Malvezzi: “Dietro la svolta green di Draghi c’è un enorme conflitto di interessi: BlackRock”

radioradio.it

La cosiddetta svolta green è un tema centrale per il futuro dell’economia mondiale. Ogni innovazione, mutamento o riforma deve essere fatta nell’ottica della sostenibilità e della salvaguardia dell’ambiente.

Lo hanno scritto nero su bianco i membri del G30 o Group of Thirty – un’organizzazione composta da banchieri ed esperti di economia e finanza di tutto il mondo – all’interno di un report che detta quelle che secondo loro dovrebbero essere le linee che ciascun governo del mondo dovrebbe seguire per uscire dalla crisi scatenata dal Covid.

A presiedere la stesura di questo documento, pubblicato a dicembre 2020, è stato uno dei membri onorari del G30 nonché attuale Premier del nostro esecutivo: Mario Draghi.

Dietro questa svolta green ribadita a più riprese dallo stesso Draghi anche all’interno del suo programma di Governo, ci sarebbe però secondo il Prof. Valerio Malvezzi un enorme conflitto di interessi.

La Commissione Europea ha infatti nominato BlackRock, la più grande società di investimento al mondo con un patrimonio totale di quasi 8000 miliardi di dollari, consulente in tema di finanza sostenibile.

I dettagli sulla vicenda in questa intervista di Francesco Vergovich e Fabio Duranti.

“Sapete la svolta green che sta dietro alla visione scritta in quel documento a chi è stata affidata? La svolta green vale il 37% dei Recovery Fund e sapete chi gestisce questa materia? BlackRock. Io l’ho scritto alla Rai, a diversi giornali, ma nessuno lo riporta.

L’Unione Europea con una decisione recente ha affidato la consulenza sulla svolta green a BlackRock, un fondo americano che ha un patrimonio di circa 8 mila miliardi. È lo stesso fondo americano che vi avevo detto essere incaricato della consulenza sugli stress test delle banche da parte della BCE quando presidente era guarda caso Mario Draghi.

E voi mi dite che governano i politici? Posso avere qualche dubbio di conflitto di interessi? Fra l’altro lo aveva detto il garante della privacy: cosa state facendo? Se si occupa come fondo speculativo di investimento delle operazioni in materia ambientale non potete metterlo a fare consulenza perché altrimenti viene ad acquisire informazioni privilegiate esattamente come successe quando Draghi era presidente della BCE. Lo rifanno di nuovo: nonostante l’avviso del garante della privacy non è stato revocato l’incarico.

Trovate normale che un fondo americano speculativo vada a definire le partite europee che sono le stesse che decideranno le riforme che dobbiamo fare su tecnologia e ambiente?”

Fonte: https://www.radioradio.it/2021/02/svolta-green-draghi-conflitto-di-interessi-blackrock-malvezzi/?fbclid=IwAR2Z2gwRXfy6A2Da6KwksPmznKVCGAg_F9W0QbsxrTCKENx8mP_wAQY43Ow

Pubblicato il 18.02.2021

0 0 voti
Valuta l'articolo
Sottoscrivi
Notifica di
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
uparishutrachoal
uparishutrachoal
20 Febbraio 2021 , 11:50 11:50

Mah..dal momento che BlackRock è uno degli strumenti usati dalle forze oscure per dominare l’Occidente in vista del dominio globale….mi sembra del tutto legittimo affidargli la responsabilità del grande reset..
Si evitano le lungaggini frutto di incomprensione e burocrazia se la svolta venisse gestita da estranei alla catena di comando..o non sufficientemente integrati con essa..
Visto poi che le possibili opposizioni si trovano lontane dalla stanza dei bottoni..non vedo quale grave torto facciamo alla sovranità degli stati che ultimamente si sta esercitando nello scovare soprusi e misure liberticide sempre più raffinate..
Gli Stati ormai sono macerie da sgomberare..e prima lo si fa..prima ci togliamo di torno i capetti collaborazionisti capaci solo di peggiorare la situazione..che BlackRock..almeno sa lavorare… non si ingegna a creare regole e leggi assurde..e sappiamo cosa vuole..cioé..fine dei parassiti secondari e affermazione di quello principale..

ITALIA ENSEÑA
ITALIA ENSEÑA
Reply to  uparishutrachoal
21 Febbraio 2021 , 17:01 17:01

Conclusione coerente.

merolone
merolone
21 Febbraio 2021 , 1:35 1:35

Fa impressione leggere di un fondo di investimento che gestisce 8 trilioni di dollari di capitale quando gli USA hanno un PIL di poco più di 20 (con un debito complessivo tra governo federale, stati, aziende e famiglie pare tra i 60 e gli 80, quindi tutta carta straccia finanziaria), la Cina non arriva a 16, il Giappone a 5 e la Germania a 4. Aldilà della sua enorme potenza di fuoco che spiega come mai in occidente le elezioni ormai siano un optional, in realtà si tratta appunto di carta, ancorchè digitale, negli USA la FED sta stampando trilioni di dollari, nel 2020 otto e nei prossimi mesi altri cinque, per permettere come ha fatto notare un politico cinese ai cittadini USA di comprare merci cinesi contro carta, dato che gli USA sono in deficit commerciale strutturale dal 1974, dopo che la speculazione apolide convinse nel 1971 Nixon a sganciare il dollaro dall’oro per agganciarlo al petrolio, rendendolo la moneta di riferimento con cui veniva commerciato. Questo spiega come mai gli USA dopo il fugace tentativo di Trump di riportare la manifattura in patria onde abbattere il deficit commerciale la speculazione apolide abbia ripreso il controllo dell’amministrazione USA, onde… Leggi tutto »

ITALIA ENSEÑA
ITALIA ENSEÑA
Reply to  merolone
21 Febbraio 2021 , 17:00 17:00

Analisi lucida.

4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x