Perché Bill Gates e il Pentagono stanno liberando zanzare OGM nelle Florida Keys?

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

F. William Engdahl
journal-neo.org

Nonostante le forti proteste dei residenti, la US Environmental Protection Agency (l’Agenzia Americana di Protezione Ambientale) e le Florida agencies (le agenzie della Florida) hanno approvato il controverso rilascio nelle Florida Keys di milioni di zanzare killer geneticamente modificate o create in laboratorio tramite “editing genomico.” Allo stesso tempo, [Eric Lander], il discusso Presidential Science Adviser (Consulente Scientifico del Presidente) nominato da Biden è impegnato nello sviluppo della tecnologia CRISPR, usata per modificare geneticamente praticamente qualsiasi cosa: dalle zanzare, ai vaccini mRNA di Pfizer e Moderna, ai salmoni creati in laboratorio. Questa associazione tra Bill Gates, il Pentagono e la lobby della eugenetica è, a dir poco, allarmante.

Il 30 aprile, il Florida Keys Mosquito Control District (Distretto di Controllo delle Zanzare delle Florida Keys ) e l’azienda biotecnologica Oxitec hanno annunciato che inizieranno il rilascio di circa 750 milioni di zanzare Aedes Aegypti geneticamente modificate usando la tecnologia di editing genomico CRSPR. Le Aedes Aegypti rappresentano solo circa il 4% della popolazione di zanzare delle Keys. Il rilascio si scontra con l’aspra opposizione dei residenti e dei gruppi ambientalisti che avevano chiesto un referendum in concomitanza con le elezioni [presidenziali] dell’anno scorso, referendum che, guarda caso, era stato rifiutato dal Mosquito Control Board (centro di controllo delle zanzare). Oxitec e il Centro dichiarano che lo scopo del rilascio è l’eliminazione delle Aedes Aegypti, ritenute portatrici della febbre del dengue, della Zika e di altre malattie.

Il progetto, che nelle dichiarazioni stampa appare positivo, in realtà è allarmante sotto molti aspetti. Prima di tutto, per il rifiuto di autorizzare un voto cittadino sul controverso rilascio di zanzare OGM. In secondo luogo, perché non esistono analisi sul rapporto rischio-beneficio nel rilascio di milioni di zanzare i cui tratti genetici mutano in maniere spesso imprevedibili. Vale la pena correre il rischio che, per colpa del progetto, emerga per mutazione una varietà di zanzare ancora più resistente? Nessuno lo può sapere. Le tecniche tradizionali per il controllo delle zanzare, fino ad ora, hanno funzionato bene.

Il CEO di Oxitec, Grey Frandsen, ha una storia oscura di collaborazione con il Dipartimento di Stato Americano nei Balcani, in qualità di consulente della Marina Americana e come membro del Gruppo di Crisi Internazionale di George Soros, che, a sua volta, ha avuto un ruolo cruciale nella distruzione della Yugoslavia negli anni ’90. Senza alcuna esperienza pregressa in biotecnologia, Frandsen compare come CEO della Oxitec nel 2017. Oxitec, un’azienda inglese, è stata acquistata dalla Third Security, una società americana di capitale di rischio di Radford, Virginia, guidata da Randal J. Kirk proprietario anche dell’azienda AquaBounty, produttrice di salmoni geneticamente modificati in laboratorio tramite “editing genomico.

IL FALLIMENTO DEL BRASILE

Oxitec aveva condotto un’altra sperimentazione con le stesse zanzare geneticamente modificate Aedes Aegypti a Bahia, in Brasile. Nel corso di una sperimentazione volta ad appurare se le zanzare create in laboratorio tramite ’“editing genomico” si sarebbero integrate con le zanzare locali portatrici della Zika, della malaria o di altre malattie, dopo un’iniziale riduzione della popolazione delle zanzare target, trascorso qualche mese la “popolazione che era stata per la maggior parte soppressa, era ritornata a livelli quasi pre-rilascio,” secondo uno studio pubblicato su Nature Reports. Un team di scienziati dell’Università di Yale e di vari istituti scientifici brasiliani aveva monitorato lo sviluppo dell’esperimento. Quello che i ricercatori avevano scoperto era che, dopo un periodo iniziale durante il quale la popolazione delle zanzare target era diminuita considerevolmente, passati circa 18 mesi, la stessa popolazione era ritornata ai livelli pre-rilascio. Non solo, lo studio aveva notato che, molto probabilmente, alcune zanzare avevano sviluppato un “vigore ibrido,” in altre parole, l’ibridazione della specie naturale con quella geneticamente modificata aveva creato “una popolazione più robusta della popolazione pre-rilascio,” che avrebbe potuto essere più resistente agli insetticidi, in pratica delle “zanzare super-resistenti” . Lo studio Oxitec in Brasile aveva concluso che “è incerto in che maniera [il rilascio di insetti geneticamente modificati] possa incidere sulla trasmissione di malattie o su altri tentativi di controllo di questi pericolosi vettori.”

In breve, le modificazioni genetiche erano imprevedibili. Un altro studio scientifico del 2020 aveva rivelato che gli insetti “sterili” ritornavano ad essere fertili, “creando delle popolazioni OGM resistenti che persistono nell’ambiente. Lo studio, pubblicato da scienziati in Cina, Germania e dalla USDA (Dipartimento americano di Agricoltura) negli Stati Uniti, dimostra che possono sorgere mutazioni spontanee in insetti da laboratorio, portando a resistenze genetiche sui tratti voluti. In altre parole, “super insetti” o zanzare.

Inoltre, l’incidenza della dengue o della Zika nelle Florida Keys non è un problema grave. Secondo il report ufficiale del CDC (Centro americano per la Prevenzione e Controllo delle Malattie), nel 2020 non c’era stato un singolo caso in tutti gli Stati Uniti di Zika nella popolazione indigena e solo 4 da viaggiatori stranieri. Per quanto riguarda la ben più mite e scarsamente mortale febbre dengue, con sintomi simili all’influenza, nel 2020, nelle Florida Keys si erano verificati 26 casi. Si era trattato del primo focolaio in quasi dieci anni. Guarda caso, era stato proprio un piccolo focolaio di febbre dengue del 2010 quello che la Oxitec aveva usato per patrocinare il rilascio in Florida di zanzare create in laboratorio tramite ’“editing genomico.” Il nuovo focolaio del 2020 era stato altrettanto sospettosamente conveniente per gli sforzi della Oxitec nel rilascio delle zanzare geneticamente modificate in Florida, approvato nel 2020.

OXITEC, GATES E DARPA

Altri sospetti sul rilascio in Florida di zanzare create in laboratorio tramite ’“editing genomico” nascono dal fatto che il progetto Oxitec è patrocinato da due agenzie altamente controverse, La Bill & Melinda Gates Foundation e il Pentagon’s Defense Advanced Research Projects Agency o DARPA (Agenzia di ricerca avanzata della Difesa). Gates, uno dei maggiori finanziatori dei “vaccini” COVID-19 creati in laboratorio tramite l’“editing genomico” di Pfizer e Moderna e il più grande sponsor privato dell’OMS, ha finanziato ricerche sull’“editing genomico” per più di un decennio. Gates conosce benissimo le malevole potenzialità di questa nuova tecnologia. Può essere utilizzata per produrre armi biologiche. Nel 2016, Gates aveva dichiarato che “la prossima pandemia potrebbe originare dallo schermo di un computer di un terrorista che ha utilizzato l’ingegneria genetica per creare una versione sintetica del virus del vaiolo.” Nel giugno 2017, John Sotos della Intel Health & Life Sciences, aveva detto che le ricerche sull’editing genomico avrebbero potuto “aprire la strada alla possibile creazione di armi biologiche di potenza distruttiva inimmaginabile.

Nel 2016, la fondazione di Gates aveva sponsorizzato con 1,6 milioni di dollari l’agenzia di pubbliche relazioni, Emerging Ag, affinché bloccasse una proposta di moratoria da parte della UN Convention on Biological Diversity (CBD) (Convenzione sulla diversità biologica dell’ONU) sulla tecnologia gene-drive [forzatura genetica] fino a quando la sua sicurezza non fosse stata stabilita. Secondo e-mail ottenute dalla ETC Group, Emerging Ag aveva reclutato più di 65 esperti, incluso un alto funzionario della Fondazione Gates, un funzionario della DARPA e scienziati che avevano ricevuto finanziamenti dalla DARPA. I loro sforzi erano andati a buon fine.

GUERRA ENTOMOLOGICA?

La DARPA è attiva da parecchi anni sull’editing genomico delle zanzare. Attraverso il suo programma “Insect Allies” (Insetti Alleati), la DARPA sta lavorando, usando tecnologie CRISPR di modificazione genetica e gene-drive, sulla manipolazione delle zanzare Aedes Aegypti. Il Dipartimento della Difesa americano ha speso almeno 100 milioni di dollari nella controversa tecnologia nota come “gene-drive” facendo dell’Esercito Americano uno dei massimi finanziatori e sviluppatori della tecnologia di modificazione genetica. “Gene-drive è una nuova tecnologia potente e pericolosa e le potenziali armi biologiche [che ne potrebbero derivare] avrebbero un impatto disastroso sulla pace, sulla sicurezza alimentare e sull’ambiente, specialmente se mal impiegate,” dice Jim Thomas, co-direttore di ETC Group, un gruppo sulla sicurezza ambientale. “Il fatto che lo sviluppo del gene drive sia ora principalmente finanziato e gestito dall’esercito americano solleva questioni allarmanti sull’intero campo [della genetica].”

La guerra entomologica è un tipo di guerra biologica che usa insetti per trasmettere malattie. Il Pentagono, usando le ricerche della DARPA, ha presumibilmente condotto tali test entomologici in maniera segreta nella Repubblica della Georgia e in Russia. Lo sviluppo da parte della DARPA, assieme alla Fondazione Gates e Oxitec, di zanzare geneticamente modificate è forse un programma di copertura per una guerra entomologica?

Il Pentagono ha attualmente laboratori biologici di massima sicurezza in 25 Paesi in tutto il mondo finanziati dalla Defense Threat Reduction Agency (DTRA) (Agenzia per la Diminuzione delle Minacce della Difesa) per un programma militare da 2,1 miliardi di dollari , il Cooperative Biological Engagement Program (CBEP) (Programma di Coinvolgimento Biologico Cooperativo). Questi laboratori si trovano in paesi dell’ex Unione Sovietica, come Georgia e Ucraina, nel Vicino Oriente, nel Sud Est asiatico e in Africa. In uno dei loro progetti, “Surveillance Work on Acute Febrile Illness” (Lavoro di Sorveglianza su malattie da febbre acuta) era stata studiata una sottofamiglia delle mosche della sabbia, quella delle Phlebotomine, per determinare la carica infettiva di questi insetti. Un altro progetto, che include anch’esso un gruppo di mosche della sabbia, aveva studiato le caratteristiche delle loro ghiandole salivari. Queste ricerche erano finalizzate all’impiego bellico degli insetti.

La controversa persona scelta dall’amministrazione Biden per il ruolo di primo consulente scientifico a livello di gabinetto, Eric Lander, viene dal MIT- Harvard Broad Institute. Lander è uno specialista in tecnologie gene-drive e di modificazione genetica e gioca un ruolo cruciale nel discusso US Human Genome Project (Progetto americano Genoma Umano). Questa non è il tipo di scienza di cui abbiamo bisogno, fa parte di quella che, ovviamente, è un’agenda eugenetica di portata molto più ampia, e Bill Gates, di nuovo, sta giocando un ruolo chiave.

F. William Engdahl

Fonte: journal-neo.org
Link: https://journal-neo.org/2021/05/11/why-are-gates-and-pentagon-releasing-gmo-mosquitoes-in-florida-keys/
11.05.2021
Tradotto da Robin per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
24 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
24
0
È il momento di condividere le tue opinionix