Un informatore su Apple denuncia la “mancanza di interventi”.

Thomas le Bonniec afferma che Apple viola i diritti e continua la raccolta massiccia di dati

Un ex consulente esterno di Apple, che ha contribuito a portare alla luce il programma dell’azienda per ascoltare le registrazioni Siri degli utenti, ha deciso di rendere pubblica la notizia, in segno di protesta per la mancanza di interventi a seguito delle sue rivelazioni.

In una lettera che annuncia la sua decisione, inviata a tutte le autorità europee per la protezione dei dati, Thomas le Bonniec ha dichiarato: “È preoccupante che Apple (e senza dubbio non solo Apple) continui a ignorare e violare i diritti fondamentali e continui la sua massiccia raccolta di dati.

“Sono estremamente preoccupato che le grandi aziende tecnologiche stiano fondamentalmente intercettando intere popolazioni, nonostante ai cittadini europei sia stato detto che l’UE ha una delle leggi sulla protezione dei dati più forti del mondo. L’approvazione di una legge non è sufficiente: deve essere applicata a coloro che violano la privacy”.

Le Bonniec, 25 anni, ha lavorato consulente esterno per Apple nei suoi uffici di Cork, trascrivendo le richieste degli utenti in inglese e francese, fino a quando ha lasciato il lavoro nell’estate del 2019 a causa di preoccupazioni etiche. “Operano su una zona d’ombra morale e legale”, dichiarò all’epoca al Guardian, “e lo fanno da anni su vasta scala. Devono essere denunciati in ogni modo possibile”.

In seguito alle rivelazioni di Le Bonniec e dei suoi colleghi, Apple ha promesso cambiamenti radicali al suo programma di “classificazione”, che ha coinvolto migliaia di fornitori esterni che hanno ascoltato le registrazioni effettuate, sia accidentalmente che deliberatamente, utilizzando Siri. L’azienda si è scusata, ha portato il lavoro all’interno dell’azienda e ha promesso che avrebbe valutato le registrazioni solo di quegli utenti che avevano esplicitamente acconsentito a tale pratica.

“Ci rendiamo conto di non essere stati pienamente all’altezza dei nostri alti ideali”, ha detto la società in una dichiarazione in agosto. Poi, alla fine di ottobre, ha rilasciato un aggiornamento del software che ha permesso agli utenti di scegliere se far utilizzare o meno le proprie registrazioni vocali per “migliorare la dettatura di Siri”, e di scegliere di cancellare le registrazioni che Apple aveva memorizzato. L’azienda ha inoltre sottolineato che, a differenza della concorrenza, le registrazioni Siri non sono mai collegate a un account Apple specifico.

Ma, sostiene Le Bonniec, l’azienda non ha mai affrontato le conseguenze del suo programma pluriennale.

“Ho ascoltato centinaia di registrazioni ogni giorno, da vari dispositivi Apple (ad es. iPhone, orologi Apple o iPad). Queste registrazioni sono state spesso prese al di fuori di qualsiasi attivazione di Siri, ad esempio nel contesto di una reale intenzione dell’utente di attivarla per una richiesta. Queste elaborazioni sono state effettuate senza che gli utenti ne fossero consapevoli e sono state raccolte in set di dati per correggere la trascrizione della registrazione effettuata dal dispositivo“, ha dichiarato.

“Le registrazioni non erano limitate agli utenti dei dispositivi Apple, ma coinvolgevano anche parenti, bambini, amici, colleghi e chiunque potesse essere registrato dal dispositivo. Il sistema registrava tutto: nomi, indirizzi, messaggi, ricerche, discussioni, rumori di fondo, film e conversazioni. Ho sentito persone parlare del loro cancro, di parenti morti, di religione, sessualità, pornografia, politica, scuola, relazioni, droghe, senza alcuna intenzione di attivare Siri.

“Queste pratiche sono chiaramente in contrasto con le politiche della società in materia di “diritto alla riservatezza” e dovrebbero essere oggetto di un’indagine urgente da parte delle autorità di protezione dei dati e garanti della privacy”. Con la presente dichiarazione, desidero portare alla vostra attenzione questo problema, offrendo anche la mia collaborazione per fornire qualsiasi elemento a sostegno di questi fatti”. Anche se questo caso è già stato reso pubblico, Apple non è stata sottoposta ad alcun tipo di indagine, per quanto mi risulta”.

 

Fonte: theguardian.com

Link: https://www.theguardian.com/technology/2020/may/20/apple-whistleblower-goes-public-over-lack-of-action

Traduzione pro-bono di Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

Comments are closed.