Home / Notizie dal Mondo / Putin concede la cittadinanza russa agli abitanti del Donbass, in Ucraina accusano Zelenskij

Putin concede la cittadinanza russa agli abitanti del Donbass, in Ucraina accusano Zelenskij

fondsk.ru

Il 24 aprile, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sulla concessione della cittadinanza con procedura semplificata ai residenti delle Repubbliche del Donbass (DNR – Repubblica Popolare di Donetsk e LNR – Repubblica Popolare di Lugansk ndr.).

Nel Decreto pubblicato sul sito ufficiale del Presidente della Federazione Russa si legge: “Si stabilisce che le persone che risiedono permanentemente nei territori dei distretti separati delle regioni di Donetsk e Lugansk in Ucraina, hanno il diritto d’inoltrare domanda per l’acquisizione della cittadinanza della Federazione Russa con modalità semplificata”.

Il documento, inoltre, annota che la decisione è stata presa “al fine di proteggere i diritti e le libertà della persona e del cittadino”, “in base ai principi e alle norme universalmente riconosciute del diritto internazionale”.

Il popolo del Donbass ha accolto questo decreto con esultanza generale: le persone piangono dalla gioia, ridono, si congratulano l’un l’altra – è apparsa loro la speranza di un futuro comune con la Russia, che per il popolo del Donbass vale molto.

Completamente diverso è l’umore sul lato opposto della linea di demarcazione.

Il presidente uscente dell’Ucraina Petro Poroshenko si è già attivato con un videomessaggio rivolto alla comunità internazionale, con la richiesta d’adottare provvedimenti: “Esorto i partner internazionali a non permettere il peggior scenario e a condannare fermamente le azioni distruttive e criminali delle autorità russe, nonché a rafforzare il regime internazionale di sanzioni”. Poroshenko ha incaricato il Ministero degli Esteri ucraino di avviare urgentemente una discussione su questa questione all’interno del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, dell’OSCE e dell’UE.

Il rappresentante permanente dell’Ucraina presso l’ONU, Vladimir El’chenko, ha reso noto, sul suo account Twitter, che il compito è stato eseguito: “Su incarico di Poroshenko ci siamo già rivolti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Questo passo  audace (della Russia ndr.) contraddice gli accordi di Minsk approvati dal Consiglio di Sicurezza!”. Tuttavia, il rappresentante permanente, chissà perché, si è ricordato solo ora degli accordi di Minsk, nonostante, nel contempo, all’incontro del gruppo di contatto trilaterale a Minsk, nemmeno è stato possibile concordare la tregua di Pasqua.

Di li a poco, sulla pagina ufficiale Facebook della Missione Permanente dell’Ucraina presso l’ONU, è stato riferito che i diplomatici stanno chiedendo la convocazione di una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite: “L’Ucraina ha chiesto di convocare una riunione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU per discutere l’audace decisione della Federazione Russa sul rilascio di passaporti russi nei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina”.

Addirittura, il ministro degli esteri ucraino Pavel Klimkin, su Twitter, ha rivolto un appello ai residenti del Donbass esortandoli a non accettare la cittadinanza russa: “Esorto i cittadini ucraini nei territori occupati dalla Russia a non accettare i passaporti russi. La Russia vi ha privato del presente e ora insidia il vostro futuro. La decisione della Federazione Russa di emettere passaporti russi nei territori occupati dell’Ucraina è un proseguimento dell’aggressione e dell’interferenza nei nostri affari interni. Questa è la nuova fase “dei passaporti” dell’occupazione del Donbass”.

Facebook è diventato un ribollire di emozioni: rappresentanti (ucraini ndr.) delle “precedenti autorità”, politologi e giornalisti stanno esprimendo la loro opinione in relazione al decreto di Putin.

Anche il vicepresidente della Verkhovna Rada, Irina Gerashchenko, seguendo l’esempio di Poroshenko ha puntato su un videomessaggio per affermare che tale decreto è l’esito di un “indebolimento del governo ucraino”, indicando chiaramente che bisognava votare per Petro Alekseevich (Poroshenko ndr). “Avevamo preavvisato: la Russia aspetta l’indebolimento delle autorità ucraine. Sfortunatamente, le peggiori previsioni si stanno avverando – la Federazione Russa sta iniziando un’offensiva, per il momento sul fronte diplomatico. Ci opporremo a questo”, ha promesso coraggiosamente la Gerashchenko.

Sono sostanzialmente due le conclusioni sulla firma di Putin di tale decreto:

  1. La finestra delle possibilità di preservare il Paese (l’Ucraina ndr.) entro i confini attuali si sta restringendo: o gli accordi di Minsk senza pretesti e condizioni, o la perdita dei territori.
  2. La finestra delle possibilità per il ritorno delle LNR e DNR con la forza militare si è chiusa, allo stesso modo in cui è già stata chiusa con la Crimea.

Alexander Skubchenko, il capo dell’Unione per gli alloggi dell’Ucraina, ha scritto:

“Vladimir Vladimirovich (Putin ndr.) ha fatto una mossa, è la risposta per Vladimir Aleksandrovich (Zelenskij ndr.)”.

Il politologo Taras Berezovets, sulla linea della Gerashchenko, accusa Zelenskij per la firma di Putin su tale decreto: “Non molto tempo fa, sarebbe sembrata una fantasticheria e tale sarebbe rimasta se Poroshenko fosse stato rieletto. Ma come presidente è diventato Vladimir Zelenskij. L’obiettivo è ovvio. Mettere in difficoltà il neo-eletto presidente per creare posizioni favorevoli ad una trattativa. Adesso ogni azione nella zona delle Operazioni delle Forze Congiunte (“Operatzija Ob”edinjonnyx Sil” – nuova definizione delle operazioni militari nel Donbass) può essere considerata, dal Cremlino, come un atto di aggressione nei confronti dei cittadini russi (là presenti ndr.)”.

Finalmente, solo in nottata, la squadra di Vladimir Zelenskij ha reagito al decreto di Putin dichiarando su Telegram: “Con il decreto sull’emissione di passaporti russi ai cittadini ucraini che si trovano nei territori temporaneamente fuori dal controllo del nostro stato, la Federazione Russa ha riconosciuto la propria responsabilità come “stato-occupante”. Queste azioni sono un’altra chiara conferma per la comunità internazionale dell’attuale ruolo della Russia come “stato-aggressore”, che sta conducendo una guerra contro l’Ucraina”.

Inoltre, la squadra del nuovo presidente promette che “l’Ucraina farà tutto il possibile per proteggere, fornire un’adeguata assistenza e garantire i diritti dei suoi cittadini che sono costretti a vivere nei territori occupati”.

Tuttavia, su come l’Ucraina “protegge” i suoi cittadini, gli abitanti del Donbass lo sanno e lo ricordano perfettamente.

I rappresentanti delle “nuove” autorità hanno addirittura esortano l’intervento di forze esterne: “L’Ucraina conta sul sostegno della comunità internazionale per la protezione degli interessi, dei diritti e delle libertà dei cittadini ucraini nei territori temporaneamente occupati, conta sul rafforzamento delle pressioni diplomatiche e sanzionatorie sulla Federazione Russa”.

Soprattutto, da Zelenskij, viene promesso che si cercherà di “risolvere i problemi essenziali e vitali degli espatriati e di ampliare le opportunità per mantenere i legami con i cittadini ucraini presenti nei territori occupati”.

Nel frattempo, sui social network continua un’attività senza precedenti dei vari utenti: dalla parte delle LNR e DNR – gioia, dalla parte di Kiev – smarrimento e richieste di aiuto.. se ce ne saranno ancora.

 

Fonte: www.fondsk.ru

Link:  https://www.fondsk.ru/news/2019/04/24/v-ukaze-putina-na-ukraine-obvinjaut-zelenskogo-48075.html

24.04.2019

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org a cura di ELISEO BERTOLASI

 

Pubblicato da Rosanna

La mia insolita passione è quella di andare a caccia della "verità" nelle vicende contemporanee, attraverso gli interstizi dell'informazione, il mio vizio assurdo invece consiste nell'amare l'anonimato più della notorietà, la responsabilità più del narcisismo, l'impegno sociale più del letargo intellettuale. Allergica al pelo di capra e alle fake news.

6 Commenti

  1. HURRA’ ! HURRA’ ! HURRA’ !

  2. Si vede i cugini che contano di
    Zelenskij, quelli di Usraele, gli han dato il permesso.

  3. Se gli Ucraini fossero contenti di come è stata affrontata la crisi con la Russia da Poroshenko non avrebbero votato un pagliaccio.

    Questo fa ben sperare, secondo me.

  4. Un altra scelta astuta e rispettosa, anch’io credo che l’Ucraina sparirà dalle cartine geografiche perché è uno stato lesso.

  5. Scusate ma, ai fini del mantenimento della pace quello di Putin è un atto positivo o negativo?

  6. La nazione russa è nata in Ucraina, per questo non sarà mollata tanto facilmente da Putin & C.
    Cercate chi erano i “Kievskaja Rus” e capirete.