15 minuti ogni giorno

di Valentina Bennati
comedonchisciotte.org

 

C’è bisogno di avere chiarezza interiore ed essere forti mentalmente in una situazione sempre più pesante per molti aspetti.
C’è bisogno di ricaricare le pile e nutrire lo spirito per poter trovare la giusta ispirazione, distinguere la verità dalla menzogna, sapere cosa dire e come dirlo, quando tacere, se agire e, se sì, in che maniera e in quale momento.

 

Ritagliarsi ogni giorno un piccolo spazio di tempo, bastano anche 15 minuti, PER STARE IN SILENZIO e pregare, meditare, leggere – magari in mezzo alla natura – aiuta tantissimo.
Perché, in questo clima sempre più avvelenato, la ferocia verbale sta raggiungendo livelli insostenibili e sembra quasi che si stiano volutamente alzando i toni per arrivare allo scontro fisico e poi, da lì, a chissà quali altri drammatici scenari.

 

Il silenzio aiuta a ritrovare la pace interiore, serve a svuotarsi dai suoni persistenti e dalle parole gravi dei nostri giorni che riempiono la testa fino ad immobilizzare ogni pensiero positivo.
E’ necessario per raccogliere le energie e poi ripartire con una visione più chiara della realtà e più determinazione.

 

Ognuno di noi è indispensabile nel disegno dell’Universo in questi tempi storici così difficili.
“Novax” e “covidioti” sono solo nomi insultanti che vengono usati per dividerci e politici e  giornalisti hanno una grande responsabilità circa la piega folle che sta prendendo questa società.
In realtà il punto che dovrebbe interessare tutti è la libertà senza la quale non può esserci Scienza, né Politica, né Informazione, né Salute.

 

Anche se siamo minacciati, sotto pressione o pesantemente condizionati ricordiamoci che nessuno può decidere al posto nostro. Nessuno può costringerci a fare qualcosa contro la nostra volontà, a meno che non siamo noi stessi a permetterlo.
La vita è sacra e le strade che decidiamo di percorrere alla fine dipendono solo da noi. Perciò sforziamoci, pur tra difficoltà e interferenze, di rimanere noi i capitani della nostra nave senza farci distogliere dalla nostra centratura interiore perché salute e felicità non capitano per caso, ma sono un qualcosa che solo noi stessi possiamo coltivare.

 

Il momento di aprire gli occhi è ora. Dopo non ci sarà più tempo.
L’ombra indietreggia quando accendiamo una luce.
Dipende sempre da noi e non dalle circostanze esterne.

 


ComeDonChisciotte.Org
FONTE: https://valentinabennati.it/15-minuti-ogni-giorno/

* * *

CDC SALUTE è una rubrica di informazioni, notizie e suggerimenti per accrescere consapevolezza e prendersi cura della propria salute da protagonisti. La visione che proponiamo è quella unitaria della persona, vista nella sua unicità di ‘essere umano multidimensionale’ in cui corpo, mente e spirito sono inestricabilmente connessi sia sul piano fisico-chimico che su quello sottile e informazionale.

Il DNA è un alfabeto specifico per ogni individuo, ma le parole con cui ognuno scrive il libro della propria vita vengono scritte man mano che si interagisce con l’ambiente. Da questo punto di vista, dunque, tutto è importante: cosa mangiamo (ma anche come, quanto e quando), cosa beviamo, l’aria che respiriamo, se facciamo attività fisica o meno, ma anche i pensieri, le emozioni, le relazioni interpersonali e il rapporto con la natura e gli altri esseri viventi.

I nostri comportamenti e le nostre scelte sono quindi in grado di favorire la salute o, al contrario, l’insorgenza o il peggioramento della malattia. Non esiste il caso, esiste la causa. Esserne consapevoli significa cambiare totalmente prospettiva e poter avere un ruolo determinante nella costruzione del nostro benessere, ma anche di quello dei nostri figli e nipoti.

E questo pone il tema della responsabilità che abbiamo verso la nostra stirpe, quella umana. Il nostro stile di vita, infatti, determina anche la salute a lungo termine delle generazioni future.

 

 

Notifica di
59 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
sbregaverse
Utente CDC
2 Ottobre 2021 20:19

BRAVA BRAVA BRAVA BRAVISSIMA BRAVISSIMISSIMA
BRAVISSIMISSIMA

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
2 Ottobre 2021 22:07

Quando poi si gusta la pax Dei che è altro sinonimo del silenzio,quei pochi minuti non basteranno più.

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da sbregaverse
ramirez
Utente CDC
2 Ottobre 2021 20:26

Grazie Valentina!!!

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  ramirez
3 Ottobre 2021 1:22

Macchè Valentina, tutt’altro,molto ma molto VALENTE,cioè Valenterrima.

uparishutrachoal
Utente CDC
2 Ottobre 2021 21:09

Bisogna dare del materiale per riempire il silenzio di significato..altrimenti chi legge, e non si è mai guardato dentro (trascinato dagli stimoli del mondo)..difficilmente capirà il concetto, e lo considererà l’ennesima sciocchezza di anime belle e fuori dalla realtà.. Nel silenzio si trova la percezione di esistere..tutto qui.. Tocchiamo l’Essere qui e ora; senza futuro, senza passato, liberi di sentirci vivi e basta.. Questo è il ritorno all’origine e nessuno ce lo potrà togliere, se non cercando di irritarci, contrariarci, e mettendo mille difficoltà per non farci tornare a questo Centro. Dovrebbe quindi diventare la nostra percezione dominante..sia che mangiamo, camminiamo o parliamo; difficilissimo a farsi..ma potrebbe essere un obbiettivo che ci accompagna, e diventare il compagno della nostra vita. Tuttavia.. senza arrivare a questi estremi da ‘iniziato’, sarebbe utile ritornare noi stessi ogni volta che ci sbilanciamo e perdiamo il lume della ragione..servirebbe a non avere idee fisse o, almeno, a non precipitare nella follia paranoica di non sentirci nessuno e di seguire ciecamente qualsiasi cosa ci venga imposta da noi stessi o dagli altri: la percezione di sé evita qualsiasi mania e ci lascia vedere i problemi reali e non quelli presunti.. Comunque è bene gettare il sasso… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da uparishutrachoal
sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  uparishutrachoal
3 Ottobre 2021 9:34

Nel frattempo non abbiamo ingoiato il mondo e ci pensiamo ancora.

JA
Utente CDC
2 Ottobre 2021 21:19

E qui in sintesi l’idea religiosa (da religo = unire insieme) d’una visione del mondo che appartiene alla più antica scienza e conoscenza Occidentale.
Ogni minuto del giorno: “Uno tutto e di tutto parte”

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da JA
Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
3 Ottobre 2021 9:03

Bisogna andare moooolto indietro nel tempo per trovare il concetto di Dualità (e quindi la sua negazione) nella filosofia occidentale. Ai tempi in cui i greci credevano ancora alla reincarnazione.

Se vai in India e ti fermi a parlare con un sadhu scoprirai che è un concetto ancora ben vivo nella loro visione della vita.

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da Holodoc
sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
3 Ottobre 2021 9:38

Macchè sadhu d’India nel DON pullulano.

JA
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
3 Ottobre 2021 10:37

Non chiedo ad uno “sadhu” perché gli abbronzati che vedi in India, sono i primitivi dravidici che vennero sottomessi dagli indo-europei (lingua sanscrita con cui son scritte per esempio le Veda e le Upanisad) trasformandoli in intoccabili. Sopravvissuti a loro e che hanno imbastardato come tutte le civiltà decadute (vedi indiani bianchi o con caratteristiche caucasiche) professano religioni e filosofie create dai loro ex-signori “ariani”. Leggo gli originali non il distorto sincretismo dei sopravvissuti dasa.
Più o meno data la tendenza giudeo-bolscevica di Wikipedia
https://it.wikipedia.org/wiki/Mescolanza_razziale#Subcontinente_indiano

cirillo
Utente CDC
2 Ottobre 2021 21:38

Abbiamo bisogno di rispondere a domande fondamentali e non la semplice meditazione e altri esercizi psicologici:
Esiste Dio?
Perche’si soffre e si muore?
Perche’le cose peggiorano?
Esiste la vera religione?
Qual è lo scopo della vita?
Cosa c è dopo la morte?
Esistono forze spirituali malvage?

Giustamente a differenza degli animali noi abbiamo bisogno di uno scopo nella vita altrimenti tutto diventa futile e noioso.

JA
Utente CDC
Risposta al commento di  cirillo
2 Ottobre 2021 22:28

Invece di rispondere singolarmente alle tue domande che sarebbe un poco lungo data l’ora, ti voglio rispondere in generale con un mio aforisma, adatto all’incombente meditazione onirica, che scrissi anni fa legato all’estetica dei sei sensi umani e quindi alla nostra psicologia divenuta nel tempo in interazione col presente stato cosmico: “Sapere di non sapere. Chissà se quel che noi sappiamo, fisionomico punto di s-vista della legge cosmica, non sia nel miglior caso solo un’ipotesi più o meno verosimile, in rapporto all’osservatore più o meno individuante l’attualità cosmica stessa? Se poi quanto appena ipotizzato non fosse per l’appunto un’altra ipotesi…: al lettore, ed anche ai posteri, la sua ipotetica sentenza.”

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
3 Ottobre 2021 1:37

Parco delle Rimembranze dentro antani levogiro….o scherziamo?

JA
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 10:35

Scusa ma non capisco

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
3 Ottobre 2021 13:03

TU ti capisci,certo,ma fatti capire anche da noi, poveri cristi.

JA
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 13:39

Così sono gli aforismi, concentrano in poche righe (l’ideale sarebbe una) e magari rendendo la musicalità della lingua usata, ciò che altri non riescono ad esprimere in decine di libri. E’ lo stile letterario più difficile in assoluto, anche perché non puoi nasconderti dietro le pagine quindi devi avere le idee nette e non confuse. Anzi direi che se sono fake-idee l’aforisma viene male.
Posso capire ti avessi messo questo: “Conoscenza riflessa. Come lo specchio riflette sè stesso con l’oggetto riflesso, così l’uomo conosce sè stesso con l’oggetto conosciuto”.
Ma quello sopra mi pare chiarissimo. Devi dirmi cosa non capisci e te lo spiego in due parole anche se è come riscrivere una poesia in prosa.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
3 Ottobre 2021 15:21

Guarda che prima della tua venuta,non quella non quella,in fatto di aforismi,neologismi,sintesi pindariche,sentenze,epigrammi molto ma molto epigrammatici,non sensi ed extrasensi ,atque similia,ero l’indiscussa pietra di paragone in materia.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  JA
3 Ottobre 2021 1:51

Ho oponopono.
Grazie per la compassione regalata a chi ti legge in ora tarda.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da sbregaverse
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  cirillo
3 Ottobre 2021 3:23

La meditazione non è affatto semplice.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  cirillo
3 Ottobre 2021 9:17

La meditazione non è semplice e non è un mero esercizio psicologico anche se è un valido aiuto ormai riconosciuto anche dalla psicologia classica.
Ma per rispondere alle tue domande devi comunque usare degli strumenti che ti pongano in condizione di percepire le giuste domande ed avere le risposte. Non sono risposte che possono arrivare dalla mente normale, duale, binaria. La mente lavora sullo 0 oppure 1. Ma la risposta può arrivare solo da una “mente” quaternaria: 0, 1, sia 0 che 1, né 0 né 1.
Neti neti.
La meditazione è uno di quei strumenti.

natascia
Utente CDC
3 Ottobre 2021 5:30

Lasciare le cose del mondo. Più che meditare, attività’ discutibile. Il silenzio dentro di se’ lascia spazio a Dio che si manifesta sempre.

Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  natascia
3 Ottobre 2021 9:10

L’errore dei cristiani è cercare la santità tramite i segni esteriori. Cioè si cerca di essere buoni cristiani emulando le vite dei santi.

In realtà così non può funzionare. Prima devi rinnegare te stesso, cioè i tuoi attaccamenti, e poi potrai liberarti materialmente dei beni ed esercitare la Carità.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
3 Ottobre 2021 9:43

Segni interiori,segni esteriori,segni inframezzati:tutto va ben tutto fa brodo.

lazarovici
Utente CDC
3 Ottobre 2021 7:53

Noli foras ire, in te ipsum redi.In interiore homine habitat veritas;et si tuam naturam mutabilem invenieris,trascende et te ipsum.

lazarovici
Utente CDC
Risposta al commento di  lazarovici
3 Ottobre 2021 8:05

errata: invenieris
corrige: inveneris

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  lazarovici
3 Ottobre 2021 9:09

Shanti shanti shanti hominibus in terra bonae voluntatis.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 9:48

A parte che per certa ADVAITA la Voluntas non serva proprio…….in ogni caso…..sempre cazzi sono….

natascia
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 10:20

Infatti nella recente bergogliana revisione di alcune liturgie, si sostituì “uomini di buona volontà “ con “uomini amati dal Signore “. Iniziativa che incasella ancor di più le attività concesse al gregge.

natascia
Utente CDC
Risposta al commento di  natascia
3 Ottobre 2021 10:22

Al gregge bergogliano.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  natascia
3 Ottobre 2021 13:18

Hai ragione perfetta,tanto più che nei testi in aramaico/ greco,è la VOLONTA’ non altro,tradotta ,una volta tanto correttamente,in Voluntas.

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  natascia
4 Ottobre 2021 19:40

Non male questa, mi era sfuggita.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  lazarovici
3 Ottobre 2021 9:25

Visita Interiora Terrae Rectificando Invenies Occultum Lapidem
V.I.T.R.I.O.L
“Visita l’interno della terra, rettificando, troverai la pietra nascosta”
Motto alchemico

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
3 Ottobre 2021 10:03

VITRIOL allo stato solido squadrato,VETRIOLO allo stato fluido corrosivo.

IlContadino
Utente CDC
3 Ottobre 2021 8:46

A me piace molto fare esercizi di presenza, osservarmi. Guardare me stesso da un punto di vista esterno, essere il testimone della mia vita, notare che in ogni situazione, per ogni stato d’animo, in qualsiasi turbamento emotivo c’è sempre una parte che rimane inalterata, che non subisce nessun tipo di variazione dagli accadimenti. A dirla tutta, non è che mi piace, è la mia vita stessa (che tra l’altro mi piace;)) Gioisco, mi annoio, mi incazzo, mi agito, sono in ansia, esulto, godo e c’è sempre il testimone che osserva ciò che il corpo affronta, e a ben guardare, dopo un po’ di esercizio si comprende che anche il testimone stesso viene osservato, il testimoniare e la presenza sono sempre lì, sempre. In situazione di agio e confort è un po’ più complicato fare osservazione, le frizioni interne aiutano; andarsele a cercare a volte è quasi un dovere. Entro al panificio senza mascherina, osservo che mi succede. Porgo la mano al corriere, osservo. Vado in pizzeria senza green pass… Vivere la propria vita come ad essere spettatori di un film, fin quando si comprende dove finisce la finzione e comincia il reale. Interessante l’idea di cominciare da quel quarto d’ora,… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da IlContadino
sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
3 Ottobre 2021 8:56

Ma allora lo si dica chiaramente. che codesto non è blog ma CAZZUTISSIMO ASRHAM.

oriundo2006
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 10:33

Perche’, ti da fastidio ?

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
3 Ottobre 2021 15:24

No ma si dica pane al pane eccetera!

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  IlContadino
3 Ottobre 2021 9:14

” …. il testimoniare e la presenza sono sempre lì … ”

“Come in uno specchio” (1961)

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
3 Ottobre 2021 10:16

Puoi essere lì anche quando la saliva diventa bolo predigerito ma senza GRAZIA c’e sempre il fottutissimo me.

sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 10:20

M’è stata bannatina un’espressioncina un po’ piu fortina.

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 11:00

” … ma senza GRAZIA c’e sempre il fottutissimo me.”

che infatti fa parte del film

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da AlbertoConti
sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
3 Ottobre 2021 15:29

È proprio così che il parimenti fottutissimo serpente si mangia gli zebedei.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da sbregaverse
sbregaverse
Utente CDC
Risposta al commento di  sbregaverse
3 Ottobre 2021 15:34

Altro giro altra corsa.
Si facciano avanti signore&signori,altro giro altra corsa,anche lei ragazzo che si nasconde dietro a quella espressione da ebete,anche lei si faccia avanti,altro giro,altra corsa…..

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da sbregaverse
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
3 Ottobre 2021 19:38

Prezioso contributo, grazie per condividerlo con noi.

LuxIgnis
Utente CDC
3 Ottobre 2021 10:07

L’articolo parla di presenza, di essere presenti. E questo lo si può ottenere solo nel silenzio. Per silenzio non si intende l’assenza di rumore, in realtà si può essere presenti ed in silenzio anche durante un concerto rock, anzi forse in quel momento si può essere più presenti di altri momenti. Silenzio vuol dire ascolto. Nel momento in cui io ascolto qualcuno o qualcosa io sto in silenzio. Ma nella vita ordinaria non è così manco per niente. Siamo circondati dal rumore, esterno ed interiorizzato. E non si è capaci di ascoltare. Non con l’orecchie ma con tutto l’Essere. La meditazione è uno strumento potentissimo se fatto bene. Semplice ma complesso e difficile allo stesso tempo. Non è facile per la maggior parte delle persone stare fermi, immobili, con il respiro che si fa quasi impercettibile per un periodo di tempo che va oltre i 15 minuti. 15 minuti sono il minimo sindacale, le cose interessanti arrivano dopo i 30 minuti ed oltre. Ma è comunque un inizio ed apporta molti benefici. Se la provaste per un periodo abbastante di tempo con costanza i 15 minuti diventano un attimo e ne volete di più. La meditazione è ascolto. La parola… Leggi tutto »

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
3 Ottobre 2021 20:02

Grazie anche a te per le ottime e chiarissime indicazioni, che oltretutto sono perfettamente complementari a quella sorta di “meditazione in movimento” di cui parla Il Contadino.

clausneghe
Utente CDC
3 Ottobre 2021 10:29

Bisogna tenere duro, anche se è sempre più difficile.
Vi racconto cosa capita ad un mio caro amico tra l’altro paraplegico da oltre 20 anni.
Orbene, egli che è anche titolare socio a metà di una ditta recupero metalli e che finora ha resistito caparbiamente a tamponi mascherine e vaccino, si è sentito dire dalla sua segretaria che dopo il 15 Ottobre avrà bisogno del gren pass per entrare nel capannone, nel SUO capannone..
Inoltre dovrà assumere un “covid manager”.
Siamo arrivati alla follia.
Mi ha chiesto consiglio e io senza esitare gli ho suggerito di chiudere l’azienda e godersi la poca vita che gli rimane. Non manca di danaro.
Il socio lo sfanculi e la segretaria la licenzi, che si faccia dare lo stipendio dai Sconforto e dai covidioti.
Ma la moglie, già vaccinata per futili motivi, lo pressa e lui si sta esaurendo. Come vedete hanno messo le gli uni contro gli altri anche all’interno delle famiglie.
Norimberga non basta per questi bastardi dentro.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
3 Ottobre 2021 10:40

Per il covid manager dagli il mio numero :-))

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
3 Ottobre 2021 13:53

Eh no, abbi pazienza, “non manca di denaro” e “si sta esaurendo” non possono starci nello stesso discorso. È sempre questo il problema, hai i soldi e ti vaccini per continuare a farne… E allora ti meriti quel che poi ti arriva, e sei anche causa di tutto quel che arriva perché è una vita che per “continuare a fare soldi” si accetta la qualunque e oggi ci vendiamo i figli, anziché fare come hai detto tu(sfanculare socio segreteria e moglie). Pensa a chi non ha nulla e se non si vaccina non lavora e non dà da mangiare alla propria famiglia… Quelli son problemi, ma come al solito alcune generazioni proprio non sono in grado di comprendere, e infatti ci han portato dove siamo.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Bertozzi
clausneghe
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
3 Ottobre 2021 20:52

Non manca di danaro inteso che può vivere di rendita, non ha bisogno di lavorare, ha la pensione da paralizzato che oggi gli decurtano del 60% restando in attività.
Il punto è che rischia di perdere moglie socio e dipendenti, tutti vaccinati, gli sono ostili. Non lo invidio.

oriundo2006
Utente CDC
3 Ottobre 2021 11:03

Cito: ”..il punto che dovrebbe interessare tutti è la libertà..”. Non sono troppo d’accordo sul termine ‘liberta’. La liberta’ e’ il vessillo del mondo occidentale odierno e la sua pretesa ‘superiorita’ e’ fondata principalmente su questo artificio retorico: ovvero fa cio’ che vuoi purche’ tu non metta in discussione chi te lo concede graziosamente. Noi dominiamo proprio in virtu’ di questo, siamo ‘superiori’ proprio per questo anche se scientemente impediamo ad altri Paesi di essere ‘liberi’ quantomeno dal nostro dominio: anzi li distruggiamo proprio per questo … dopo aver provocato ‘ ‘indurimento’ necessario alla propria difesa: ovvero dopo averli costretti all’ illiberalita’ politica e sociale proprio per difendersi. Ragioni di fatto e di merito fanno capire rapidamente l’ inganno, ed il termine, polimorfo, prestandosi assai bene a giustificare tutto ed il contrario di tutto, oggi e’ inservibile se vogliamo separarsi da questa ideologia occidentalista. Piramidi di morti violente dappertutto nel mondo ad opera di questo inganno dovrebbero immunizzarci, sopratutto se la sua applicazione appunto ha solo ‘liberato’ dalla vita milioni di persone, specie se ‘diversamente colorate’, che non ne sentivano affatto il bisogno. Inserisco qui un appunto come ho fatto gia’ altre volte ( invecchiando mi ripeto ) per quanti… Leggi tutto »

dallafleidars
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
3 Ottobre 2021 11:40

È l’attaccamento alla mia mente,alla mia facoltà di giudizio, alla mia capacità intellettuale l’elemento fondamentale dell’epoca che sto vivendo.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
3 Ottobre 2021 11:42

Per quanto un termine o un valore sia usato con un’accezione addirittura opposta all’originario, ciò non toglie che quel termine o quel valore abbiano un significato profondo e soprattutto vero.
Questo vale per la libertà, ma anche per l’amore, per il rispetto (sono molto collegati questi termini) ed altro.
La libertà la si può avere solo quando si è in grado di darla. Altrimenti diventa una bestemmia come hai anche giustamente descritto.

oriundo2006
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
3 Ottobre 2021 16:40

La libertà allude ad uno stato mentale’puntuale’, quell’ istante magico in cui ci si sente sciolti da ogni vincolo. Ha dunque un valore non assoluto ma relativo, come tutti i termini si serve del suo opposto per vivere, per desumere il suo senso. E se invece il suo contrario da introiettare non fosse servitù ma responsabilità: per le cose, per gli individui, per noi stessi: cioè un contrario non contraddittorio. La libertà da stato puntuale diverrebbe estesa alla prassi continuativa. Vederlo come unico baluardo allo stato di deprivazione mentale e pratica che abbiamo non rende ragione al suo valore che, come sempre, lo riceve solo dalla metafisica: il cui fondamento è una relazione di reciprocità continua e infinita.

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
3 Ottobre 2021 18:01

La libertà è uno stato dell’Essere non della mente che per sua natura è soggetta sempre a vincoli e quindi mai libera in senso assoluto.
In questo senso è per me un principio fondamentale, un punto forza. L’unica cosa per cui vale veramente la pena lottare per raggiungerla.
La libertà comporta responsabilità, non so se possiamo definirla un suo contrario non contradditorio come dici tu, ma viaggiano insieme.
Per questo le persone alla fin fine rifuggono dalla libertà, perché non vogliono responsabilità. In fin dei conti lo schiavo ha una vita “migliore” con meno conflitti ma rimane pur sempre uno schiavo.
La favola del lupo e del cane, di Esodo

oriundo2006
Utente CDC
Risposta al commento di  LuxIgnis
3 Ottobre 2021 19:46

Giusto, la liberta’ comporta responsabilita’…ma e’ quella la liberta’ che va cercando la ggente, ad esempio l’extracomunitario che si vede rifornito di tutto senza che abbia un minimo di interesse per il paese che gliela fornisce ? Oppure la liberta’ vagheggiata da filosofi e sognatori come quella di essere un apolide che alla mattina fa un lavoro ed alla sera si disinteressa pure dell’averlo fatto ? O quella liberta’ degli ‘uccelli nel cielo’, per dirla con altre parole, che non tessono e non filano eppure hanno tutto per vivere ? ( qui comunque il pensiero originario e’ stato trasvisato dalla lettera come sempre a meta’ tra gli ‘ilici’ ed i ‘pneumatici’ ma si sa che i primi sono assai piu’ numerosi dei secondi…ed assai piu’ utili ). Liberta’ dal bisogno, dal lavoro, preconizzano questi visionari oppure piuttosto liberta’ da se’ stessi, dal peso che ad ognuno gli tocca portare per esser al mondo, che, come dicevano gli Antichi ‘res severa est’. Questa ‘liberta’ con-gli-occhi-al-cielo, oppure con la determinazione fallace di chi crede di averla fatta scendere sulla terra ad opera di una teoria o di una politica, significa rimozione delle cause del disagio, delle proprie ed altrui condizioni negative. In… Leggi tutto »

LuxIgnis
Utente CDC
Risposta al commento di  oriundo2006
3 Ottobre 2021 20:46

Alla prima tua domanda – riflessione rispondo con un probabilmente un po’ tutte le qualità che hai elencato. In realtà penso che la libertà sia uno di quei concetti che non è niente facile definire, ed ogni definizione ne porta solo un frammento della comprensione globale.

Alla tua prima estemporanea considerazione rispondo: eccome! E’ evidente. La “vendita delle indulgenze” dice qualcosa?

Alla tua seconda invece che hai perfettamente ragione. Oggi un buon grado di libertà esteriore c’è, molto più che in passato. Eppure in passato l’Essere sembra più libero di esprimersi e manifestarsi che oggi. Buffo eh!
E questo aprirebbe una serie di interrogativi che richiedono serie riflessioni.

BrunoWald
Utente CDC
3 Ottobre 2021 19:53

Cavolo, ragazzi, spesso CDC più che un blog sembra un cenacolo di filosofi, è un piacere leggervi – articolisti e commentatori. Non per nulla certi furbastri sostengono che la formazione umanistica sia una perdita di tempo.

Primadellesabbie
Utente CDC
4 Ottobre 2021 7:13

Proporrei di dedicare 15 minuti quotidiani a meditare sulle ragioni, che ci sono infallibilmente, dei propri avversari…..dopo un meticoloso impegno per destrutturare l’attitudine da tifosi che ci è stata inculcata fin dal primo giorno di scuola.

Ultimo aggiornamento 13 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
59
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x