Home / Attualità / Trump dice che la Corea del Nord ha concordato di denuclearizzare. Niente affatto.
Il leader nordcoreano Kim Jong Un partecipa a un’imponente parata militare per il festeggiamento del 70° anniversario di fondazione dell'Esercito popolare coreano nella piazza Kim Il Sung a Pyongyang.

Trump dice che la Corea del Nord ha concordato di denuclearizzare. Niente affatto.

FONTE: CBNC.COM

Il Presidente Donald Trump ha affermato domenica che la Corea del Nord ha concordato la “denuclearizzazione”, prima del suo potenziale incontro con Kim Jong – un. Ma la faccenda non è proprio così.

La Corea del Nord ha detto che avrebbe sospeso venerdì i test nucleari e i lanci di missili balistici intercontinentali, prima dei vertici con gli Stati Uniti e la Corea del Sud. Kim ha anche detto che un sito per i test nucleari sarebbe stato chiuso e “smantellato”, ora che il Paese ha imparato a costruire armi nucleari e montare testate su razzi balistici.

Ma il Nord si è trattenuto dal dire che ha una qualche intenzione di abbandonare il suo arsenale nucleare, con Kim che ha chiarito che le armi nucleari rimangono una “spada preziosa”.

Domenica, Trump ha tuttavia twittato che il Nord ha “accettato la denuclearizzazione (così grandiosa per il Mondo), la chiusura del sito, & niente più test!”

Aver preso un impegno per quanto concerne la denuclearizzazione, tuttavia, non è lo stesso che concordarlo, come sostiene Trump.

La Corea del Sud, che si appresta a incontrare la Corea del Nord alla fine di questa settimana, ha detto che Kim ha manifestato un sincero interesse a eliminare le sue armi nucleari. Ma il Nord per decenni ha insistito su una nozione di “denuclearizzazione” che non somiglia alla definizione americana, promettendo di perseguire lo sviluppo nucleare, a meno che Washington non rimuova le sue truppe dalla penisola coreana e l’ombrello nucleare che difende la Corea del Sud e il Giappone.

Il Presidente della Corea del Sud ha detto che Kim non chiede il ritiro delle truppe statunitensi dalla penisola coreana come condizione per abbandonare le sue armi nucleari. Se fosse vero, sembrerebbe che venga tolto un principale punto critico per un potenziale accordo sul disarmo.

Ma questo non riguarda ancora un arsenale nordcoreano che ora include presunte testate termonucleari e ICBM (n.d.T. Intercontinental Ballistic Missile, Missile Balistico Intercontinentale) in fase di evoluzione, sviluppati durante un ciclo decennale di crisi, stalli e promesse non mantenute.

Trump ha concordato di incontrare Kim, dopo la consegna di un invito da parte di una delegazione sudcoreana che era appena tornata da Pyongyang.

“Ho comunicato al Presidente Trump che nel nostro incontro, il leader nordcoreano Kim Jong – un ha detto di essere impegnato nella denuclearizzazione”, ha riferito in seguito il consigliere per la sicurezza nazionale della Corea del Sud ai giornalisti sul vialetto d’accesso della Casa Bianca. “Kim ha garantito che la Corea del Nord si asterrà da ulteriori test nucleari o missilistici.”

Un luogo e una data devono ancora essere stabiliti, ma colui che è stato scelto da Trump come prossimo Segretario di Stato, il direttore della CIA Mike Pompeo, si è recato in Corea del Nord nel fine settimana di Pasqua a porre le basi per l’incontro. Trump ha definito i colloqui un successo, ma non è chiaro casomai cosa è stato esattamente concordato, come condizione per i colloqui da leader a leader.

“Guardate, questo è un grande sforzo di pubbliche relazioni di Kim Jong-un. E penso che la gente lo riconosca”, ha detto domenica il senatore Bob Corker, Repubblicano del Tennessee, su “State of the Union” della CNN. Ma alla domanda se è da credere che il Nord avvierebbe la denuclearizzazione, Corker si è dimostrato cauto.

“Beh, non credo che abbia detto necessariamente tutto sull’inizio del processo di denuclearizzazione”, ha affermato.

Ha aggiunto su “This Week” della ABC che non è realistico pensare che “qualcuno si faccia avanti e distolga” Kim dal mantenere le sue armi nucleari.

“È realistico che lui lo farà, volente o nolente? Assolutamente no”, ha detto Corker. “Ma, capisce, progressi possono essere fatti, congelando il programma, chissà cosa vuol fare – quali sono le sue ambizioni in relazione alla Corea del Sud.”

Il senatore Tom Cotton, Repubblicano dell’Arkansas, era altrettanto scettico su “Face the Nation” della CBS, sostenendo che le recenti dichiarazioni della Corea del Nord sono facilmente reversibili e che non è stato fatto alcun annuncio su missili balistici a corto o medio raggio che minacciano la Corea del Sud e il Giappone.

“Bè, penso che questo annuncio di venerdì sia migliore dei continui test, ma non è molto migliore di ciò”, ha detto. “Ma penso proprio che dimostrino che il Presidente hanno spiazzato Kim Jong – un per la prima volta.”

Alla domanda su cosa significhi la denuclearizzazione per entrambe le parti, il Direttore Legislativo della Casa Bianca, Marc Short, ha dichiarato a “Meet the Press” della NBC che deve esserci un tavolo di incontro, per assicurarsi che tutti siano sulla stessa lunghezza d’onda.

“Ma penso che, dal nostro punto di vista, significhi piena denuclearizzazione”, ha detto. “Non avranno più armi nucleari che possano essere usate in guerra contro uno qualsiasi dei nostri alleati.”

Eppure, la Senatrice democratica Dianne Feinstein, Democratica della California, ha detto alla CBS che se il Presidente va fino in fondo con l’incontro, è “molto importante” che “esso vada bene e che ci sia la possibilità di mettere insieme alcuni termini per un potenziale accordo.”

“La questione”, ha detto, “è se regge o no. E, naturalmente, la reputazione dei Nordcoreani è che non è detto che mantengano gli accordi presi.”

 

Fonte: https://www.cnbc.com

Link: https://www.cnbc.com/2018/04/22/trump-says-north-korea-agreed-to-denuclearize-it-hasnt.html

22/04/2018

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da NICKAL88

 

 

 

Pubblicato da Davide

5 Commenti

  1. Da una parte questa apertura stranamente conciliante verso la Corea, dall’altro una pressione crescente verso i cosiddetti “alleati” della UE, che si prostrano di più ad ogni nuova figura di merda politica che gli fa fare l’alleato, manco fossero i mangiamorte che strisciano ai piedi di colui che non si può nominare, mentre sono presi regolarmente a calci. Forse è casuale?

    Per chi crede al caso …
    Secondo me tuttavia la questione è questa: mentre i paesi baltici, la Polonia e il regime Ucraino, insieme alla Georgia, costruiscono una cintura di paesi anti-russi e pro-Nato fedeli e a ridosso del territorio russo che difficilmente riserveranno sorprese, invece la Germania non è così condiscendente e servile come il padrone vuole. Troppo forte economicamente. Allora la separa dalla Russia con i paesi suddetti ben felici di vedersi improvvisamente tanto importanti sul piano internazionale e la punisce una volta si e l’altra pure, per la sua arrogante (quanto eccessivamente timida) volontà di indipendenza.
    Ma con la Cina le cose sono un poco diverse. L’india non è un argine altrettanto rassicurante, men che meno le Filippine, la Tailandia, etc.
    Chi rimane? Il Giappone e Taiwan, ma con la Corea potrebbe essere tutta un altra storia e il peso dell’influenza militare nel Mar Cinese potrebbe diventare determinante, così come la pressione sulla terraferma cinese.

    Per ciò ritengo che Kim riceverà attenzioni lusinghiere dai servizi “ilgattoelavolpe” finché non si riuscirà a far cadere la sua testa. Non temo che al momento opportuno la Corea diverrà un unico paese per grazia di Zio Sam (o non se ne farà niente) e di Kim (vivo o morto) in quel caso ci si dimenticherà fin troppo in fretta. Perchè i media ci terranno a dimenticarselo.
    Tutto sta a vedere se la Cina saprà giocare di sponda “colpo su colpo” come ha già dimostrato di saper fare la Russia.

  2. Io penso che gli USA abbiano tutto l’interesse che Kim resti al suo posto. Altrimenti come giustificano la presenza della flotta americana a poche centinaia di km da Pechino?

  3. Paco Gutierrez Cabarettista

    Kim ”gamma style ” Jung si e’ probabilmente stufato di fare l’argine contro il capitalismo solo per salvare le k..appe a quella massa di ottuagenari in kaky e stellarossa che lo circondano.

    Donald gli ha inviato un corposo file con foto di fantastici resort plurimiliardarfichefarciti locati in paradisi balneari nonche’ fiscali e Kim ha gia’ la bavetta che cola.

    Riposti i razzi e le testate di cartapesta nell’ hangar di qualche casa di produzione dismessa per film di vetero propaganda Cicciobello fara’ contento e felice le sue valige, Donald tirerera’ un ‘altro megagalattico tie’ ai radicalchicbombaroldemocratici e finalmente anche in corea del nord si potranno godere alla TV o al cine il meglio delle produzioni statunitensi.
    E chissa’ magari nel prossimo film degli Avengers ci sara’ un bel cameo con Kim , biondo con paglietta in testa che balla un tip tap insieme a Hulk.

  4. Prima di tutto Kim ha chiesto la denuclearizzazione di tutta la penisola Koreana, non solo quella della Korea del Nord, secondo e più importante vuole che il Comando dell’Esercito del Korea del Sud venga restituito alla Korea del Sud, mentre ora è in mani americane, purtroppo le notizie da parte usa sono mistificanti e ne rivelano la totale malafede, pensano che con un po’ di investimenti riescano a garantirsi una presenza sine die ai confini della Cina ed il controllo di fatto su tutte e due le Koree, stanno vaneggiando e tutto questo non promette alcunchè di buono per il futuro, considerato anche il ruolo importante della Cina.

  5. Trattato ONU bando nucleare: 10 ratifiche ma significative, Palestina, Cuba, Venezuela, Vaticano, Austria, Vietnam…. http://lecorvettedellelba.blogspot.it/2018/05/trattato-bando-nucleare-gia-10.html