allucinazioni da droghe se ne sarebbe rimasto in IRAQ?

  • Eli

    Tutti i politici citati nell’articolo di Lino Rossi sono MASSONI. Vorrà dire qualcosa?

  • marimari

    no le rendite non calano per tutti, aumentano solo per una cupola sempre più esigua

  • marimari

    le rendite non sono solo gli immobili
    le nuove rendite sulle quali l’elite globale sta mettendo le mani sono le utilities, energia rifiuti acqua trasporti poste pedaggi autostradali aeroporti porti stazioni centri commerciali ecc ecc persino il demanio pubblico …
    per dire che le rendite passano dai piccoli o grandi proprietari di immobili a i titolari di gestione di utilities con tanto di sovvenzioni pubbliche: rendite assicurate + sovvenzioni pubbliche
    Le nuove rendite deriveranno anche sempre di più dai nuovi latifondi creatisi con denaro sporco massomafioso: l’ingiustizia estrema: credit crunch + monopolio fondiario…

  • Marlowe

    sto cercando qualcosa in rete su lino rossi, ma non trovo niente. un libro da leggere, una pagina internet sua… qualcuno mi sa aiutare?

  • lino-rossi

    http://www.youtube.com/watch?v=gIq14KsbMr0

    questo sono io prima che realizzassi che la base monetaria è un debito non oneroso, e quindi quando ero ancora signoraggista.

    negli articoli c’è la mia mail, quindi se hai delle domande puoi farmele.

    il libro è in cantiere e tratterà di politica monetaria