Alcuni di noi non pensano che l’invasione russa sia stata “un’aggressione”. Ecco perché.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

Mike Whitney – The Unz Review – 9 ottobre 2022

 

Non stiamo minacciando nessuno… Abbiamo chiarito che qualsiasi ulteriore spostamento della NATO verso Est è inaccettabile. Non c’è nulla di poco chiaro in questo. Non stiamo schierando i nostri missili al confine con gli Stati Uniti, ma gli Stati Uniti stanno schierando i loro missili davanti casa nostra. Chiediamo troppo? Chiediamo solo che non dispieghino i loro sistemi di attacco a casa nostra…. Cosa c’è di così difficile da capire?”. Presidente russo Vladimir Putin, YouTube, inizio al secondo 48.

 

Immaginate se l’esercito messicano iniziasse a bombardare con colpi di artiglieria pesante gli emigrati americani che vivono in Messico, uccidendone migliaia e lasciandone altre migliaia feriti. Cosa pensate che farebbe Joe Biden?

Scrollerebbe le spalle come se fosse una cosa da niente e passerebbe oltre o minaccerebbe il governo messicano con un’invasione militare che annienterebbe l’esercito messicano, raderebbe al suolo le città più grandi e farebbe correre il governo al riparo?

Quale di queste due opzioni pensate che Biden sceglierebbe?

Non c’è alcun dubbio su cosa farebbe Biden, né su cosa farebbero i 45 presidenti che lo hanno preceduto. Nessun leader degli Stati Uniti starebbe a guardare senza fare nulla mentre migliaia di americani vengono selvaggiamente massacrati da un governo straniero. Non accadrebbe mai. Risponderebbero tutti rapidamente e con forza.

Ma se questo è vero, perché lo stesso standard non viene applicato alla Russia? La situazione in Ucraina non è forse quasi identica?

È quasi identica, solo che la situazione in Ucraina è peggiore, molto peggiore. E se allunghiamo un po’ l’analogia, capirete perché:

Supponiamo che le agenzie di intelligence statunitensi abbiano scoperto che il governo messicano non agiva da solo, ma aveva ricevuto istruzioni di uccidere e mutilare gli ex-patrioti americani dal governo comunista cinese di Pechino. Ve lo immaginate?

E il motivo per cui il governo cinese vuole uccidere gli americani in Messico è che vuole attirare gli Stati Uniti in una guerra lunga e costosa che “indebolirà” gli Stati Uniti e aprirà la strada alla loro definitiva frammentazione in tanti pezzi che la Cina potrà controllare e sfruttare. Tutto questo vi suona familiare? (Consultate la Strategia Rand per indebolire la Russia).

Quindi, diciamo che i cinesi sono in realtà la forza trainante della guerra in Messico. Diciamo che hanno rovesciato il governo messicano anni prima e hanno installato un proprio regime fantoccio per eseguire i loro ordini. Poi hanno armato e addestrato un gran numero di truppe per combattere gli americani. Hanno fornito a questi combattenti armi e tecnologie all’avanguardia, supporto logistico, assistenza satellitare e per le comunicazioni, carri armati, veicoli blindati, missili antinave e unità di artiglieria all’avanguardia, il tutto con un unico obiettivo: schiacciare l’America in una guerra per procura architettata, controllata e microgestita dalla capitale cinese Pechino.

È possibile un simile scenario?

È possibile e infatti questo stesso scenario si sta sviluppando proprio ora in Ucraina, solo che l’autore delle ostilità sono gli Stati Uniti e non la Cina, e l’obiettivo di questa strategia maligna è la Russia e non gli Stati Uniti. Sorprendentemente, l’amministrazione Biden non sta nemmeno cercando di nascondere ciò che sta facendo. Sta apertamente armando, addestrando, finanziando ed istruendo le truppe ucraine per portare avanti una guerra volta a uccidere i soldati russi e a rimuovere Putin dal potere. Questo è l’obiettivo e tutti lo sanno.

E l’intera campagna si basa sull’affermazione sommaria che la Russia è colpevole di “aggressione non provocata”. Questo è l’intero accordo in poche parole. La giustificazione morale della guerra si basa sull’ipotesi non verificata che la Russia abbia commesso un reato e abbia violato il diritto internazionale invadendo l’Ucraina. Ma è veramente così?

Vediamo se questa ipotesi è corretta o se si tratta solo di un’altra affermazione falsa da parte di media taroccatori che non smettono mai di modificare la narrazione per costruire il “casus belli”.

Prima di tutto, rispondete a questa domanda legata all’analogia di cui sopra: se gli Stati Uniti dispiegassero truppe in Messico per proteggere gli emigrati americani dai bombardamenti dell’esercito messicano, considerereste tale dispiegamento come una “aggressione non provocata” o come una missione di soccorso?

Una missione di soccorso, giusto? Perché l’intenzione principale era quella di salvare vite umane, non di impadronirsi del territorio di un altro Paese sovrano.

Beh, questo è ciò che Putin stava facendo quando ha inviato i suoi carri armati in Ucraina. Stava cercando di fermare l’uccisione di civili che vivevano nel Donbas, la cui unica colpa era quella di essere russi etnici che vivevano la propria cultura e praticavano le proprie tradizioni. È un crimine?

Date un’occhiata a questa mappa.

fights_map

Questa mappa è la chiave per capire come è iniziata la guerra in Ucraina. Ci dice chi ha provocato e chi è stato provocato. Ci dice chi ha lanciato le bombe e chi è stato bombardato. Ci dice chi ha causato i problemi e chi è stato incolpato di averli causati. La mappa ci dice tutto quello che dobbiamo sapere.

Vedete i punti gialli? Rappresentano i colpi d’artiglieria documentati nei riepiloghi giornalieri dagli “osservatori dell’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione (OSCE), posizionati in prima linea. La stragrande maggioranza dei colpi è caduta nell’area abitata dalla popolazione di lingua russa che è stata sotto assedio militare negli ultimi 8 anni (14.000 persone di etnia russa sono state uccise nei combattimenti dal 2014). Gli accordi di Minsk erano stati stipulati per risolvere le questioni tra le parti in guerra e porre fine alle ostilità, ma il governo di Kiev si è rifiutato di attuarli. In realtà, l’ex presidente dell’Ucraina, Petro Poroshenko, ha persino ammesso che il trattato era solo un veicolo per guadagnare tempo in attesa di un’altra offensiva su larga scala nel Donbas.

In breve, il governo ucraino non ha mai avuto alcuna intenzione di raggiungere una soluzione pacifica con i leader del Donbas. Il suo obiettivo era quello di intensificare il conflitto per provocare la Russia e trascinarla in una guerra prolungata che avrebbe esaurito le sue risorse e fatto crollare la sua economia. L’obiettivo a lungo termine era quello di rimuovere Putin dalla carica e sostituirlo con un tirapiedi sostenuto da Washington che avrebbe fatto quello che gli veniva detto. I funzionari statunitensi – tra cui Joe Biden – hanno persino ammesso che il loro piano prevedeva un cambio di regime a Mosca. Dovremmo prenderli in parola.

La mappa fornisce un resoconto visivo degli eventi che hanno portato all’invasione russa. Smaschera le bugie e identifica le vere origini della guerra, che possono essere fatte risalire ai colpi di artiglieria pesante sparati dall’esercito ucraino più di una settimana prima dell’invasione russa (24 febbraio). I massicci bombardamenti erano diretti alla popolazione di lingua russa che viveva in un’area dell’Ucraina orientale. Sono queste le persone che sono state bombardate dai loro concittadini ucraini.

Cosa è successo davvero?

Il 16 febbraio – ben 8 giorni prima dell’invasione russa – i bombardamenti nel Donbas sono aumentati drasticamente e si sono intensificati costantemente per la settimana successiva “fino a superare i 2.000 al giorno il 22 febbraio“. Come abbiamo detto, questi bombardamenti sono stati registrati in sintesi giornaliere dagli osservatori dell’OSCE che si trovavano in prima linea. Pensateci un attimo. In altre parole, si tratta di testimonianze oculari di professionisti qualificati che hanno raccolto prove documentate del massiccio bombardamento dell’esercito ucraino su aree abitate dalla loro stessa popolazione.

Queste prove reggerebbero in tribunale se venisse presentato un caso contro il governo ucraino davanti a una corte internazionale che cercasse di attribuire la responsabilità delle ostilità?

Noi pensiamo di sì. Pensiamo che le prove siano solide. In effetti, non abbiamo letto o sentito nemmeno un analista che abbia messo in discussione questo vasto catalogo di prove documentate. Invece, i media fanno semplicemente finta che le prove non esistano. Hanno semplicemente nascosto le prove sotto il tappeto o le hanno fatte sparire del tutto dai loro servizi per dare forma a una versione degli eventi incentrata su Washington che ignora completamente i dati storici. Ma i fatti sono fatti. E i fatti non cambiano perché i media non li riportano. E ciò che i fatti suggeriscono è che la guerra in Ucraina è una guerra architettata da Washington non diversa da quella in Iraq, Afghanistan, Libia o Siria. In questa triste vicenda ancora una volta troviamo le impronte insanguinate dello Zio Sam.

Guardate questo riassunto delle violazioni del cessate il fuoco pubblicato sull’account Twitter del conduttore del podcast Martyr Made:

Martyr Made @martyrmade

Il 15 febbraio (2022) l’OSCE ha registrato 41 violazioni del cessate il fuoco quando le forze di Kiev hanno iniziato a bombardare il Donbas.

16 febbraio: 76 violazioni

17 febbraio: 316

18 febbraio: 654

19 febbraio: 1.413

20-21 febbraio: 2.026

22 febbraio: 1.484

…  praticamente tutte da parte di Kiev. 24 febbraio: intervento delle forze russe

Avete notato come il bombardamento del Donbas sia aumentato ogni giorno prima dell’invasione?

La definirei una provocazione accuratamente calcolata, non credete?

Perché questo è importante?

È importante perché la stragrande maggioranza delle persone è stata indotta a sostenere una guerra per la quale non esiste alcuna giustificazione morale. Questo non è un caso di “aggressione non provocata”. Neanche lontanamente. E Putin non è un tiranno fuori controllo che vuole ricostituire l’impero sovietico terrorizzando i suoi vicini e impadronendosi del loro territorio. Questa è una completa invenzione basata solo su speculazioni. Secondo le sue stesse parole, Putin ha invaso l’Ucraina perché non aveva scelta. Il suo stesso popolo veniva sterminato senza pietà da un esercito che agisce solo su ordine di Washington. Doveva invadere, non c’era altra scelta. Putin ha sentito l’obbligo morale di difendere l’etnia russa in Ucraina che non poteva difendersi da sola. Questa è aggressione? Ecco un approfondimento tratto da un articolo di James Risen su The Intercept:

“Nonostante abbia messo in atto per quasi un anno un massiccio rafforzamento militare al confine con l’Ucraina, il Presidente russo Vladimir Putin ha preso la decisione definitiva di invadere il Paese solo poco prima di sferrare l’attacco a febbraio, secondo quanto riferito da alti funzionari dell’intelligence statunitense, attuali e passati.

A dicembre, la CIA ha pubblicato dei rapporti classificati in cui si concludeva che Putin non si era ancora impegnato per un’invasione, secondo gli attuali e gli ex funzionari. A gennaio, anche se l’esercito russo stava iniziando a compiere i passi logistici necessari per spostare le proprie truppe in Ucraina, l’intelligence statunitense ha nuovamente pubblicato rapporti riservati in cui si affermava che Putin non aveva ancora deciso di sferrare un attacco, sempre secondo questi funzionari.

Solo a febbraio l’agenzia e il resto della comunità di intelligence statunitense si sono convinti che Putin avrebbe invaso l’Ucraina, ha aggiunto l’alto funzionario. Con poche altre opzioni disponibili all’ultimo minuto per cercare di fermare Putin, il Presidente Joe Biden ha compiuto l’insolito passo di rendere pubblica l’intelligence, in quella che è stata una forma di guerra informativa contro il leader russo. Ha inoltre avvertito che Putin stava pianificando di creare un pretesto per l’invasione, anche attraverso false affermazioni secondo cui le forze ucraine avrebbero attaccato i civili nella regione del Donbas, nell’Ucraina orientale, controllata dai separatisti filorussi. L’uso preventivo dell’intelligence da parte di Biden ha rivelato “una nuova comprensione… del fatto che lo spazio dell’informazione può essere uno dei terreni di contesa più importanti per Putin”, ha osservato Jessica Brandt della Brookings Institution”.

L’avvertimento di Biden del 18 febbraio che l’invasione sarebbe avvenuta entro la settimana si è rivelato esatto. Nelle prime ore del 24 febbraio, le truppe russe si sono spostate a sud dell’Ucraina dalla Bielorussia e hanno attraversato i confini russi a Kharkiv, nella regione del Donbas e in Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014″. (“I servizi segreti americani dicono che Putin ha deciso all’ultimo minuto di invadere l’Ucraina“, James Risen, The Intercept).

Ci sono così tante balle in questo estratto che è difficile sapere da dove cominciare. Ma basta rivedere la cronologia che abbiamo fornito prima; una cronologia che è stata verificata da funzionari dell’OSCE. Riuscite a vedere la discrepanza?

Biden ha lanciato il suo avvertimento il 18 febbraio, due giorni dopo che gli osservatori dell’OSCE avevano segnalato un’intensificazione dei bombardamenti nel Donbas. In altre parole, Biden sapeva già che i suoi amici dell’esercito ucraino stavano bombardando a tappeto l’Ucraina orientale quando ha cercato di far credere di essere in possesso di informazioni sensibili e privilegiate sull’imminente invasione.

Certo che sapeva che Putin stava per invadere! Hanno creato la provocazione che lo ha costretto a invadere! Stavano bombardando a tappeto le persone che Putin è obbligato a proteggere. Che altro poteva fare? Qualsiasi leader degno di questo nome avrebbe fatto la stessa cosa.

Quello che mi infastidisce è che le persone continuano a sostenere la guerra in Ucraina perché non hanno idea di ciò che è realmente accaduto nel periodo precedente l’invasione. Non sanno nulla dei bombardamenti incessanti sui civili, né del rifiuto di Minsk, né dei ripetuti attacchi militari nel Donbas, né del piano per riconquistare la Crimea con la forza delle armi, né delle leggi contro l’etnia russa, né dell’ascesa del nazifascismo a Kiev. Non sanno nulla di queste cose. Le loro opinioni sull’Ucraina sono interamente plasmate dalle sciocchezze che leggono sui media occidentali o che ascoltano sui canali di informazione via cavo, dove il diluvio di propaganda scorre come un potente fiume che trascina inesorabilmente la popolazione verso un altro feroce bagno di sangue neocon.

La gente deve sapere la verità o questa guerra degenererà in qualcosa di molto peggiore.

 

Mike Whitney è un giornalista specializzato in temi economico-finanziari e politici.

 

Link: https://www.unz.com/mwhitney/some-of-us-dont-think-the-russian-invasion-was-aggression-heres-why/

 

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
96 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
96
0
È il momento di condividere le tue opinionix