Vaccinati vs non vaccinati: il nuovo Apartheid

L’invasione dei migranti in Grecia, fomentata e anche organizzata – come ammesso dai meno prudenti dei loro – dai Turchi, si intreccia con le difficoltà della campagna vaccinale, entrambe spinte da incentivi e minacce. Bastone e carota, con gli esponenti delle sedicenti sinistre (ad esempio Varoufakis) a preferire il primo, mentre Mitsotakis offre soldi ai ragazzi per vaccinarsi. I morti ci sono, e i parenti delle vittime negano anche l’evidenza, da tanto che sono imbevuti di propaganda e paura. Dice Mattias Desmet, psicoterapeuta e professore di psicologia clinica all’Università di Ghent “Prevedo piuttosto questo scenario: nonostante tutti gli studi promettenti, il vaccino non fornirà una soluzione. E la cecità portata dal condizionamento sociale e dal totalitarismo farà ricadere la colpa su coloro che non seguono la narrazione ufficiale e/o rifiutano di essere vaccinati. Saranno usati come capri espiatori.”. Bingo! E, mentre il governo promuove ogni sorta di Apartheid verso i (molti) non vaccinati del paese, Mitsotakis parla a un evento LGBT e si dice “contro ogni forma di divisione tra i suoi cittadini, contro ogni forma di esclusione sociale”
Intanto dilaga anche in Grecia la propaganda “green” che, in modo suicida, vuole liquidare le fonti energetiche oggi in uso per sostituirle con… quasi niente, che è quanto si riuscirà ad ottenere con le fonti alternative e rinnovabili nei tempi previsti dai folli piani di Bruxelles.

——————————————————————————————————————————————

Da « Ornamento estivo » – Venerdì 4 giugno 2021

L’estate è il tempo della frutta e della verdura. Il paese indossa finalmente i suoi abiti estivi, ma niente è più come prima. (…)
Dietro il… grande blu non tutto è roseo. (…) non è senza motivo che il governo del sociopatico Mitsotákis ha appena decretato un aiuto di emergenza per il settore del turismo, pari a 400 milioni di euro. (…) la prima verità è venuta alla luce. Per esempio, solo un terzo degli hotel sono aperti perché non c’è nessuno. (…) Mia cugina Maria, che lavorava in un hotel di Atene, è stata appena licenziata… all’inizio della stagione. “Su 130 dipendenti, il direttore ne ha tenuti 67, non io.
(…) Le spiagge vicino ad Atene sono ancora piene, soprattutto nei fine settimana, ma i greci non mangiano più come una volta. Il caffè non si compra più necessariamente sul posto e una nuova era della ghiacciaia sta prendendo forma sotto il ghiaccio del Grande Reset. Ma l’estate greca, come si dice, è sacra!

Spiaggia nel fine settimana. Vicino ad Atene, maggio 2021

(…)
E mentre la Chiesa ufficiale finge di commemorare il bicentenario della rivoluzione greca del 1821, quando i greci, definiti prima come cristiani ortodossi, si rivoltarono contro il dominio dell’impero ottomano, quella lunga e barbara occupazione turca dei Balcani; l’attuale governo immigrazionista offre le sue porcherie ai nativi dei comuni delle isole greche del Mar Egeo
(…)
Affinché gli abitanti accettino la colonizzazione della loro terra e quindi alla lunga la loro sostituzione, (…) il ministro dei migranti e quanto mai insider, Mitarákis, ha appena annunciato il finanziamento da parte del “suo” ministero della costruzione e ristrutturazione di alcune infrastrutture a Lesbo, Chios e anche nella Grecia continentale. Si tratta di stadi, palestre e alcune rare scuole.
(…) Mitsotàkis deve commettere, il più rapidamente possibile, il crimine per il quale è stato preparato durante tutta la sua vita come un parassita politico cooptato, se necessario, con la collaborazione consolidata di Tsípras e il resto del sistema politico greco”.

Così, se nulla ferma questi criminali, prima della fine del 2021 o al più tardi nel 2022-2023, le isole greche del Mar Egeo orientale “riposeranno” su una piattaforma continentale turca dopo la revisione dei trattati; (…) Non c’è bisogno di ricordare quanto sia considerevole il potenziale di risorse di questa piattaforma continentale: già risorse di pesca e di energia.
E a lungo termine, sappiamo che il piano di Ankara si basa sulla sostituzione progressiva della popolazione greca delle isole e della Grecia con diverse migliaia di migranti musulmani. (…) Va notato che questo è già stato fatto al ritmo del 10-25% della popolazione delle isole dell’Egeo orientale, ed è esattamente quello che il presidente Sakellaropoúlou, la cui nomina è stata cooptata tra SYRIZA, Mitsotákis, Berlino, Sóros e l’ambasciata degli Stati Uniti, ha appena dichiarato che “la soluzione demografica in Grecia sono i migranti”.
(…) Infine, notiamo che da molto tempo i dignitari della Turchia, e Turgut Özal in particolare, avevano dichiarato a suo tempo che “basta inondare la piccola Grecia con una popolazione musulmana per annientarla semplicemente”. Ora ci siamo quasi arrivati. Erdogan… e poi Mitsotákis e Sakellaropoúlou dicono la stessa cosa, ognuno a modo suo ovviamente.
——————————–
Da “Ombrello finale”- Domenica 6 giugno 2021

Domenica mattina dal Peloponneso un tempo mitico, oggi… sufficientemente condizionato e sufficientemente vaccinato. Il Regime sta organizzando altrettanta… guerra tra i vaccinati e i non vaccinati (…) la campagna di vaccinazione non procede come previsto, perché ora i promotori dei vaccinodromi si scontrano con quella piccola metà della popolazione che esita o la pensa diversamente. (…) Varoufakis, il valletto di Sóros, che ha appena dichiarato che “i test dovranno essere imposti ovunque, anche per entrare nel mini-market locale o per camminare fuori senza maschera”, pezzi selezionati della recente Varoufakiade.

“In Danimarca, per poter camminare per strada senza maschera, bisogna fare il test ogni due giorni, andando in una struttura locale specializzata [NdT: non è vero]. In Grecia, un’intera rete di locali specializzati che eseguono in massa questi test COVID-19 dovrebbe essere creata rapidamente. Immaginate che una stazione di servizio in ogni quartiere abbia una tettoia, dove si va a fare il test, e si lascia lì il proprio numero di cellulare. La risposta, arriverà sul tuo cellulare, positiva o negativa. Tutto questo deve diventare obbligatorio”. Presto il vaccino sarà obbligatorio, ci dirà Yanis de Sóros tra quattro mesi, perché il regime sta mobilitando tutti i suoi soldati in questo momento.
Questo stesso Varoufákis, come per caso, apertamente a favore della “condivisione del Mar Egeo con la Turchia”… secondo la programmazione a pagamento dell’uomo.


Da “Difensori del suolo!” – Martedì 8 giugno 2021
(…) L’epoca confinante degli ultimi nove mesi su dodici da marzo 2020, ha finito per annientare molte resistenze. Come ad Ágrafa, in questo paese montagnoso con fatti aspri tra la Tessaglia e la Grecia centrale. Gli abitanti di questa regione, che sono stati a lungo indipendenti negli stretti altipiani della catena del Pindo, erano naturalmente combattenti irregolari, banditi e tenaci resistenti di fronte agli invasori, e questi sono gli eroi di questi luoghi nel passato.

Dimostranti contro le turbine eoliche. Ágrafa, giugno 2021 (stampa nazionale)

Tra la Tessaglia occidentale e la punta settentrionale dell’Euritania nella Grecia centrale, questo popolo di montagna ha sempre lottato contro gli elementi, umani o naturali, compresi i capricci della storia.

La loro resistenza era stata in gran parte sconfitta sotto il Regime di Confine, tranne che questa settimana, alcuni residenti e alcuni collettivi tra i disparati difensori dell’ultima terra, hanno affrontato ancora una volta la Polizia Pretoriana, che protegge, come ovunque, i promotori del Grande Reset e le loro ruspe.

Paese montagnoso e con fatti difficili; fatti effettivamente compiuti dal 2018. Bisogna notare che il faraonico progetto, compatibile con la Germania, di installare delle turbine eoliche minaccia questa regione montagnosa la cui autonomia e autogestione era rispettata persino sotto gli ottomani, tanto per dire. La decisione della “svolta eolica” risale all’aprile 2018, secondo un decreto del Ministero dell’Energia sotto SYRIZA, che è stato esteso e persino ampliato nelle sue prerogative dal governo Mitsotákis.
(…)
E per quanto riguarda il giornalismo… poco attento ai fatti globali, accoglie, anche implicitamente, la “svolta energetica” che la Grecia sta prendendo in questo momento… “Atene affronta la sfida della fine del carbone. La Grecia, a lungo terzo produttore di carbone in Europa, vuole chiudere la maggior parte delle sue centrali termiche nel 2023 e terminare la produzione entro il 2028. Nella Macedonia occidentale, i residenti sono preoccupati per le conseguenze socio-economiche. Tutto questo bacino minerario, il più grande dei Balcani, di proprietà della compagnia elettrica statale greca D.E.I., scomparirà presto. Il governo di destra di Nuova Democrazia ha programmato la chiusura delle ultime centrali termiche in due anni e la fine della produzione di lignite nel 2028, in linea con l’obiettivo dell’UE di neutralità del carbonio entro il 2050.

“La Grecia vuole ora dare la preferenza al gas naturale proveniente dalla Russia o dalla Norvegia, attraverso vari gasdotti. O dalle proprie risorse potenziali nel Mediterraneo. Vuole anche sviluppare le energie rinnovabili, approfittando del suo clima soleggiato e ventoso. Secondo il piano di eliminazione della lignite, presentato nel settembre 2020 dal ministero dell’ambiente e dell’energia, la Macedonia occidentale diventerà una regione verde, sviluppando l’agricoltura intelligente, il fotovoltaico e il turismo.

Politici burattini, in gran parte controllati e… per così dire “sovvenzionato” dai produttori di turbine eoliche, facendo il loro… meglio.
(…)

Il rapporto non menziona nemmeno il fatto che questo stesso carbone greco che è diventato inutile… viene immediatamente esportato a basso costo in Germania per produrre elettricità, radio Crash, maggio 2021. Perché la Germania apre nuove centrali termiche quando ordina alla Grecia di chiudere le sue.


Da “Tra cretesi… e cretini” – Venerdì 11 giugno 2021
(…) Giorno dopo giorno, il Regime intende imporre ovunque la novità riscaldata dell’Apartheid che ora si chiama sanitaria. I lacchè del sistema affermano dalla mattina alla sera ciò che la mafia al potere vuole far passare sotto la paura.

“I non vaccinati non avranno più accesso ai negozi, non potranno viaggiare liberamente, i proprietari di ristoranti potranno chiudere le porte dei loro stabilimenti a persone recalcitranti e desiderose di ascoltare teorie cospirative. Infine, i datori di lavoro potranno licenziare i loro dipendenti che non rispettano la regola. Alla faccia della stupidità governativa e giornalistica ambientale.
(…) nonostante le manifestazioni cosmetiche iniziate giovedì 10 giugno in Grecia dai sindacati sistematici, la nuova legge quadro che segna la fine dei diritti finali dei lavoratori sarà applicata immediatamente. La giornata lavorativa di otto ore viene spazzata via in un solo colpo. La fine. Silenzio… (…) Il regime ora minaccia e intimidisce tutti, sia i vaccinati che i bioconservatori, quando si registra quasi un morto al giorno a causa dell’iniezione. I parenti dei defunti finiscono per apparire su alcuni schermi televisivi, come Manólis Kryovrisákis, un marito cretese la cui moglie è morta all’età di 44 anni dopo essere stata… posta sotto l’egida di AstraZeneca. Polvere astrale.

Tre bambini orfani della madre e un povero marito cretese… abbastanza idiota. “La fascia d’età a cui appartiene mia moglie non dovrebbe essere… autorizzata a ricevere questo vaccino. Sapevamo che molte donne di quell’età evitavano la vaccinazione, ma noi, come cittadini e autorità rispettose della legge, (…)
Gente triste, i nostri parenti, i nostri amici. Ora siamo persino molestati da alcuni dei nostri compagni inoculati, che si aspettano decisamente che diciamo la cosa giusta, perché la propaganda del regime evidentemente non li rassicura più. (…) Lo stesso giorno un conoscente di Atene è entrato in azione. Si è dimessa dall’ospedale pubblico perché i ricatti e le intimidazioni del regime non hanno eguali. È una cardiologa.
(…)


Da “I dannati… della torta” – Mercoledì 16 giugno 2021
(…) Lunedì 14 giugno a Bruxelles, Mitsotákis, il finto greco, ha incontrato Erdogan… il vero turco la cui nonna sarebbe greca della regione di Pont-Euxin. Il grande gioco geopolitico è stato deciso da tempo tra Washington, Londra e Berlino.
(…)

Mitsotákis e Erdogan. Bruxelles, 14 giugno 2021 (stampa nazionale)

E ora il cosiddetto “comitato medico-scientifico COVID-19”, sempre ad Atene, si prende la libertà di minacciare apertamente gli scettici dei vaccini, come per mantenere la psicosi della divisione finale della società… senza dubbio prima dello scontro previsto. Un comitato di tipo mafioso, ora “protetto” da una recente legge, da ogni futura ed eventuale azione legale contro i suoi membri, il cui numero esatto rimane sconosciuto.
(…)
L’altro giorno nella grande cattedrale di Atene, un ecclesiastico che riceveva due fedeli ha aperto la discussione nel modo seguente. “Siete stati vaccinati, altrimenti dobbiamo andarcene in fretta”. “Il diavolo e la loggia sono stati lì” (…) i medici asserviti al Regime, onnipresenti nella TV spazzatura, incarnano il ruolo di carcerieri terroristi ufficiali, incaricati e, per di più, molto pagati dagli alchimisti mondiali della medicina realmente esistente.
(…)
I motti e altrettanti falsi dilemmi imposti dal Regime sono del tipo “vaccino o morte”, morte, o per il coronavirus o per la privazione delle libertà per i non vaccinati ma in realtà per tutti, riferendosi deliberatamente all’altro infame motto dei campi tedeschi, “il lavoro rende liberi”.
(…) lanciando l’allarme sulla distopia totalitaria emergente, Mattias Desmet, psicoterapeuta e professore di psicologia clinica all’Università di Ghent, ha rilasciato un’interessante intervista a Patrick Dewals.

“Pochi fenomeni hanno avuto un profondo impatto a livello globale così rapidamente come l’attuale epidemia di Coronavirus. In poco tempo, la vita umana è stata completamente riorganizzata. Oggi, il virus crea la paura necessaria su cui si basa il totalitarismo. La scoperta di un vaccino e la successiva campagna di vaccinazione allevieranno questa paura e porranno fine a questa epidemia totalitaria?”
(…)
“Prevedo piuttosto questo scenario: nonostante tutti gli studi promettenti, il vaccino non fornirà una soluzione. E la cecità portata dal condizionamento sociale e dal totalitarismo farà ricadere la colpa su coloro che non seguono la narrazione ufficiale e/o rifiutano di essere vaccinati. Saranno usati come capri espiatori. Verrà fatto un tentativo per metterli a tacere”. E se questo riesce, il temuto punto di svolta nel processo di totalitarizzazione arriverà: solo dopo che l’opposizione sarà stata completamente eliminata, lo stato totalitario mostrerà la sua forma più aggressiva. Diventa allora – nelle parole di Hannah Arendt – un mostro che mangia i suoi stessi figli. In altre parole, il peggio deve ancora venire.
——————————————————————–

Da “L’ultima pioggia” – Giovedì 24 giugno 2021
(…)
Un pompiere anziano, recentemente ha detto a un amico che gli zingari che vivono nell’ovest di Atene costituiscono un’altra città… intoccabile in città, tranne che nei quartieri musulmani più vicini al centro. Questi zingari bruciano migliaia di pneumatici d’auto al giorno per estrarre metalli, comprare e vendere droghe e armi, la polizia non entra più in questi quartieri e quando i pompieri ci vanno perché i fuochi straripano, vengono bersagliati di pietre.

E quando questo pompiere comincia finalmente a parlare con gli zingari, questi gli spiegano che “da quando c’è Mitsotákis, sono molto più liberi nel loro feudo, e inoltre, questo Mitsotákis paga meglio di SYRIZA di Tsipras per ogni voto comprato sul posto. Cento euro invece di cinquanta, non è niente”.

Tendenze così pesanti; l’islamizzazione di quasi un terzo della vecchia città di Atene, la sostituzione della sua popolazione, la fuga dei greci e degli stranieri dall’Europa e dai Balcani verso la periferia, una criminalità in esplosione, quella degli stranieri, quella dei greci anche tra di loro.
I furti con scasso, a volte un po’ politici, poiché prendono di mira gli oppositori del regime criminale di Mitsotákis, sono ovviamente diventati un fatto quotidiano, così come gli omicidi e i suicidi, che raramente fanno notizia sulla stampa.
(…)
In attesa della fine, più di un terzo della popolazione attiva non lavora, i vecchi lavori non ci sono più e quelli nuovi sono sempre più difficili da trovare.
(…)

È come una ripetizione di una certa storia. Morte a Venezia”, il famoso film franco-italiano diretto da Luchino Visconti, che uscì sugli schermi solo cinquant’anni fa, non avrebbe più bisogno di essere girato in loco. La sua sceneggiatura, diventata un classico del genere, ispirata all’omonimo racconto pubblicato da Thomas Mann nel 1912, racconta un episodio che si svolge nel 1911 durante la Belle Époque, in una Venezia visitata dalla spensierata borghesia, prima dei drammi che stanno per compiersi.

Un secolo dopo, il crollo causato, quello delle società umane già in Occidente è in corso. Sotto la copertura COVIDIANA o climatica, gli addetti ai lavori organizzano allora la scarsità, la rarefazione delle risorse, delle materie prime così come della vita per tutti, tranne che per la loro casta. Venezia, e quindi la morte.

AMitsotakis simbolicamente cancellato. Atene, giugno 2021

(…)
E va bene cancellare… Mitsotàkis dalla mappa, se non simbolicamente, (…) Secondo le ultime statistiche europee, un terzo dei greci è povero, mentre una famiglia con due bambini… se la cava con 920 euro al mese. Chiaramente, questa è l’estate greca, nella sua forma più spettrale, anche se sta fingendo.

———————————————————–

Da “Nuovo apartheid” – Martedì 29 giugno 2021

Questa estate è probabilmente l’ultima vissuta nella già sprecata illusione del vecchio mondo. Il Regime sta progressivamente imponendo il suo nuovo Apartheid rivisitato, questa volta, tra i soggetti vaccinati e i soggetti che non lo sono. Soprattutto quando non vogliono diventarlo. (…)
Lunedì 28 giugno, e nuove dichiarazioni dai vertici visibili del Regime. Mitsotákis, l’amico dei pedofili, annuncia il colore. Il suo governo offre 150 euro sotto forma di un buono digitale ai giovani del vecchio paese, tra i 18 e i 25 anni… per vaccinarsi.
Il nuovo schema si chiama “Freedom pass” e i giovani potranno usarlo per comprare biglietti d’aereo e di nave, pernottamenti in hotel e in campeggio e biglietti per spettacoli.
(…)
150€ per la prima iniezione… senza ulteriori pagamenti in seguito. Secondo una prima lettura dei fatti, il governo è in preda al panico dato che solo il 35% della popolazione è completamente vaccinata entro la fine di giugno 2021, “il che metterebbe già in discussione i guadagni che il clan Mitsotákis potrebbe trarre dal suo comprovato ruolo di venditore di Big Pharma”, mi dice sorridendo un amico giornalista.

Poi, il burattino di Atene vuole risparmiare tempo, “offrendo” 150 euro ai giovani, con i soldi dei loro genitori, cioè le tasse, in cambio della loro vaccinazione. (…)
Il primo ministro dell’ultima Grecia ha cercato di giustificare la sua decisione dicendo: “(…) Questo è un debito verso i giovani, un ringraziamento per la loro perseveranza e pazienza. (…)” tutto per mascherare un’intenzione molto volgare: il potere politico, nel ruolo di un imperatore romano degenerato e depravato, offre degli occhiali, per di più senza pane, ai giovani, in cambio della messa a disposizione del loro corpo, per realizzare un atto medico, che teoricamente, non sono obbligati ad accettare, secondo la medicina di Ippocrate, le Convenzioni internazionali, o anche, finalmente, secondo la defunta Costituzione.
(…)
Sappiamo che in Asia, per esempio, i regimi offrono i loro polli a… “cittadini” a farsi vaccinare. (…) Ora, mutatis mutandis, la pratica utilizzata è storicamente quella del pedofilo: “Vieni qui, ragazzo, ti do due caramelle… per violentarti”.
(…)
In un mondo supposto naturale, dove i vaccinati come i non vaccinati dovrebbero avere le stesse preoccupazioni, fare riferimento agli stessi interessi di fronte alla minoranza degli iniziati transumanisti associati, ecco che l’operazione di scala in corso… di scaricamento, installa con la forza una nuova frontiera sotto forma di Apartheid.
(…)
Mitsotákis sta ora cercando di dividere i cittadini del paese in due categorie, causando la divisione nazionale e il caos nelle attività, dove una volta c’erano solo semplici abitudini quotidiane. Ma poi, niente abitudini, niente semplicità e ancor meno vita quotidiana.
(…)
Per coloro che sono abili in tutti i tipi di mescolanza, specialmente quella etnica e sessuale, questa è una prima volta. Quella stessa settimana, Mitsotákis, lo storico amico… amico storico del pedofilo Níkos Georgiádis, che ha tenuto nel suo gabinetto fino a quando quest’ultimo è stato condannato per lo stupro di una minorenne ma finalmente… scagionato dal nuovo codice penale… (made in SYRIZA) del 2019, così come lo stupratore Lignádis, nominato dal politico alla direzione del Teatro Nazionale di Atene e che aspetta dal febbraio scorso il suo processo in prigione, questo Mitsotákis, quindi ben all’avanguardia… del progresso, ha appena presieduto ad Atene… “Alto consiglio nazionale e strategico sull’uguaglianza LGTB+”.
(…)
Secondo il rapporto della stampa, “All’inizio di questo incontro, il signor Mitsotàkis ha sottolineato che in questo 21° secolo in Grecia non si può permettere alcuna divisione tra i suoi cittadini, aggiungendo che l’esclusione sociale non è solo antidemocratica, ma anche profondamente controproducente.”
Lo stesso giorno, molte aziende del paese sono invitate a scegliere di essere classificate come “spazio puro o misto” e a dichiararlo immediatamente, sulla piattaforma elettronica dedicata a… Apartheid. Il governo sta essenzialmente obbligando le aziende ad accettare solo quelle che si dichiarano “spazi puri” per avere una capacità di riempimento del 75-80%, in opposizione agli “spazi misti” che avranno solo una capacità operativa del 25-75%.
(…)
Non c’è bisogno di sottolineare quanto questo regime di insider e parassiti, ami imporre il suo paradosso e violare costantemente la logica, già di Aristotele. Quindi, 2+2=5, cioè l’esclusione sociale non solo è antidemocratica, ma è anche profondamente controproducente quando si tratta di… il culo di alcuni e il pisello di altri, che in realtà non dovrebbe riguardare molte persone nella società, ma per tutto il resto, i satanisti al potere potranno imporre d’ora in poi, senza indugio, la loro segregazione ovunque… aspettando presto i campi di concentramento.

TRADUZIONE A CURA DI FRANZ-CVM

Notifica di
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Individualista
Utente CDC
12 Luglio 2021 10:10

Sempre peggio, ma sempre più chiaro. Grecia consolidata nella posizione di “avanguardia” di ciò che sarà nel futuro prossimo.

P. S. consiglio di fare una scorta di scatolame per probabili ‘problemi’ con gli approvvigionamenti alimentari.

jeints
Utente CDC
Risposta al commento di  Individualista
12 Luglio 2021 10:18

Che quantita’ esattamente?

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  jeints
12 Luglio 2021 11:03

Q.B.

uomospeciale
Utente CDC
Risposta al commento di  Individualista
12 Luglio 2021 18:18

Fortuna che ho una taverna bella grande allora.

jeints
Utente CDC
12 Luglio 2021 10:16

La Grecia ha sempre sofferto di questi problemi, i greci hanno tradito lo spirito dei loro gloriosi antenati molto piu’ di quanto lo abbiano fatto gli altri europei. Colpevolizzare il governo come se non fosse anche colpa dei cittadini non serve a nulla.

Ultimo aggiornamento 19 giorni fa effettuato da jeints
VincenzoS1955
Utente CDC
12 Luglio 2021 11:16

Cito: “…Intanto dilaga anche in Grecia la propaganda “green” che, in modo suicida, vuole liquidare le fonti energetiche oggi in uso per sostituirle con… quasi niente, che è quanto si riuscirà ad ottenere con le fonti alternative e rinnovabili nei tempi previsti dai folli piani di Bruxelles…” Ammesso che non si sia superato il punto di non ritorno, allora si che sarebbe tutto vano, ben venga la “liquidazione” delle fonti energetiche derivate dai combustibili fossili. Ovviamente deve essere fatta in modo “velocemente graduale” tanto da permettere alla nazioni di “disintossicarsi” da quelli che oramai sono diventati (i combustibili fossili) una vera e propria droga delle società industriali (capital-consumiste e no) e nel contempo permettere alla gente di adeguarsi a quello che possono offrire le fonti alternative che è moltissimo in termini ambientali e, quindi, in salute e benessere che non possono essere subordinati al lucro e ai profitti. Tutto quello che sta accadendo con la farsa sul Covid è, direttamente o indirettamente, legato ai problemi ambientali dovuti alla scellerata attività umana, problemi che impongono una inversione di rotta completa senza se e senza ma. Solo che questa “inversione di rotta” non deve essere gestita (con il Great Reset per l’appunto)… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 18 giorni fa effettuato da VincenzoS1955
danone
Utente CDC
Risposta al commento di  VincenzoS1955
12 Luglio 2021 13:23

Vincenzo nel nulla non ci finiamo di certo, impossibile che l’essere smetta di essere, se tu sei, sarai. Noi transitiamo da qui non siamo di qui.

VincenzoS1955
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
12 Luglio 2021 13:49

Il nulla è il Caos. Già ci siamo dentro.

danone
Utente CDC
Risposta al commento di  VincenzoS1955
12 Luglio 2021 15:44

Il nulla è il nulla e il caos è il caos.
Noi siamo dentro al caos, ok, ma non elimina il fatto che l’ordine c’è, siamo noi che ancora non lo conosciamo.

Ultimo aggiornamento 18 giorni fa effettuato da danone
VincenzoS1955
Utente CDC
Risposta al commento di  danone
12 Luglio 2021 15:50

Il Caos e il Nulla sono la stessa cosa. Così come l’Ordine e la Vita.
L’Ordine (naturale) verrà ripristinato, ma non è detto che noi come specie ci saremo. Questo è il rischio che dobbiamo evitare.

10
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x